Archives For Telecom Italia

TIM è un continuo sali-scendi di offerte valide e meno valide, in alcuni casi anche troppo invasive (e non è finita, è pronta una nuova offensiva in barba al provvedimento AGCOM). Fortunatamente stavolta si parla di una buona novità, dedicata a tutti coloro che ancora oggi non hanno accesso alla rete veloce 4G (o magari lo hanno, a pagamento, con una piccola integrazione mensile al loro abbonamento o ricaricabile, come nel mio caso). Scopo del gioco: cercare di far migrare quanta più utenza alla rete di nuova generazione. Il costo? Nessuno, ammesso di ricadere nell’offerta e di rispettare la scadenza della stessa, 12 giugno prossimo!

TIM: velocità 4G gratuita per sempre, per tutti (fino al 12/6)

Tutti i dettagli dell’offerta sono disponibili sul sito web ufficiale tim.it/4g-gratis, questa la lista dei punti in stile “cosa c’è da sapere“:

  • la promozione è valida per clienti TIM consumer ricaricabili per il traffico nazionale,
  • è attivabile dal 15 maggio al 12 giugno 2016,
  • offre gratis l’abilitazione alla Rete 4G di TIM,
  • è incompatibile con se stessa se già  attiva e con tutte le offerte a tempo,
  • l’attivazione avverrà al massimo entro 48 ore dalla richiesta (per mia esperienza personale è immediata, ma è giusto sapere che il messaggio di conferma potrebbe arrivare nell’arco delle 48h e che l’offerta non sarà attiva fino a quando non comparirà tra quelle del vostro piano tariffario).

Le opportune verifiche

Si può verificare se l’opzione è attiva, accedendo alla sezione MyTIM Mobile del sito TIM o chiamando il numero gratuito 409161. Io ho effettuato il controllo direttamente dall’applicazione ufficiale del gestore sul mio smartphone Android, rilevando la corretta attivazione (nel frattempo ho rinunciato all’offerta 4G ON x te, che richiedeva un euro al mese per trasformare i miei GB di traffico dati da 3G a 4G):

Ricordate inoltre che:

  • l’offerta può essere disattivata in qualsiasi momento accedendo alla sezione MyTIM Mobile del sito TIM o chiamando  gratuitamente il 40916,
  • è possibile usufruirne se si ha credito sulla TIM Card,
  • la velocità di connessione massima teorica delle offerte è fino a 100 Mbps. Per usufruire delle prestazioni offerte dalla tecnologia LTE è necessario disporre di un dispositivo per la navigazione abilitato ed essere sotto copertura di Rete 4G.

A proposito dell’ultimo punto in lista, potrete verificare la copertura di Rete 4G nella vostra città consultando la pagina dedicata sul sito TIM.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Vi ricordate di Vodafone Exclusive? Cambia l’operatore, resta il comportamento scorretto. Pare che la grande compagnia di bandiera abbia cominciato a tartassare i propri clienti inserendoli in maniera coatta all’interno dell’offerta Prime. Di cosa si tratta? Presto detto:

TIM: disattivare l’offerta Prime che arriva via SMS (Promemoria)

In pratica si parla delle stesse condizioni (o quasi) di Vodafone. Fantomatici vantaggi di cui non riuscirete più a fare a meno, biglietti per il cinema, supporto telefonico prioritario, la velocità della rete 4G e un numero amico con il quale parlare per tutto il tempo che volete. La cosa più divertente? Quella relativa alle condizioni della propria tariffa. Io ho già la navigazione 4G, ho già il numero amico, vado al cinema raramente e quando lo faccio utilizzo gli sconti della carta UCI Cinema (chiaramente non tutti hanno UCI Cinema nella propria città, ci mancherebbe).

In pratica andrei a pagare una cifra aggiuntiva rispetto alla mia attuale offerta per ottenere nulla, o quasi. Funziona un po’ come quei servizi che da gratuiti sono passati a pagamento. Arriva il classico messaggio SMS che avvisa del cambio di rotta, l’utente distratto legge un po’ di fretta (o non legge affatto) e si ritrova addebiti non previsti, per qualcosa che magari non desidera neanche. Il tutto condito da messaggi (in seguito alla disattivazione di questi servizi) che gli ricordano che solo pagando l’ulteriore balzello può venire a conoscenza di chi lo ha chiamato, un po’ a farlo pentire di ciò che a fatto, suona come un “hai visto cosa ti sei perso?“. È seccante, parecchio, soprattutto per un servizio che pago e che dovrebbe quindi evitare di farmi sentire un cliente di serie B.

Di sicuro in tutto questo c’è una denuncia dell’ADUC datata 26 febbraio in cui si fa notare un comportamento scorretto e pubblicità ingannevole all’ennesimo operatore che sceglie al posto dei suoi clienti. Ovviamente, la stessa associazione, ha pubblicato alcuni consigli utili per casi simili, con particolare focus sull’offerta Prime: aduc.it/articolo/tim+prime+come+vodafone+exclusive+pratica_24021.php

Posso disattivare il servizio?

Ovviamente si.

Entro la data riportata nel sms ricevuto puoi rinunciare a TIM Prime e mantenere le attuali condizioni del profilo tariffario chiamando il 409162. In ogni caso TIM prime è disattivabile in qualsiasi momento anche dopo la suddetta data. Inoltre, in base all’articolo 70 comma 4 del Decreto Legislativo 259 del 2003, tutti i clienti interessati dalla modifica delle condizioni economiche del profilo tariffario, hanno diritto di recedere dal contratto, o passare ad altro operatore, senza penali entro la data riportata nel sms ricevuto.

TIM ha pubblicato tutti i dettagli di Prime all’indirizzo tim.it/assistenza/per-i-consumatori/info-consumatori-mobile/comunicazioni-e-news/modifica-profili-tariffari-tim, per disattivare l’opzione si potrà chiamare il numero 409162 e seguire la voce guida, oppure (se si è registrati al sito web tim.it), andare all’indirizzo tim.it/browse/gadgets/acquistaDiretto.jsp?skuId=smSku220277&productId=prod1010005&prcAcquisto=CB e completare il check-out di rinuncia al servizio.

La richiesta viene generalmente presa in carico ed evasa entro una giornata lavorativa. Occhio però: fatelo prima del prossimo mese di aprile, così da non dover pagare alcunché e mantenere il vostro attuale profilo tariffario.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Avete presente il nuovo modem fibra di TIM (ex Telecom Italia)? Ve la faccio più semplice, lui:

TIM, modem in fibra, istruzioni per l'uso

Avevo la necessità di consultare il suo manuale per verificare lo stato di una delle spie presenti sulla parte frontale. Sfortunatamente la scatola non era così a portata di mano e onestamente non avevo tutta questa grande voglia di mettermi alla sua ricerca in cantina. Ho quindi trovato la pagina di riferimento sul sito del provider: tim.it/prodotti/modem-e-networking/modem-fibra.

Al suo interno c’è un collegamento al manuale d’uso del prodotto, ma porta a una singola pagina più inutile di una bombola di ossigeno per pesci. Quello che a voi serve (e che è servito a me, nda) si trova sotto il collegamento della guida rapida, che porta direttamente a tim.it/sdr/documenti/guida_rapida_mdem_fibra.pdf.

Nel caso in cui, un domani, TIM dovesse decidere di modificare ulteriormente la pagina web del suo prodotto, magari rimuovendo o spostando chissà dove il documento utile al vostro scopo, sappiate che qui ne ho caricato una copia che resterà disponibile per voi tutti: guida_rapida_modem_fibra.pdf.

Buon lavoro! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Era da tanto che non mi facevo vivo su Wired.it, sono tornato per parlarvi di Firefox OS e del mio personale punto di vista:

Certo di prendermi critiche più o meno costruttive da chi ha potuto provare solo la versione 1.1 del sistema da poco reso disponibile con Alcatel One Touch Fire. Errori già corretti nella versione 1.2 che utilizzo da tempo sul Keon e che spero possa arrivare a tutti quanto prima (dipende dal vendor e dall’operatore), come al solito sul mio blog vi propongo la versione “uncut” dello stesso articolo, niente tagli, niente editing, buona lettura (e per discutere c’è sempre l’area commenti!).

Il primo fine settimana di vita “nazionale” di Firefox OS volge al termine mentre sto scrivendo questo articolo, e vorrei provare insieme a tutti voi a tirare delle somme e magari dare qualche ulteriore dettaglio in merito per chi lo ha seguito e vuole saperne di più o per chi non si è accorto di nulla e ora scoprirà che il sistema operativo mobile di Mozilla è arrivato anche in Italia ufficialmente lo scorso 6 dicembre (con l’annuncio e la possibilità dell’acquisto online del terminale Alcatel già dal 3 dicembre).

Firefox OS è un sistema operativo ideato e sviluppato da Mozilla e dai suoi tanti collaboratori e dipendenti, un codice aperto accessibile in qualsiasi momento da volontari sparsi per l’intero globo così come da visione e volere dell’azienda, utilizza HTML5 e altri standard aperti del web per consentire a tutti (ma proprio tutti) di arricchire il telefono con funzionalità e servizi accessibili sia dal classico browser installato sul proprio PC che dallo smartphone stesso, uno sforzo minimo per una massima resa e un’esperienza utente il più possibile identica tra le due parti.

Negli scorsi mesi tutta la comunità italiana si è impegnata per preparare la localizzazione dell’intero sistema, la documentazione, i riferimenti, sapevamo dell’arrivo del sistema e del relativo terminale in Italia ma chiaramente non potevamo anticipare nulla (è stato difficile, credetemi! :-)). Avremmo voluto fare molto di più, magari un lancio un po’ più importante e curato soprattutto su Milano ma i tempi stretti e le necessità di mettere sul mercato uno smartphone realmente competitivo (per la sua fascia, nda) entro natale ci hanno tarpato parecchio le ali. Siamo riusciti ad organizzare una splendida festa a Roma e vogliamo ringraziare tutti coloro che sono intervenuti e che hanno contribuito al lancio del telefono e del sistema nella capitale, trovate le fotografie nella pagina Facebook dedicata all’OS.

La scelta dell’OS

Molti di noi possiedono uno smartphone che utilizzano abitualmente durante la giornata e del quale non riuscirebbero più a fare a meno. Molti altri non hanno mai fatto questo salto per diversi motivi, uno tra tanti il costo spesso alto del terminale o le offerte poco chiare da parte dei fornitori di servizi fonia / dati. Firefox OS è un sistema libero, gratuito, sviluppato per poter offrire a tutti la possibilità di accedere facilmente ad uno smartphone che possa permettere loro di sfruttare le funzioni ormai considerate “necessarie” per la quotidianità: navigazione sul web, gestione della posta elettronica e dei social network, una galleria fotografica che possa conservare i momenti più belli della propria vita, una libreria musicale per non rimanere mai soli, uno store ricco di applicazioni per rendere il proprio telefono unico, diverso da qualsiasi altro smartphone in circolazione perché personalizzato e plasmato secondo le proprie esigenze.

Lo scopo attuale del nostro prodotto è questo. Nessuna pretesa di andare contro mostri sacri della telefonia moderna, niente che abbia a che fare quindi con iPhone o Galaxy di qualsivoglia generazione. Stiamo parlando di un telefono di fascia medio-bassa adatto tanto alle tasche quanto alla capacità media di utilizzo da parte di chi uno smartphone non l’ha mai usato, con un set di applicazioni standard che vi portate già a casa all’atto dell’acquisto che vi permetteranno di godere di servizi che fino ad oggi non avete potuto avere sul vostro vecchio telefono. L’Alcatel One Touch Fire, primo telefono scelto per portare Firefox OS in Italia, costa solo 79,90€, una cifra davvero accessibile per chiunque.

Il confronto

Nonostante tutto è inevitabile e le domande sono nate pressoché immediatamente. Si va dai consumi (e quindi durata) della batteria alla quantità di applicazioni presenti nel Marketplace, passando per i grandi assenti e del perché abbandonare il proprio telefono Apple o Samsung.

Sulla base di quest’ultima domanda prendo in “prestito” un pezzo di una discussione che è nata sul forum di Mozilla Italia e che mi sembra più che adatto in questo contesto:

Gli utenti si lamentano perché sperano di poter avere come telefono un qualcosa di qualitativamente alto e ben performante e sono entrambe qualità che costano. O forse hanno come termine di paragone gli smartphone Android e Apple di un certo livello. Scusate il paragone, è come volere il prosciutto San Daniele del Friuli stagionato, di prima qualità e ben conservato e sperare di pagarlo come quello in vendita presso un supermercato L in particolare…

Mentre per i consumi di batteria, tallone d’Achille del duopolio già presente sul mercato smartphone, posso solo dirvi che il mio Keon (della spagnola Geeksphone) utilizzato per navigare, scaricare la posta tenendo in sincronizzazione contatti e calendari da Google (GMail), lanciare qualche tweet e controllare le ultime novità su Facebook riesce ad andare avanti senza alcuna fonte energetica anche per due giorni e poco più. Le risorse utilizzate da Firefox OS sono molto più basse rispetto ad un concorrente di fascia più alta, ciò si traduce in un minor consumo di batteria, permettendovi così di non rimanere appiedati tanto facilmente. Il telefono si collega al PC (per gestire i file salvati al suo interno o presenti nella scheda SD) o all’alimentazione tramite cavo microUSB.

Per quanto invece riguarda le applicazioni c’è solo da aspettare, la nostra speranza (non dico convinzione, c’è sempre una percentuale che gioca a sfavore della logica) è quella che gli sviluppatori che abitualmente lavorano con Javascript e HTML5 possano portare il loro prodotto su Firefox OS investendo poche risorse e tempo. Non c’è nessun ambiente di sviluppo dedicato o linguaggio nuovo da imparare, chi oggi realizza siti web servendosi delle ultime tecnologie e standard aperti potrà adattare il proprio software in pochi semplici passaggi, come spiegato da Mozilla stessa.

Firefox OS approda in Italia dopo più di 10 altre nazioni e mercati, questo gli consente di arrivare già ricco di utilità e giochi pronti da scaricare, senza la necessità di registrare alcun account dedicato (anche se è possibile farlo). Gli aggiornamenti delle applicazioni saranno notificati tramite messaggio di sistema e potrete installarli con un paio di clic, così come gli aggiornamenti di sistema, in attesa del vero e proprio aggiornamento OTA dell’intero firmware quando disponibile. Per ora, come per Windows Phone sui Nokia, TIM non ha in alcun modo customizzato Firefox OS nell’Alcatel One Touch Fire, così da rispondere ad un altro grande quesito e accontentare tutti coloro che (me compreso) non sopportano che un terzo player vada a toccare ciò che è stato sviluppato per essere veloce e pulito.

Di cose da dire su Firefox OS ce ne sarebbero molte altre ma vi lasciamo modo e tempo di scoprire questo nuovo sistema e farci ulteriori domande, sperando di potervi sempre dare risposte, la comunità tutta è qui anche per questo :-)

Benvenuto in Italia, Firefox OS!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: