AVM FRITZ!Box 4040: mai cascata fu più perfetta

Gioxx  —  17/03/2017 — 48 Comments

Se pensi che un top di gamma faccia sempre la differenza, ti stai sbagliando. In questo periodo ho messo mano su diversi prodotti AVM, alcuni facenti parte della nuova serie da poco lanciata, tutti di qualità, tutti con una loro storia e una ricerca tecnologica importante. In alcuni casi però serve ridimensionarsi perché –in base all’esigenza– nella botte piccola c’è il vino buono, è per questo motivo che ho messo alla prova il FRITZ!Box 4040 ;-)

AVM FRITZ!Box 4040

Solito stile inconfondibile, colori, qualità costruttiva, tutto. Un FRITZ!Box va oltre la scocca che siamo abituati a vedere quando si apre la sua scatola (che per la cronaca, adoro, si apre e chiude con facilità ogni volta), FRITZ!Box è disponibilità di porte, è sistema operativo (FRITZ!Os è ciò su cui voglio focalizzarmi un po’ di più), è possibilità di condividere facilmente una stampante o un disco fisso USB senza avere un NAS (perché lo emula basandosi sul drive esterno), è WiFi a 2,4 e 5 GHz, dove quest’ultima offre (come forse già saprai) un segnale migliore, più stabile, più pulito (grazie alla quantità di canali a disposizione), più veloce.

Pronto, chi è?!?

Metto subito le mani avanti e te lo dico chiaramente: non ho mai montato un telefono fisso in casa nostra, non ho mai voluto farlo e mai (spero) lo farò, è una cosa che mi sono lasciato alle spalle, a casa dei genitori. Ritengo che casa propria debba mettere sempre a disposizione un’ottima copertura di rete internet (in fibra ottica) e LAN (cablata dove possibile), ma per le telefonate preferisco fare uso degli smartphone (ne abbiamo 3 sotto lo stesso tetto, bastano e –in realtà– avanzano).

FRITZ!Box 4040, al contrario del suo fratello maggiore 7560 (di cui presto ti parlerò), non offre porte DECT, pace all’anima loro direbbe qualcuno. Il FRITZ!Box 4040 è ufficialmente un router da cascata.

Router da che?

Posso capirti se ti verrà da storcere il naso, ma è molto più semplice di ciò che potresti arrivare a pensare tramite ragionamenti contorti. Molto spesso, salvo il risultato messo a punto (e in commercio) da Fastweb con il neonato FASTGate, sul quale spero di poter mettere mano quanto prima, molti dei router scelti, talvolta personalizzati e poi commercializzati dagli operatori di linea fissa non sono adatti alle nuove esigenze. Problemi di copertura WiFi, potenza di calcolo non adatta, riavvii che diventano più comuni degli starnuti per un allergico in primavera. L’hardware invecchia, è inevitabile, spesso nasce già vecchio e viene spacciato per ideale per l’esigenza media, il problema nasce quando si va fuori da quella media, da qui in poi è un susseguirsi di inutili telefonate al supporto tecnico (all’estero, nda), senza apparente luce in fondo al tunnel.

È proprio per questo motivo che spesso si opta per l’acquisto di un router di fascia ben più alta, da collegare a quello fornito dall’operatore, sarà “l’unico client” e si prenderà cura a sua volta di tutto il resto della ciurma. Sarà lui a fornire il segnale WiFi (a te, ma anche agli ospiti che verranno separati dalle risorse della rete locale), sempre lui a essere realmente amministrato, l’altro continuerà a rimanere la “porta verso internet“. Questo ragionamento ti libera dai vincoli legati all’operatore. A prescindere da chi esso sia, la tua rete continuerà a rimanere configurata così come l’hai pensata, con le tue reservation sul DHCP, con i servizi, con tutto (preso con le dovute pinze, ovviamente).

FRITZ!Box 4040

AVM FRITZ!Box 4040 1

4 porte LAN in Gigabit che possono essere utilizzare anche in 10/100 per risparmiare energia (e per quegli apparati un po’ più vecchi, evidentemente), una porta USB 3.0 che può essere utilizzata per scambiare dati con un disco esterno molto rapidamente, lasciando alla porta USB 2.0 (presente anch’essa, ma lateralmente) alla stampante da condividere sui PC e smartphone della famiglia. Contrariamente a un modem completo, la porta WAN qui è separata (nasce appositamente per questo, come già detto qualche riga fa), non dovrai quindi sacrificarne una LAN. Per una particolare configurazione dell’OS, puoi pensare di lasciare la LAN4 a un allaccio ethernet ospite, un po’ come funziona con una qualsivoglia WiFi Guest.

Un pulsante per il collegamento rapido dei dispositivi (WPS) che per scelta tendo sempre a disabilitare, uno per spegnere rapidamente i segnali WiFi erogati dal router (anche questo, salvo nel caso in cui tu sia paranoico riguardo le onde radio, può rimanere sempre disattivato).

È tutta questione di OS

Se per le donne oltre le gambe c’è di più, lo stesso principio può valere per un router, fermo restando che al posto delle gambe qui c’è una scocca di plastica dura. Il vero cuore di un FRITZ!Box è il suo sistema operativo, ciò che tutto muove e che cerca di adattarsi quanto più possibile alle esigenze del suo utilizzatore. FRITZ!OS, nella sua versione 6.55 che è già stata superata (ma non ancora disponibile su questo FRITZ!Box, nda), permette di controllare ogni dettaglio della rete.

Nello specifico caso (router a cascata) ti basterà collegare il FRITZ!Box 4040 a una qualunque porta del router fornito dal provider. A quel punto lascia che sia lui a cercare la strada verso internet, prendendo un IP auto-assegnato (da Internet → Dati di accesso):

AVM FRITZ!Box 4040 2

Non serviranno altri dati di accesso, potrai al massimo specificare la velocità massima di download e upload subito sotto. Una volta applicata la modifica, il router dovrebbe collegarsi a internet (attendi giusto qualche secondo). Puoi, spostandoti sulla scheda Server DNS, impostare diversi server DNS rispetto a quelli stabiliti dal provider, io ad esempio ho scelto quelli di Google.

Puoi, sempre da questa area, gestire il Parental Control, la priorità delle applicazioni (chi potrà chiedere maggiore velocità di rete, chi meno quando c’è più saturazione), i profili di accesso per autorizzare (o negare) determinate azioni, programmi, con e senza limitazioni di tempo (molto utile per ospiti, o per figli particolarmente testardi che continuano a preferire chiudersi in casa anziché uscire a giocare con gli amici).

Ma FRITZ!OS è anche monitoraggio, in particolar modo di tutto ciò che si allaccia alla rete e che richiede connettività. Un vero addetto ai lavori potrebbe provare piacere (un po’ mi è successo, lo ammetto e torno a nascondermi) nel vedere chi chiede cosa. Tutti i dispositivi, in una schermata riepilogativa, corrispondono a una quantità di Megabit al secondo che stanno utilizzando, per cercare di capire al meglio di cosa ha realmente bisogno la tua configurazione casalinga.

AVM FRITZ!Box 4040 3

È grosso modo sempre da qui che potrai anche gestire porte (da abilitare, magari per un accesso dall’esterno utilizzando l’IP pubblico del router del provider internet), gestire i dettagli di ciascun prodotto e, nel caso in cui nella rete ci sia un altro dispositivo FRITZ!, aggiornargli il firmware in pochi clic :-)

È che in realtà queste sono solo alcune delle mille funzioni messe a disposizione dal FRITZ!OS, per spiegarle tutte non basterebbe un manuale (che esiste, certo, ma nulla sostituisce la pratica e la configurazione adatta a te). Mal che vada, in caso di emergenza e l’apparente danno fatto (tipo non so, chiuderti fuori dalla porta principale e pure quella di servizio), c’è sempre l’IP di emergenza (trovi qui il documento ufficiale che ti spiega come fare, anche se è stato pensato e scritto per un diverso prodotto).

Ci si trova qualche difetto?

Beh si, come in tutte le cose. Si può spaziare dalla banalità più stupida (quella legata alla pura estetica dell’oggetto, che può non piacere a tutti) a quella un po’ meno stupida, come l’impossibilità di pilotare i led che segnalano lo stato del router (cosa che avevo sul precedente prodotto, facilmente implementabile) e che possono essere fastidiose se qualcuno dorme nella stessa stanza del router.

Certo posso controllare ogni dispositivo FRITZ!, aggiornarlo, verificare che tutto vada liscio, ma è anche vero che una nuova versione del sistema operativo deve poter arrivare (secondo me) quasi subito anche sui prodotti di serie inferiore (vedi il caso del FRITZ!Box 4040 e del 7560).

Tutto comunque evapora in una nuvola di fumo quando puoi scendere nel dettaglio e modificare la velocità delle porte, verificare i consumi (anche energetici, non banale), modificare la priorità di applicazioni e protocolli utilizzato all’interno della rete e altro ancora.

Se poi pensi che ci sia un po’ più di difficoltà nel trovare voci banali come le reservation DHCP o il Port Forwarding beh, potresti aver ragione. Ho visto fare di meglio (in usabilità) da altri produttori, ma è anche vero che una bilancia deve poter avere due piatti e non sempre li si riesce ad allineare perfettamente. Se togli da un lato, probabilmente metti qualcosa in più sull’altro piatto.

Trovo che FRITZ!Box 4040 sia un prodotto completo e affidabile. Adatto a svolgere il lavoro pesante e prendersi cura di casa tua, della sua connettività interna ed esterna, coccolando quanto basta i tuoi dispositivi, senza mai fargli mancare nulla (a meno che non sia tu a volerlo, e quindi impostarlo). Il prezzo, che è un fattore che tendo a tenere sempre alla fine di ogni mio pezzo (o quasi) è commisurato a ciò che si ottiene. Comprando FRITZ!Box 4040 su Amazon si spendono poco meno di 100€ (99 di listino, circa 87 il prezzo applicato al pubblico). Giusto per completare il quadretto, sappi che il mio nuovo 4040 lavora in coppia con il set Powerline 1220E di cui ti ho già parlato:

Sei già abituato a utilizzare FRITZ!OS? Hai già un dispositivo FRITZ! in casa? Se si, come ti trovi? E quale prodotto hai? Parliamone nei commenti! :-)

ATTENZIONE: Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da AVM Italia, ho potuto tenerlo al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
  • Completamente d’accordo sulla qualità di questo marchio, sia dal punto di vista costruttivo che cura nei particolari. Eccellente inoltre l’OS a livello di caratteristiche e funzionalità

  • Magari bisogna solo sperare in uno svecchiamento di linea per il prossimo futuro, qualcosa che possa dare una svolta all’ormai classica doppia pinna di squalo e “libro chiuso” ;-)

  • Ma anche no, non sarà bellissimo ma è caratteristico. Al limite prevederei la possibilità di tenerlo in verticale.

  • Il verticale non è sempre comodo, dipende dal posizionamento del router :-D

  • manoah cammarano

    Ho avuto per un po di tempo il 3490, che dovrebbe essere il top di gamma senza telefonia, dopo 2 mesi a chiacchierare con l’assistenza per innumerevoli problemi l’ho reso. Hardware veramente scadente vista la fascia di prezzo, plasticoso e troppo ingombrante, se lo si apre è tutta plastica con immensi spazi vuoti.

    Sistema veramente basilare, se vuoi mettere mano a qualche opzione in più non è fattibile, velocità delle usb scandalosamente bassa (4-5 Mb/s quando andava bene).
    copertura wi fi ridicola, un modem della tp-link da 20 euro prendeva meglio in tutta la casa.
    Stabilità della linea pessima, spesso avevo disconnessioni e prendevo sempre 1-2 mega in meno rispetto ad altri modem meno blasonati e che costavano la metà…
    Mai più FritzBox per me

  • Devo dire che non hai avuto una gran bella esperienza, me ne rendo conto. Io posso parlare (e l’ho già fatto) per il 4040, che ora ho in produzione in casa. Segnale WiFi perfetto (con ottima ricezione ovunque, cortile compreso, e sono al quarto piano), le USB le ignoro poiché utilizzo un NAS collegato a una delle porte LAN in gigabit (tutto perfetto e veloce), stabilità di linea idem, da quando è acceso ho dovuto riavviarlo esclusivamente per l’aggiornamento di Fritz!OS alla 6.80.

    Per quanto riguarda la plasticosità non commento, non piace molto neanche a me, ma contraddistingue il marchio e “fa abituare l’occhio” (anche se pare che finalmente stia cambiando la rotta, e sono molto felice di questo), per gli spazi vuoti non è un male, vengono tenuti per una migliore dissipazione di calore (anche se ovviamente ti ingombra di più il prodotto finale).

    Su TP-Link non ho molto da dire, la uso da molti anni ormai per diversi dispositivi (e router a casa di amici e parenti), è una marca che si fa valere e che tiene un prezzo estremamente competitivo :-)

  • manoah cammarano

    adesso ho un asus ac68u ma sto per cambiarlo con un netgear r7800, spero in un offerta di amazon in questa settimana delle offerte network, l’alternativa era l’asus ac87u che è a 150 euro in offerta su amazon. Molto bello ma ha una sola usb 3.0 e non tutti ne parlano molto bene.
    Vorrei prendere anche io un nas ma costicchia un po troppo uno a due baie + hard disk, per ora arrangio cosi con la eSata del 7800

  • Sali di categoria sicuramente (sia con alcuni modelli Asus che Netgear). Il NAS è certamente un discreto investimento, ma ti cambia la vita in meglio. La centralizzazione dei dati è qualcosa di meraviglioso, controllabile in ogni suo dettaglio e che ti permette di abbandonare definitivamente i dischi esterni, se non per portartene dietro uno di cui potresti aver bisogno quando sei in mobilità, ammesso che tu non abbia una connessione casalinga veloce (perché altrimenti piloti il tutto con le applicazioni sullo smartphone). Ne ho parlato qui: https://gioxx.org/2017/02/13/synology-ds216j/

  • manoah cammarano

    infatti era proprio il modello che avevo puntato, una baia solo è troppo riduttiva, ma quello da 2 costa un po…
    Alla fine io lo userei per il download manager e quando riparo dei pc per poter poi installare i vari software senza collegare pennette e hard disk in usb.
    E’ una spesa un po eccessiva per il mio scopo ma alla fine i due router che avevo puntato li ho scelti proprio perchè hanno un client torrent integrato e si possono “adattare come nas” specialmente il netgear con la porta eSata, ma non so se il prezzo vale la candela, o se è meglio spendere 170 euro per il nas rispetto ai 30 per il box eSata.
    Perchè ad ogni modo devo sostituire il router, i dischi prenderei sempre i wd red che sono in assoluto i migliori…
    Non ne sono ancora troppo convinto di fare questo passo

  • Va fatta certamente una buona valutazione. Perché se spendere meno soldi equivale in seguito ad avere meno velocità e stabilità nel trasferimento dati (che poi è quello che principalmente ricerchi), allora vale il vecchio detto “chi meno spende, più spende”, senza considerare la praticità dell’avere quel punto unico che raccoglie tutto. La base però non varia: non si spendono soldi se non credi ce ne sia realmente bisogno :-)

  • manoah cammarano

    Concordo in pieno, ma più il tempo passa più vorrei realizzarlo. Se mi decido prendo il synology ds216j con un WD da 3 tera per iniziare. Devo trovare il coraggio di premere “acquista”. Ma mi farebbe proprio comodo con i film che scarico, i pc che formatto e i programmi da installare ogni volta. Magari trovo qualche guida per installare Windows tramite rete da una iso sul nas, questo mi spingerebbe verso l inesorabile acquisto

  • Si, quel tasto può far paura ;-p
    Io allo stato attuale ho la soluzione 2Tb+2, ma il prossimo passo (con calma) sarà raddoppiare quello spazio totale.

  • manoah cammarano

    Io non lavorandoci ne avendo dati fondamentali sarei orientato verso la soluzione per sfruttare tutti i dischi, senza ridondanza. Tento più che il mio hard disk esterno da 2tb è al limite tra backup video foto e film. Speravo in qualche offerta in questa settimana ma le mie speranze vengono meno

  • Io ti posso dire la mia: l’ultima volta che ho affidato a un WD MyBook video, foto e film me ne sono dovuto pentire (si fa per dire, tutta roba recuperabile o quasi), dopo circa 2 anni dalla prima volta che era stato acceso. Da quel momento (anche se si tratta di file che vengono scritti e poi cancellati entro stretto giro) sono passato al RAID 1.

  • manoah cammarano

    Stavo facendo due calcoli, io il nas lo userei anche per quando riparo pc, formattazione e backup, dato che il router è lontano dalla mia sala di lavoro posso avere tutta la potenza del mondo, ma se mi collego con un portatile da riparare con wi fi g a 54 Mbps ci faccio poco, pensavo ad un repeater wireless ac con Gigabit, in modo da poterlo sfruttare in più modi possibili, questo mi sembra il migliore per qualità prezzo, ho escluso i powerline per il costo TP-Link Range Extender Wi-Fi AC1750 RE450(EU) Dual Band, Ripetitore Rete Wi-Fi 3 Antenne Esterne, Porta Gigabit Ethernet, Modalità High Speed https://www.amazon.it/dp/B010RXXY48/ref=cm_sw_r_cp_apa_xQw4ybC1G9F6X

  • Pingback: Un'occhiata ad AVM FRITZ!Box 7560, per chi ha ancora ADSL - Gioxx's Wall()

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Ciao, scusami se ti disturbo, ho un TD 8970 v1, purtroppo non mi funziona più l’wifi, cerco un degno sostituto, quale modem router mi consigli ? ho un budget di 80 euro, massimo 100 euro, ho una adsl Tiscali da 7 mega, 20 da contratto.

  • Io resto del mio parere. Quel FritzBox 4040 è ancora lì, fa un gran lavoro e non sbaglia un colpo. Non viene mai riavviato, tiene in piedi la rete interna di casa meravigliosamente, WiFi sempre stabilissimo e periferiche collegate con cavo che vanno spedite e dritte meglio di un’autostrada. Tornassi indietro, lo ricomprerei a occhi chiusi. Il budget è esattamente quello che ti sei prefissato.

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Ciao, ti ringrazio per avermi risposto, io però cercavo un modem /router, in questo caso quale device mi consigli ?

  • Mettiamola così: a settembre uscirà il 7590 (nuovo FritzBox, diverso per tanti aspetti), basterà attendere (credo) molto poco per veder scendere il prezzo del 7490, attuale top di gamma: https://it.avm.de/prodotti/fritzbox/fritzbox-7490/

    Altrimenti, soprattutto in base alle tue esigenze di copertura (grandezza appartamento, quanti piani, necessità di arrivare in cortile -per esempio- ecc.) si possono valutare anche altre soluzioni più economiche ma, per esperienza personale, talvolta meno affidabili.

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Ciao, io non posso aspettare a settembre perché sul mio tp 8970 v1 ho l’wifi che non funziona, e poi il 7590 è completamente fuori budget, ho un appartamento di circa 100 mq, il modem si trova nella mia camera sotto una mensola, la mi camera si trova nel lato destro della casa, al lato opposto della casa si trova il salotto dove passa un grosso muro maestro, nel salotto con l’8970 perdevo il segnale per cui mi serve una buona copertura wifi, cerco un prodotto robusto con un ottima qualità costruttiva che mi duri per anni. Quale altro device mi consigli ?

  • Hai già provato a dare un’occhiata alla serie attuale proposta da ASUS? https://www.asus.com/it/Networking/Wireless-Routers-products/

    Calcola però che nella stessa frase “ottima fattura” e “prezzo basso” si scontrano un pochetto. In casi come quello tuo l’alternativa è pensare a marche magari un po’ più sconosciute, ma che offrono grandi coperture, per capirci: http://amzn.to/2um36W0 (occhio, il prezzo è non da buon mercato e fa quasi competizione a marche blasonate, ma mi confermano che è in grado di avere una portata il 30% circa più potente sia in 2,4 che 5 GHz).

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Innanzi tutto ti ringrazio per i consigli, gli Asus gli avevo valutati, il chipset mediatek ho letto che è inferiore al Broadcom ma visto che quelli che mi hai indicato sono router il problema non si pone.

    Si capisco ad’un prezzo basso non posso avere molte pretese, diciamo che cerco il meglio che offre il mercato per una determinata fascia di prezzo.

    Mi hai letto nel pensiero l’AFOUNDRY che mi hai mostrato l’avevo ad’occhiato qualche giorno fa, mi sembra proprio ottimo, però mi serve sempre anche un modem, secondo te a senso collegare a cascata l’AFOUNDRY a un TP link 8960v5 ? Io pensavo più all’AFOUNDRY EW 500 che costa meno. C’è anche questo che è ottimo : http://www.linksys.com/us/support-product?pid=01t80000003pjNKAAY, ma sono decisamente fuori budget se calcolo il costo del modem.

  • Il LinkSys che hai citato è sicuramente un bel router, ma è chiaramente fuori dal budget che ti sei posto. A questo punto può anche andare bene una cascata con un modem di più bassa fascia, per ottenere una spesa finale più limitata. Ergo: un buon AP WiFi in coppia con un modem comune.

    A questo punto è un tana libera tutti, va bene l’accoppiata che hai riportato, anche se continuo a preferire la strada dell’investimento un pelo più alto ma che ti garantisca maggiori prestazioni e affidabilità ;-)

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Ciao, ho letto adesso la tua risposta, riguardo l’affidabilità e la stabilità di un prodotto mi trovi d’accordo, per quanto riguarda le prestazioni nel mio caso sono completamente inutili, voglio dire che ho una banale linea da 7 mega, anche con un un device super performante non cambierebbe niente, io punto tutto sull’affidabilità, stabilità e qualità costruttiva, alcuni mi dicevano che l’acquisto di un router come i modelli citati non giustificano la spesa, prenderli solo per avere una maggiore copertura wifi è uno spreco.

    L’ accoppiata Access point più modem la trovo un’ottima idea, ad’esempio quali prodotti consigli per questa configurazione ?

    Per quanto riguarda l’investimento più alto a quale device ti riferisci ?

  • In realtà -per ciò che mi riguarda ovviamente- l’affidabilità è tanto della LAN quanto della rete internet. Tu hai una 7 Mbit/s verso internet, ma non all’interno di casa tua. Intendo: io gioco con NAS, Media Player, ChromeCast e qualsiasi altra diavoleria che sfrutta la LAN.

    Inviare (per esempio) un file video ad alta risoluzione in streaming verso il televisore utilizza la banda messa a disposizione dal router nella LAN casalinga, nulla c’entra internet. Se il router non è affidabile, lo streaming risulta lento, a scatti, una schifezza che non ti permette di guardare assolutamente nulla. La stessa cosa vale per un NAS o qualsiasi suo “equivalente” (anche un banale disco di rete USB attaccato al modem / router).

    Per l’accoppiata di cui mi chiedi: ho già fatto molti esempi nei commenti sopra, non saprei che altro consigliarti ormai :-) (il modem, banalmente, va benissimo quello messo a disposizione dal tuo provider, sul quale spegnere il segnale WiFi, lasciando che un access point a cascata faccia quello sporco lavoro).

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Scusami se ti rispondo in ritardo, a dire la verità pensavo la banda disponibile nella LAN cambiava a seconda della linea adsl, forse mi sto confondendo tra velocità e banda. In un noto forum come mi hai confermato anche tu dicono che la soluzione migliore è l’accoppiata con il modem messo a disposizione dal provider e il router fritz box 4040, ad’essere sincero non so quale sia il modem fornito da Tiscali. Una curiosità, visto che citavi il media player volevo appunto chiederti quale media player usi ?

  • Sì, stai facendo un pelo di confusione tra rete interna (locale, solo dentro casa tua) ed esterna (internet, da casa tua verso fuori e da fuori verso casa tua). Plex, ma questo non c’entra nulla con l’articolo e con la discussione che stiamo avendo ;-)

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Capisco sono due cose diverse ovviamente, la rete locale come mi spiegavi serve per connettere i dispositivi interni, se devo trasferire file in wifi tra smartphone e PC o viceversa, oppure se devo fare lo streaming tra un media player e un file condiviso in rete, si la rete esterna in pratica è internet, da fuori verso casa penso che ti riferisci a una rete wifi come il 4G.

    In entrambi i casi non ho idea se mi servirebbero prestazioni elevate sia in Lan che in wifi, il TP 8970 in wifi arriva a 300Mbps e in Lan le Gigabit arrivano 1000 mega.

  • “Da fuori verso casa” intendo la connessione messa a disposizione dal provider (quindi ADSL / Fibra), il 4G è un’altra cosa ancora (e quella riguarda i dispositivi che fanno uso di LTE) ;-)

    In ogni caso, se non hai esigenze particolari, puoi tranquillamente rimanere su standard da 2,4GHz (anche se io ormai li sconsiglio e preferisco il 5GHz) per la WiFi e 10/100 Mbps per la LAN (a meno che tu non abbia delle periferiche importanti, come un NAS, al quale dare certamente una porta in Gigabit).

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Grazie per i consigli, ormai quasi tutti i dispositivi sono dotati della 5GHz in wifi e delle porte Gigabit, si per le mie esigenze credo che mi basta anche la 2,4GHz e le porte fast fino a 100 Mbps, ovviamente mi riferisco sempre alla rete locale, per ora non ho un NAS, ho intenzione di prendere un raspberry installarci openelec e fare lo streaming dei file 1080p condivisi in rete.

  • Per fare quello che vuoi, ti consiglio caldamente rete in gigabit (cablata) e 5GHz WiFi.

  • VY Canis Majoris ★★★★★

    Perfetto, grazie ancora per i consigli e la disponibilità.

  • You’re welcome :-)

  • Claudio Federico

    Ciao ho letto i tuoi articoli sui prodotti AVM. Volevo chiederti un consiglio. La mi situazione è la seguente: ADSL Fastweb con modem fastweb che gestisce Lan e Wifi (in maniera pessima). La lan esce e va subito su un Powerline (tplink AV500) che arriva alla postazione PC dove si collega a PC Desktop, Notebook e hard disk di rete.
    in salone invece dal powerline si collega a Smarttv e Appletv.
    per migliorare il tutto vorrei comprare il Fritzbox 4040 da collegare in cascata tra il modem fastweb e il powerline, pensi sia una buona soluzione? pensi che cambiare anche il Powerline con un AV1000 possa migliorare la velocità?

    ciao e grazie

  • Ciao Claudio. Per come mi hai raccontato il tuo caso, è un po’ simile a quello che ho avuto necessità di riprodurre io.

    A cascata sul modem originale di Fastweb (sul quale ho spento la parte WiFi lasciando viva solo la LAN) ho messo il 4040 di cui parlo in questo articolo. Una delle porte del 4040 è occupata da un cavo di rete che va dentro il set di PowerLine 1220E di cui ho parlato qui: https://gioxx.org/2017/03/08/avm-fritz-powerline-1220e-set/

    Dal PowerLine “sorgente” attraverso l’impianto elettrico e arrivo (sempre con cavo) a un media center che tengo nel ripostiglio, in un piccolo spazio a lui dedicato (no monitor, solo controllo remoto). Nel tuo caso, ovviamente, hai bisogno molto probabilmente di PowerLine che diano a loro volta un segnale WiFi, quindi probabilmente andrei verso il set 1240E (ne parlavo qui: https://gioxx.org/2016/04/29/avm-fritzpowerline-1240e-wlan-set/ ) o superiore.

    Ti confermo che in linea generale la velocità della soluzione con il 4040 a cascata e i PowerLine giusti è ottimale, lavora bene e mi permette di godere di una buona connettività interna per la casa.

  • Joel

    Ciao Gioox, avrei delle domande da farti. Spero tu possa rispondere.

    1) Perché dici che i dati d’accesso non servono? Se non metto timadsl nei due campi, a me non funziona nulla.
    2) Perché da te la dicitura WAN risulta “connesso” mentre da me “disconnesso”?
    3) Perché ho problemi di connessione con questo router? Naviga, ma spesso va in time-out su browser e app provocando grossi disagi.

    Un saluto

  • Ciao Joel. Tutti i test eseguiti per scrivere l’articolo poco sopra, hanno alla base connettività Fastweb e il suo relativo modem fornito dal provider, non ho quindi fatto nessun test con TIM, ergo:

    1) I dati di accesso nel mio caso non sono serviti, perché è il modem di Fastweb a occuparsi della prima connessione, a quel punto il 4040 messo a cascata (come specificato nell’articolo) è solo uno dei “client” (si fa per dire) allacciati al modem principale.
    2) WAN risulta connessa perché in tale maniera funziona la cascata. Dal modem di Fastweb al 4040 ho collegato un cavo di rete che occupa la porta WAN di quest’ultimo.
    3) Non saprei, non c’è un motivo universale che potrei dirti di verificare / modificare, bisognerebbe controllare com’è stato configurato, sapere se c’è un modem prima del router, ecc. (solo provando a fare una ricerca su Google con il 4040 in cascata al modem TIM, escono fuori una marea di risultati e discussioni! ;-)).

  • Joel

    Quindi tu non l’hai messo come router in cascata ma come access point, lasciando al router schifoso dell’operatore il compito di router e non di solo modem, ho capito bene?

  • Hai capito male. Come scritto nell’articolo, il 4040 è il router di casa, solo lui è connesso al technicolor di Fastweb. Tutti i miei dispositivi sono connessi al 4040 (sia WiFi, sia cablati). Il collegamento tra modem Fastweb e 4040 è stato effettuato tramite porta LAN del Technicolor (la porta 1) e WAN del 4040.

  • Joel

    Sì, ma se tu non hai disattivato tutto dal Fastweb, es. NAT e firewall, il Fritz non è il vero router

  • Ho un IP pubblico, le porte vengono aperte e girate sul Fritz che le gestisce secondo mia specifica esigenza, il Firewall funziona sul Fritz. Non capisco dove tu voglia arrivare, magari mi sta sfuggendo qualcosa.

  • Joel

    Io ho provato a configurarlo come hai selezionato tu ma si comporta da access point convivente con un router, non da router unico. Boh?

  • È ciò che intendevo prima (ma davvero, ci siamo capiti male e siamo andati su tutt’altra cosa): io non conosco la configurazione da seguire con TIM (ho avuto modo di provare tempo fa il loro modem fornito e posso solo confermare che è troppo limitato).

    Con Fastweb questa è l’unica che ti consente un allineamento migliore e qualche Mbit/s in più da sfruttare, soprattutto per chi ha il cavo fibra (FTTH) e un router che non lo supporta (perché provvisto solo di porta WAN). Ti assicuro che da ciò che vedo nel Technicolor, questo non rileva il mio 4040 come Access Point, bensì come ulteriore router. Da lì in poi, io mi limito a configurare il 4040, il modem di Fastweb è relegato alla sola prima connessione.

    Le configurazioni però cambiano (ma questo lo sai già certamente), quindi ti consiglio caldamente di fare riferimento a una documentazione ufficiale TIM (ammesso esista, come succede già per Fastweb) o a una community Fritz, come http://www.fritzbox-forum.com (non ufficiale, ma molto frequentata, ho trovato spesso buoni riferimenti in passato).

  • Joel

    Grazie, io infatti ho selezionato un’altra voce dalla lista.

  • Figurati. Mi avrebbe fatto piacere poterti essere di maggiore aiuto, ma avrei necessità di una connessione sorgente TIM per poter fare tutti i test del caso con il 4040 (e capire quindi come configurarlo al meglio).

  • Joel

    Io comunque sto avendo problemi con questo prodotto. Ha i time out di cui ti ho parlato.

  • Roba che onestamente non mi è mai capitata. Io sono molto contento al contrario, perché non fallisce un colpo ed è sempre operativo h24 senza mai stancarsi. Non ho mai rilevato time out e le risposte da e verso internet sono immediate.