GMail e WordPress: tenere al sicuro i nostri backup SQL

| |

Allo stato attuale considero GMail uno tra “i posti più sicuri del web“, come avere un disco costantemente backuppato, in configurazione “millemila-raid” inesistente su qualsiasi altra piattaforma o provider di servizi web, inutile negarlo, Google in questi casi ci sa fare e ha le risorse adatte per svolgere dignitosamente il suo sporco lavoro.

Le storie di spionaggio industriale e di qualsiasi altra vaccata vi passi per la testa tenetele da parte: di password, nomi, cognomi, indirizzi e quanto altro ancora Google è già fornita proprio come dice giustamente Marco in un suo ottimo articolo.

GMail e Wordpress: tenere al sicuro i nostri backup SQL 1

Andiamo quindi al dunque: non so quanti blog voi gestiate (in generale questo mio ragionamento potrebbe applicarsi anche con un solo blog volendo, magari cambiando qua e la qualcosa) ma la necessità di tenere un backup del MySQL è oggigiorno cosa comune per tanti scrittori improvvisati che gestiscono tutto in autonomia tanto quanto “semplici guru” che mantengono in vita (ed aggiornano) decine di siti web che si basano su WordPress come motore principale (ogni riferimento al Beggi è puramente voluto).

Il plugin forse più utilizzato e conosciuto? WP-DB-Backup di Austin Matzko: facile da configurare, facile da installare, impeccabile nel suo funzionamento. Cosa c’entra Google / GMail con tutto questo? E’ presto detto. Il plugin citato offre la possibilità di inviare via posta elettronica i backup del proprio database MySQL. Ricevere quotidianamente (o settimanalmente) questi file all’interno della propria casella di posta potrebbe alla lunga farci perdere tempo, vuoi per la cancellazione periodica dei file più vecchi, vuoi perché si va a confondere con il resto della posta in ingresso. Come risolvere il fastidioso problema?

Creare un secondo account @gmail.com

Una soluzione che porterà via giusto un paio di minuti ma che vi darà in cambio 7 e più GB di spazio sfruttabile per tenere da parte i backup che invieremo da quel giorno in poi. L’indirizzo dovreste conoscerlo già ma ve lo propongo ugualmente:

mail.google.com/mail/signup

Compilate, proseguite, accedete, non c’è molto da dire in merito ;)

Configurare WP-DB-Backup

Nelle impostazioni di WP-DB-Backup dovrete chiaramente sostituire l’indirizzo di posta di destinazione con quello appena creato. Tutto il resto rimane configurato esattamente come prima.

Addestrare” il nuovo indirizzo di posta

Un consiglio? Apprendo da Lifehacker (non riesco a trovare il post, mi dispiace! :() uno strano quanto funzionale metodo per pulire in automatico i vecchi backup, la cartella di SPAM! Idea sicuramente stramba ma tutto sommato perfetta per il nostro caso.

Il trucco sta nello spostare i file di backup nella cartella Spam (appunto) affinché GMail li consideri tali ogni volta successiva. Mi è bastato lasciar arrivare un pò di mail automatiche nella Inbox e far passare qualche giorno, fare poi una selezione di massa e spostare il tutto nel “marcio“, il gioco è fatto.

Il risultato –allo stato attuale– è un sistema di conservazione database passato da una schedulazione settimanale a quotidiana (almeno per i siti web più importanti), che tiene pulito autonomamente se stesso ogni mese cestinando le vecchie versioni man mano che diventano inutili, in grado di permettermi il recupero di –scusate la ripetizione– versioni risalenti a 30 giorni fa, gratuito e funzionale, particolare da non sottovalutare mai.

Finezze: filtri contro mail non desiderate

Se il secondo account è stato creato appositamente per tenere “in canna” i soli backup dei database non c’è motivo che arrivi posta elettronica di altro tipo. Questo è un ottimo motivo per filtrare il tutto alla base e togliere di mezzo potenziali seccature che potrebbero andare a infilarsi dove non vogliamo.

Le mail inviate da WP-DB-Backup contengono una parola difficilmente inserita in mail di spam (almeno da quanto appreso fino ad ora, magari in futuro cambierà): “Backup“. Filtrando tutto ciò che non contiene la “parola magica” (o mettendo degli AND / OR per affinare ancora di più la ricerca) si risolve il problema ancora prima che questo si presenti:

GMail e Wordpress: tenere al sicuro i nostri backup SQL 2

GMail e Wordpress: tenere al sicuro i nostri backup SQL 3

cliccare sulle immagini per ingrandirle

Nelle immagini si nota uno “strano indirizzamento” verso l’etichetta /test. Ho deciso di spostare tutto sotto una label giusto per testare il corretto comportamento della casella, a breve sparirà.

GMail e Wordpress: tenere al sicuro i nostri backup SQL 4

cliccare sulle immagini per ingrandirle

Potete fare lo stesso per stare sicuri che non succeda nulla di male ai DB! ;)

Altre applicazioni

Nonostante sia meno conosciuto segnalo ben volentieri il plugin “WordPress Backup” di Blog Traffic Exchange, disponibile anch’esso sull’extend di WordPress.org. Una volta installato e configurato anche nel suo caso sarà possibile specificare una casella di posta elettronica da usare per spedire i backup di plugin, temi e cartella upload … tutte e 3 facenti parte della wp-content, l’unica cartella che realmente cambia per ciascuna installazione di WordPress, personalizzata da chi possiede il blog.

La sostanza rimane la stessa di WP-DB-Backup e anche le mail inviate da questo plugin conterranno la parola “backup, non sarà quindi necessario creare ulteriori filtri :)

In conclusione

A me non resta che augurarvi buon backup ed invitarvi a proporre metodi alternativi altrettanto validi e sicuri, magari poco costosi o gratuiti come nel caso appena descritto.

Blog Traffic Exchange

×

Attenzione

GMail e Wordpress: tenere al sicuro i nostri backup SQL 5Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: