iOS 7: diario di bordo

| |

Nonostante io abbia seguito in sordina (informandomi poi meglio in seguito) l’evento di Apple con la carrellata di aggiornamenti che questa ha portato, non vi ho ancora detto la mia riguardo iOS 7, forse il più interessante (nel mio specifico caso) annuncio dell’intera conferenza.

Dato che in azienda ci sono diversi iPhone distribuiti come telefono aziendale e che gli utenti non aspettano mai (dicono la curiosità sia donna ma qui il sesso non fa eccezione alcuna) sto provando sul mio telefono le versioni Beta di iOS 7 per cercare di capire cosa aspettarsi, quali difficoltà potrebbero nascere da questa piccola rivoluzione in casa Apple e gli errori di sviluppo che spero verranno corretti prima del rilascio ufficiale, senza mai dimenticare le applicazioni che potrebbero non essere pienamente compatibili con il nuovo sistema di Cupertino.

http://gioxx.org/wp-content/uploads/iOS-7-Banner1.png

Ecco quindi un articolo in costante aggiornamento che vedrà comparire di tanto in tanto nuove note e nuove curiosità sul “sistema che verrà”, con quel suo stile minimale un po’ “fricchettone” che sta dividendo la massa in due (chi lo ama, chi lo odia già dalle prime immagini).

Nelle puntate precedenti

Ovvero: cosa è successo prima di iniziare a popolare questo Liveblog. All’uscita di iOS 7 Beta 1 ho deciso di scaricarlo ed installarlo sul telefono aziendale (iPhone 4S 32 GB con a bordo una sim della TIM). Utilizzo quotidianamente lo spazio messo a disposizione da Apple iCloud eppure stavolta mi ha tradito perché alcune applicazioni scaricate con il mio account sul quale ho modificato la e-mail primaria associata hanno letteralmente impedito la fase di ripristino post-aggiornamento. Vi spiego cos’è successo.

Aggiornamento ad iOS 7 tramite iTunes

Aggiornare il telefono ad iOS 7 (se siete sviluppatori e potete registrare il vostro UDID all’interno dell’area Developer di Apple, ndr) è semplice. Vi basterà il cavo di collegamento USB, iTunes e il file del firmware da caricare. Una volta avviato iTunes con il telefono collegato (e acceso) basterà fare shift + clic con il tasto sinistro su Ripristina, vi verrà così richiesto di dare in pasto il file del firmware da utilizzare per ripristinare il telefono:

http://gioxx.org/wp-content/uploads/iTunes-blocco-informazioni-iphone.png

L’operazione durerà diversi minuti. Tenete il telefono collegato alla vostra postazione fino al termine dell’operazione. Non appena comparirà la classica schermata di primo avvio potrete cominciare a riconfigurare il vostro telefono.

Il problema nel ripristino dei dati

Ho sempre avuto un solo Apple ID privato impostato su una mia casella di posta storica, il secondo è arrivato in concomitanza con la consegna del telefono aziendale. Chiaramente ho diverse applicazioni acquistate con il mio account personale che ho esteso al telefono aziendale per evitare di doverle riacquistare con il secondo account, ogni volta che c’è bisogno di aggiornarle mi limito a inserire anche la password dell’account personale e il gioco è fatto.

Qualche tempo fa ho modificato l’indirizzo di posta assegnato al mio Apple ID personale e ho dovuto quindi fare “il giro completo” su tutti i miei device per sostituirlo al vecchio indirizzo (con annessi tutti i servizi Apple ovviamente, iCloud compreso). Molte delle applicazioni in libreria però portano ancora il mio vecchio indirizzo di posta elettronica come proprietario e primo ad aver effettuato il download da AppStore:

http://gioxx.org/wp-content/uploads/itunes-appproperty-2.png

Per un evidente limitazione della Beta 1 sono arrivato alla fase di ripristino dati da iCloud e ho letteralmente sbattuto contro un muro: ho inserito la password dell’Apple ID aziendale e quella del privato in quanto proprietario di diverse applicazioni da ripristinare (e fin qui) per arrivare poi alla richiesta di una terza password che corrispondeva al mio vecchio indirizzo di posta ormai non più “a capo” di un Apple ID! Nessuna password accettata, nessuna possibilità di andare avanti, inutile imprecare o continuare a pensare “Cacchio, questo account in realtà è stato migrato sul nuovo indirizzo di posta!”

Ho dovuto chiamare il servizio di assistenza Apple (che ringrazio davvero per la pazienza) e per un’ora abbiamo cercato di capire quale potesse essere il problema. Sfortunatamente il supporto a iOS 7 non è ancora offerto / garantito (per ovvi motivi dato che non si tratta di una release stabile) ma abbiamo comunque provato a ragionare sulla soluzione. L’unica via percorribile è stata quella del “torna indietro, fai un backup su iTunes completo e aggiorna nuovamente il sistema“. Lavoro perso, iOS 7 da buttare via nel cestino seppur temporaneamente. Ho aperto iTunes, ricollegato il mio telefono e fatto clic su “Ripristina“. Così facendo iTunes troverà il sistema 6.1.3 (6.1.4 per gli iPhone 5) come ultima versione stabile rimettendo le cose a posto (si, stavolta nessun problema durante il ripristino dati da iCloud). Ho quindi potuto disattivare temporaneamente iCloud, fare un backup completo sul mio disco fisso tramite iTunes quindi saltare nuovamente a bordo di iOS 7 e lanciare un ripristino completo dallo stesso iTunes, ecco finalmente ricomparire tutti i miei dati saltando a piè pari il fosso che mi ha creato problemi.

Primi problemi

Durata della batteria davvero bassa, lentezza nelle animazioni, una quantità di colori imbarazzanti anche per un figlio dei fiori, sono solo le prime cose che si notano avviando iOS 7 per la prima volta. Spargendo qua e la le icone delle proprie applicazioni, modificando lo sfondo e iniziando ad utilizzarlo un po’ più intensivamente si impara ad apprezzarlo e sopportarlo. Molte delle applicazioni precedentemente installate sul 6.1.3 si sono avviate correttamente permettendomi il normale utilizzo, altre hanno preso la via del crash quasi immediatamente, altre ancora hanno mostrato sbavature nei colori o nei margini ma poco importa, si tratta pur sempre di una beta (e della prima, per altro).

Durante i test dei software di sistema ho notato un curioso bug dell’applicazione fotocamera. Registrando un video dalla schermata di blocco del telefono (con il solito slide che abbiamo anche sul 6.1.3) dopo circa 30 secondi il monitor si spegne mandando in standby il telefono, ignorando bellamente che la registrazione è in corso e che quindi il monitor andrebbe tenuto acceso e operativo. Inutile dire che la registrazione termina con l’andare in standby del telefono vero? La soluzione? Mettere a fuoco il soggetto facendo clic sul monitor di tanto in tanto (sempre però rimanendo sotto i 30 secondi), comodo vero?

iOS 7: Beta 2, aggiornamento

Reso disponibile lo scorso 24 giugno, è direttamente installabile OTA (Over The Air, per chi ancora non lo sapesse), senza quindi necessità di attaccare nuovamente il telefono al PC con iTunes aperto e senza la necessità di ripristinare un precedente backup poiché si tratta solo di una patch come fosse una minor-version di un sistema stabile.

http://gioxx.org/wp-content/uploads/ios7b2-aggiornamento.jpg

Pochi minuti per il download (dipende molto dalla vostra connessione), qualcuno di più per l’installazione. Si arriverà alla schermata di primo avvio post-aggiornamento con la richiesta di qualche dettaglio e la conferma (infine) di aggiornamento effettuato correttamente (salvo errori).

iOS 7 Beta 2 iOS 7 Beta 2

Ad oggi ho notato miglioramenti nelle animazioni (in fatto di velocità) ma quasi nessuna novità sulla durata della batteria (sempre troppo bassa) o nei programmi installati. Rimane una quasi insopportabile lentezza nell’applicazione fotocamera che fatico a comprendere trattandosi di un software di sistema (e non di applicazione di terze parti) ma tant’è.

Si parla già dell’arrivo della beta 3 previsto a giorni, non resta che attendere.

×

Attenzione

iOS 7: diario di bordo 1Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: