Archives For Apple iTunes

La risposta è chiaramente , anche se lo SpeedTest di Ookla è un’autorità indiscussa. Viene usato anche su siti web di terze parti, in versione personalizzata magari, ma pur sempre con la misurazione e lo standard qualitativo imposto dalla società di Seattle, Washington, lanciatasi in questo mercato ormai 12 anni fa (quasi). Scopo dell’articolo è quindi raccontare sì di SpeedTest, ma anche delle sue alternative da tirare fuori dal cilindro quando servono “ulteriori pareri“.

Test di velocità: esistono alternative a SpeedTest?

Prima di cominciare

Credo sia obbligatorio fissare alcuni punti chiave che valgono un po’ per tutti i prodotti e le situazioni. Ricordati che:

  • la velocità di allineamento del tuo modem NON è mai la velocità reale della tua connessione internet. Lo ribadisco perché continuo a sentire che la schermata del FastGate che mostra l’allineamento upload / download con la centrale corrisponde alla velocità di scaricamento e caricamento dati online, succede anche con clienti TIM (anch’essa propone il medesimo dato in schermata di gestione del modem proprietario). No, non è così. Ti rimando a questa lettura: assistenzatecnica.tim.it/at/portals/assistenzatecnica.portal?_nfpb=true&_pageLabel=InternetBook&radice=consumer_root&nodeId=/AT_REPOSITORY/632106.
  • Un test, per essere quanto più veritiero possibile, dovrebbe essere condotto tramite cavo di rete, non WiFi (perché questo è soggetto a molti fattori che possono variarne seriamente i risultati), possibilmente tenendo quest’ultima rete quanto più scarica possibile (niente cellulari connessi che stanno navigando o scaricando dati, niente console, decoder, ecc.). Più sarà scarica la tua rete, più sarà sensato il test via cavo.
  • Un solo test non è mai quello giusto. Ricordati che dall’altro lato c’è un server (con relativa banda internet) che sta facendoti scaricare e caricare dati ai fini della misurazione. Quel server potrebbe dover servire più persone contemporaneamente (lo fa, stanne certo) e non sei l’unico che in questo momento sta pensando di misurare la capacità della propria connessione internet. Cambia server, non selezionarlo troppo distante da te, ripeti il test più volte. La media dei risultati è generalmente un buon punto di partenza per capire se la tua connessione a internet sta facendo il suo dovere oppure no.

Molte delle cose che ti ho riportato qui sopra, vengono adottate anche per le misurazioni ufficiali di AGCOM, le uniche che possono aiutarti a chiudere un contratto -senza ulteriori spese (e magari anche con rimborso di quanto ingiustamente pagato)- con un fornitore che promette ma non mantiene. Dagli un’occhiata, male non può certo fare: misurainternet.it/download/nemesys.

SpeedTest

Indiscusso Re di ogni misurazione, viene adottato come standard da molti, anche dai provider che ne sfruttano i risultati come allegati in caso di disservizi lamentati dall’utente finale. Fastweb è certamente uno di questi, poi c’è TIM, e sono solo un paio di esempi tra i tanti possibili.

Test di velocità: esistono alternative a SpeedTest? 1

SpeedTest è un prodotto che è stato molto migliorato nel tempo, che ha pubblicato applicazioni, che ha sviluppato pagine accessibili (anche se solo negli ultimi anni, costretta dal costante –finalmente– affondare di Flash). I server che permettono i test sono sparsi nel mondo e hanno generalmente una potenza di fuoco importante, tendendo quindi a dare risposte sufficientemente veritiere quando si mette alla prova la propria connessione casalinga (o d’ufficio, ovviamente). Resta scontato quanto già specificato però nei punti chiave: non è la singola misurazione a determinare il risultato finale.

Su PC puoi raggiungere il servizio puntando il browser all’indirizzo speedtest.net, oppure puoi scaricare l’applicazione da installare, quest’ultima mi è utile e ho scelto di averla su ogni mia postazione, è uno strumento che si utilizza abbastanza spesso. Se vuoi evitare di installare un’ulteriore applicazione, puoi sempre aggiungere l’estensione a Google Chrome (no, nulla da fare per il momento per Firefox, ci ho provato ma ottengo errori nella conversione):

Speedtest by Ookla
Speedtest by Ookla
Developer: speedtest.net
Price: Free

Su mobile, Speedtest è presente su qualsiasi piattaforma (persino quelle dichiarate ben più che morte!):

Speedtest.net Speed Test
Speedtest.net Speed Test
Developer: Ookla
Price: Free+
Speedtest.net
Speedtest.net
Developer: Ookla
Price: Free+
Speedtest by Ookla
Speedtest by Ookla
Developer: Ookla
Price: Free
Speedtest.net
Speedtest.net
Developer: Ookla
Price: Free+

SpeedTest è la mia scelta, quella pressoché obbligata in qualsiasi occasione, quella che mi permette di selezionare server più vicini alla mia posizione (è possibile farla rilevare direttamente dal sito web o dall’applicazione) e ottenere così risposte certamente plausibili e ragionevolmente corrette, in una “media sulle 3“.

Fast

Forse il più conosciuto dopo SpeedTest, perché introdotto da Netflix qualche tempo dopo l’arrivo sui nuovi mercati europei. Fast.com permette di effettuare una misurazione della tua connessione internet, anche se solo in una direzione, quella in ingresso verso il tuo dispositivo. In pratica scambi dati con i server del noto provider di contenuti multimediali per cercare di capire se la fruizione dei contenuti possa essere soddisfacente. Fast.com è un po’ la base di quei risultati che Netflix pubblica di tanto in tanto, stilando una classifica dei migliori provider in circolazione (vedi: ispspeedindex.netflix.com/country/italy).

Test di velocità: esistono alternative a SpeedTest? 2

Presente sul web (puntando appunto all’indirizzo fast.com), è disponibile anche per dispositivi mobili, per iOS e Android:

FAST Speed Test
FAST Speed Test
Developer: Netflix, Inc.
Price: Free
FAST Speed Test
FAST Speed Test
Developer: Netflix, Inc.
Price: Free

Fast è certamente la mia seconda scelta (quella di backup, diciamo), alla ricerca della conferma delle misurazioni ottenute tramite SpeedTest.

Google

È dal settembre dello scorso anno che Google ha introdotto anche in Italia un risultato di ricerca (una keyword, come quelle di cui ti avevo già parlato in passato) che ti permette di effettuare un rapido test di velocità. Senza molta fantasia, ti basterà scrivere “speed test” (vale anche “test velocità internet“) all’interno del campo di ricerca, per vedere come prima proposta un box attraverso il quale potrai lanciare un rapido scambio dati in download e upload, così da ottenere una misurazione:

Test di velocità: esistono alternative a SpeedTest? 4

Facendo clic sul pulsante “Esegui test della velocità“, ti si aprirà un piccolo popup (che metterà in secondo piano tutto il resto della pagina) il quale scaricherà dapprima dei dati, poi li caricherà verso Google. Non ci sono applicazioni dedicate, puoi comunque fare riferimento all’applicazione generica di Google e lanciare la medesima ricerca anche su Mobile, per arrivare a ottenere la stessa possibilità di misurazione su smartphone e tablet.

Google
Google
Developer: Google, Inc.
Price: Free
Google
Google
Developer: Google LLC
Price: Free

Nonostante si faccia generico riferimento a un server situato a Milano (città che mi ospita), quindi ipoteticamente il più vicino alla mia connessione, Google non è certamente parte delle mie scelte personali. Le sue misurazioni sono quelle meno accurate, quelle che più discostano dalla reale velocità del Gigabit che c’è a casa, la stessa cosa succede nelle misurazioni fatte in ufficio dove la linea business è addirittura una Gigabit simmetrica (giusto per chiarire che non è evidentemente qualcosa di limitato alla configurazione del mio router, cosa comunque improbabile visti i test eseguiti con gli altri competitor).

nPerf

Scoperto un po’ per caso qualche tempo fa, nPerf è un altro strumento di misurazione della propria connessione, sviluppato bene anche se forse troppo caotico in home page (preferisco di gran lunga lo stile minimalista di Ookla). Lo puoi raggiungere puntando il browser all’indirizzo nperf.com/en, e facendo partire la misurazione dal tachimetro in bella vista (via cavo mi raccomando, non fare come me che durante la stesura dell’articolo ho usato il WiFi giusto per catturare qualche screenshot!). Anche in questo caso ti verrà proposto il server più vicino in base alla tua posizione (rilevata tramite browser previa tua autorizzazione, nda) e continua a valere inoltre la regola base dei 3 tentativi e media di questi.

Test di velocità: esistono alternative a SpeedTest? 5

nPerf è disponibile online, navigabile da qualsiasi browser (senza necessità di alcun plugin) ma anche tramite applicazioni specificatamente studiate per il mondo Mobile (iOS e Android). Particolarità molto gradita delle applicazioni è l’ulteriore possibilità di mettere alla prova la connessione 4G facendo eseguire delle misurazioni con il download / visione di filmati ad alta definizione, ascolto Mp3 e altro ancora (davvero un punto ulteriore a favore di questa soluzione alternativa).

nPerf internet speed test
nPerf internet speed test
Developer: nPerf SAS
Price: Free+
Speed Test Velocità e QoS 4G
Speed Test Velocità e QoS 4G
Developer: nPerf.com
Price: Free+

nPerf è sicuramente una validissima alternativa a SpeedTest di Ookla, da tenere a portata di clic su PC fissi e portatili, e come applicazione sui dispositivi mobili. È nella stessa cartella strumenti di SpeedTest e Fast (sul mio smartphone e pure su iPad), e non perde il suo posto da molto tempo ormai.

Prima di concludere

Spero di averti dato qualche spunto interessante riguardo le alternative a SpeedTest, ma sono certo che lì fuori ce ne saranno molti altri, anche di buona qualità. Per questo motivo ti invito caldamente a usare l’area commenti per proporre le tue alternative, quelle delle quali non puoi fare a meno, che propongono magari (come nPerf) qualcosa in più rispetto alla più classica misurazione della banda in download e upload.

Se vuoi, alla lista sopra discussa potresti aggiungere un’applicazione sviluppata dallo staff di OpenSignal, il grande progetto che mira a censire tutti i punti di accesso mobili in giro per il mondo (con un’applicazione pensata e sviluppata proprio per portare a termine questo complesso lavoro). Si chiama Meteor Speed Test ed è disponibile per iOS e Android:

Meteor: App speed test
Meteor: App speed test
Developer: OpenSignal, Inc
Price: Free
Meteor Speed test applicazioni
Meteor Speed test applicazioni

A me non resta che ringraziarti per aver letto questo articolo.

Buona navigazione! :-)


immagine di copertina: unsplash.com / author: Chris Liverani

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

La quantità di aziende legate a Xiaomi non si conta sulle dita delle due mani (no, neanche se ci aggiungi le dita dei piedi), e questa è ormai certezza in un mercato all’interno del quale il brand cinese ha raccolto molti consensi e affezionati clienti che ormai non hanno occhi che per loro. In barba alla frammentazione, avrai già capito che Amazfit non è un’azienda legata al colosso dello shopping online, bensì il nome di una linea prodotti di Huami, società connessa a Xiaomi e che viene finanziata come progetto staccato dalla casa madre, per la produzione di indossabili tecnologicamente avanzati ed eleganti da portare al polso (ma non solo), “ispirazioni” molto ben realizzate prendendo come esempi accessori parecchio conosciuti, che occupano generalmente altre fasce di prezzo.

Amazfit Arc, l'eleganza che manca al Mi Band 2 1

Incuriosito da questi nuovi giocattoli, ho deciso di dare un’occhiata al mercato Amazfit e di individuare un prodotto con il quale partire, con la consapevolezza di dover combattere la lunga attesa e il dazio doganale per una spedizione dall’estero (Huami non è ufficialmente presente in Europa, almeno per il momento). In realtà la cosa è andata molto più in discesa di come mi aspettassi, approfittando di un’offerta sui classici siti web che fanno importazione dalla Cina, offrendo prodotti già in Europa. Ho comprato un Amazfit Arc, possibile erede del Mi Band 2.

Amazfit Arc, l'eleganza che manca al Mi Band 2 2

Se mi conosci già da tempo, saprai che ho alcuni paletti ben precisi riguardo gli indossabili, come per esempio il fatto che io prediliga gli smartband agli smartwatch (per una questione di durata batteria e funzioni che mi sono strettamente necessarie), così come alcune antipatie legate al passato con Fitbit Charge HR. Da quando ho deciso di diventare cliente Xiaomi e passare al Mi Band 2, ho individuato una serie di pro (e contro) che hanno stabilito un nuovo modo di vedere e valutare questo tipo di oggetti. Diciamo che sono partito dal presupposto che questo Amazfit Arc dovesse vedersela con un oggetto tanto piccolo ed economico quanto fantastico nel rapporto qualità-prezzo (senza troppe rinunce).

Amazfit Arc è Mi Band 2

Sì perché non c’è da girarci poi molto attorno. È come se Xiaomi avesse chiesto a dei ragazzi universitari di prendere il proprio sensore e trasformarlo in qualcosa di più accattivante, elegante, bello da mostrare in giro, una di quelle cose che abbiamo già visto anche in Italia.

Arc è il sensore di Mi Band 2 con un cinturino non removibile (sigh!), con chiusura tradizionale anziché con clip, blocco del cinturino in eccesso tramite quell’odioso pezzo di gomma flat che riporta la mia memoria agli anni dello Swatch che indossavi alle scuole elementari (e che si impiglia nella maglia a maniche lunghe, inevitabilmente e sistematicamente) e ricarica della batteria a doppio pin magnetico, e quest’ultimo è un punto a favore, giusto per chiarire (stile MagSafe di Apple, lo trovo comodo e ben funzionante, anche se bisogna giocarci un attimo prima che Amazfit Arc si accorga dell’inserimento e faccia partire la carica).

Il problema ulteriore del cinturino è quello dovuto alla non corretta traspirazione della pelle, cosa che capita molto meno con il cinturino più stretto di Mi Band 2, medesima cosa che capitava invece con Fitbit Charge HR. E se la tua osservazione in merito è “puoi stringerlo di meno“, la risposta è “hai ragione, ma non uso stringerlo al massimo, fa comunque attrito naturale con la pelle, senza considerare che se lo dovessi lasciare più largo di così, non rileverebbe correttamente i battiti durante il sonno“. Aggiungi poi a questo dettaglio quello ulteriore riguardo la velocità nell’indossarlo e rimuoverlo (è un effetto palese in palestra, nel mio caso), valore nettamente peggiorato. Entrambi se la cavano invece bene nella solidità della chiusura, ma va da sé che Amazfit Arc vince a mani più basse considerando che non essendoci clip, dovresti spaccare la chiusura in todo per poterlo perdere da qualche parte.

Software

Ho pianto, ho pianto come un bambino che riceve l’imitazione di iPhone quando in realtà si aspettava l’originale di Apple. Dai, non sono scese vere lacrime sul mio viso, ma è comparsa una maschera di delusione difficile da nascondere. Amazfit Arc propone un software dello smartband che è nettamente indietro rispetto all’ufficiale rilasciato da Xiaomi per il suo Mi Band 2.

È frustrante, maledettamente deludente, perché non ha senso alcuno considerando l’hardware di partenza. Amazfit Arc propone le stesse voci (a monitor) di Mi Band 2, con già quella piccola aggiunta del giorno (testuale) / mese / giorno (numero) corrente (un dettaglio che è arrivato solo in seguito anche su Mi Band 2, lo ricordo bene), ma senza per esempio le icone di applicazioni molto utilizzate (come Telegram, tanto per dirne una), riducendosi così a mostrare sul suo piccolo display l’oscena icona “App” generica in ingresso di una nuova notifica da smartphone.

Amazfit Arc è quello che, volendo continuare a girare il coltello nella piaga, non permette alle sveglie del mattino di vibrare nuovamente se entro 10 minuti dal primo snooze non ci è ancora alzati dal letto, costringendoti quindi a mettere in piedi scene al limite della stupidera degna di Inside Out (hai presente quando metti una sveglia alle 7:00, una alle 7:05, l’altra alle 7:10 e così via fino alle 7:40? Ecco, quello.). Eppure si tratta di un’opzione abbastanza banale considerando che il posizionamento di Amazfit Arc sul polso dovrebbe fargli capire bene cosa sto facendo (come succede già per Mi Band 2, appunto).

Sento poi la mancanza di tutte le modifiche eseguite su Mi Band 2 tramite i Tools di Zdenek Horak, ma questo ovviamente esula dal prodotto Amazfit (che tra l’altro esistono in versione appositamente realizzata, che non ho acquistato per i test, nda) e da quello ufficiale Xiaomi.

Applicazione

Separata, scaricabile gratuitamente da Play Store e iTunes Store:

Amazfit - Activity Tracker
Amazfit - Activity Tracker
Developer: Huami
Price: To be announced
Amazfit - Activity & Sleep Tracker
Amazfit - Activity & Sleep Tracker
Developer: Huami
Price: Free

All’apparenza più scarna, fissa in realtà l’attenzione sull’attività, ed è più bella (parere personale) nel suo look&feel, seppure vada a separare in maniera secondo me banale l’account e la configurazione dei dispositivi.

È disponibile solo in lingua inglese (non raccoglierà quindi consensi da chi ci tiene alla presenza di una localizzazione italiana) e consente di mettere mano a tutte le opzioni del dispositivo (ma va?), permettendo poi la più classica delle navigazioni indietro nel tempo per andare a visualizzare i progressi fatti nel corso delle settimane. Nota a margine dedicata a chi usa però Mi Band abitualmente: l’applicazione di Amazfit non si integra con nessun servizio di terza parte, altra pecca considerando che Mi Band 2 mi permette di replicare i dati su Google Fit.

C’è dell’altro?

Sì. Non contento di quanto mancante all’appello, potrei dirti anche che la batteria diventa uno dei punti deboli di Amazfit Arc, e questo non è certo un dettaglio trascurabile.

Amazfit Arc, l'eleganza che manca al Mi Band 2 15

Le notifiche sono poche, le misurazioni dei battiti pure (vengono eseguite di tanto in tanto e poi durante la notte tramite la funzione integrata di Sleep Assist, esattamente come faccio con Mi Band 2), gli aggiornamenti dei passi e delle calorie bruciate avvengono solo ad applicazione aperta, manca all’appello un GPS (che c’è nei modelli superiori). Eppure eccola lì, inesorabile, la discesa verso lo 0% puoi vederla tu stesso in uno degli screenshot poco sopra. 60% di batteria residua e 3 giorni dall’ultima ricarica completa. Un calo di più del 10% ogni 24h, non è affatto una buona media considerando i 20 e più giorni che può raggiungere Mi Band 2 (che passano a circa 12 con l’utilizzo di firmware custom e i Tools di Zdenek Horak sempre attivi, ma tant’è).

Parlando di visibilità, mi tocca invece sottolineare che il tallone d’Achille di Mi Band 2 viene qui riproposto e anche amplificato, poiché il vetro a protezione del monitor di Amazfit Arc è più spesso, uscendo sconfitto dai raggi solari diretti (cosa che comunque accade anche con Mi Band 2, ribadisco) e impedendo la lettura dei dati.

Il tutto a un prezzo che, stando ai listini ufficiali, si attesta sui 70$ (al cambio di oggi sono circa 56€), contro i 30€ (neanche) di Mi Band 2 (con consegna Prime). C’è però da dire che tramite GearBest si trova già a 45€ circa (ma c’è l’attesa dovuta al passaggio lungo, senza dogana). Certo Amazfit Arc è molto più elegante di Mi Band 2 (nonostante su quest’ultimo tu possa cambiare cinturino e prendere qualcosa di più accattivante per indorare un po’ la pillola) ma la differenza di prezzo e di ciò che mette a disposizione costituisce un divario davvero incolmabile.

A questo punto, probabilmente metterei da parte qualche soldino in più e punterei alla fascia più alta (il Bip potrebbe essere davvero il best buy del loro parco prodotti, ma dovrei provarlo per poterlo dire).

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato per pura curiosità di tasca mia, sono riuscito a usufruire di una buona offerta pagandolo meno del prezzo di listino (e per lo più si trovava già in Italia).
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Oggi voglio proporti un articolo già scritto, rivisto e pubblicato su IF Magazine (piattaforma di BNP Paribas Cardif), con la quale collaboro. Quella che leggerai qui di seguito è la versione originale, quella che ricalca fedelmente le mie idee, senza tagli, ma che -soprattutto- si rivolge a te, come se ci stessimo facendo una chiacchierata alla macchina del caffè, proprio come piace a me :-)

Il tuo corpo è unico, o per lo meno è raro trovare in giro quella combinazione di tratti somatici, voce e impronte che, messi insieme, restituiscono un risultato che possa essere confuso anche dall’occhio più attento.

Dapprima il PIN (storico, sempre esistito anche sulle prime carte SIM degli anni ’90), poi le password più complesse, e così le combinazioni, le impronte, la voce, il volto e molto altro ancora. Un solo scopo: sbloccare nel minor tempo possibile l’accesso lecito al nostro smartphone, lasciando fuori le persone indesiderate.

Dal fingerprint al riconoscimento facciale, com’è cambiata la nostra interazione con i device tecnologici?

Torna indietro un attimo

Contrariamente agli anni ’90 e i primi Motorola approdati qui da noi, sui quali le schede del monopolista italiano cercavano di non farsi infastidire poi troppo da un nuovo competitor rappresentato da una splendida modella australiana (te lo ricordi, vero? Gli anni passano anche per te, fattene una ragione), il trascorrere del tempo ha cominciato a far sentire la crescente necessità di proteggere quei contenuti sensibili che oggi, su smartphone ben più evoluti, costituiscono buona parte della nostra base dati, conoscenze, appuntamenti, quotidianità.

Il PIN della SIM (quest’ultima costituiva l’unico spazio di memoria occupabile, te lo ricordo) era assolutamente sufficiente a tenere lontano coloro che non dovevano poter accedere alla nostra rubrica e a quei primi “short message” (SMS); bastava semplicemente riavviare il telefono per attivare la protezione. La prima vera evoluzione porta il nome di Nokia, pioniere e autorità in un campo dove oggi viene ricordato più per quanto fatto in passato, che per quanto in cantiere in ottica contemporanea e futura.

iPhone, seguito poi a ruota da Android, costituisce l’ulteriore passo in avanti, stavolta gigantesco, che impone la fine della memoria disponibile nella carta SIM. Quello che può essere volgarmente chiamato ferro è in realtà qualcosa che è possibile cambiare in qualsiasi momento, perché il proprio numero di telefono segue la scheda SIM (non necessariamente la stessa di 10 anni fa, tanto per aggiungere carne al fuoco), e tutto ciò che costituisce il nostro mondo digitale trova spazio su programmi installati nel PC, quelli che ti hanno permesso di fare backup anni prima dell’avvento del Cloud.

E quindi?

E quindi oggi tutto ciò che ti rappresenta trova spazio –prima di tutto– nel tuo smartphone. La tua mail, i tuoi contatti, i tuoi ricordi. Proteggere questi dati diventa fondamentale e sono quindi nate nuove tecniche che provano a impedire accessi non autorizzati ai nostri quotidiani compagni di viaggio (tendo ormai a considerare così smartphone, tablet, PC).

Dico “provano” perché ogni medaglia ha una seconda faccia, e ogni tecnologia nasce insicura per definizione, o per lo meno ci sarà sempre qualcuno che farà di tutto per aggirare l’ostacolo, legalmente o meno.

Affidiamo tutto ai metodi di sblocco dei nostri gadget, un PIN numerico o una combinazione alfanumerica più complessa, una sequenza di trascinamento, un’impronta digitale, un volto, un occhio, la voce. Ognuno di questi ha potenzialmente una falla, spesso causata da noi utilizzatori. Perché se è vero che un’impronta digitale è di più difficile riproduzione, sembra lo sia molto meno una fotografia che inganna un controllo approssimativo del volto, o magari una lente a contatto che va a sorpassare il controllo dell’iride, una voce registrata il microfono. Il PIN, possibilmente complesso da indovinare ma facile per te da ricordare, continua a rimanere la tecnica di protezione migliore, quella spiaggia che –tanto per voler andare “off topic”– in America nessuno ti potrà chiedere di inserire per sbloccare forzatamente il tuo smartphone (contrariamente invece all’impronta digitale o all’iride) :-)

In attesa quindi che un futuro prossimo ci permetta di utilizzare il cuore per sbloccare il nostro dispositivo (sto parlando di questa notizia relativamente nuova), e con la speranza che questo sia il più sicuro dei metodi, non ti resta che scegliere un codice di sblocco alfanumerico complesso, non mettendoti in scacco da solo, ovvero:

  • il codice deve essere sì complesso, ma ricorda che dovrai utilizzarlo ogni volta che avrai bisogno del tuo dispositivo, non esagerare, potresti arrivare facilmente all’esaurimento nervoso e tirarlo dalla finestra;
  • evita di utilizzare dati che è possibile scoprire con estrema facilità nell’era di Facebook e dell’homo social, la tua data di nascita (così come quella di tua moglie o di tuo figlio) è da evitare come il maglione d’estate in spiaggia, giusto per rendere l’idea, e la stessa cosa vale per numeri di telefono, civici di casa o targhe automobilistiche, e per qualsiasi altro dato così alla portata di chiunque;
  • ti devi basare sul principio universale secondo il quale una password robusta è qualcosa di molto distante dall’associazione randomica di lettere e numeri che non hanno connessione alcuna. Te la faccio semplice: “Il cavallo bianco di Napoleone” è più sicura che “Eq2187.!_saju%$” (per i feticisti: 122 bits contro 91, eppure la prima è decisamente più semplice da ricordare);
  • l’impronta è e resta una buonissima alternativa in terra nostrana, perché è immediata e trova il suo backup nel codice di cui sopra;

Tutto chiaro?

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ne ho parlato poco tempo fa, spesso capita di avere a che fare con problemi riguardanti iTunes. Il suo porting Windows è pesante, difficilmente gestibile, incline agli errori più di quanto non lo sia uno smemorato che dimentica ogni cosa, a dirla proprio tutta neanche l’applicazione originale su OS X brilla per robustezza e rapidità, ma è certamente più sopportabile (io tendo in ogni caso a girare alla larga, se posso). Lo scenario è sempre quello che vede un’installazione non andare a buon fine, insormontabile nonostante tu abbia già provato a cancellare tutto, pulire ogni cartella e registro di sistema, reinstallarlo da zero prendendo il pacchetto dal sito di Apple.

iTunes: Apple Mobile Device failed to start 1

Il consiglio giusto è arrivato da un lettore (grazie briviopc), che ha riportato la sua esperienza e suggerito di utilizzare un tool messo a disposizione da CopyTrans, società che già in passato ha sviluppato tool che ho personalmente trovato molto comodi e perfettamente funzionanti. Hanno realizzato un particolare prodotto che permette l’installazione dei soli driver che vengono installati generalmente da iTunes, per permetterne l’utilizzo anche su macchine che iTunes non ce l’hanno (e che non lo vogliono!). Si chiama CopyTrans Drivers Installer e trovi tutti i dettagli all’indirizzo shortn.cf/iOSDriver.

Una volta lanciato, verificherà la tua installazione iTunes mostrandoti a video quali prodotti risultano essere a bordo macchina, anche se l’installazione di iTunes non è andata a buon fine:

iTunes non si installa? Provato con il tool CopyTrans?

Ti basterà fare clic su Uninstall per procedere con una disinstallazione profonda, che include una totale pulizia di quanto lasciato da Apple. Il tool ti proporrà (al termine della pulizia) di procedere con l’installazione dei driver iTunes; salta il passaggio e chiudi direttamente l’applicazione. A quel punto potrai scaricare la versione più recente di iTunes all’indirizzo apple.com/it/itunes/download, quindi procedere con l’installazione che ora –si spera– non dovrebbe più farti alcuno scherzo.

I miei test sono stati effettuati su Windows 7 Sp1, il trucco dovrebbe funzionare anche su sistemi più recenti.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Apple-icon-BugSembra che oltre all’ormai superato bug di Safari nelle versioni 9.3 di iOS, ci sia qualcosa di “storto” anche nel file di installazione dell’ultimo iTunes, quello che introduce la compatibilità con iPhone SE e nuovo iPad Pro, la versione 12.3.3.17 (Current, al momento della stesura dell’articolo). Per la precisione il problema l’ho riscontrato su una macchina a 32 bit, con circa 4 anni di lavoro sulle spalle, e riguarda l’impossibilità di avviare il servizio Mobile Device dell’azienda di Cupertino.

iTunes: Apple Mobile Device failed to start

Le ho provate tutte. Qualsiasi tipo di installazione, da qualsiasi tipo di utente, partendo da pulito, senza più alcun software Apple a bordo macchina, nulla da fare. Cercando in giro ho scoperto di non essere l’unico ad avere problemi. In particolare si parla di pacchetti impossibili da installare su macchine a 64 bit con schede video superate, ma nessuna traccia di quelli che girano ancora con sistemi a 32. Un articolo che ho trovato molto interessante è quello scritto da Ruben Alamina:

Fix iTunes Apple Mobile Device failed to start

Io, in tutta onestà, mi sono limitato a fare una cosa tanto stupida quanto lineare. Ho cercato e tirato fuori dal cappello un articolo del 2014, pubblicato sempre su questi lidi:

iTunes 11.1.4: Apple Mobile Device failed to start, risolvere il problema

Risultato? Un buco nell’acqua. Non mi è rimasta che una sola via da percorrere. L’utente ha bisogno di gestire (e pure raramente) un iPhone 6, cosa che funziona perfettamente anche con la versione subito antecedente alla Current, la 12.3.2.35, rilasciata poco prima della fine dello scorso anno. Fortunatamente Apple rende disponibile i vecchi installer per Windows a 32 e 64 bit in una sola ricca pagina, raggiungibile da tutti all’indirizzo discussions.apple.com/docs/DOC-6562#versions. Che poi è in pratica una scorciatoia per un articolo che avevo già pubblicato in passato e che vi indirizzava verso il download del vecchio software Apple, più in generale:

iTunes: serve una vecchia versione?

E ora non resta che aspettare il prossimo aggiornamento, con la speranza che possa correggere l’anomalia.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: