RAVPower FileHub Versione 2019: il giusto compagno di viaggio

| |

Partire per una vacanza senza un laptop è possibile? Nell’epoca di smartphone e tablet ti direi sostanzialmente di , soprattutto considerando che si tratta di vacanza e che lo strumento tecnologico che vuoi forse toccare di più è la macchina fotografica (a patto di averla, perché altrimenti l’alternativa è basare l’intera esperienza sul comparto fotografico del proprio smartphone). La mia idea è stata quella di partire senza laptop ma con un accessorio particolarmente interessante nella sua banalità, adatto a tenere al sicuro per quanto possibile gli scatti della macchina fotografica al termine della giornata. Ho acquistato, provato e ti parlo oggi del RAVPower FileHub Versione 2019, un coltellino svizzero che permette – tra le varie cose – di mandare in backup una scheda SD su un supporto esterno (chiavetta o Hard Disk USB) con un solo clic.

RAVPower FileHub Versione 2019: il giusto compagno di viaggio 3

RAVPower FileHub Versione 2019

Ho un RAVPower FileHub con una certa età sulle spalle ma ancora funzionante in un cassetto di casa, perché passare quindi alla versione 2019? Perché migliora su ogni fronte e perché introduce alcune novità potenzialmente interessanti anche per altri viaggi in futuro o più banalmente per una trasportabilità dei dati che richiederebbe maggiore fatica nell’implementazione e uso.

Chiariamo subito di cosa si tratta: il RAVPower FileHub è “una saponetta” nella dimensione e nell’aspetto, peso non esagerato (circa 200 grammi, NdA) e una molteplicità di scopi utili. È una batteria tampone per lo smartphone o il tablet (da 6700mAh, limitata rispetto allo standard odierno ma si tratta comunque di una fonte di energia sacrificabile nei casi di emergenza), è un router e Access Point in grado di propagare un segnale WiFi partendo da un cavo ethernet ma anche di fare da bridge se preferisci, è un concentratore per i backup delle tue fotografie passando dall’applicazione ufficiale (disponibile per iOS e Android), è un clic di distanza dall’altro tipo di backup che prevede il passaggio silente e automatico del contenuto della scheda SD a una chiavetta o Hard Disk collegato alla sua porta USB. Chiamalo coltellino svizzero o un po’ come ti pare, la sostanza è che si è rivelato un ottimo compagno di viaggio. Ha fatto coppia fissa con un precedentemente immacolato Samsung 850 Evo (V-Nand SSD) montato in un box esterno USB 3 che avevo acquistato su GearBest per poco più di 5€.

L’applicazione

È un po’ il cuore pulsante del RAVPower FileHub e ti permette di controllare l’archivio, gestirlo, passare dati da un lato all’altro (se utilizzi più fonti di memoria come la coppia HDD/SD). Puoi fare certamente a meno dell’applicazione e relativo consumo della batteria dello smartphone quando devi copiare il contenuto della scheda SD su disco esterno (collegato via USB), per quello basta infatti tenere premuto per due secondi il pulsante laterale SD ► USB e il processo partirà senza ulteriore interazione.

RAV FileHub
RAV FileHub
Developer: NearbyExpress Tech
Price: Free

Una volta acceso il RAVPower FileHub questo creerà una sua rete WiFi all’interno della quale dovrai connetterti (i dati di accesso si trovano nelle istruzioni del prodotto, NdA). L’applicazione riconoscerà il dispositivo come centro di scambio dei file permettendoti la completa gestione. Non serve che il RAVPower FileHub sia connesso a Internet, potrai continuare a utilizzare le funzioni di gestione dati anche “offline” ignorando il messaggio di avviso che comparirà inevitabilmente nell’applicazione. Con alcuni smartphone (come il mio Xiaomi Mi 9) può essere necessario disattivare la rete 4G perché questo finirebbe per utilizzarla al posto di quella del RAVPower FileHub, rendendo di fatto non raggiungibili le risorse connesse (SD / HDD).

A questo punto puoi muoverti come meglio preferisci, lanciando il backup della scheda SD via interfaccia grafica o magari navigando le cartelle foto e video del tuo smartphone o tablet per caricare sulla memoria esterna quanto catturato, tenendolo al sicuro da eventuali perdite non volute o per liberare spazio prezioso sui dispositivi (che poi è stato il principale problema girando video a massima qualità). Tutto funziona a dovere ed è abbastanza intuibile senza chissà quali grandi istruzioni, mi sono trovato molto bene, dovrai solo avere pazienza perché il caricamento senza fili via WiFi di RAVPower FileHub non è la cosa più veloce del mondo, è un punto a sfavore che sono certo però potrai digerire pur di non perdere nessun ricordo del tuo viaggio.

La copia dati SD ► USB

Riprendo quanto già detto nel paragrafo precedente e ribadisco quindi che per questa fondamentale operazione ti basterà tenere premuto per due secondi il pulsante laterale SD ► USB e il processo partirà immediatamente, lo stesso sarà terminato quando smetterà di lampeggiare l’icona della SD sulla parte frontale del RAVPower FileHub. Questo non farà altro che creare un clone di quanto memorizzato nella SD portandolo in una cartella su disco esterno USB, il nome verrà stabilito in base a giorno e ora corrente.

Ti stai chiedendo se non formattando la scheda SD (prima di riutilizzarla con la macchina fotografica) il RAVPower FileHub riporterà dentro tutto il contenuto duplicato, triplicato o quintuplicato ogni volta che farai il backup? La risposta è , lo farà. Questo a me non importa, anzi, è una scusa per evitare di avere qualche dato rovinato a causa di una copia non perfetta (mai successo, ma non si sa mai nella vita), preferisco fare pulizia nella fase che di preparazione alla post-produzione eliminando i cloni prima di lavorarli, piuttosto che perdere qualcosa. Resta però importante che tu lo sappia nel caso in cui si stia valutando l’acquisto. Quel pulsante di backup fisico non è intelligente, fa una sola operazione e la fa bene, esattamente come tu gli hai ordinato. Risulta quasi come fosse una scimmia ammaestrata e nulla più.

RAVPower FileHub Versione 2019 1

Modifica delle impostazioni

Possibile, via applicazione per alcuni dettagli, per altri è invece necessario accedere all’interfaccia web del prodotto esattamente come si farebbe con il router di casa propria. Puntando infatti all’IP del RAVPower FileHub si potrà accedere al suo pannello di controllo, qualcosa molto anni ’90 con colori degni di una stampante multifunzione da ufficio (dei più malfamati locali di Caracas) e le icone recuperate chissà in quale set gratuito trovato su Internet. Poco male però, l’importante è il motore che sta sotto a quel cofano e le impostazioni che tu intenderai ritoccargli:

Puoi certamente modificare password amministrative di accesso, nome della rete WiFi e altro ancora, lascio a te libera esplorazione e modifica ricordandoti di fare attenzione a quello che fai, diversamente ti toccherà riportare allo stato di fabbrica il RAVPower FileHub in caso di errore o se ci si dimentica la password di amministratore del prodotto subito dopo averla cambiata :-) (errore abbastanza tipico).

In conclusione

RAVPower FileHub è un prodotto certamente interessante che a un buon prezzo diventa ottimo compagno di viaggio (non necessariamente a chissà quale distanza da casa tua), io l’ho acquistato su Amazon lo scorso novembre per 44,99€, una decina d’euro in meno rispetto all’attuale prezzo “di listino“. Lo consiglio chiaramente a chi vuole un piccolo tool multiuso da portare comodamente con sé, facilmente ricaricabile tramite USB-C (non serve quindi neanche portarsi dietro un ulteriore cavo rispetto a quello dello smartphone) e con una buona durata se non lo si intende utilizzare come Power Bank.

Valutazione finale: 4.5

Ti lascio qui di seguito i riferimenti rapidi per l’acquisto su Amazon, lascio in elenco anche la versione precedente che ancora oggi funziona molto bene e che ha un costo ovviamente inferiore, includo inoltre un consiglio d’acquisto per una custodia rigida che ti permette di portare facilmente anche un cavo per la ricarica (che potrebbe tornare utile per lo smartphone e non solo). Io attendo eventuali tue domande in merito, puoi lasciarle come al solito nell’area commenti, sarò ben lieto di rispondere.

Nessun prodotto trovato.

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Android's Corner

Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)
Se vuoi leggere gli altri articoli dedicati ad Android fai clic qui.

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.
Se vuoi leggere le altre recensioni del Banco Prova fai clic qui.

Prodotto: acquistato in autonomia su Amazon approfittando di uno sconto temporaneo.

RAVPower FileHub Versione 2019: il giusto compagno di viaggio 12 GWall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Puoi usare Satispay, PayPal, Buy Me A Coffee o Patreon :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Subscribe
Notify of
guest

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments