Navigazione dei minori: come proteggere i propri figli dal web con Procon

| |

Navigazione dei minori: come proteggere i propri figli dal web con Procon 1Pare che l’iniziativa di ospitare un “Guest blogger” su Gioxx’s Wall sia piaciuta in passato, riproporla di tanto in tanto mi sembra quindi giusto. Oggi l’argomento è particolarmente delicato ed interessante: proteggere la navigazione dei minori. Nonostante l’argomento sia “trito e ritrito” a parlarne è un “esperto“, diventato tale proprio per necessità. Ci sono ottimi spunti di riflessione e suggerimenti che potranno aiutarvi nella scelta per raggiungere un unico obiettivo: proteggere i più piccoli da quello che il web può “tirare fuori dal cappello“, buona lettura :-)

Navigazione dei minori: come proteggere i propri figli dal web con Procon 2Sul forum di Mozilla Italia, nel topic Navigazione protetta dei  minori, troverete una guida per utilizzare l’estensione ProCon Latte di Firefox che permette di bloccare siti di contenuto esplicito per adulti.

Vi siete mai chiesti, però, perché uno degli autori di quel tutorial (io) ha utilizzato proprio quell’estensione e non un altro sistema?

Internet pullula di soluzioni per proteggere i nostri piccoli dalle insidie di Internet stessa, ma non c’è una guida univoca che analizzi tutte le soluzioni proposte e che alla fine decreti la soluzione migliore: in questo blog ho tentato di farlo io, quindi iniziamo subito a confrontare le varie proposte.

Router

La prima soluzione, a monte, è quella di filtrare i contenuti direttamente dal router, cioè da quell’apparecchio – posto tra la presa telefonica della linea ADSL e la presa ethernet del PC  – che permette il collegamento ad Internet.

Sembra un’ottima soluzione, ma non lo è, per me presenta troppi svantaggi e troppe limitazioni anche se talvolta si tratta di filtri accurati, proposti direttamente dai grandi costruttori di router (D-Link, Netgear, eccetera). E poi io non sono uno che ama mettere le mani in un programma non proprio user friendly come la gestione del proprio router… basta un nonnulla per bloccare chissà che cosa e addio connessione…

Riepilogo quindi i vantaggi (pochi) e gli svantaggi  (per me tanti) di questa soluzione.

Vantaggi: filtro totale (ma potrebbe essere uno svantaggio per gli adulti), filtro permanente (anche questo potrebbe essere uno svantaggio per gli adulti), non comporta costi aggiuntivi.

Svantaggi: impostazioni non semplici se non si è esperti di software del router, disattivazione del filtro non immediata (bisogna daccapo entrare nelle impostazioni del router), limita la navigazione degli adulti, le impostazioni non sono migrabili ad un altro router (a meno che non si utilizzi lo stesso identico modello), le impostazioni si possono perdere in caso di cambio del router (ad esempio, cambiando un gestore telefonico con un altro che obbliga a utilizzare un proprio router).

DNS (Domaine Name System)

La seconda soluzione, a monte, è quella di filtrare i contenuti direttamente dai DNS, cioè – perdonatemi la descrizione grossolana e approssimativa – da quei database di connessione che permettono il dialogo tra il router e il nostro PC e quindi il collegamento ad Internet.

Utilizzare dei DNS “sicuri” (cioè forniti da società specializzate nella sicurezza come ad esempio Comodo) è una garanzia di aggiornamenti e accuratezza dei contenuti; inoltre esistono persino DNS dedicati allo specifico problema della salvaguardia dei minori sul Web, come ad esempio i DNS di ScrubIt.

Sembra anche questa un’ottima soluzione, ma non lo è, per me presenta ancora troppi svantaggi e troppe limitazioni anche se si tratti di DNS “robusti”. Prima di tutto anche qui bisogna mettere le mani in un programma non proprio user friendly come la gestione dei propri DNS (via sistema operativo o via o router); insomma basta un piccolo errore di trascrizione di un numero, ad esempio, per causare blocchi indesiderati, anche se porvi rimedio è molto semplice (bisogna sovrascrivere i dati numerici e confermare).

Vantaggi: filtro totale, filtro permanente, non comporta costi aggiuntivi.

Svantaggi: impostazioni non proprio semplici se non si è almeno volenterosi  nel gestire il software del sistema operativo,  disattivazione del filtro non immediata (bisogna daccapo entrare nelle impostazioni del sistema operativo), limita la navigazione degli adulti, le impostazioni non sono migrabili ad un altro PC (anche se si fa parte di una rete).

Sistema operativo: controllo parentale

La terza soluzione, a monte, è quella di affidarsi agli strumenti che il proprio sistema operativo mette a disposizione.

All’epoca della mia ricerca, sei anni fa, non c’era un sistema operativo che fosse realmente efficace nel filtrare determinati contenuti (il problema non è tanto filtrare i contenuti illeciti… quanto non fare bloccare i contenuti leciti!). Poco tempo fa ho letto qualcosa dei controlli parentali del nuovo sistema operativo di Microsoft, il successore di Windows 7 (forse si chiamerà Windows 8). Orbene, sono stato impressionato favorevolmente, sembra tutto un altro pianeta rispetto ai Linux Mint o ai Windows XP che utilizzo attualmente, ma ovviamente è troppo presto per presentarvi i vantaggi e gli svantaggi di questa soluzione.

A proposito: un utente con Tiger (Mac OS X) mi ha scritto tempo fa che  comunque la soluzione Firefox + ProCon Latte è di gran lunga migliore della funzione “Controlli Censura” del suo sistema operativo e questo è molto significativo.

Programmi dedicati

La quarta soluzione – ed entriamo nell’area dei programmi “a valle” –  è quella di utilizzare programmi dedicati al blocco della navigazione su determinati siti web.

Qui si apre un mondo quasi infinito: programmi di controllo parentale inclusi nelle varie suite di sicurezza (Avast, Norton, eccetera), programmi che permettono di controllare quello che viene eseguito sui PC in rete (casa o, meglio, ufficio), programmi che prevengono la navigazione su siti pericolosi o per adulti, programmi che limitano il tempo di navigazione o impediscono solo la connessione a determinati siti (Facebook, YouTube, eBay, chat varie…), programmi che agiscono a livello di hosts, eccetera.

Tanti programmi sono freeware, ma tanti sono anche a pagamento (ed in più disponibili solo in inglese). Alcuni programmi di controllo dei bambini, poi, si comportano come keylogger e quindi provocano falsi positivi negli allarmi degli antivirus.

Esempi: AnyWebLock, Cyberpatrol, Cybersitter, K9 Web Protection (per molti il migliore), KidLogger, Internet Security Controller, Limity PC, Net Nanny, PGsurfer, PicBlock (software molto particolare poiché possiede una funzione di sfocatura automatica di foto con contenuti per adulti) e altri.

Ovviamente, data la mia secolare antipatia per le toolbar, ho volutamente omesso queste ultime da ogni considerazione.

Vantaggi: filtro totale (ma potrebbe essere uno svantaggio per gli adulti),  filtro permanente (ma potrebbe essere uno svantaggio per gli adulti), facilità (relativa) di utilizzo.

Svantaggi: alcuni software (ad esempio il celebre Naomi, del quale non ho più un link valido) non vengono più aggiornati nel tempo oppure sono in un “limbo” di incertezza dello sviluppo (SurfWatch), molti software free sono solo in inglese, alcuni software rallentano la navigazione, generalmente questi software non sono multipiattaforma (funzionano cioè su un determinato sistema operativo e se si cambia sistema operativo bisogna trovare un software simile poiché lo stesso di prima non esiste), i software non distinguono nel bloccare la navigazioni dei vari browser o dei vari profili, generalmente questi software non sono freeware, questi software possono essere attaccati da virus in ambiente Windows, non sono software portatili e pertanto le impostazioni non sono migrabili ad un altro PC, codice chiuso (per cui un determinato software, se abbandonato, anche se è valido non può essere sviluppato da nessun’altra persona).

Browser dedicato: la soluzione migliore

La quinta soluzione, per me la migliore, è quella di utilizzare un browser dedicato al blocco della navigazione su determinati siti web.

Mi sembra logico, infatti, che se lo strumento per navigare è un browser allora è proprio quello (il browser) che bisogna utilizzare e non altri escamotage…

Ovviamente per la mia scelta non ho preso in considerazione browser insicuri, dall’incerto sviluppo, in inglese, non multipiattaforma. Quindi il candidato n° 1 non può che essere Firefox con l’estensione ProCon Latte e la lista Miele, comunque voglio descrivervi anche una soluzione alternativa, visto che in questo campo occorre essere obiettivi e non sempre di parte (seguo l’assistenza di Firefox e quindi non posso che parlarne bene).

L’alternativa italiana è un browser di nome Il Veliero, che si basa sul concetto di navigazione guidata esclusivamente tra un elenco di siti selezionati e catalogati.

Credo che sia un buon prodotto, tanto che nonostante tanto tempo esiste ancora, creato da  una onlus che fornisce anche un filtro che opera sulla connessione escludendo l’accesso a siti inadatti e sconvenienti, Davide. Tuttavia non è open source, è a pagamento (ma è un’inezia: 24 € per un anno, come dire 2 euro al mese…) ma soprattutto è un browser che opera solo su Windows.

Per la navigazione dei più piccoli è forse da preferire a Firefox con ProCon, ma parliamoci chiaro: quando i nostri bambini hanno da 3 a 6-7 anni, secondo me, la loro navigazione deve essere sempre assistita da un adulto, non c’è filtro, browser o altro che tenga… I rischi di una navigazione senza l’assistenza di un adulto vanno da un eccessivo tempo di navigazione (per la gioia degli ottici infantili…) a un possibile attacco di crisi epilettica (il PC diventa davvero un ossessione per i più piccoli). Quindi, riepilogo fino ad annoiarvi, per me, Davide sarà pure un ottimo strumento, ma senza la presenza di un adulto non dovrebbe mai essere utilizzato se si hanno bambini da 3 a 6-7 anni.

Tornando quindi alla premessa iniziale (la guida per utilizzare ProCon latte di Firefox che permette di bloccare siti di contenuto esplicito per adulti) ecco che quindi siamo arrivati al motivo razionale di tale scelta.

Firefox + ProCon Latte significa avere un browser sicuro, dallo sviluppo costante , in italiano, multipiattaforma e per di più dalle caratteristiche facilmente esportabili su un altro PC e addirittura su un altro sistema operativo!

Vantaggi: filtro (profilo di navigazione) dedicato ad un determinato utente,  relativa facilità di utilizzo, filtro personalizzabile, multipiattaforma (nel caso di Firefox), non comporta costi aggiuntivi (nel caso di estensioni di Firefox), aggiornamento costante e futuro (il codice è aperto),  le impostazioni sono migrabili ad un altro PC (con qualunque sistema operativo).

Svantaggi: i browser possono essere attaccati da virus in ambiente Windows, impostazioni iniziali non immediatamente facili.

Dopo avere capito i motivi che ci spingono alla scelta finale, eccovi delle varie considerazioni.

  • L’uso di PICS (Platform for Internet Content Selection) consiste in protocolli in linea creati da diverse organizzazioni (religiose, civili e educative) che catalogano il materiale presente sulla rete, segnalandone la maggiore o minore affidabilità e adeguatezza alla consultazione da parte dei minori. Questo servizio non è stato preso però da me in considerazione perché è attualmente in una fase di sperimentazione.
  • La lista Miele è una specie di  lista X-Files per l’estensione AdBlock Plus, cioè è una lista italiana pensata per i bambini italiani che navigano in prevalenza su siti italiani. Non è una lista infallibile, miracolosa, onnisciente, ma la sto utilizzando da sei anni con successo. Potrete partire da questa lista per crearne una vostra personalizzata, eventualmente da mettere in una chiavetta USB e da utilizzare su PC di altri amici del vostro bimbo.
  • La lista Miele è adatta per bambini da 7 anni fino a 14 anni circa. Perché questa impostazione? Sia perché è questa la fascia attuale dei miei bambini e sia perché prima dei 7 anni occorre sempre la presenza di un genitore durante la navigazione, mentre dopo il filtro inizia ad essere troppo rigido in determinate attività del bambino (si pensi a ricerche scolastiche o a letture di quotidiani online). Ah, non dovrei dirlo, ma ci sono bambini scaltri che a 14 anni riescono a scavalcare qualsiasi filtro… per fortuna che a scuola oggi determinati argomenti non sono più vietati e vengono quindi discussi con i professori, rendendo i ragazzi più consapevoli. Aggiungo, con mio sommo dispiacere, che a 14 anni è quasi impossibile riuscire a frenare il proprio figliuolo a iscriversi ad un social network, con tutto il materiale che ne consegue; quindi il profilo della lista Miele rischia di essere bypassato (leggasi  inutilizzato) dal minore smanioso di apparire sul suo social network preferito… Che poi io sia riuscito a frenare i miei figli da questo “bisogno impellente” è tutto un altro discorso…
  • So perfettamente che non bisognerebbe mai lasciare i propri figli davanti al PC, poiché il PC non è una baby-sitter coscienziosa. Ma so anche perfettamente che è molto difficile fare coincidere gli orari di navigazione dei bambini con il tempo libero dei genitori che lavorano.
  • Non scrivete per dirci: “Ho letto la guida di ProCon Latte su Mozilla Italia, ma è troppo difficile per me, non sono esperto di PC, mi date una mano?”. Io vi risponderei così: “Caro genitore di uno sfortunato minore, sappi che la guida è scritta nella maniera più semplice possibile del mondo! Se non vuoi sbatterti un po’ per tuo figlio, perché magari sei impegnato a rimbambire con i programmi televisivi del digitale terrestre o a caricare le tue stupidissime foto delle vacanze su Facebook, allora fai una cosa: spegni il PC e lascia che tuo figlio diventi un ignorante informatico quanto vuoi esserlo tu!”. Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire: nell’articolo sono spiegate – in maniera semplice e completa – tante cose utili che non fanno mai male conoscere (creazione di un nuovo account del sistema operativo, creazione di un profilo, trasformare un determinato profilo creato in un profilo predefinito, inibizione degli altri profili ad aprire file .html).

È tutto dal vostro “blogger nomade“…

Navigazione dei minori: come proteggere i propri figli dal web con Procon 3gfsolone.Com ospita una pagina dedicata alla lista Miele, con le specifiche e il collegamento diretto alla sottoscrizione:

mozilla.gfsolone.com/procon

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Subscribe
Notify of
guest

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments