Archives For Microsoft Windows 8

Cos’è un VHD? È un disco virtuale (da lì Virtual Hard Disk), riconosciuto nativamente da Windows 7 o versione più recente. Emula in tutto e per tutto un disco fisico, puoi crearlo, montarlo sul tuo PC caricandolo magari da rete, o altro dispositivo esterno / portatile. Sorvolando sulla sua storia e sul suo possibile utilizzo, questo è il classico “articolo appunti“.

Montare un disco VHD con un clic destro del mouse

Ho trovato un paio di alternative valide, che ho sfruttato su un PC dove avevo la necessità di montare sporadicamente un file VHD dedicato a un backup di posta elettronica. Una soluzione un po’ più home-made (in realtà quella che ho preferito, basata su batch e diskpart), l’altra esteticamente più bella e sicuramente più comoda per un utilizzatore meno spartano, il suo codice sorgente è disponibile su Github.

Batch & Diskpart

Tutto descritto in un articolo neanche tanto giovane di How-to-Geek (si parla del 2010), che trovi all’indirizzo howtogeek.com/51174/mount-and-unmount-a-vhd-file-in-windows-explorer-via-a-right-click. Volendolo riassumere brevemente, ti basterà creare due file batch all’interno del menu SendTo di Windows (quello che vedi tu stesso quando fai clic con il tasto destro su un file e poi ti sposti in “Invia a“). Il primo batch servirà a montare il file VHD, il secondo a smontarlo.

Per il mount lo script è questo:

SETLOCAL
SET DiskPartScript="%TEMP%\DiskpartScript.txt"
ECHO SELECT VDISK FILE="%~1" > %DiskPartScript%
ECHO ATTACH VDISK >> %DiskPartScript%
DiskPart /s %DiskPartScript%
ENDLOCAL

per smontare il file (unmount) è invece:

SETLOCAL
SET DiskPartScript="%TEMP%\DiskpartScript.txt"
ECHO SELECT VDISK FILE="%~1" > %DiskPartScript%
ECHO DETACH VDISK >> %DiskPartScript%
DiskPart /s %DiskPartScript%
ENDLOCAL

Dovrai quindi individuare il file VHD (ovunque lui sia), farci clic sopra con il tasto destro del mouse, selezionare “Invia a” e scegliere lo script di montaggio o smontaggio in base all’azione desiderata.

VHD Attach

L’altro metodo non differisce poi molto in quanto a clic destro del mouse (le voci saranno sempre lì), ma non sarà necessario andare nel menu “Invia a” e potrai inoltre installare e disinstallare il tool direttamente da Pannello di controllo, oltre che sfruttare la sua GUI dalla quale puoi gestire anche più file VHD contemporaneamente. Si chiama VHD Attach e viene sviluppato e rilasciato gratuitamente. Lo trovi su medo64.com/vhdattach. Lo trovo estremamente intuitivo, sufficientemente accattivante nella sua basilare grafica, con opzioni che si mostrano solo in base a ciò che puoi fare (per capirci, facendo clic con il tasto destro su un disco virtuale montato, ti mostrerà solo un Detach, per smontarlo).

Dallo stesso programma potrai analizzare le statistiche e informazioni più approfondite del file VHD, potrai farlo montare automaticamente e molto altro ancora. È certamente l’alternativa meno spartana e più indicata per essere utilizzata dalle masse.

Uno di quei problemi che, a lanciare una ricerca nei forum di Microsoft, escono quasi più risultati di una equivalente azione mirata a conoscere le misure di una showgirl. In seguito all’aggiornamento a Office 2016 (anche se non immediato), in ufficio abbiamo iniziato a notare una quantità di richieste di login superiore al dovuto.

Ora, che ogni tanto scada l’accesso al proprio account Office 365, ci può assolutamente stare. Che questo diventi però un’abitudine a ciascuna chiusura e riapertura programma (anche a distanza di pochi secondi) non è normale.

Office 2016: prima di partire e primi passi con ...

Ho provato a fare un reset dell’installazione, ho provato a cambiare profilo, ho cercato riferimenti in merito, nulla di fatto. Nei forum Technet c’è molta confusione, troppe informazioni spesso sbagliate. Sono arrivato a qualcosa di concreto, ho trovato finalmente un articolo che riproduce l’errore e lo risolve (questo: meyermed.com/2014/02/fixing-the-error-onenote-needs-a-password-to-sync-this-notebook-click-here-to-enter-your-password) e ho risolto l’anomalia sulla mia postazione, memorizzando le credenziali di Outlook ancora una volta e lasciando che OneNote tenesse la cache dell’autenticazione nel Gestore Credenziali di Windows.

Office 365: continue richieste di login da OneNote (e non solo) 1

Per poter replicare rapidamente la soluzione su più postazioni, ho scritto qualche riga di batch così da poterla dare in pasto al Kace di Dell e lanciarla agilmente ogni volta che ne ho bisogno. Funziona su Windows 7, 8.1 e anche 10:

cmdkey.exe /list > "%TEMP%\CredMan.txt"
findstr.exe MS.Outlook* "%TEMP%\CredMan.txt" > "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
findstr.exe MicrosoftOffice15_* "%TEMP%\CredMan.txt" >> "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
findstr.exe MicrosoftOffice16_* "%TEMP%\CredMan.txt" >> "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
FOR /F "tokens=1,2 delims= " %%G IN (%TEMP%\CredMan_Tokens.txt) DO cmdkey.exe /delete:%%H
del "%TEMP%\CredMan.txt" /s /f /q
del "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt" /s /f /q

Traducendolo in soldoni, il batch esporta le credenziali attualmente presenti nel Gestore Credenziali di sistema, ricerca tutto ciò che riguarda Office 2013 (15), 2016 (16) e Outlook. Per ciascuna corrispondenza andrà a rimuovere quel riferimento in Windows. Al termine –ovviamente– cancellerà l’esportazione precedentemente eseguita.

Ho creato un pacchetto eseguibile del batch sopra riportato e l’ho caricato sul mio spazio Box, nel caso tu voglia scaricarlo direttamente: app.box.com/s/siespaz9aqi3vzowetsjnovnw15z5eoi.

Dopo aver eseguito la pulizia, come già detto, dovrai autenticarti nuovamente su Outlook ma anche su OneNote se fai uso di Notebooks salvati su OneDrive personale o business (non servirà farlo su Excel o Word, hai già attivato la suite Office, non serve fare altro). Salvo errori, se l’autenticazione andrà a buon fine, ricompariranno le voci relative alle credenziali Office 16 nel gestore Windows, queste possono (e devono) essere lasciate lì.

Cheers.

Office 365 Logo IconIl passaggio a Office 2016 è importante per tutti coloro che hanno un abbonamento Office 365 e la possibilità di avere una copia della suite installata in locale. Rispetto a Office 2013 non cambia poi molto, non esteticamente almeno (escludendo la colorazione unica della barra superiore di ogni applicazione), l’eccezione c’è ma per una più alta stabilità, velocità e quella serie di novità che possono essere continuamente introdotte (correggendo eventuali problemi) da Microsoft, attraverso cicli che rispettano un po’ più gli ambienti di lavoro (era ora), così come ho avuto modo di spiegarvi in questo articolo pubblicato qualche tempo fa.

Quello che voglio affrontare oggi è un discorso che riguarda la distribuzione manuale, nel caso in cui all’utente non sia comparso a video il messaggio che gli permette di effettuare il salto verso la nuova versione del software di Redmond. Come al solito, mi baso sull’utilizzo di Dell Kace, ma è chiaro che ogni mio script può facilmente essere riadattato a un diverso ambiente o metodo di distribuzione.

Rapida analisi e svolgimento

Il caso tipo prevede un Office 2013 licenziato a nome dell’utente, che dovrà essere aggiornato a 2016. Una qualsiasi versione, sia chiaro, che poi saltare all’ultima patch è sempre semplice (e si fa in completa autonomia dal menu Account di una qualsiasi tra le applicazioni che compongono la suite). Sono partito dal presupposto che la base sia proprio Office 365 ProPlus (2013). Visio e Project, citati nel titolo, verranno in seguito, sempre in upgrade manuale se necessario, anch’essi controllati da uno script.

Prima di partire con l’upgrade vi servirà creare / appoggiarvi a una cartella che sia raggiungibile dalla rete e dai vostri client (aperta in sola lettura per tutti sarà più sufficiente, nda), all’interno della quale depositare i file di installazioni di Office 2016 sia in versione x86 che x64, scaricato tramite C2R, come spiegato in questo articolo, nel paragrafo relativo al metodo Click-to-Run. Quando ho preparato l’ambiente, la versione disponibile sui server di Microsoft era la 16.0.6568.2025, ormai abbondantemente superata nel ramo Current. Nulla cambia. La base potrà essere lei, verrà poi aggiornata in maniera automatica e notificata all’utente per l’installazione finale.

Lo script analizza il sistema, verifica una eventuale presenza di Office 2016 (facendo una query sul registro) e lancia il giusto setup in base all’architettura di sistema, questa la traduzione in soldoni:

set LogLocation=\\FILESERVER\Client_Logs
reg query HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Office\16.0\ClickToRunStore\Packages\{9AC08E99-230B-47e8-9721-4577B7F124EA}
if %errorlevel%==1 (goto SelectOS) else (goto End)

:SelectOS
if not defined ProgramFiles(x86) goto 32bit else goto 64bit

:64bit
set DeployServer="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Office-x64 16.0.6568.2025"
set ConfigFile="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Office-x64 16.0.6568.2025\configuration.xml"
goto DeployOffice

:32bit
set DeployServer="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Office-x86 16.0.6568.2025"
set ConfigFile="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Office-x86 16.0.6568.2025\configuration.xml"
goto DeployOffice

:DeployOffice
echo %date% %time% Setup started. >> %LogLocation%\%computername%.txt
%DeployServer%\setup.exe /configure %ConfigFile%
echo %date% %time% Setup ended with error code %errorlevel%. >> %LogLocation%\%computername%.txt

:End

Ho aggiunto qualche riga di codice in più per permettere allo script di tracciare la sua attività in file di testo, utilizzando una cartella di rete che per l’occasione ho reso scrivibile agli utenti. Cosa sostituire quindi all’interno dello script?

  • \\FILESERVER\Client_Logs è la cartella dove depositare i log di cui vi ho appena parlato una riga più sopra.
  • \\$SERVERK1000 è la vostra macchina DELL Kace, o la cartella di rete dove tutti devono poter avere accesso (anche in sola lettura), ciò include ovviamente anche il resto del percorso “\client\resources\eccetera“.

Una volta lanciato lo script sulla macchina interessata, tramite Kace, si noterà l’operazione di upgrade nel Task Manager, rimanendo così invisibile agli occhi dell’utente che dovrà limitarsi a non avviare alcuna applicazione Office nel frattempo (ovviamente sarà stato preventivamente avvisato, con la speranza che poi collabori!):

Kace: (RTOFC16) Road To Office 2016 (installare Office)

L’operazione (dipende molto dalla velocità della rete e da quanto il client finale è scarico in termini di lavoro) dura all’incirca 20 minuti, al termine dei quali si potrà accedere alle nuove versioni 2016 degli applicativi Office. A questo punto sarà necessario confermare la password dell’account di posta (che verrà richiesta all’apertura di Outlook, nda) e accettare nuovamente i termini di licenza, quindi dare un semplice OK a video quando vi verrà mostrato il popup con le novità della versione installata.

Potrebbe capitarvi a video un messaggio di errore per installazione danneggiata. Facendo clic su “Ripristina ora“, il programma aperto verrà terminato dopo qualche secondo. Potrete riaprirlo immediatamente, tutto dovrebbe funzionare correttamente.

Visio & Project

Kace: Upgrade a Office 2016 (dal 2013), Visio, Project Kace: Upgrade a Office 2016 (dal 2013), Visio, Project 1Contrariamente a quanto sempre accaduto (spiegato anche da Microsoft in un documento dove viene espressamente negata la possibilità di far co-esistere sulla stessa macchina un’installazione C2R con una MSI, se si parla di prodotti Office), la società di Redmond ha finalmente ampliato le possibilità offerte da Office 365 e portato a bordo cloud anche Visio e Project. In soldoni, vi sarà finalmente possibile gestire un’installazione di più prodotti sotto licenza 365 sulla stessa macchina, installati tutti con metodo C2R, un bel respiro, meglio tardi che mai.

Anche noi (in ufficio) abbiamo scelto di far convertire le nostre vecchie licenze MSI (Professional) in paritarie (o quasi) 365 ProPlus. Così facendo è possibile toglierle e metterle direttamente dal pannello di Exchange (ECP), includendole o escludendole sul singolo utente.

Lo script viene pressoché da sé, facile intuire anche il metodo per il download dato che si tratta dello stesso identico utilizzato per Office, con una ovvia modifica al configuration.xml:

<Configuration>
  <Add OfficeClientEdition="64" Branch="Current">
    <Product ID="VisioProRetail">
      <Language ID="it-it" />
    </Product>
  </Add>
  <Updates Enabled="TRUE" Branch="Current" />
  <Display Level="None" AcceptEULA="TRUE" />
  <Property Name="AUTOACTIVATE" Value="1" />
</Configuration>

Che, tradotto, permetterà di scaricare l’ultima versione a 64 bit e in italiano del programma Visio, pronto per essere affiancato a un Office 2016 già presente a bordo macchina. Modificate il 64 della OfficeClientEdition portandolo a 32 se necessario, inserite ProjectProRetail al posto di VisioProRetail per cambiare il programma da scaricare / installare. Il risultato lo si porta a casa facilmente, basta sapere cosa si intende ottenere.

L’installazione tramite Kace è un passaggio altrettanto semplice:

set LogLocation=\\FILESERVER\Client_Logs

:SelectOS
REM Termino le applicazioni di Office lasciate aperte
taskkill /IM ONENOTE.EXE /F
taskkill /IM OUTLOOK.EXE /F
taskkill /IM MSACCESS.EXE /F
taskkill /IM MSPUB.EXE /F
taskkill /IM WINWORD.EXE /F
taskkill /IM EXCEL.EXE /F
taskkill /IM POWERPNT.EXE /F

REM Verifico il SO
if not defined ProgramFiles(x86) goto 32bit
:64bit
set DeployServer="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Project-x64 16.0.6741.2021"
set ConfigFile="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Project-x64 16.0.6741.2021\configuration.xml"
goto DeployOffice
:32bit
set DeployServer="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Project-x86 16.0.6741.2021"
set ConfigFile="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Project-x86 16.0.6741.2021\configuration.xml"

:DeployOffice
echo %date% %time% Setup started. >> %LogLocation%\%computername%_Project16.txt
%DeployServer%\setup.exe /configure %ConfigFile%
echo %date% %time% Setup ended with error code %errorlevel%. >> %LogLocation%\%computername%_Project16.txt
goto End

:End
echo %date% %time% Project16 batch terminated. >> %LogLocation%\%computername%_Project16.txt

Rispetto allo script precedente, questo si occupa anche di terminare i programmi di Office lasciati aperti, perché in caso contrario l’installazione non potrà essere portata a termine (già provato, nulla da fare, dispiace). Anche stavolta viene prodotto un piccolo file di log per tracciare quanto fatto. Restano identiche le modifiche da eseguire rispetto a quelle che vi ho riportato nel paragrafo precedente. Stupido dirlo: modificando lo script pubblicato qui sopra, potrete ovviamente installare anche Visio (utilizzando un solo batch, oppure creandone uno nuovo e separato).

In conclusione

Più facile scriverlo che realizzarlo, un po’ come succede quasi sempre. Si tratta di batch banali, che chiunque può scrivere in mille modi diversi pur arrivando allo stesso obbiettivo. Una volta ottenuto il materiale necessario, il resto è tutto in discesa. Stiamo portando a termine una migrazione sufficientemente unattended con la collaborazione dei nostri utenti, è questo lo scopo di tutto il gioco. Ogni nuovo consiglio o confronto è ben accetto, l’area commenti è a vostra disposizione (anche senza registrazione).

Riferimenti ad altri articoli

Office 365 ProPlus (2016): modifica versione installata

Office 2013, 2016, 365 ProPlus, download diretti e C2R

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Ultra ISO IconVi ho parlato solo qualche giorno fa di WinSetupFromUSB e della possibilità di creare così supporti di memoria USB avviabili, utili come un coltellino svizzero quando si ha più necessità di levare “le castagne dal fuoco“, ancora di più oggi che si ha sempre più a che fare con PC che non hanno più un lettore DVD integrato.

Nella pillola di oggi vi propongo ISO2Disc, un software gratuito che permette di ottenere lo stesso scopo, ma passando per un’interfaccia decisamente più snella e semplice da comprendere. Se non volete scaricare la versione installabile, ho creato un pacchetto che è immediatamente utilizzabile una volta scaricato e scompattato, l’ho reso disponibile per tutti all’indirizzo mega.nz/#!xQkTVLbC!yGS5abSMJrEqA75Hir–7iaCDVFgawcPXbgtO6t0pSg.

La finestra principale propone già ciò che è necessario: la sorgente dalla quale prendere il file ISO, il supporto sul quale portare l’immagine da rendere avviabile e la scelta del tipo di partizione:

ISO2Disc: un'alternativa ridotta per i "non addetti"

Per far partire il processo di preparazione della chiave basterà fare clic su “Start Burn“. Il vero difetto? Un supporto, una sola immagine ISO. Non sarà possibile, al contrario di WinSetupFromUSB, inserire più immagini ISO all’interno della stessa chiave. Un grandissimo svantaggio quando si ha a che fare con chiavi USB capienti e immagini non troppo grandi. Valutate voi se valga realmente la pena facilitarvi (di molto) la vita ma rinunciare alle possibilità offerte da un programma decisamente più completo ;-)

Cheers.

Non è certo una rarità, può capitare che un utente possa perdere l’accesso al proprio PC, che dimentichi o che non sia mai stato messo a conoscenza della password di amministratore locale di sistema. Esistono diversi modi per intervenire (a esclusione del volo del PC dalla finestra, nda), quello più alla portata di chiunque è intervenire con un’immagine di sistema live e andare a ritoccare il database SAM, che conserva le informazioni riguardanti i login degli utenti locali di Windows (qui maggiori informazioni).

Manutenzione Windows

Nulla di complesso, occorre esclusivamente fare attenzione alle operazioni che si va a compiere, avere una buona conoscenza del BIOS e del boot è certamente un plus (che servirà, giusto per anticiparvelo). Ciò che davvero serve avere a disposizione è Chntpw, il vecchio (e sempre sia lodato) Offline NT Password & Registry Editor, disponibile gratuitamente su chntpw.com/download.

Due le possibili strade: utilizzare l’immagine messa a disposizione dal sito web ufficiale del progetto oppure passare da una immagine live di Ubuntu. La prima è certamente quella più veloce e consigliata, ma potrebbe anche non funzionare al primo colpo. Dipende da quanto il vostro PC sarà disposto a digerire questa soluzione senza andare in Kernel Panic. La seconda è un’ancora di salvataggio che invece pare funzionare sempre (ma richiede più passaggi).

Live di Chntpw

Scaricate il file ISO dalla pagina chntpw.com/download. A oggi la versione disponibile è la 140201 (link diretto: pogostick.net/~pnh/ntpasswd/cd140201.zip), salvate il file sul Desktop (o altra cartella, non importa) e scompattatelo per ottenere il file ISO.

Procuratevi una chiave USB da destinare al boot, sulla quale caricare la ISO del software, e seguite quanto spiegato nel mio articolo “WinSetupFromUSB: installare un sistema operativo da chiave“, si tratta ovviamente di un’immagine di tipo “Linux ISO/Other Grub4dos compatibile ISO”. Una volta pronta, inserite la chiave USB nel sistema sul quale dovete recuperare l’accesso amministrativo, avviatelo da chiave e seguite ogni schermata proposta in questa galleria, vi guido passo passo (fate clic sulla prima immagine per far partire la galleria con descrizione, poi scorrete ogni schermata fino al termine!):

Per chi dovesse avere problemi con la galleria, ripropongo qui i passaggi chiave:

  • Boot da chiave, confermate semplicemente con INVIO.
  • Chntpw individua il disco sul quale è installato Windows. Confermatelo anche voi inserendo il numero corrispondente al disco e premete INVIO.
  • Fate partire una richiesta di modifica del database SAM (potete premere direttamente INVIO).
  • Premendo direttamente INVIO accederete alla modifica degli utenti locali del database (e relative password).
  • Individuate l’amministratore locale, prendete nota del suo RID e riportatelo quando richiesto.
  • Se il RID è corretto (assicuratevene tramite controllo del programma stesso) procedete con la richiesta di cancellazione password (1 – Clear user password).
  • Chntpw effettuerà il reset e verificherà immediatamente lo stato dell’account, dando conferma a video (e chiedendo di usare password vuota al prossimo accesso a Windows con l’utente administrator).
  • Uscite dal programma con “q” al prompt.
  • SALVATE le impostazioni modificate nel database SAM. Senza questo passaggio tutto sarà stato inutile!
  • Dovreste ottenere conferma di modifica salvata (EDIT COMPLETE), a questo punto potrete uscire definitivamente dal programma (con “n” al prompt) e riavviare la macchina (togliendo la chiave USB per evitare che riparta).

Salvo errori, al successivo avvio di Windows dovrete finalmente riuscire a entrare con l’utente Administrator, lasciando la password vuota. Potrete ora andare a modificare la password secondo vostro piacimento, possibilmente evitando di dimenticarla ancora ;-)

Live di Ubuntu

Il primo passo-passo ha portato a un nulla di fatto, c’è qualcosa che non ha funzionato e voi vi trovate nella stessa condizione di prima. Per poter aggirare l’ostacolo ho utilizzato un’immagine Live di Ubuntu che ho portato su chiave USB di boot, esattamente come fatto con la live di Chntpw. Per poter scaricare Ubuntu (32 o 64 bit, in base alla vostra configurazione hardware e di Windows) potete andare all’indirizzo ubuntu-it.org/download.

In entrambi i casi si tratta di scaricare circa 1GB di dati. Una volta ottenuta la ISO desiderata, procedete con il caricarla su chiave USB di boot (vedi ancora una volta: “WinSetupFromUSB: installare un sistema operativo da chiave“, anche stavolta si tratta di una immagine di tipo “Linux ISO/Other Grub4dos compatibile ISO“).

Inserite la supporto di memoria USB nel PC sul quale effettuare il lavoro e avviatelo da chiave. A questo punto riproducete questi passaggi:

Dalle impostazioni di sistema relative al software e agli aggiornamenti, andate ad attivare il repository Universal, quello popolato dalla community:

Chntpw: cambiare password all'amministratore di Windows 10

HINT: Selezionare l’icona impostazioni / spegnimento (a forma di ingranaggio, in alto a destra nella schermata di Ubuntu), Impostazioni di sistema, quindi Software e aggiornamenti.

Lasciate che il sistema aggiorni la cache e la disponibilità dei pacchetti. Aprite ora un Terminale e portate a bordo chntpw tramite apt-get:

sudo apt-get install chntpw

Chntpw: cambiare password all'amministratore di Windows 11

In un’immagine Live, il disco contenente l’installazione di Windows viene generalmente caricato e messo a disposizione dell’utente per poter essere esplorato e modificato. Il database SAM si trova sempre sotto “\Windows\System32\config“, ed è proprio lì che dovrete puntare tramite Terminale. Inserisco un paio di screenshot catturati sulla live in inglese per meglio comprendere:

Per chi dovesse avere problemi con la galleria, ripropongo qui il primo passaggio chiave: spostatevi nel disco di Windows tramite comando cd /media/ seguito da un colpo di tabulatore fino a trovare una sigla esadecimale che generalmente lo identifica), quindi proseguire con /Windows/System32/config.

Una volta all’interno della cartella che contiene il DB SAM (nella prima immagine: /media/200A8DA2…/WINDOWS/system32/config) potrete lanciare chntpw, puntandolo direttamente all’Administrator locale di Windows:

sudo chntpw -u Administrator SAM

Da qui in poi potrete seguire le stesse istruzioni suggerite nel primo paragrafo, d’altronde il software è sempre lo stesso :-)

Attenzione: tutti gli screenshot di questo paragrafo sono stati catturati da Ubuntu 15.10, le voci non dovrebbero cambiare di molto anche in futuro, ma sappiate che non c’è mai garanzia alcuna.

Salvo errori, al successivo avvio di Windows dovrete finalmente riuscire a entrare con l’utente Administrator, lasciando la password vuota. Potrete ora andare a modificare la password secondo vostro piacimento, possibilmente evitando di dimenticarla ancora ;-)

Siete riusciti a ottenere indietro il vostro sistema? Lasciate un commento qui di seguito (anche commentando da ospiti, senza necessità di registrazione) per suggerire metodi alternativi o richiedere assistenza in base a quanto riportato nell’articolo!