Car Sharing: Twist, “Ne diamo il triste annuncio” (cit.)

Gioxx  —  18/11/2015 — Leave a comment

Il detto recita che sono sempre i migliori ad andarsene per primi. Twist non era certo il migliore in assoluto, ma per molti versi era la mia scelta migliore e sempre preferita. La mail mandata a tutti i clienti mi ha quindi lasciato spiazzato. Nessun margine, fredda, falsamente vicina al cliente:

Gentili Clienti,
Vi informiamo, con grande dispiacere, che, con effetto immediato ci vediamo costretti
a sospendere momentaneamente il nostro servizio di car sharing.
Ringraziamo i Clienti che ci hanno accordato la loro fiducia, i fornitori che ci hanno
seguito in questa sfida e i nostri dipendenti che hanno profuso in tutto il periodo un
eccezionale impegno, e contiamo di comunicarVi al più presto la riattivazione del
servizio.

Cordialissimi saluti.
Twistcar S.r.l.

Twist: "Ne danno il triste annuncio" (cit.)

Tutte le macchine sparite in un solo colpo dall’applicazione (e da qualsiasi altra generica come Bat Sharing o eVeryride), il sito web ufficiale modificato per includere lo stesso comunicato, così come per la pagina Facebook, all’interno della quale ovviamente si sprecano commenti di ogni tipo: dal dispiaciuto alla lamentela di chi –come me e tanti altri clienti– aveva dovuto lasciare una caparra per potersi iscrivere al servizio (insieme ai classici commenti di polemica gratuita o convenienza per attrarre utenti verso il proprio profilo o pagina personale, ma di stupidi con accesso ai Social Network ne è pieno il mondo, ormai ci abbiamo fatto il callo):

Sfortunatamente però ci si ferma qui. Nessun particolare trapelato, nessuna spiegazione alla clientela, si chiede di attendere aggiornamenti in merito e si spera che questi arrivino sul serio. Dispiace soprattutto per chi aveva concluso l’iscrizione pochi giorni fa e magari non aveva ancora utilizzato il servizio. Dispiace anche per coloro che hanno lamentato problemi nell’utilizzo dei mezzi a disposizione. La mia personale esperienza d’utilizzo di Twist (l’ho usata parecchio, nda) si ferma a una sola anomalia, risolta in breve tempo dal supporto utenti (con l’unica eccezione di un’attesa un pelo lunga per essere richiamato da un operatore sul mio telefono cellulare), poi mai più nulla. Tutto liscio, sempre, escludendo ovviamente il comportamento errato dei clienti. I fumatori, i mangiatori seriali di cibo cinese o pizza con discarica nei sedili posteriori, gli scappati di casa che consumavano un rapporto sessuale chiusi in macchina e appartati chissà in quale via, quelli che dimenticano la spesa nel baule o le chiavi di casa nel porta-oggetti, quelli che trovano la multa sul parabrezza e neanche avvisano l’assistenza. Tutti (ma proprio tutti) problemi di cui abbiamo già sentito parlare anche per Enjoy e Car2Go.

Twist ha per prima rotto gli schemi arrivando a servire un hinterland diversamente abbandonato, tra pro e contro di una scelta coraggiosa. Car2Go se ne è vista bene dal fare una mossa simile (e anzi, ha anche tagliato fuori parte della città di Milano), Enjoy ha reagito con una certa calma, senza fare mosse troppo azzardate. Il Comune, tramite le parole dell’assessore Maran, si dice dispiaciuto per quanto accaduto e spera che la società possa riattivare quanto prima il servizio, senza però specificare null’altro riguardo i possibili motivi di quanto accaduto:

Come voi tutti, anche io non conosco i motivi di questa scelta obbligata, e spero in tutta sincerità che la situazione possa tornare alla normalità che tutti conosciamo. I dati delle carte di credito e riguardanti le persone iscritte, non dovrebbero essere in pericolo (lo afferma la stessa gestione della pagina Facebook di Twist), così come le automobili (che alcuni vorrebbero acquistare, addirittura).

Bisognerà solo attendere che vengano date maggiori informazioni in merito all’accaduto e –se possibile– come recuperare il denaro speso nel caso in cui non si voglia rischiare di veder scomparire la società con la cassa e nessuna spiegazione aggiuntiva. Ancora siete così convinti che Enjoy abbia fatto la scelta più sbagliata a non avere alcuna fee di ingresso? :-)

ATTENZIONE: Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :)

Milano Real Life (MRL) è il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: