“2-step di Sicurezza”: Migrazione da Google Authenticator ad Authy

Gioxx  —  24/04/2015 — 4 Comments

2StepSecurityOrmai diversi mesi fa, complice il cambio dello smartphone e di sistema operativo (sono passato da iOS ad Android, ndr), ho cercato un’alternativa al sempre adorato e perfetto Google Authenticator perché allo stato attuale non è possibile effettuare un passaggio dei suoi dati da un telefono all’altro, non esiste un backup in cloud (previa autenticazione del mio account Google) né tanto meno un file di configurazione che possa essere copiato tra dispositivi, necessità dettata certamente dai criteri di sicurezza che devono poter impedire l’eventuale clonazione delle mie chiavi di autenticazione venendo così meno al concetto di sicurezza a due fattori.

A questo ho aggiunto la personale necessità di adottare una soluzione che potesse essere acceduta sia dal mio telefono personale che da quello aziendale. Mi sono trovato (un solo caso in tutti questi anni, fortunatamente) in una situazione spiacevole che mai mi era capitata prima: lasciare il cellulare personale a casa, distrattamente dimenticato sotto il cuscino del divano e ovviamente lasciato lì una volta che me ne sono accorto in macchina. Per tutto il corso della giornata non ho potuto utilizzare uno dei miei servizi perché non avevo modo di generare un codice di autenticazione e no, questo servizio non permetteva di generare codici di backup, in pratica sono rimasto chiuso fuori.

L’alternativa esiste da diverso tempo, si chiama Authy e anche se non è open source come Google Authenticator (nonostante pubblichi molto codice su Github) garantisce massima protezione dei vostri dati permettendo inoltre di generare i codici su più dispositivi contemporaneamente (previa autenticazione con password master dell’account).

Authy 2-Factor Authentication
Authy 2-Factor Authentication
Developer: Authy
Price: Free
Authy
Authy
Developer: Authy Inc.
Price: Free

Registrare un account è gratuito e l’applicazione per generare i codici è compatibile con pressoché qualsiasi piattaforma: authy.com/users. Inoltre se siete utilizzatori di Google Chrome potete utilizzare l’estensione che vi permette di non staccare le mani dalla tastiera del PC e generare i codici di autenticazione “in diretta” (chrome.google.com/webstore/detail/authy/gaedmjdfmmahhbjefcbgaolhhanlaolb?hl=en) permettendo così di rendere Authy compatibile anche con Windows, OS X o Linux (a quando la stessa estensione per Firefox o magari stand-alone?).

In breve: funzionamento

Installate l’applicazione e avviatela, potrete creare il vostro account immediatamente. Al momento vi basterà inserire il vostro numero di cellulare e il vostro indirizzo di posta elettronica, quindi richiedere la verifica tramite SMS o chiamata (è gratuito in entrambi i casi) e inserirlo nel box a video per confermare la vostra identità (qui di seguito inserisco le schermate iOS, non differiscono da quelle Android):

A questo punto sarà già possibile aggiungere nuovi account che richiedono di generare un secondo codice di autenticazione (come GMail o WordPress.com, tanto per citarne due che utilizzo regolarmente). Date un’occhiata alle impostazioni dell’applicazione, scoprirete che potrete tenere sotto backup tutti i vostri dati, aggiungere un PIN di protezione per evitare che chiunque possa aprire Authy e leggere i codici di autenticazione 2-Step e altro ancora (come spiegato anche sul sito web ufficiale). Authy è un’applicazione molto semplice da utilizzare, veloce, precisa, unica con quella sua possibilità di poter portare il proprio account su qualsiasi dispositivo, una comodità pazzesca.

Migrazione dei codici di autenticazione

Questo paragrafo si basa sulla mia personale esperienza e ovviamente non tutti i miei software / servizi utilizzano l’autenticazione 2-Step con Google Authenticator / Authy, alcuni “fanno tutto in casa“: Facebook genera codici tramite la sua applicazione ufficiale così come Twitter genera le richieste di autorizzazione login all’interno della sua di applicazione (o via SMS in alternativa). Ecco quindi il da farsi con il resto della compagnia. Si parla di WordPress (.com e Self Hosted), di Dropbox, di TeamViewer ed infine di Hootsuite, in futuro aggiungerò sicuramente altri servizi di cui vi parlerò anche qui sul blog, potete seguire tutto ciò che scrivo a proposito di autenticazione a due fattori filtrando il tag “2-step-verification“.

Google è quello più “guidato” da migrare. Permette infatti, tramite il suo stesso sito, di spostare l’autenticazione da un cellulare all’altro, da un sistema (iOS) all’altro (Android). Basterà andare sulla pagina dedicata all’indirizzo accounts.google.com/b/0/SmsAuthSettings#devices e scegliere di modificare il telefono seguendo le istruzioni a video (e cominciando facendo clic su “Sposta su un altro telefono“), come nel passo-passo delle immagini qui di seguito:

A questo punto dovrete invece fare “la fatica” poiché sono diversi i siti web sui quali bisognerà rifare il lavoro. Si comincia da WordPress.com dove l’autenticazione a due fattori va prima disattivata e poi riattivata facendo uso di Authy (dato che cambiano le chiavi di backup, che andranno quindi nuovamente copiate e tenute in un luogo sicuro, mi raccomando), così come TeamViewer, da gestire anche lui tramite sito web (con nuova chiave di recupero annessa).

Senza far troppa fatica invece potrete semplicemente scansionare con Authy il token già generato sia su Dropbox (dove sarà necessario modificare il metodo di autenticazione, selezionare ancora una volta applicazione e seguire le istruzioni a video) che su Hootsuite. Persino i plugin di protezione del login form per WordPress basati su autenticazione Google (come Google Authenticator).

In questi mesi di utilizzo ho potuto realmente apprezzare Authy e la serie di servizi annessi. La comodità di poter generare codici con qualunque dei miei dispositivi è fuori di dubbio il migliore tra i punti a favore della soluzione. Su iPhone 5 (o superiore) l’applicazione potrà essere anche protetta tramite TouchID (altrimenti per Android e iPhone inferiori si potrà utilizzare il più classico e sempre funzionale codice di blocco).

ATTENZIONE: Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: