tile Mate: quanto è utile avere un portachiavi intelligente?

| |

Dimentichi da qualche parte le chiavi dell’auto, lo smartphone ti sparisce tra i cuscini del divano, non ricordi dove hai lasciato quella cosa che fino a 5 secondi fa avevi tra le mani. Un portachiavi intelligente sembra essere diventato un must have tra i gadget che oggigiorno si comprano senza pensarci troppo sopra. Io ne ho ricevuto uno in regalo durante un incontro con un fornitore che ho incontrato per lavoro, si tratta di un tile Mate, ho avuto modo di provarlo per qualche tempo, credo di poterne parlare per capire insieme quanto può tornare utile un simile accessorio nella quotidianità.

tile Mate: quanto è utile avere un portachiavi intelligente?

tile Mate

Un ciondolo, un portachiavi, una piastrina da attaccare su un dispositivo, tile Mate può essere tutto sommato descritto in vari modi, dipende dall’uso che intendi farne. È piccolo, leggerissimo, necessita di una batteria per funzionare (CR1632), quest’ultima chiaramente ha una lunga durata che può però variare in base all’utilizzo che si fa del prodotto. Il mio modello, antecedente il restyling del 2018, non prevede il cambio semplificato della batteria, è molto scomodo.

È un pulsante, un ricevitore/trasmettitore bluetooth e un piccolo speaker che insieme compongono una soluzione che dovrebbe permetterti di ritrovare facilmente un qualcosa che tendi a perdere di vista quando meno te lo aspetti, il mazzo di chiavi non è solo un modo per raffigurare il prodotto sulla scatola originale, è forse il componente più comune che completa il dinamico duo. Questo perché le chiavi vengono spesso smarrite, dimenticate, lasciate nei posti più impensabili anziché essere custodite al sicuro, un po’ quello che potenzialmente può accadere anche con uno smartphone o la borsa contenente il proprio laptop (ecco, quest’ultima è stata la mia cavia durante il periodo di test di tile Mate).

tile Mate è davvero semplice da installare e configurare. Lo si allaccia al portachiavi o a ciò che si vuole tenere sempre d’occhio, si apre l’applicazione dedicata per iOS o Android e lo si associa al proprio account (controllabile da smartphone, in parte anche da sito web), la procedura dura pochi minuti. Alcune delle funzioni potenzialmente più interessanti sono però disponibili a pagamento, non ti basterà quindi acquistare il prodotto fisico, dovrai mettere in conto la parte software a rinnovo che costa circa 30$ all’anno.

Tile
Tile
Developer: Tile Inc.
Price: Free+
‎Tile: trova chiavi e telefoni
‎Tile: trova chiavi e telefoni

Parliamo però del piano base, quello che offre la possibilità di contattare il tile Mate dallo smartphone o che – al contrario – permette dal tile Mate di far partire una suoneria sullo smartphone anche se questo si trova nello modalità silenzioso, utile per chi è solito smarrire in casa o in ufficio il proprio telefono. L’applicazione è estremamente intuitiva, c’è una mappa su cui verrà mostrata la posizione del proprio tile Mate e dello smartphone (che verrà ora riconosciuto come dispositivo tile anch’esso e che potrà essere individuato da web.thetileapp.com/find-your-phone, molto simile al Find my iPhone di Apple), tu potrai da qui verificare la raggiungibilità di tile Mate (la comunicazione avviene tramite Bluetooth, nda), farlo suonare e – in caso di furto o smarrimento – far partire la ricerca di ciò che hai perduto grazie alla rete costituita da tutti i possessori di tile. Sono questi che si attiveranno infatti per intercettare il tuo dispositivo e trasmettere al tuo smartphone la posizione non appena verrà rilevata, così che tu possa tornare in possesso di quanto perso.

Il tutto funziona quindi se la rete tile è ben nutrita in ogni zona della tua città, diversamente nulla di tutto ciò potrà realmente aiutarti. Aggiungo che la posizione viene rilevata dal GPS dello smartphone che comunica con il tile Mate e necessita che l’applicazione ufficiale di tile non venga sottoposta a risparmio energetico (come spesso accade con custom ROM che preservano lo stato della batteria), diversamente questa non potrà di tanto in tanto aggiornarsi e mostrarti l’indirizzo più recente rilevato, l’esempio sopra è palese, la comunicazione con il mio tile Mate è avvenuta l’ultima volta il 2 agosto, eppure lo zaino era con me qualche ora fa in ufficio. Io ho comunque segnalato come smarrito il mio dispositivo (seppur non vero) giusto per verificare il comportamento quando gli farò nuovamente rilevare il tile Mate.

Per verificare se nei tuoi dintorni ci sono altri possessori di tile puoi spostarti nella seconda scheda dell’applicazione (utilizzando il menu formato dalle 3 icone in basso) e scorrere verso destra, questo andrà a delimitare un’area abbastanza estesa all’interno della quale ti verrà segnalato il conteggio totale di utenti tile che potrebbero aiutarti a ritrovare il tuo oggetto smarrito:

tile Mate: quanto è utile avere un portachiavi intelligente? 14

Il funzionamento alla base di quanto appena scritto è parte integrante del video pubblicato dalla stessa azienda su YouTube, puoi dargli un’occhiata direttamente da qui:

Io credo ormai di averti detto tutto. La mia impressione è che un tile possa tornare comodo solo in alcune particolari occasioni e che le funzioni effettivamente più interessanti (come quella relativa al promemoria automatico per non dimenticare nulla a casa o in ufficio o la cronologia delle posizioni dove un dispositivo è stato rilevato nel corso del tempo) si trovino esclusivamente nel piano in abbonamento, che è un po’ come prendere in giro il cliente che ha appena speso dei soldi per comprare un hardware che non può essere considerato completo.

Certo c’è il periodo di prova dell’abbonamento Premium, è vero, eppure non riesco proprio a farmi piacere questo modo di intendere un gadget che si può trovare anche su un mercato parallelo, di diversa marca, che magari integra anche altra tecnologia in grado di rendersi autonoma e completamente staccata dallo smartphone, prezzo chiaramente diverso, eppure c’è da pensarci bene sopra.

Se sei curioso di provare tile posso anticiparti che il prodotto (in varie versioni o bulk) è disponibile su Amazon, ti lascio qualche riferimento qui di seguito.

Valutazione finale: 2.5

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.
Se vuoi leggere le altre recensioni del Banco Prova fai clic qui.

Prodotto: si tratta di un regalo ricevuto durante un incontro con un fornitore aziendale.

tile Mate: quanto è utile avere un portachiavi intelligente? 15 GWall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Puoi usare Satispay, PayPal, Buy Me A Coffee o Patreon :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Subscribe
Notify of
guest

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments