PhotoWorks: editor di immagini intelligente

| |

Può un programma di elaborazione immagini essere alla portata di chiunque? , da qualche anno a questa parte mi sentirei di risponderti.
Se guardi fuori da quell’oblò non c’è solo Photoshop o GIMP, c’è un mondo di applicazioni terze parti che spesso fanno uso di intelligenza artificiale e preset per portare a livello di singolo clic del mouse elaborazioni che diversamente richiederebbero tempo e competenze più alte rispetto a quelle messe a disposizione dall’utilizzatore finale, seppur armato di tanta buona volontà e tempo libero. PhotoWorks fa parte di quel gruppo prodotti a cui ho appena fatto riferimento.

PhotoWorks: editor di immagini intelligente

PhotoWorks

Sviluppato esclusivamente per Microsoft Windows, PhotoWorks è un software che promette faville ma mantiene risultati che sono certamente validi seppur non brillanti, non almeno in tutti i casi fortemente pubblicizzati. Ho avuto occasione di provare PhotoWorks rinunciando a un articolo sponsorizzato e mettendo in campo il solito accordo “tu ci metti la licenza, io faccio il resto“, questo mi permette di parlare liberamente di qualsivoglia prodotto io recensisca, è la condizione che preferisco e spesso è obbligatoria per poter approdare su questa spiaggia.

PhotoWorks è davvero alla portata di chiunque. Anche se non sai assolutamente mettere mano ai singoli livelli di un’immagine (luminosità, contrasto, nitidezza, ecc.) potrai operare su di essa sfruttando i tanti filtri già pronti all’uso e – nel caso tu abbia scelto di acquistare una licenza completa – una serie di ulteriori “giochi e trucchi” applicabili allo scatto, chiamando in causa quella che viene dallo sviluppatore definita un’intelligenza artificiale in grado di riconoscere l’immagine, i suoi contorni e dove intervenire per modificarne completamente le sorti ed elementi. L’interfaccia è accessibile e completamente localizzata anche in italiano, potrai modificare una singola fotografia così come un gruppo di immagini grazie all’inclusione dell’elaborazione batch.

Se non sai davvero da dove partire puoi decidere di aprire un’immagine (io ho utilizzato uno sfondo di Windows 10 di quelli caricati randomicamente da Microsoft) e cominciare a darti da fare. Se non ti fidi delle tue capacità c’è sempre un pulsante “Correzione automatica” che ti aspetta a un clic da te, farà il lavoro sporco al posto tuo e andrà a modificare autonomamente i singoli livelli dello scatto per ottenere quello che secondo PhotoWorks è il miglior bilanciamento possibile per rendere più accattivante l’immagine in lavorazione. In tutta onestà, dopo aver provato diversi scatti e soggetti mi sono accorto che il bilanciamento automatico suggerito dal programma tende a preferire i colori molto carichi ma spesso tanto lontani dall’originale impresso, quasi portandoli all’esasperazione nel tentativo di renderli più vicini a una realtà dalla quale però credo si vada di molto allontanando; PhotoWorks mi è sembrato più efficace sui ritratti che sugli scatti a campo aperto.

Da lì in poi è solo questione di strumenti di ritocco e filtri che puoi scegliere di applicare per risaltare maggiormente uno o più elementi dello scatto, arrivando addirittura a rimuoverne alcuni se necessario, così come stravolgere totalmente il cielo catturato nello scatto.
Ecco, a tal proposito, io ci ho voluto provare (e mi è toccato installare un pacchetto aggiuntivo di filtri che si ottiene con la licenza completa del programma) e il risultato non è stato dei più brillanti:

Noterai infatti che nonostante la buona volontà e il quasi centro “discutibilmente perfetto“, PhotoWorks ha fallito nel delimitare in maniera corretta i monti che ci sono sullo sfondo, lasciando alcuni punti scoperti dall’applicazione dello sfondo cielo modificato, ottenendo così una miscela inguardabile tra vecchio e nuovo cielo applicato, impossibile da utilizzare lasciando fare al solo programma, tocca certamente intervenire manualmente per metterci la pezza, un lavoro che seppur alla portata di molti non lo è di chiunque, in barba alla promessa di un programma in grado di fare da solo mettendo sullo stesso piatto della bilancia un principiante e un professionista delle elaborazioni grafiche.

E allora può per certi versi aiutare la rimozione dello sfondo che viene affrontata anche in questo caso grazie all’aiuto del programma e a dei confini che puoi tu stesso delimitare seguendo una tecnica davvero semplice fatta di area da “non toccare” e area da considerarsi sfondo, quindi certamente rimovibile. Una funzione che ho apprezzato e che – nel caso di soggetti ben delineati e presi come punto principale dello scatto – può fare davvero la differenza.

Gironzolando e cercando di utilizzare anche tutti gli altri strumenti e filtri a disposizione mi sono però accorto che la licenza a mia disposizione non andava a includerne di ulteriori che vengono resi disponibili a pagamento anch’essi, non posso quindi giudicare ulteriormente queste caratteristiche di PhotoWorks:

PhotoWorks: editor di immagini intelligente 8

PhotoWorks in conclusione

(a sinistra lo scatto originale, a destra quello modificato in automatico da PhotoWorks con l’aggiunta di un raggio di luce solare che ho piazzato in alto a destra nello scatto per provare a illuminare meglio le case catturate nello scatto, in piccolo vicino al monte di destra).

Alti e bassi per un programma che certamente è sulla buona strada per ritagliarsi uno spazio tutto suo nelle postazioni di lavoro di coloro che non hanno né voglia né denaro da spendere per investire in qualcosa di più professionale. Il costo della licenza singola relativamente basso (si parte da circa 19€ per arrivare ai quasi 80€ per la Ultimate a oggi che sto scrivendo l’articolo) può invogliare i meno “agili” all’acquisto per poter vivere di rendita, supporto e filtri che possano raggiungere un buon risultato al posto loro senza il minimo sforzo o quasi, e penso tutto sommato che sia l’obiettivo che si prefigge il programma. PhotoWorks offre anche una politica di soddisfatto o rimborsato ma con alcune condizioni limitanti alle quali darei un’occhiata prima di procedere.

Se dovessi fare una media tra le qualità complessiva del programma, il fatto che sia disponibile solo per un sistema operativo, la necessità di andare a pagare sempre più per ottenere gli strumenti più interessanti ecco, probabilmente faticherei ad andare oltre il due e mezzo su cinque. Se pensi che su macOS esiste l’applicazione nativa Foto che spesso è in grado di applicare diversi dei filtri e delle “magie” promesse da PhotoWorks a costo zero, un po’ comprendi che è come essersi inventati l’acqua calda spacciandola per un buon tè delle cinque.

Il ragazzo è bravo ma non si applica abbastanza.

Valutazione finale: 2.5

In caso di dubbi, l’area commenti è a tua totale disposizione, fatti avanti :-)

#StaySafe

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.
Se vuoi leggere le altre recensioni del Banco Prova fai clic qui.

Prodotto: Ho trasformato un possibile articolo sponsorizzato (a pagamento) in una recensione onesta. La licenza mi è stata fornita direttamente da PhotoWorks, che ringrazio per la collaborazione.

PhotoWorks: editor di immagini intelligente 9 GWall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Puoi usare Satispay, PayPal, Buy Me A Coffee o Patreon :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Subscribe
Notify of
guest

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments