Il Wi-Fi 6 secondo AVM (FRITZ!Box 7590 AX, 4060 e Repeater 6000)

| |

Nelle ultime settimane AVM mi ha mandato una serie di dispositivi davvero molto interessanti, che sto cercando di provare nel migliore dei modi. L’articolo di oggi vuole differenziarsi un po’ rispetto al passato (singole recensioni dei router e dei repeater) portandoti in un viaggio alla scoperta della nuova linea prodotti che abbraccia il Wi-Fi 6 e le porte che superano il Gigabit per secondo, per cercare di andare a colmare quella lacuna che sta creandosi con quei provider che stanno iniziando sempre più a offrire maggiore banda rispetto all’ormai classico (si fa per dire) Gigabit in download.

Wifi/Connectivity. Use this image for free. Please link to Free-Hotspot.com. Attribution is appreciated.
Photo by Franck on Unsplash

Wi-Fi 6

Panacea di tutti i mali? No, evidente evoluzione di quanto abbiamo già a disposizione, un passo obbligato per i tedeschi di AVM che non mollano mai la presa quando si parla di ricerca, sviluppo e commercializzazione dei nuovi prodotti per le case dei privati cittadini, scelta (fiero di loro) sempre più confermata da diversi provider di connettività Internet sia pubblici che privati (dove per privati intendo quei player che possono essere chiamata in causa generalmente solo dalle aziende).

Se su queste pagine non hai ancora letto alcunché in merito alle offerte che superano (parlo di casa tua) il Gigabit asimettrico, è perché evidentemente non credo che si tratti di reale carne sul fuoco – almeno attualmente – bensì di furbe pratiche di marketing che portano certamente tanta pubblicità (positiva o negativa poco importa, “basta che se ne parli“) ma che poi nella pratica spesso si rivelano specchietti per quelle allodole che pensano che in casa propria si possa mandare un dispositivo oltre il Gigabit per secondo su Internet (ogni riferimento è puramente casuale e non voluto). Francesco ha parlato di questa cosa in una puntata del suo podcast e io voglio condividere quanto da lui affermato:

#218 – La fibra a 5Gbps

Cosa c’entra tutto questo con il Wi-Fi 6? Nulla in senso specifico, abbastanza se si pensa però che il Wi-Fi 6 permette di superare quelle limitazioni imposte dal più diffuso Wi-Fi 5 (vuoi approfondire? C’è un buon riferimento su Wikipedia in inglese: en.wikipedia.org/wiki/IEEE_802.11ac-2013) e consente di spingersi ben oltre quel “da 433 a 6933 Mbit/s” di massima velocità di collegamento ormai in essere dal 2014 (anno di adozione dello standard 802.11ac). Se fino a oggi ti ho ripetuto infinite volte che il collegamento con cavo non si batte, con il Wi-Fi 6 continuerò ad affermarlo con forza, pur concedendoti il fatto che uno smartphone (certamente non predisposto per un collegamento LAN tramite classico cavo ethernet RJ-45) potrà usufruire di “più gas” quando collegato alla rete interna di casa, permettendoti di sfruttare un segnale a 5/6 GHz più stabile e ampio e arrivando così a occupare un intervallo da 600 a 9608 Mbit/s di massima velocità di collegamento che sono la base dello standard IEEE 802.11ax, ovvero il più semplicemente conosciuto Wi-Fi 6.

Come posso sfruttare il Wi-Fi 6?

Partendo dal presupposto che a nulla serve un aggiornamento dei propri apparati di rete se non si possiedono dispositivi finali che possono sfruttare il Wi-Fi 6, quello che voglio fare oggi – come promesso in apertura articolo – è una articolo che possa fungere da panoramica alla scoperta dei nuovi prodotti AVM che ho avuto modo di testare sostituendo quella che è stata fino a poco tempo fa la configurazione di casa: una fibra ottica stesa da Open Fiber e venduta da Fastweb (con annesso FASTGate che devo decidermi a buttare in favore di ONT diretto), un FRITZ!Box 7590 (questo), un FRITZ!Repeater 3000 (questo) che copre la seconda metà di casa (le camere da letto) e che mi permette così di avere un segnale pulito a 5GHz che non va a scontrarsi con le numerose altre reti senza fili presenti in condominio.
All’occorrenza utilizzo quando necessario anche altri prodotti della famiglia AVM, ma non sto qui a elencarli perché non utili ai fini del discorso principali.

Naturale evoluzione dello scenario sopra descritto è quindi – a oggi – un FRITZ!Box 7590 AX e un FRITZ!Repeater 6000, una coppia che va perfettamente a braccetto :-)

Panoramica rapida del 7590 AX e del Repeater 6000

Il Wi-Fi 6 secondo AVM 1

Il router mette in evidenza:

  • DSL fino a 300 Mbit/s per tutte le connessioni DSL, dedicato a chi ancora non è raggiunto dalla fibra ottica a un Gigabit/s (profilo supervectoring VDSL 35b).
  • 4 porte LAN Gigabit, 1 porta WAN Gigabit, 2 porte USB 3.0.
  • Wi-Fi 6 (Wi-Fi IEEE 802.11ax, ac, n, g, a) fino a 2.400 Mbit/s + 1.200 Mbit/s.

Tutto confermato e migliorato rispetto al passato per quanto riguarda Mesh, MIMO multi-utente e Band Steering. Non importa quale dispositivo utilizzerai, potrai e dovrai scordarti di come il router penserà a farlo connettere e affacciare in rete locale e su Internet, senza “soffrire” nel caso in cui ci siano altri utilizzatori avari di banda sotto lo stesso tetto (senza considerare che c’è sempre la possibilità di dare maggiore priorità a specifici dispositivi da te scelti).

Il ripetitore porta invece con sé:

  • Punto di accesso Wi-Fi compatibile con tutti i router dotati degli standard radio 802.11ax/ac/n/g/a.
  • Wi-Fi a 2400 Mbit/s (5 GHz, 4 x 4, 80 MHz) + 2400 Mbit/s (5 GHz, 4 x 4, 80 MHz) + 1200 Mbit/s (2,4 GHz, 4 x 4, 80 MHz).
  • Una porta LAN 2,5 Gigabit (10/100/1.000/2.500 Mbit/s) e una porta LAN Gigabit (10/100/1.000 Mbit/s).

La scheda tecnica completa del FRITZ!Box 7590 AX è disponibile all’indirizzo it.avm.de/prodotti/fritzbox/fritzbox-7590-ax/dati-tecnici, quella del FRITZ!Repeater 6000 all’indirizzo it.avm.de/prodotti/fritzwlan/fritzrepeater-6000/dati-tecnici.

A bordo di entrambi c’è sempre FRITZ!OS ed è una sicurezza in fatto di facilità di utilizzo e disponibilità di opzioni che l’utilizzatore ha a disposizione per plasmare a proprio uso e consumo il prodotto senza incorrere in stupidi errori. Versione 7.31 sul 7590 AX, 7.29 sul Repeater 6000, a oggi che sto scrivendo questo articolo. Nel laboratorio di AVM c’è già la disponibilità del prossimo OS che porterà in dote svariate novità tra cui la possibilità di creare tunnel VPN con Wireguard, che uso già con assoluta soddisfazione già su Raspberry Pi (vedi Raspberry Pi: installare e configurare WireGuard con PiVPN) ma anche tramite Tailscale (di cui ancora devo parlarti).

Cosa cambia?

Se rispetto al passato non ho notato grandi differenze fisiche tra FRITZ!Repeater 3000 e FRITZ!Repeater 6000, ecco che il FRITZ!Box 7590 AX è decisamente cresciuto (non in larghezza quanto in altezza, si parla di dimensioni – L (larghezza) x H (altezza) x P (profondità) – che raggiungono i circa 254 x 63 x 191 mm) e si impone ancora più (rispetto al passato) come elemento centrale di una rete casalinga che ha bisogno di spazio per svolgere il proprio compito nel miglior modo possibile, lasciando respirare la componentistica e cercare di tenere le antenne (ben celate dalla scocca) quanto più libere possibili, per una migliore propagazione del segnale in tutti gli ambienti.

Io ho solo dovuto effettuare il backup delle impostazioni del mio 7590, portarle a bordo come si trattasse di un ripristino sul 7590 AX e mettere poi a posto il collegamento Mesh tra lui e il Repeater 6000, il resto è venuto da sé e non ho dovuto fare null’altro per vedere tornare operativa la mia rete casalinga nel momento in cui ho fisicamente sostituito il router principale e il repeater. Diciamo che in mezz’ora di lavoro ce la si cava ed ecco che si è approdati un un upgrade davvero importante per la propria connettività privata (o da piccolo ufficio).

L’outsider, il FRITZ!Box 4060

Il Wi-Fi 6 secondo AVM 10

Il FRITZ!Box 4060 è quello che gioca in un campionato differente dove non esiste più la vecchia ADSL e dove si inizia a parlare di quelle offerte che superano sul serio il Gigabit asimmetrico dedicato all’utenza casalinga. Il FRITZ!Box 4060 è infatti pensato per essere allacciato direttamente a una connessione ONT (o modem di altro produttore) tramite una porta WAN in grado di gestire in ingresso 2.5Gbit/s, distribuendo poi il tutto a 3 porte LAN Gigabit e un segnale senza fili che potrai sfruttare e/o replicare se lo ritieni necessario negli altri ambienti della casa.

Il Wi-Fi 6 secondo AVM 11

È chiaro che bisognerà rinunciare a qualcosa (parlo delle porte accessorie “in più” che offre un 7590 / 7590 AX), ma è altrettanto vero che questo è un router puro, pensato per un altro scopo finale e per sfruttare sul serio una fibra ottica in ingresso che possa dare quel qualcosa in più, pur non tralasciando che a qualcuno ancora serva oggi un cordless VoIP in casa, sempre disponibile, e per questo motivo ecco qualche caratteristica principale del prodotto:

  • Porta WAN principale da 2,5 Gigabit (10/100/1.000/2,5 GBase-T).
  • 3 porte LAN Gigabit (10/100/1.000 Base-T).
  • Punto di accesso Wi-Fi IEEE 802.11ax, ac, n, g, a.
  • 1 porta USB 3.0 per memoria, stampante e chiavetta radio mobile.
  • Base DECT per 6 telefoni cordless.
  • Wi-Fi 6 (Wi-Fi AX) fino a 2.400+2.400 Mbit/s (lorda) a 5 GHz e 1.200 Mbit/s (lorda) a 2,4 GHz.
  • Wi-Fi 5 fino a 1.733+1.733 Mbit/s (lorda) a 5 GHz und Wi-Fi 4 fino a 800 Mbit/s (lorda) a 2,4 GHz.
  • Compatibile con Wi-Fi 802.11g e 802.11a.
  • 4×4 MIMO multi-utente.

Il FRITZ!OS a bordo del FRITZ!Box 4060 è il 6.90, forse un pelo più indietro del dovuto ma non per questo meno valido. Sono certo che anch’esso approderà al nuovo OS 7 entro breve e che garantirà quelle novità che già gli altri prodotti della famiglia FRITZ!Box hanno potuto mettere a disposizione dell’utilizzatore finale. Se ti interessa dare una sbirciata alla sua scheda tecnica completa, la trovi all’indirizzo it.avm.de/prodotti/fritzbox/fritzbox-4060/dati-tecnici.

In conclusione

Il Wi-Fi 6 secondo AVM 3

AVM sta cercando ancora una volta di fornire all’utente l’hardware che merita per gestire al meglio la rete di casa propria. L’offerta dedicata al Wi-Fi 6 è importante, interessante e in alcuni casi gioca d’anticipo rispetto ai tempi, mettendosi a disposizione di quelle offerte che permettono di ottenere una connettività maggiore rispetto allo “standard” da un Gigabit/s tramite ONT (e quindi il cavo ethernet che andrà a prendere posto nella porta WAN) per arrivare fino all’attuale massimo (AVM) di 2,5Gbit/s, ridistribuito poi sulle porte Gigabit LAN e sul segnale senza fili del FRITZ!Box 4060. L’upgrade al nuovo standard di rete non è però economico (come sempre) e non è adatto a tutti.

Voglio che sia chiaro – come detto in apertura articolo – che non tutti i dispositivi attualmente in circolazione sono compatibili Wi-Fi 6, e per questo motivo è bene fare un’oggettiva valutazione per capire quanto possa essere sensato un acquisto simile, soprattutto se si sfrutta un’offerta di un provider che va oltre il Gigabit/s e che quindi “costringe” a scegliere un hardware pensato apposta per tenere a bada quella banda passante, per evitare di sprecare inutilmente delle buone risorse.

Il mio giudizio, visto in generale come pacchetto upgrade della linea prodotti casalinga, è chiaramente positivo, seppur non pieno perché devo pur sempre tenere un occhio sempre vigile sulla questione economica. La qualità si paga sempre, AVM non lo nasconde certamente quando si vanno a vedere i listini prezzi ufficiali.

Valutazione finale: 4.5

Io ti propongo sia il 6000 che il 3000 in vendita su Amazon, così come il 7590, il 7590 AX e il nuovo 4060. Se non vuoi spendere tutti questi soldi sul ripetitore di fascia più alta, sappi che i relativi fratelli minori (a eccezione del 4060) sono ancora più che validi e continuano a difendersi benone :-)

Il FRITZ!Box 7590 AX e il Repeater 6000 sono montati e funzionanti in casa mia. Se hai dubbi in merito o necessità di ulteriori informazioni non esitare a lasciare un commento a questo articolo per chiacchierare insieme. Il 4060 è stato rimesso nella sua scatola ma è pronto a scendere in campo nel caso in cui io decida di fare un upgrade della rete casalinga passando a diverso operatore (o magari facendomi allacciare alla rete 2,5Gbit/s di Fastweb, devo dare una sbirciata alla disponibilità!), andrebbe chiaramente a sostituire il 7590 AX portandomi via una sempre importante porta LAN (non sono mai abbastanza, ma si risolve abbastanza facilmente con uno switch di rete).

#StaySafe

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.
Se vuoi leggere le altre recensioni del Banco Prova fai clic qui.

Prodotto: tutti i prodotti di cui ho parlato nell'articolo sono stati forniti da AVM, che ringrazio come sempre per la collaborazione e pazienza!

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Subscribe
Notify of
guest

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments