Archives For Microsoft Windows 7

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Tu intervieni mettendo a posto un problema davvero molto banale ma che –se lasciato irrisolto– risulta essere alquanto fastidioso. Il problema sembra dipendere da una chiave di registro che in alcuni casi viene toccata e modificata da prodotti di terze parti, intervento che di per sé non è catastrofico, più che altro sgradito ed evitabile.

Se Windows decide di aprire una finestra di Esplora Risorse all'avvio 1

Ho trovato diversi thread in merito nel forum della Community di Microsoft, uno in particolare è quello che ha acceso la lampadina risolvendo poi “l’arcano mistero“, lo trovi anche tu all’indirizzo answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-files-winpc/file-explorer-opening-on-startup-in-win10/0abb4e16-747f-4f2d-ab2a-81c2e88d76f9, è quello di Fernando Valdivia (9/7/2017 3:19:54 AM, in pagina 2):

Se Windows decide di aprire una finestra di Esplora Risorse all'avvio

Si tratta in pratica di andare a controllare la chiave di registro HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Winlogon accertandosi che il valore Userinit corrisponda al classico C:\Windows\system32\userinit.exe o, se si tratta di un client sul quale è installato l’agente Quest Kace (come nel mio caso), che contenga allora C:\Windows\system32\KUsrInit.exe. Se all’interno del valore tu dovessi trovare la somma dei due casi, uno dei due ospiti diventa automaticamente sgradito e colpevole dell’apertura della finestra Esplora Risorse (senza che tu l’abbia chiesta) dopo l’accesso al sistema. Ti basterà ripristinare il corretto valore di chiave per tornare a vivere sereno (e senza la seccatura di dover chiudere finestre non desiderate).

Buon lavoro.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Non ricordi male, sto per riportarti alla memoria un argomento in un certo senso già trattato in passato, più precisamente nel 2012 e nel 2015, con un paio di soluzioni proposte che hai potuto certamente utilizzare e che ti mostro ancora una volta qui di seguito:

Nome del file troppo lungo: come aggirare facilmente il problema

Nome del file troppo lungo: Robocopy corre in soccorso

Quello del nome troppo lungo di Windows è un problema che ci trasciniamo da secoli ormai, mai davvero risolto ma sempre in qualche maniera gestito e “portato a casa“, anche a costo di mappare virtualmente delle unità disco che permettevano di tranciare buona parte del percorso problematico nell’Esplora Risorse del sistema. Ciò che oggi ti propongo è qualcosa di leggermente diverso, utile non per rinominare un file dal nome (o profondità di cartelle) troppo lungo, bensì per eliminarlo direttamente, senza stare lì a impazzire con i metodi sopra riportati.

Il metodo in realtà è un’applicazione, e si chiama Long Path Eraser (LPE), utility gratuita messa a disposizione dagli stessi creatori di Iperius Backup. La trovi gratuitamente passando dal loro blog, all’indirizzo iperiusbackup.net/come-eliminare-una-cartella-con-percorso-lungo-long-path-eraser-free (ne trovi altrimenti una copia sul mio spazio Box, qui).

Eliminare file con nomi troppo lunghi su Windows

L’applicazione non necessita di installazione, puoi salvarla su chiave USB da portare sempre con te in caso di necessità (quella che ogni tecnico ha generalmente a disposizione, con i più svariati tool), quindi avviarla e utilizzarla. Una volta specificata la cartella da eliminare, potrai far partire il processo e attendere che questo termini (può impiegare anche diversi minuti, porta pazienza).

Buon lavoro.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Sì, ricordi bene (nel caso tu avessi un Déjà vu), avevamo già parlato di questo argomento e della possibilità di mettere a tacere il Lenovo System Update, ottimo programma creato dall’omonimo vendor cinese che però in alcuni casi potrebbe andare a mettere i bastoni tra le ruote al lavoro quotidiano di utenti e amministratori di sistema, e che quindi va usato con attenzione e sotto manutenzione programmata dei client. Torno sull’argomento per parlarti di possibile modifiche meno invasive rispetto alla disattivazione delle sue schedulazioni, che potrebbero andare più incontro al tuo business.

Disabilitare (o modificare) la schedulazione di Lenovo System Update 1

Ti ripropongo parte di un articolo pubblicato in passato, all’interno del quale facevo esplicito riferimento all’abbattimento della schedulazione del software, per poi sfociare in riferimenti a una eventuale modifica della stessa e al relativo manuale Lenovo che puoi usare per gestire al meglio questa utility.

Regedit, XML, GPO

La chiave di registro da modificare è la HKLM\SOFTWARE\Wow6432Node\Lenovo\System Update\Preferences\UserSettings\Scheduler (su un sistema a 32 bit dovrai escludere la chiave che va a toccare la \Wow6432Node\), il valore è lo SchedulerAbility, che cambierà da YES a NO.

Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Wow6432Node\Lenovo\System Update\Preferences\UserSettings\Scheduler]
"SchedulerAbility"="NO"
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Lenovo\System Update\Preferences\UserSettings\Scheduler]
"SchedulerAbility"="NO"

A questo punto dovrai essere tu a decidere se trasformare la chiave di registro in GPO (ti rimando qui) o se farla girare manualmente quando ne hai bisogno (qui trovi la chiave già pronta: app.box.com/s/v4xhf99dx8lxjbi5c0qir2l4gzhtgvpo).

Schedulazione

Se al posto della strada della disabilitazione tu volessi percorrere quella della modifica, ti basterà sapere che all’interno della stessa chiave di registro troverai altri valori modificabili secondo indicazioni già previste e dichiarate da Lenovo. Per muovere i primi passi, ti propongo un elenco di opzioni:

  • Frequency: WEEKLY oppure MONTHLY.
  • NotifyOptions: DOWNLOADANDINSTALLDOWNLOADNOTIFY oppure DOWNLOADANDINSTALL -INCLUDEREBOOT.
  • RunAt: puoi indicare qualsiasi numero compreso tra 0 e 23. Puoi anche scegliere di specificare il formato completo in modalità HH:MM:SS.
  • RunOn: se scegli la modalità MONTHLY, il valore da specificare dovrà essere compreso tra 1 e 28. Per il WEEKLY usa SUNDAY, MONDAY e così via.
  • SchedulerAbility: YES per abilitare gli aggiornamenti automatici.
  • SchedulerLock: SHOW, HIDE, DISABLE oppure LOCK.
  • SearchMode: CRITICAL, RECOMMENDED oppure ALL.

Si tratta di opzioni facilmente intuibili anche senza scendere nello specifico, ma comunque spiegate in maniera più dettagliata (se vuoi approfondire) all’interno del manuale di programma che puoi reperire tramite il sito web ufficiale di Lenovo all’indirizzo download.lenovo.com/ibmdl/pub/pc/pccbbs/mobiles_pdf/tvsu5_mst_en.pdf (di cui ho salvato una copia sul mio spazio box: app.box.com/s/lf4r58grm6igdkxosx5x16zqnbr91dsb), parti con la lettura intorno alla pagina 23.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Recita il sito web ufficiale: “Dism++ can be considered as a GUI frontend of DISM, but it is based on low-level Component Based Servicing (CBS) interface instead of DISM API or DISM Core API.” e, in effetti, si tratta di un’interfaccia grafica che va a operare con strumenti che hai già a disposizione nel tuo sistema operativo (DISM / CBS), ma che probabilmente non sai utilizzare al massimo delle loro potenzialità e muovendoti con quel pelo di sicurezza in più che vorresti avere. Dism++ ti permette di operare le tue modifiche e i tuoi interventi in maniera più controllata e meglio spiegata.

Dism++: pulizia e gestione profonda del disco e del tuo Windows 1

Dism++

Scaricabile gratuitamente e compatibile con sistemi Vista (!!), 7, 8.1 e 10 (qui il download diretto per 32 e 64 bit, da quel momento in poi il programma potrà aggiornarsi autonomamente su tua conferma senza necessità di andare a scaricare manualmente i nuovi pacchetti), Dism++ nasce come utility portable, senza necessità quindi di essere installata sul sistema che la ospita (comoda da avere a portata di mano su chiave USB o cartella Dropbox / di rete).

Una volta avviato, Dism++ ti permetterà di muoverti subito tra le voci di menu disponibili nella colonna di sinistra. Tra le più importanti sicuramente c’è quella relativa alla Pulizia disco per la rimozione di file di cui “puoi fare a meno“, l’Avvio Automatico e i Servizi, la gestione delle User Appx / Provisioned Appx, le applicazioni installate da Store o passate in provisioning da Windows 10 alla creazione di un nuovo utente locale (cosa solitamente gestibile via PowerShell, non per tutti), e molto (ma molto) altro ancora, anche strumenti che non ti aspetteresti di trovare in un tool di questo tipo (come l’estrazione / creazione dei file ISO partendo dal contenitore ESD).

Nell’Ottimizzazione Sistema potrai invece trovare diverse opzioni per la modifica del comportamento del SO, anche voci particolarmente delicate diversamente intoccabili per un Sistema pensato come “AAS” (As A Service) da Microsoft. Puoi intervenire sul comportamento di Windows Update, ma anche sul riavvio automatico in caso di problemi (BSOD) o l’avvio rapido. Voci attentamente raccolte e organizzate per categoria, alle quali dovrai prestare particolare attenzione (e ti consiglio di evitare modifiche a meno che tu non sappia molto bene cosa stai andando a fare). Da qui in poi la scalata verso Driver (e possibile rimozione completa), gestione delle applicazioni o delle funzionalità installate (molto simile a quella visibile via Pannello di Controllo) e gestione degli aggiornamenti installati è cosa del tutto prevedibile e naturale (ma pericolosa in ogni caso, sempre occhi ben aperti e mouse non troppo a portata di clic).

Prima di concludere, un doveroso passaggio per le funzionalità di riparazione dirette di DISM (già previste da riga di comando e parzialmente anche da GUI di Windows 10), quelle che potrai trovare facendo clic sulla voce Recupero. È da qui che potrai facilmente lanciare la ricerca di errori operata da DISM ed eventualmente la riparazione completa dell’immagine di sistema, così come potrai effettuare un backup o un restore dello stato attuale della tua macchina, utile –magari– prima di operare modifiche che potrebbero mettere a rischio la tua postazione, il tutto sfruttando comandi sempre disponibili da riga di comando, di cui spesso si ignora l’esistenza, o con i quali non ci si vuole mettere alla prova.

Dism++: pulizia e gestione profonda del disco e del tuo Windows 8

Lo avrai capito: Dism++ è un coltellino svizzero dall’indubbia utilità, che può davvero renderti la vita più facile e salvarti in situazioni critiche, ma che –come ogni lama– porta sempre con sé quel rischio intrinseco di un taglio non previsto, nonostante tutta l’attenzione dedicata alle operazioni lanciate. Tienilo a portata di mano e leggi attentamente le informazioni che ti presenterà davanti agli occhi e, nel caso non dovesse farlo, cerca in rete consigli e documentazioni che possano meglio esplicarti pro e contro di ogni operazione che vuoi portare a termine.

Buon lavoro.


In caso di problemi con il download del pacchetto ufficiale, puoi salvarne una copia prendendola dal mio account Box, che ospita la versione 10.1.1000.70 (CbsHost 10.1.1000.62, NCleaner 10.1.1000.62, WimGAPI 10.0.17134.1, disponibile all’URL app.box.com/s/0661r8e09hmmbtzxkm2iwf0sc63hi6am.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)

Ci ho provato spesso e volentieri, mettendomici anche di buona lena e tanta volontà, ma i Password Manager online non riescono a conquistarmi nonostante la loro comprovata compatibilità con qualsivoglia sistema (fisso, portatile, mobile) e “sicurezza” nell’evitare inconvenienti legati a un mancato backup (e mi fermo qui). La mia configurazione “tipo” riguardo la custodia delle password prevede l’uso di database KeePass (più di uno, in base allo scopo), uno spazio in Cloud messo al sicuro (criptato sì, ma pur sempre ospitato su Dropbox) e la possibilità di accedervi da più programmi e configurazioni.

L'ecosistema "KeePass based": gestire password tra più sistemi

Quell’antipatia a pelle

Chi si interessa di questo mondo sa quasi certamente a cosa mi sto riferendo: attacchi che in passato hanno messo a segno accessi indesiderati su sistemi che avrebbero dovuto garantire la massima sicurezza per i dati degli utenti, papabili portoni spalancati verso un mondo fatto di account che a loro volta avrebbero potuto dare accesso a servizi più o meno importanti (nei più, manco a dirlo, trovano spazio i sempiterni conti correnti bancari, giusto per fare un esempio delicato che ti fa salire quel brivido lungo la schiena).

E come se non bastasse, in caso di problemi di connettività, ritrovarsi improvvisamente appiedati da una memoria corta nei confronti di quegli accessi utilizzati forse troppo poco, oppure resi pressoché inattaccabili dalla complessità della password precedentemente generata (direttamente dal Password Manager online) volutamente complessa, impossibile da memorizzare (a meno di avere capacità non comuni a tutte le persone che ti circondano), e tutto questo perché il metodo da sempre funzionante (cerca di personalizzare la password in base al servizio utilizzato, che sia di facile ricostruzione per un tuo ragionamento ma di difficile previsione da parte di una terza parte non autorizzata, il tutto facendo uso di parole comuni apparentemente banali, ecc.) sta diventando sempre meno utilizzato (e giuro che fatico a comprenderne il motivo).

L'ecosistema "KeePass based": gestire password tra più sistemi 1

https://xkcd.com/936

Le cose fortunatamente si sono molto evolute nel tempo, alcuni di quei servizi storici sono nettamente migliorati, altri sono morti (mancanza di fondi, di utenti, di voglia di portare avanti qualcosa che evidentemente costava più di quanto rendeva in termini non solo economici) o sono stati assorbiti da quelli più robusti e con spalle ben più coperte, c’è chi quindi li utilizza testimoniando molto positivamente a loro favore; eppure io no, continuo a preferire la vecchia scuola che può sostituirsi al servizio web ben congegnato con un pelo di fatica e componenti in più, non sempre uguali sui diversi sistemi operativi (quasi mai, a dirla tutta).

Evoluzione del mondo macOS

Se su Windows la coppia ufficiale composta da KeePass e KeePassRPC non è quasi mai stata messa in dubbio (salvo qualche test che ho eseguito per dare continuità al passaggio tra il MacBook di casa e il Lenovo d’ufficio), su macOS ho scelto di testare diversi programmi e modi di intendere l’interfaccia dedicata al custode degli accessi. Insieme a loro, considera sempre che ho a che fare con un Galaxy S8 (Android Oreo, a oggi) e un iPhone 6 (iOS 11, a oggi).

Sul Sistema Operativo di casa Apple, contrariamente a quello nato a Redmond, ho scelto (dopo parecchi test) una coppia differente alla quale assegnare la gestione dei file kdbx, ed è quella composta da KeePassXC e relativo componente aggiuntivo sviluppato per Firefox.

Dando per scontato che tu abbia già avuto a che fare con un database di password KeePass e che questo sia già a tua disposizione (su Dropbox, sul tuo disco fisso, sul NAS di casa o qualsiasi altro luogo dove possa essere conservato un agglomerato di dati), io procederei con il raccontarti cosa e come configurare sul tuo Mac.

KeePassXC

Si tratta di un vero e proprio reboot di KeePass, diversamente non disponibile per macOS, e ne ripropone un’interfaccia tutto sommato simile e ben sviluppata, capace di leggere i database generati da KeePass sotto Windows a prescindere dalla versione del programma nativo, aggiungendo come ciliegina sulla torta la sua compatibilità con i sistemi Linux e Windows, concentrandosi quindi sulla forte presenza su più territori. Il progetto è completamente Open Source, puoi dargli un’occhiata passando per il sito web ufficiale keepassxc.org.

L'ecosistema "KeePass based": gestire password tra più sistemi 2

Sono approdato a KeePassXC dopo attimi di panico vissuti con KeePassX, uno dei primi porting che ho usato sul sistema Apple, il quale –una volta cominciato a modificare il database tra Windows e macOS, integrando Kee per l’utilizzo con Firefox– non riusciva più a leggere correttamente proprio il campo password di ogni accesso salvato, facendomi pensare a una corruzione del mio archivio e costringendomi a recuperare uno dei tanti backup salvati (ne salvo diversi su Windows e altri con Mac, senza considerare le numerose copie salvate da Dropbox grazie al Versioning, nda), il quale risultava nuovamente leggibile da KeePassX, ma che ho poi scoperto (aprendo una versione “corrotta” su Windows) che era rimasto troppo indietro per stare al passo con i tempi.

KeePassXC ha gli stessi richiami da tastiera di KeePass (per esempio CTRL+B o l’equivalente ⌘+B su macOS per copiare lo username, oppure CTRL+C / ⌘+B per copiare la password), propone nativamente il salvataggio della favicon del sito web per il quale si sta salvando un accesso (cosa che su KeePass faccio tramite plugin), e può essere integrato con il browser che preferisci grazie all’utilizzo di componenti aggiuntivi appositamente sviluppati e rilasciati gratuitamente. Per Firefox (ma tranquillo, funziona alla stessa maniera per Chrome) ti basterà installare KeePassXC-Browser:

KeePassXC-Browser
KeePassXC-Browser
Developer: KeePassXC Team
Price: Free

Una volta installata l’estensione, fai clic sull’icona (rappresentata dal logo del programma, nda) che ti si caricherà nella barra dell’URL e connettiti al database di KeePassXC (il programma dovrà essere aperto), ti verrà richiesto di dare un nome a questa nuova connessione (che rimarrà perennemente autorizzata fino a tua volontaria modifica) e potrai così allacciare il collegamento tra browser e archivio dei tuoi accessi:

L'ecosistema "KeePass based": gestire password tra più sistemi 3

Maledizione, non funziona, non capisco!

Apri KeePassXC e verifica di aver abilitato la funzione di integrazione con i browser tramite KeePassXC-Browser. Vai nelle Impostazioni (o Preferenze su macOS) del programma, spostati su Integrazione con i browser e abilita la funzione, scegliendo poi il browser che preferisci (anche più di uno), quindi attivando o disattivando le opzioni che più ti interessano:

L'ecosistema "KeePass based": gestire password tra più sistemi 4

Riprova ora a collegare Firefox con KeePassXC, dovresti finalmente riuscirci :-)

“sa, sa, sa, prova, prova, prova”

Al primo tentativo di accesso da far compilare automaticamente (inteso come prima volta che stai usando la coppia KeePassXC e relativa estensione per Firefox) ti verrà richiesto di consentire a Firefox di catturare la coppia di credenziali necessaria dal tuo database:

L'ecosistema "KeePass based": gestire password tra più sistemi 5

Fai clic su “Ricorda questa scelta” per evitare che venga nuovamente richiesto in futuro, poi un clic su Consenti per completare l’operazione. Questa operazione dovrà essere eseguita giusto la prima volta (ammesso che tu abbia selezionato il Ricorda questa scelta).

Su Windows

Mi ripeto nel dirti che su Windows è tutto più semplice ma comunque somigliante a quanto visto per macOS (se hai letto il paragrafo precedente). La coppia scelta è quella composta dal programma KeePass originale (l’attuale 2.38 a oggi che scrivo l’articolo), seguito dal plugin KeePassRPC (in sostituzione dell’ormai prossimo fuori dai giochi KeePassHTTP) scaricato, copiato e compilato partendo dalla cartella di programma (quella Plugins che -se non esiste già- dovrai creare e popolare sotto C:\Program Files\KeePass Password Safe 2\ o C:\Program Files (x86)\KeePass Password Safe 2\ su sistemi a 64 bit). Su Firefox ho installato Kee, che poi è alla base anche del progetto KeePassRPC su GitHub:

Kee
Kee
Developer: Luckyrat
Price: Free

Kee propone la sua icona nella barra URL di Firefox e –così come già visto per KeePassXC-Browser– dovrà stabilire un collegamento con il tuo database di KeePass.

Una volta stabilito, potrai lasciare che l’estensione compili autonomamente i campi username e password dei siti web che visiti, chiedendo autorizzazione alla comunicazione tra estensione e database solo la prima volta (esattamente come KeePassXC, nda); potrai inoltre chiedere di salvare l’ultimo accesso utilizzato durante la navigazione (funzione utile nel caso in cui tu abbia creato un nuovo utente e non lo abbia ancora memorizzato in KeePass) o creare password complesse che verranno immediatamente salvate nel tuo database in attesa che tu vada a compilare il resto (username e nome da assegnare all’accesso, per poi spostarlo sotto la cartella che meglio calza a quest’ultimo).

Android & iOS

Il capitolo più importante di questi tempi, perché moltissimi accessi vengono effettuati direttamente da mobile, in applicazioni dedicate (native), web ottimizzate o direttamente da browser (e non coadiuvate dal sempre comodissimo Google Smart Lock su Android, per dire). Avere a portata di mano il proprio database diventa pressoché fondamentale, e lo è ancora di più servirsi quindi di un partner che permetta questa facilità di trasporto, è il principale motivo per il quale ho scelto di appoggiarmi a una cartella Dropbox, poiché accessibile da qualsiasi mia postazione fissa e mobile.

L'ecosistema "KeePass based": gestire password tra più sistemi 6

Dato il minimo comune denominatore, l’applicazione per poterlo gestire cambia, e lo fa in base al Sistema Operativo su cui mi trovo. Le mie due scelte rispettivamente per Android e iOS sono ricadute sull’imbattibile KeePass2Android per Android (lo avresti mai detto dal nome?!?) e MiniKeePass per iOS. La prima delle due gestisce direttamente il file degli accessi prendendolo da Dropbox, la seconda invece necessita che il file gli venga passato tramite la funzione di “Apri con” nativa del sistema di casa Apple, e me la sto portando dietro da diversi anni (magari nel frattempo il panorama si è evoluto e migliorato, ben vengano qui i tuoi consigli per un’alternativa sempre gratuita dopo l’acquisto perso di KyPass di qualche anno fa).

Android: KeePass2Android

Completa e ben strutturata, KeePass2Android è in grado di sincronizzarsi costantemente con Dropbox per poter aprire e modificare sempre l’ultima versione del database contenente i tuoi accessi. Si scarica gratuitamente dal Play Store e la si configura davvero in pochi passaggi, con un minimo di accortezza puoi anche usare l’autofill previsto da Oreo così da compilare automaticamente i campi username e password quando richiesto:

ProContro

  • costantemente sincronizzato ma puoi scegliere di lavorare anche offline;

  • icone (favicon) e cartelle proprio come le hai lasciate l'ultima volta sul client Desktop;

  • hai accesso a ogni campo del database, allegati compresi (sì, puoi scaricarli liberamente);

  • la funzione di ricerca è immediata e molto rapida;

  • una volta aperto, potrai bloccare e sbloccare rapidamente il database grazie alla funzione nativa che ti richiederà solo le ultime lettere della tua master password;

  • gratuito (non fa mai male se non hai enormi pretese);


  • è in costante miglioramento, ma nonostante tutto ci sono alcuni problemi nell'Autofill di Oreo se il programma non viene prima aperto;

  • manca la cronologia delle modifiche accessi (non puoi dare un'occhiata alle password precedentemente utilizzate come faresti dal client Desktop);

Come tu stesso avrai notato, l’autofill si trova nei Contro, e un motivo c’è; dovrai infatti aprire KeePass2Android prima di tentare un autofill, altrimenti l’applicazione andrà in crash e lo farà continuamente, fino a quando continuerai a tentare l’auto-completamento senza prima aprire l’applicazione e autenticarti, a quel punto tutto funzionerà correttamente. È un bug già segnalato e sul quale sono certo che lo sviluppatore stia già lavorando, ma bisogna avere pazienza e per il momento aggirare l’ostacolo così come descritto e più volte testato con successo.

iOS: MiniKeePass

Per iPhone la storia cambia, e come riportato qualche riga più sopra io utilizzo un’applicazione che è un po’ la storia del database KeePass aperto e gestito da iOS. Nel tempo le cose potrebbero essere cambiate ma la mia abitudine non mi ha ancora convinto a testare più a fondo questa parte, perché in fondo la maggiorparte delle azioni le compio dal mio Galaxy S8 personale più che dal telefono aziendale. MiniKeePass è una pietra miliare di AppStore e ti permette di accedere ai tuoi account conservati nell’archivio KeePass:

MiniKeePass
MiniKeePass
Price: Free
ProContro

  • la funzione di ricerca è immediata e molto rapida;

  • gratuito, le limitazioni sono molto forti, il progetto però è Open Source e tutti possono collaborare per farlo crescere;


  • non puoi pensare di aprire l'applicazione ed essere già a posto, dovrai prima lanciargli la copia del database più aggiornato passando dall'applicazione (nel mio caso) di Dropbox;

  • icone (favicon) e cartelle NON esattamente come le hai lasciate l'ultima volta sul client Desktop (sì, alcune non le digerisce proprio);

  • manca la cronologia delle modifiche accessi (non puoi dare un'occhiata alle password precedentemente utilizzate come faresti dal client Desktop);

  • non hai accesso a ogni campo del database, scordati gli allegati (solo una delle cose alle quali non avrai accesso);

Posso solo immaginare cosa stai pensando dopo aver dato un’occhiata alla tabella qui sopra, eppure ti assicuro che questa applicazione ha fatto scuola e (ti basta dare un’occhiata alla sezione altri link della pagina Download di KeePass per notarlo tu stesso) i plagi sono all’ordine del giorno e senza neanche sapere cosa davvero ci gira dietro, cambia al massimo solo il nome (e l’icona, certo) ma non la sostanza.

L’unico progetto che sembra aver apportato dei miglioramenti si chiama SyncPass, si basa sempre sul core originale di MiniKeePass ma introduce la funzionalità di sincronizzazione Dropbox che va quindi a mettere al sicuro il tallone d’Achille forse più importante di questo progetto. Non ho comunque sufficienti statistiche riguardanti l’applicazione per potertela consigliare (si tratta pur sempre di dati molto delicati e con cui non giocare).

In conclusione

Spero di averti dato qualche spunto valido per aiutarti a mettere ordine nel mondo dei tuoi accessi e di come cercare di gestirli al meglio (fermo restando che “il meglio” è sempre ampiamente discutibile). Esistono certamente altre alternative a quelle da me suggerite, probabilmente le usi già e vuoi condividerle con me e con gli altri lettori, per questo motivo ti invito a lasciare il tuo commento nell’area a tua disposizione dopo le informazioni di chiusura articolo (anche in modalità anonima!).

Per qualsiasi dubbio o ulteriore informazione inerente questo pezzo, il metodo è quello appena citato (una riga fa), lascia un commento e cercherò di darti una mano nei limiti della mia conoscenza :-)

Buona giornata!


immagine di copertina NeONBRAND on Unsplash
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: