Quello che Google sa di te (e anche di me)

| |

È uno di quegli articoli sempreverdi che non passa mai di moda, “il lupo nero” che la mamma utilizzava per metterci la giusta dose di paura addosso evitando così di farci mettere le mani sul fuoco o nella presa della corrente elettrica, un metodo da sempre odiato perché preferito alla spiegazione più complessa in stile “non si fa perché“, ma questo è tutt’altro discorso.

sergey-brin-wearing-google-glass-portrait-illustration_Fotor

I dati sono la risorsa più preziosa per il motore di ricerca più importante e conosciuto al mondo, voi siete dati, tutti i giorni, tutto il giorno, una continua cascata nelle loro macchine, nel loro spazio, non ve lo ha mai detto la mamma che nessuno regala niente in realtà? I suoi servizi sono ormai considerati fondamentali e tutti (o quasi) abbiamo una casella di posta GMail o uno smartphone Android (ma anche iOS)ch. Non avete mai avuto la curiosità di sapere cosa sa di voi Google? Ci sono alcuni indirizzi da conoscere per andare a consultare almeno in parte quei dati. Facciamoci insieme un’idea :-)

Una dashboard, tutto il mondo Google

Da qualche tempo ormai big G. ha realizzato e messo a disposizione di noi tutti una grande console attraverso la quale controllare statistiche (ma non solo) di ogni singolo servizio messo a disposizione, è una dashboard dalla quale potrete rilanciare rapidamente ogni sito web connesso all’azienda e al vostro account. Potete dargli un’occhiata (e optare per un reminder mensile che inviterà puntualmente a farlo successivamente) puntando il browser all’indirizzo google.com/settings/dashboard.

Partiamo dai fondamentali: le ricerche

Google è nato come motore di ricerca e come tale nella maggior parte dei casi (per tante persone almeno) viene utilizzato, è giusto quindi partire da quello (fatta eccezione per la Dashboard). Potete consultare la cronologia delle vostre ricerche sia per ciò che riguarda Google (motore principale) che per YouTube, trattandosi di un prodotto della stessa azienda. Rispettivamente potrete far riferimento a google.com/history e youtube.com/feed/history/search_history. Vi ricordo che aprendo una finestra di navigazione anonima (Firefox, Modalità Incognito invece per Chrome) le ricerche non verranno memorizzate all’interno della cronologia.

Google
Google
Developer: Google LLC
Price: Free
YouTube
YouTube
Developer: Google LLC
Price: Free

Sei stato per caso dall’amante?

È una vera e propria cronologia delle vostre posizioni, non necessariamente basata sull’utilizzo di Google Maps. Può andare bene uno smartphone, un checkin o qualsiasi altra cosa ricondotta al vostro account. Salvo un’opzione differente stabilita all’interno delle applicazioni di Google presenti sul vostro PC, telefono o tablet. Se siete stati dall’amante vi consiglio di far qualcosa per eliminare quelle posizioni ormai memorizzate e accessibili (ripeto: se non disattivate volutamente nelle applicazioni di Google) all’indirizzo maps.google.com/locationhistory. Vi chiedete se Google è in grado di mandarvi un killer specializzato in caso di necessità? Beh la risposta è davanti ai vostri occhi filtrando gli ultimi 30 giorni di spostamenti, volendo ;-)

Maps - Navigazione e trasporti
Maps - Navigazione e trasporti

Dimmi chi accede a cosa

Ovvero tutte quelle applicazioni, servizi di terze parti e hardware che in qualche modo comunica con il vostro account Google ed a ciascuno dei suoi servizi e siti web annessi. Non preoccupatevi se troverete sconfinate praterie di schifezze in grado di accedere ai vostri dati, da questa stessa schermata potrete revocare ogni singolo accesso conoscendone prima l’accesso dettagliato, vi basterà puntare il vostro browser all’indirizzo security.google.com/settings/security/permissions.

Pubblicità, alla base di tutto

La pubblicità è l’anima del commercio, si parla quindi di Google Ads, con dati basati sul vostro account e sulla vostra navigazione, google.com/settings/ads vi darà accesso ad abitudini, target, età / sesso / dati personali raccolti grazie a voi o per calcoli degli script di Google stesso. Da qui potrete disattivare inoltre disattivare gli annunci basati sui vostri interessi nei siti specifici dei servizi di Google (GMail, Maps, ecc.) e nella semplice ricerca web. Esiste inoltre un componente aggiuntivo che permette di disattivare il tracciamento di Google Analytics da installare direttamente nel vostro browser, potete scoprirne di più visitando la pagina tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it.

Controllo di sicurezza dell’account

Si tratta della pagina che riassume i dettagli del vostro account, la stessa all’interno della quale vengono riepilogate anche le policy di sicurezza che lo regolano, dalla quale potrete ritoccare il piano dati a disposizione (lo spazio utilizzato da GMail o dal backup delle foto, giusto per capirci), modificare la password e molto altro ancora, un coltellino svizzero da non sottovalutare affatto, si accede tramite  accounts.google.com.

Verifica in due passaggi

È uno di quegli argomenti di cui vi parlo mille volte e che spero sia entrato ormai nel vostro quotidiano. Più che scoprire cosa Google sa di voi in questo caso sarebbe il caso di mettere tra voi e una terza parte qualsiasi (Google compresa, ndr) uno strato di sicurezza in più. Alla pagina google.com/intl/it/landing/2step troverete istruzioni e tour. Nel caso in cui siate già registrati troverete i vostri dettagli, i codici di backup, il numero di cellulare associato e qualsiasi ulteriore dettaglio, ultimo dettaglio curioso è la data dalla quale Google “vi protegge” tramite la verifica in due passaggi.

ICE: In Case of Emergency

È un prendi tutto e scappa, nel caso in cui voleste fare un fagotto per migrare sull’isola che non c’è oppure nel caso in cui vogliate mettere al sicuro tutto ciò che vi riguarda prima di una improbabile ma eventuale apocalisse in casa Google. Accedete a google.com/takeout e richiedete il download di ciò che vi spetta.

In conclusione

Penso sia importante conoscere il più possibile ciò che ci riguarda e che seminiamo –volenti o nolenti– sul web, soprattutto quando si parla di servizi così importanti come quelli messi a disposizione da Google. La maggior parte di quanto esposto nell’articolo è riassunto nella pagina ufficiale di Google all’indirizzo google.com/goodtoknow/online-safety/security-tools dove troverete inoltre ulteriori informazioni, e nel caso in cui aveste altri suggerimenti per includere altre voci beh, fatevi avanti nei commenti! :-)

×

Attenzione

Quello che Google sa di te (e anche di me) 1Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: