Curve: una carta per domarle, una carta per trovarle e nel portafoglio incatenarle

| |

Mi merito una tirata d’orecchi solo per aver storpiato così la poesia dell’Anello, me ne rendo conto da solo e faccio un po’ ammenda. Il senso però è un po’ quello del domarle tutte, nello specifico caso però si tratta delle carte di debito o credito che hai nel tuo portafogli. Che si tratti di quelle messe a disposizione dalla tua banca o di quelle ricaricabili che puoi facilmente procurarti online poco importa, Curve – questo il nome del prodotto – nasce per fare da raccoglitore e gateway verso tutte le tue carte, permettendoti di girare con un portafogli più scarico e un punto di verifica unico che può essere certamente il tuo smartphone.

Curve: una carta per domarli, una carta per trovarle e nel portafogli incatenarle

Curve

Elegante e minimale Curve ti arriva in un pacchetto a scrigno che la mostra ai tuoi occhi e che include i dettagli strettamente indispensabili, delegando quanto più possibile tutto il resto all’applicazione per smartphone disponibile per Android e iOS. Curve è una carta su circuito Mastercard Debit che in realtà si appoggia a ogni tua diversa carta di debito o credito per spendere soldi. Il vantaggio? Smetterla di girare con 2 o più carte nel portafogli, lasciarle a casa in un posto sicuro e tenere a portata di mano solo questa che è Contactless e compatibile con i sistemi di pagamento Google Pay, Apple Pay e non solo.

‎Curve
‎Curve
Developer: Curve
Price: Free

Ce l’ho ormai da molto tempo e avrei voluto parlartene prima, poi è arrivata la pandemia, ho smesso di metterla alla prova in giro per negozi e servizi e ho quindi pensato anche di rimandare questo articolo per evitare di avere “aree scoperte” delle quali non fossi a conoscenza. Sì perché Curve funziona praticamente con tutto e tutti, fatta però eccezione per le solite troppo delicate pompe di benzina con Self Service, le quali mi hanno costretto a rimettere in pista almeno la carta di credito fornita dalla mia banca. Nonostante la presenza di un PIN che puoi in qualsiasi momento stabilire e modificare via applicazione sembra proprio che le colonnine di pagamento dei benzinai non ne vogliano sapere di collaborare. Ricordo molto bene che già in passato ci sono stati seri problemi con il passaggio da Bancomat a circuito Visa VPay inizialmente non compatibile, poi risolto successivamente, sono quindi fiducioso e credo basterà solo aspettare.

Curve è bella da vedere, comoda tanto quanto qualsiasi altra carta e le sue informazioni non si trovano in facciata come siamo soliti vedere, bensì tutte sul retro, dettaglio che potrebbe essere fatale nel caso in cui si voglia noleggiare una vettura e l’agenzia vada a richiedere la classica carta di credito con i numeri in rilievo per poterla stampigliare. Lo avrai capito, è bene che – se vuoi sottoscrivere gratuitamente la carta Curve – tu preveda di riorganizzare il portafogli ma senza eliminare almeno una carta di credito (ammesso tu ce l’abbia).

Ho comunque sostituito con successo la mia carta di debito, la mia Hype e la mia Revolut, ho successivamente portato a bordo la stessa carta di credito che mi porto in giro ancora fisicamente e quella che mi ha fornito l’azienda per le spese di lavoro (tieni frenato l’entusiasmo, nessuna spesa pazza, anche la carta di credito aziendale in realtà punta sul mio conto corrente, ha semplicemente dei vantaggi maggiori rispetto ad altre carte bancarie standard).

Gestisco tutto dall’applicazione ufficiale e scelgo quale delle carte reali deve “subire la spesa“, con la possibilità di cambiare carta in qualsiasi momento o annullare un pagamento finito per sbaglio su una carta che non volevo e spostandolo su un’altra. Sarà sempre l’applicazione di Curve a permettermi inoltre di tenere d’occhio le spese e quale carta le ha sostenute, cercando di identificare quanto più possibile il tipo di attività (che potrò sempre modificare manualmente in un secondo momento), dandomi maggiori dettagli su richiesta, possibilità di prendere appunti sulla spesa fatta, allegare lo scontrino tramite fotografia e altro ancora:

L’applicazione può essere ulteriormente protetta da una password o dall’impronta digitale salvata nel sistema Android / iOS, dal suo interno potrai modificare in qualsiasi momento la carta sulla quale appoggiare i successivi pagamenti (anche immediatamente prima di pagare, ed è proprio quello il vantaggio) semplicemente scorrendo tra quelle disponibili e selezionandola con un tap sul monitor nella schermata “Wallet” (banalmente: portafoglio). Se invece hai bisogno di modificare o rivedere i dettagli della carta Curve fisica puoi spostarti nella schermata Account e scegliere ciò che ti serve, potrai chiedere di rivedere il PIN (o modificarlo se hai necessità), i dettagli della carta senza che tu debba andare a recuperare la fisica che sta nel portafogli (numero, scadenza, codice di sicurezza / CVC / CVV2), potrai bloccarla in caso di furto, verificarne i limiti e altro ancora (banalmente anche andare a dare un’occhiata alle offerte superiori che prevedono un abbonamento mensile per una carta Curve che offre ancora più servizi):

La carta Curve base è gratuita, ti viene spedita a casa e potrai attivarla direttamente tramite l’applicazione ufficiale. Sarà immediatamente operativa e potrai testarla sul campo esattamente come ho fatto io. Fino a oggi posso ritenermi assolutamente soddisfatto di questa piccola ma comoda facilitazione.

Non girare mai senza un’alternativa

Poco tempo fa il servizio clienti Curve ha inviato un’email urgente a tutti i clienti facendo presente che per cause non imputabili all’azienda la carta non sarebbe stata operativa su tutto il nostro territorio (e non solo), la stessa cosa è successa alle carte emesse da SisalPay e non solo:

WIRECARD LICENCE SUSPENDED – PLEASE CARRY A BACK-UP CARD.
Dear Curve Customers,

Your Curve card and all associated Curve transaction and money transfer services will be temporarily suspended with immediate effect. Please be assured, we expect to be up and running again shortly but it may take a few days. Your money and card details held at Curve are safe and secure.

This has happened because the Financial Conduct Authority1 has this morning suspended its permission for Wirecard Card Solutions Limited (the company who currently issues Curve Cards) to operate, without prior notice. This action is not related to Curve – but Curve currently depends on Wirecard for operation of the Curve card.

We are already well on the way to migrating away from Wirecard but have not fully completed this process. We are now working round the clock to achieve the migration as quickly as possible and therefore expect this disruption to last for only a limited period of time.

We will continue to communicate the details of what this means for you during this interim period.

For now, please carry a backup card.

We’ll be back,
Team Curve

In Italia sono stati pubblicati diversi pezzi sulla questione Wirecard che ha colpito tra le varie Sisalpay, questo è un articolo del Corriere post-accaduto (e riattivazione delle carte): corriere.it/economia/aziende/20_giugno_30/wirecard-sbloccate-tutte-carte-prepagate-torna-operativa-sisalpay-02c22bec-baa9-11ea-9e85-8f24b6c04102.shtml. Alla stessa maniera anche Curve è tornata operativa circa 48 ore dopo rispetto all’avviso tempestivamente inviato a mezzo posta elettronica e notifica push dell’applicazione installata sullo smartphone (26 Giugno 2020 ore 13:33-28 Giugno 2020 alle 23:21, in ambo i casi ora locale italiana, Curve nasce a Londra giusto per tua informazione).

Il consiglio è quindi quello di evitare di girare completamente “scoperti“, nel mio caso ho potuto utilizzare la carta di credito senza problemi e tra l’altro non ne ho neanche avuto necessità perché sono riuscito a pagare con Satispay tutto quello di cui ho avuto bisogno nel periodo di “buco” del servizio, cosa che però mi rendo conto non sia possibile in altre città tanto quanto a Milano.

In conclusione

A me Curve piace, mi ha permesso di alleggerire il portafoglio (non nel senso brutto che ti viene subito da pensare, o almeno non peggio del solito) e scegliere come suddividere le spese, ricordare un solo PIN e avere un punto di accesso unico che mi ricorda quanto ho speso, dove e per quale motivo. La carta gratuita nel mio caso basta e avanza, offre anche un’ulteriore carta virtuale che puoi sfruttare in qualsiasi momento per i tuoi acquisti online anche in valuta estera (perché il deposito su di essa è in sterline anziché in euro). Così come le sue sorelle Premium, anche la Curve base elimina le spese di conversione valuta all’estero, esattamente come fa Revolut (per chi la conosce e la usa già nonostante non te ne abbia mai parlato), la versione Black offre in più l’assicurazione AXA che copre su tutto il territorio mondiale, quella Metal (del colore che preferisci tra quelli disponibili) include anche l’accesso alle Lounge degli aeroporti e l’assicurazione (sempre AXA) anche per lo smartphone, i costi sono tutti riportati sia sul sito web ufficiale del prodotto che nell’applicazione.

Valutazione finale: 4

Registrandoti al servizio utilizzando il mio link Curve otterremo entrambi 5 sterline che verranno depositate sulla carta virtuale ammesso che tutto vada a buon fine. Certo è che se lo staff risolvesse anche quei due o tre problemi di cui ti ho parlato poco sopra ecco che sarebbe davvero imbattibile, è chiaro però che in futuro le cose potranno ulteriormente cambiare e migliorare. Se una volta provata proprio non ti riuscirà ad andare giù si tratterà solo di un pezzo di plastica da eliminare per tornare alla “vecchia scuola” delle tante carte nello stesso portafoglio ?

Dubbi? Curiosità? L’area commenti è a tua totale disposizione e cercherò di risponderti nei limiti di quanto conosco da cliente non associato in nessuna maniera a Curve. L’articolo è sì nel Banco Prova (che tanto mi è mancato e per il quale torno finalmente a scrivere!) ma non ho nessun accordo o sponsorizzazione con la società.

#StaySafe

×

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: richiesto gratuitamente, l'articolo non è sponsorizzato. Ho provato il prodotto, l'ho trovato valido e te ne ho voluto parlare. Mi preme comunque ricordare anche in questo box che il codice di registrazione per Curve contiene un referral che permette a me e te di guadagnare 5 sterline in caso di attivazione di una nuova carta.

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: