Archives For 7-Zip

Ho ormai terminato di lavorare sulla nuova versione dello script USMT (te lo ricordi?), che ora integra in un solo batch tutto il necessario per migrare i dati utente su sistemi 7 e 10 (volendo anche 8, ma l’ho tenuto fuori dai giochi), presto condividerò il lavoro fatto. Nel frattempo però ti parlo di un piccolo particolare riguardante un pacchetto di installazione che ho creato utilizzando 7-Zip e un comando da prompt, utile per te o per chiunque abbia necessità di raccogliere un po’ di file sotto lo stesso tetto e distribuire un unico eseguibile per portare a termine un’installazione di un programma (per esempio).

Utilizzare 7-Zip per creare pacchetti di installazione

Quello che ho fatto io è estremamente basilare, avevo necessità di isolare solo i CAB / MSI essenziali per l’installazione del set di file ed eseguibili USMT di Microsoft (ufficiali) portati fuori dal Assessment and Deployment Kit di Windows 8.0 (parlo di questo: microsoft.com/en-eg/download/details.aspx?id=30652). Ho creato un file 7z contenente i file di cui ti ho appena parlato, e ho aggiunto un piccolo batch con all’interno la stringa per l’installazione di un MSI (msiexec /i NOMEFILEMSI).

Crea ora il tuo file d’archivio 7z, inserisci al suo interno i file che intendi distribuire (o il software che intendi installare), per questa cosa dovresti essere assolutamente autonomo e non credo tu abbia necessità di istruzioni particolari. Quello che può mancarti è ciò che accade adesso. Inserisci nella stessa cartella del file 7z i file 7zS.sfx e config.txt. Il primo lo puoi scaricare direttamente facendo clic qui, il secondo lo puoi creare tu con qualsiasi editor di test (io ti consiglio sempre Notepad++), questo è un esempio pratico:

;!@Install@!UTF-8!
Title="User State Migration Tool (WINKIT8.0)"
BeginPrompt="Do you want to install USMT 5?"
RunProgram="start.cmd"
;!@InstallEnd@!

Per tua comodità, ho caricato persino il file testuale su box (lo trovi qui). Come funziona è facile intuirlo:

  • Title: Il titolo da dare alla finestra che comparirà per richiedere se procedere con l’installazione del software.
  • BeginPrompt: il messaggio da far comparire a video per richiedere di procedere.
  • RunProgram: l’eseguibile da lanciare dopo aver scompattato il file e aver ottenuto conferma dall’utente.

Utilizzare 7-Zip per creare pacchetti di installazione 1

Creare il pacchetto

Dato che è tutto pronto, lancia un prompt dei comandi e spostati nella cartella dove hai appoggiato tutti i file necessari per creare il tuo pacchetto. La stringa che dovrai inserire è questa:

copy /b 7zS.sfx + config.txt + ARCHIVIO.7z ARCHIVIO.exe

sostituisci “ARCHIVIO.7z” con il nome del pacchetto che tu hai creato, e “ARCHIVIO.exe” con il nome che vuoi realmente dare all’eseguibile. Premi invio e attendi qualche istante affinché l’operazione termini. Dovresti ora poter vedere il tuo file eseguibile pronto per essere distribuito, file che -se aperto tramite 7-Zip- mostrerà chiaramente il suo contenuto:

Utilizzare 7-Zip per creare pacchetti di installazione 2

L’opera dovrebbe ora essere completa :-)


Credits: stackoverflow.com/questions/27904532/how-do-i-make-a-self-extract-and-running-installer

Immagine di copertina: Taduuda on Unsplash
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Lo scorso maggio ho pubblicato una nuova versione di Sticky Notes Backup & Restore dedicata alla “decima versione” del sistema operativo di casa Microsoft, per la quale è servito mettere mano al codice sorgente poiché bisognava puntare a cartelle diverse (Sticky Notes viene distribuita direttamente da Store Microsoft, nda) e agire su un differente eseguibile. Trovi tutti i dettagli in questo articolo:

Sticky Notes Backup & Restore, ora per Windows 10

Cosa cambia oggi?

Cambia nuovamente qualcosa di relativo all’applicazione che, pur continuando a essere distribuita da Microsoft Store, cambia nome (almeno su Windows 10 1709, ultimo aggiornamento stabile disponibile per il grande pubblico), diventando Microsoft Notes. Anche se questa variazione non sembra influire su quello che tu leggerai tenendo fermo il mouse sull’icona dell’applicazione nella Task Bar, nell’elenco dei processi attivi (quelli che vedi dal Task Manager, nda) lo troverai così dichiarato.

Sticky Notes Backup & Restore 0.2: fix problemi e sovrascrittura file

Ho quindi approfittato del cambiamento per rimettere mano al codice sorgente del batch (pacchettizzato come eseguibile per tua comodità), che ora può chiudere il processo delle Note (ancora una volta, speriamo per un po’ più di tempo!) e –già che c’è– sovrascrivere il precedente salvataggio se decidi di effettuare il tuo backup sempre nella stessa posizione.

Ne ho inoltre approfittato per correggere un piccolo problema relativo alla creazione del file d’archivio in cartelle con nomi particolari, che andava in errore nella precedente versione di Sticky Notes Backup & Restore (quella che probabilmente stai utilizzando adesso), mea culpa per non essermene accorto prima. La nuova versione è già disponibile al solito indirizzo, quindi qui: app.box.com/s/jp06u9k3grk32wbfc6i7a65kobjdcxau. Al solito, tutto gratuito, ma le donazioni sono sempre ben accette.

Next Step

Sto pensando, per una versione futura, di integrare anche la possibilità di pilotarlo da riga di comando permettendoti così di inserirlo tra le schedulazioni di Windows e farlo girare senza che sia più necessario il tuo intervento. Se hai altre idee, utilizza pure l’area commenti per raccontarmele.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Te lo ricordi quel vecchio articolo riguardante il backup e il restore delle note di Windows? No? Beh, tutto normale dai, roba vecchia :-)

Da qualche tempo (sembrerebbe in concomitanza con l’Anniversary Update del sistema operativo di Redmond) Sticky Notes è diventata un’applicazione ufficialmente disponibile nello Store di Microsoft, puoi quindi toglierla e rimetterla un po’ come ti pare, la scelta è tua. Ciò che cambia è il metodo di tenere il backup (ed effettuare il restore) delle tue note, ho quindi dovuto metterci una pezza.

Sticky Notes Backup & Restore, ora per Windows 10

Sì perché, contrariamente al passato, il nuovo percorso di un’applicazione installata dallo store cambia, motivo per il quale non è più possibile lavorare con il vecchio percorso ancora utilizzato da Windows 7 e 8. La nuova cartella all’interno della quale trovi i file dell’applicazione (e le tue note) è questa:

%LOCALAPPDATA%\Packages\Microsoft.MicrosoftStickyNotes_8wekyb3d8bbwe

Altra modifica è costituita dal fatto che le note non vengono tenute in un solo file facilmente esportabile, ma sparse. Poco male, basta una piccola modifica allo script e dare in pasto quei file a 7Zip, nella sua versione a riga di comando, la più leggera, facilmente trasportabile (o integrabile) e immediata. Il resto delle operazioni rimane sempre lo stesso: si chiude il processo di Sticky Notes, si fa il backup (o il restore) ed ecco servito il risultato, potrai ora riaprire Sticky Notes come nulla fosse mai successo.

Sticky Notes Backup & Restore, ora per Windows 10 2

Puoi scaricare gratuitamente l’applicazione all’indirizzo shortn.cf/StickyNotesBackupRestoreWin10. Il codice è sempre aperto, puoi banalmente scompattare l’eseguibile e vedere com’è fatto, se sei curioso :-)

grazie a: thewindowsclub.com/tips-to-use-format-sticky-notes-in-windows-7

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Che in realtà non è proprio il messaggio completo che compare a video, si tratta di qualcosa che dovrebbe assomigliare molto più a questa immagine (anche su sistemi in italiano, poiché richiamata da programmi installati probabilmente in inglese):

The program can't start because api-ms-ecc

Nel mio specifico caso si è trattato di un errore comparso in occasione dell’apertura del File Manager di 7-Zip, ho trovato una discussione in merito proprio nel forum di supporto, illuminante direi.

Try to google that error message. There are some suggestions how to fix it.
For example, from adobe site:
On Windows 7 SP1 computers with Office 2016, the following error message appears when Acrobat launches:
“The procedure entry point ucrtbase.terminate could not be located in the dynamic link library api-ms-win-crt-runtime-l1-1-0.dll.”
This issue is related to the Office 2016 installation, as it does not always install the VS2015 runtime on Windows 7 computers.
A workaround is to install the VS2015 runtime manually. Once the runtime is installed, Acrobat should launch without this error message.
To the top
Solution: Install Microsoft Visual C++ (x64) runtime
Download Microsoft Visual C++ 2015 runtime from Microsoft Download Center. Install it by double-clicking the downloaded file – vc_redist.x64.exe (on 64-bit computers) and vc_redist.x86.exe (on 32-bit computers).

La risoluzione è quindi semplicissima: installa il Microsoft Visual C++ runtime, per sistemi a 32 o 64 bit. Si trovano entrambi (dovrai solo scegliere l’architettura in base a quella di installazione del tuo sistema operativo) all’indirizzo microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=48145.

Una volta installato il pacchetto, noterai l’immediata risoluzione dell’anomalia. Ora nessun programma (che fa uso del runtime) dovrebbe dare ulteriori errori.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Lo scorso 27 luglio Mozilla ha pubblicato una notizia sul blog “IT & Operations” riguardo il trasferimento di tutti i dati pubblici da FTP (ftp.mozilla.org) al cloud AWS di Amazon:

As promised, the FTP Migration team is following up from the 7/20 Monday Project Meeting where Sean Rich talked about a project that is underway to make our Product Delivery System better.

As a part of this project, we are migrating content out of our data centers to AWS. In addition to storage locations changing, namespaces will change and the FTP protocol for this system will be deprecated.

blog.mozilla.org/it/2015/07/27/product-delivery-migration-what-is-changing-when-its-changing-and-the-impacts (il post è stato poi aggiornato nel tempo).

MozillaBanner

Per questo motivo tutti i vecchi segnalibri o altri riferimenti che puntavano al protocollo FTP (ftp://ftp.mozilla.org) hanno smesso di funzionare, così come il software scritto ormai anni fa da me e Sandro che permette a chiunque di pacchettizzare la versione desiderata di Firefox, Thunderbird e Seamonkey, Release2Zip. Ho provveduto così a correggere alcuni errori nei batch (e nei file di configurazione dei singoli prodotti) e modificare i puntamenti per permettere a tutti di continuare a utilizzare il software passando dall’URL che continua (e continuerà in futuro) invece a funzionare benissimo (http://ftp.mozilla.org).

Il resto è rimasto identico ed invariato. Ci sono ancora problemi nel riconoscimento di alcuni canali e vi toccherà specificare la versione del prodotto Mozilla da scaricare (via riga di comando) ma i batch fanno il loro mestiere consegnandovi il file ZIP pronto per essere spostato e utilizzato su qualsiasi chiave USB (o SD o altro tipo di memoria, dove potrete ovviamente salvare anche il profilo), togliendo di mezzo ciò che non è necessario per il funzionamento di Firefox, Thunderbird o Seamonkey. Anche l’URL per il download non è cambiato, trovate Release2Zip-20150817 su noads.it/r2z/latest.

Chiaramente tutti i file coinvolti sono stati aggiornati anche su GitHub, così da permettervi di visualizzarli se siete curiosi: github.com/gioxx/r2z.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: