Sticky Notes Backup & Restore 0.2: fix problemi e sovrascrittura file

Gioxx  —  19/12/2017 — Leave a comment

Lo scorso maggio ho pubblicato una nuova versione di Sticky Notes Backup & Restore dedicata alla “decima versione” del sistema operativo di casa Microsoft, per la quale è servito mettere mano al codice sorgente poiché bisognava puntare a cartelle diverse (Sticky Notes viene distribuita direttamente da Store Microsoft, nda) e agire su un differente eseguibile. Trovi tutti i dettagli in questo articolo:

Sticky Notes Backup & Restore, ora per Windows 10

Cosa cambia oggi?

Cambia nuovamente qualcosa di relativo all’applicazione che, pur continuando a essere distribuita da Microsoft Store, cambia nome (almeno su Windows 10 1709, ultimo aggiornamento stabile disponibile per il grande pubblico), diventando Microsoft Notes. Anche se questa variazione non sembra influire su quello che tu leggerai tenendo fermo il mouse sull’icona dell’applicazione nella Task Bar, nell’elenco dei processi attivi (quelli che vedi dal Task Manager, nda) lo troverai così dichiarato.

Sticky Notes Backup & Restore 0.2: fix problemi e sovrascrittura file

Ho quindi approfittato del cambiamento per rimettere mano al codice sorgente del batch (pacchettizzato come eseguibile per tua comodità), che ora può chiudere il processo delle Note (ancora una volta, speriamo per un po’ più di tempo!) e –già che c’è– sovrascrivere il precedente salvataggio se decidi di effettuare il tuo backup sempre nella stessa posizione.

Ne ho inoltre approfittato per correggere un piccolo problema relativo alla creazione del file d’archivio in cartelle con nomi particolari, che andava in errore nella precedente versione di Sticky Notes Backup & Restore (quella che probabilmente stai utilizzando adesso), mea culpa per non essermene accorto prima. La nuova versione è già disponibile al solito indirizzo, quindi qui: app.box.com/s/jp06u9k3grk32wbfc6i7a65kobjdcxau. Al solito, tutto gratuito, ma le donazioni sono sempre ben accette.

Next Step

Sto pensando, per una versione futura, di integrare anche la possibilità di pilotarlo da riga di comando permettendoti così di inserirlo tra le schedulazioni di Windows e farlo girare senza che sia più necessario il tuo intervento. Se hai altre idee, utilizza pure l’area commenti per raccontarmele.

Buon lavoro!

×

Attenzione

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: