Come automatizzare il proprio account Instagram e vivere felici

Ospite  —  29/05/2018 — Leave a comment

Si legga il sottotitolo “fino a quando non vi beccano“. Sì perché oggi si torna a ospitare amici sulle frequenze web di questo blog. Non capitava da qualche tempo e fa sempre piacere. Brava persona, sviluppatore, alto, biondo e con gli occhi azzurri (ci credi?), manterrà l’anonimato perché –come me e tanti altri– ci tiene a lasciar sopravvivere i suoi account. Io che ho invece un rapporto travagliato con le creature legate a Zuckerberg sorrido, strizzo l’occhiolino e spero che si rimanga un po’ amici come prima (lo siamo mai stati Marchino?).

A te la parola, GianGiacom…oh wait.

Come automatizzare il proprio account Instagram e vivere felici

Disclaimer

Non siamo (né io, né Gioxx) responsabili per qualunque cosa possa succedere al tuo account Instagram se applicherai le tecniche descritte in questo articolo.

Ovviamente utilizzare un bot che simuli l’uso di un account reale è contro le condizioni d’uso di Instagram, quindi, occhio, rischi di perdere i tuoi account, per davvero.

Ringrazio Gioxx per l’ospitalità sul suo blog, e sì, non mi firmo, non mi interessa.

Instagram e i bot

Parliamoci chiaro. Instagram (ma anche Facebook, Twitter, ecc…) è strapiena di bot.

Dai, non mi dire che non te ne eri accorto.

La maggior parte di questi sono bot dedicati palesemente allo spam, altri no, ma andiamo con ordine.

Esistono almeno tre tipologie di bot, e una di queste è al 100% umana. :P

Lo spam umano

Partiamo dagli account “più in basso” nella gerarchia dello spam: gli spammer umani. Di solito si tratta di persone, coinvolte in schemi piramidali, che seguono “a manina” migliaia di account, commentano post proponendo diete, succhi, trucchi, ecc..

Il loro obiettivo? Venderti quel prodotto che tanto pubblicizzano.

Ovviamente non ci riescono: l’effort è veramente troppo grosso. Di solito abbandonano dopo un po’.

Su Facebook è pieno di questi personaggi (di solito donne, sempre che non siano profili creati appositamente), Instagram si sta riempiendo piano piano.

Come automatizzare il proprio account Instagram e vivere felici 1

Buona fortuna se sei donna e hai un account Instagram

Non vogliamo parlare di questo oggi.

Gli spambot

Saliamo di un livello. Ecco gli spambot veri e propri.

Ti seguono, ti taggano, ti richiedono l’amicizia: il loro obiettivo? Venderti un servizio o un prodotto (di solito di bassa qualità o inutile, come i like sul tuo account, o illegale, tipo il viagra).

Sono gestiti da serverfarm in paesi come Cina, India, ma anche in Europa.

Come automatizzare il proprio account Instagram e vivere felici 2

Sono talmente “scarsi” che gli utenti, anche i meno preparati, li individuano, li bloccano e (si spera) li segnalano.

Questi bot giocano sulla quantità, non sulla qualità. I personaggi dietro questi bot creano ogni giorno centinaia di migliaia di account, spammano milioni di utenti e così via.

A chi gestisce questi bot perdere account non interessa: non puntano a far crescere un account ma puntano a far sì che i loro account siano “visti”.

Hai presente quell’account babe123456789, una tipa scosciata con 10 foto, che ti ha appena aggiunto su Instagram?

Ecco, ti svelo un segreto, non è veramente una tipa scosciata. Molto più probabilmente si tratta di un nerd brufoloso che ha creato migliaia di account che cominciano tutti per babe.

Bot dedicati ad un singolo account

Altri bot sono più subdoli ed è qui che casca l’asino.

Sono bot dedicati unicamente alla crescita di un account. Agiscono in due modi:

  • Mettono like ai contenuti dell’account che vogliono far crescere in modo che siano più “visibili” su Instagram
  • Mettono like, seguono e commentano altri account a nome dell’account originale, in modo che venga conosciuto e seguito dagli utenti (veri questa volta) che sono raggiunti dal bot.

In entrambi i casi questi bot sfruttano script creati appositamente (o pubblici, ne parleremo più avanti) per simulare l’attività di un account su Instagram.

Nel primo caso, ad esempio, recuperano liste di account compromessi sul “dark web” e li usano, effettuando il login in un account alla volta, per mettere like al nuovo contenuto dell’account da far crescere.

È la tecnica descritta in questo articolo.

Nel secondo caso il bot effettua il login all’account da far crescere e “a suo nome” va in giro per instagram a lasciare like e commenti.

Come funzionano questi bot?

Le API di Instagram sono così “chiuse” che non permettono di seguire account o mettere like facilmente. Gli script di questi bot in genere lanciano un browser (o parsano direttamente le pagine di Instagram) per poi loggarsi ed effettuare alcune operazioni.

Che browser usano? Di solito browser come Chrome Headless, tramite le API esposte da Puppeteer o soluzioni simili.

Quindi immagina che il tuo bot sia in realtà un utente che clicca una pagina di Instagram, si collega, mette like e poi sparisce.

Se ti senti più tecnico, puoi dare un’occhiata a questo video che ti permetterà di approfondire l’argomento: https://www.youtube.com/watch?v=WSnfGQFZ2F0

Il bot finge (tramite uno user agent noto) di essere un cellulare, se si “comporta” bene, è tendenzialmente indistinguibile da un utente normale.

Siamo davvero certi che funzionino?

Sì, funzionano. In 5 giorni, senza far nulla, ho fatto crescere un account Instagram da zero a 100 follower, e non mi sono impegnato più di tanto.

Come automatizzare il proprio account Instagram e vivere felici 3

100 follower presumibilmente reali (la certezza non c’è mai, vedi https://socialdraft.com/how-to-identify-fake-likes-and-followers/), che hanno deciso di seguire il mio account volontariamente e senza alcun obbligo.

Ok, voglio farlo anche io

Ok, te lo racconto. Ma occhio, se ti fai ingolosire troppo, Instagram potrebbe accorgersi del tuo bot e operare in questo modo:

  • Bannare l’account.
  • Disabilitare la possibilità di mettere like e commentare (o altre restrizioni).

Da qui il disclaimer ad inizio articolo che ripetiamo per i duri d’orecchio: non siamo (né io, né Gioxx) responsabili per qualunque cosa possa succedere al tuo account Instagram se applichi le tecniche descritte in questo articolo

Instabot.py

Lo script che uso di solito è InstaBot, uno script Python, che ha i seguenti pregi:

  • È facile da configurare.
  • Funziona. (non banale).
  • C’è una community attiva, il codice è aggiornato spesso.
  • Gira su Mac, Windows, Linux e anche su Raspberry Pi.

Le istruzioni che seguono sono per computer Apple, ma sulla pagina del progetto ci sono i link ai video per il setup in ambiente Windows.

Cosa ci serve

Non serve molto per lanciare Instabot.py.

Basta, non serve altro.

Configurare il tuo bot

Scarica il pacchetto di Instabot. Apri il file example.py con un qualsiasi editor di testo e cerca questa sezione:

bot = InstaBot(
    login="username",
    password="password",
    like_per_day=1000,
    comments_per_day=0,
    tag_list=['follow4follow', 'f4f', 'cute'],
    tag_blacklist=['rain', 'thunderstorm'],
    user_blacklist={},
    max_like_for_one_tag=50,
    follow_per_day=300,
    follow_time=1 * 60,
    unfollow_per_day=300,
    unfollow_break_min=15,
    unfollow_break_max=30,
    log_mod=0,
    proxy='',
    # List of list of words, each of which will be used to generate comment
    # For example: "This shot feels wow!"
    comment_list=[["this", "the", "your"],
                  ["photo", "picture", "pic", "shot", "snapshot"],
                  ["is", "looks", "feels", "is really"],
                  ["great", "super", "good", "very good", "good", "wow",
                   "WOW", "cool", "GREAT","magnificent", "magical",
                   "very cool", "stylish", "beautiful", "so beautiful",
                   "so stylish", "so professional", "lovely",
                   "so lovely", "very lovely", "glorious","so glorious",
                   "very glorious", "adorable", "excellent", "amazing"],
[".", "..", "...", "!", "!!", "!!!"]],

Cambia il campo login e password con quelli del tuo account. Lascia a 1000 il valore di like_per_day e porta il valore di comments_per_day a 200, così non sarai troppo “spammoso“.

Guarda poi il campo comment_list. È qui che genererai i tuoi commenti. Si tratta di una lista di array che il bot userà, una parola alla volta, per generare un commento “casuale”.

Vediamo un esempio.

comment_list=[["Che bella questa", "Mi piace molto questa"],
              ["foto", "immagine"],
              ["!", "!!"]]

Con questa lista, i commenti che sarà possibile generare saranno:

  • Che bella questa foto!
  • Che bella questa foto!!
  • Che bella questa immagine!
  • Che bella questa immagine!!
  • Mi piace molto questa foto!
  • Mi piace molto questa foto!!
  • Mi piace molto questa immagine!
  • Mi piace molto questa immagine!!

Ovviamente le combinazioni possibili aumentano esponenzialmente man mano che aggiungerai contenuti alla variabile comment_list. Ti consiglio CALDAMENTE di elaborare quante più combinazioni possibili, in modo da variare spesso i commenti ed evitare la falce dei ban di Instagram.

Ok, hai impostato i tuoi commenti… Passiamo alla scelta delle foto che vuoi commentare. Sceglierai le foto in base ai tag.

La sezione da cambiare è tag_list: anche in questo caso vediamo un esempio.

tag_list=['follow4follow', 'f4f', 'cute'],

Anche qui, inserirai quanti più tag possibili. L’unico suggerimento che mi sento di dare è di puntare a tag “italiani”, se il tuo account è italiano, tag più internazionali se il tuo account è di respiro globale.

Ultimo tocco, per dare un po’ più di sicurezza…

Aggiungi subito sotto la riga log_mod queste due righe:

start_at_h=9,
end_at_h=22,

Diranno al bot di commentare e mettere like dalle 9 alle 22, così si comporterà più da “umano” che da “bot” ;)

Ok, siamo pronti per partire.

Lanciare lo script

Abbiamo cambiato il nostro file, abbiamo installato PIP e Python. Eccoci pronti.

  • Andiamo nella cartella dello script
  • Digita: pip install -r requirements.txt. Questo comando installerà i pacchetti richiesti dallo script Instabot.py
  • Lancia lo script: python example.py.

Vedrai che lo script comincerà a collegarsi a Instagram, a mettere like e scrivere commenti. Se lo lascerai girare per “sempre”, ad esempio su un server sempre online o su un Raspberry Pi, continuerà a lavorare in silenzio per te!

Come automatizzare il proprio account Instagram e vivere felici 4

Alcuni suggerimenti

  • Fai girare lo script su un computer sempre acceso, così sarà più efficace.
  • Ogni tanto collegati all’account che stai pompando anche dal cellulare, per rendere il tuo account “più reale”.
  • Ricordati che c’è il rischio di perdere l’account. Non esagerare cambiando il valore di like e commenti con valori troppo alti. Pochi ma buoni, dice il proverbio.
  • Ogni tanto dai un’occhiata all’output dello script. A volte si incarta e va ucciso il processo di Python CTRL+C più volte su Linux/MacOS. Puoi poi farlo ripartire.
  • Puoi lanciare più istanze del bot, se hai più account da gestire… Basta copiare example.py e cambiare le credenziali di accesso.

Buona fortuna!


immagine di copertina: unsplash.com / author: Jakob Owens

×

Attenzione

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: