Archives For Microsoft Windows

Avevamo già parlato di ServiceDesk Plus e tuning qualche tempo fa, quando la piattaforma principale girava su MySQL (se la usavi già da qualche tempo), ormai andato completamente fuori supporto secondo lo sviluppatore del software (è stato richiesto il passaggio a PostgreSQL per continuare a ottenere supporto):

Pulizia e Tuning di ServiceDesk Plus (MySQL)

Cosa cambia dal punto di vista del tuning dell’installazione con PgSQL?

Tuning di ServiceDesk Plus (PostgreSQL)

Nulla a livello di Wrapper Java, almeno rispetto alla precedente volta quando si parlava di modifica per macchine con almeno (o più) di 4 GB di RAM, che è poi lo stesso concetto di base che riguarda l’ulteriore modifica del file di configurazione del Postgres suggerito sempre all’interno della community del prodotto (ServiceDesk, nda).

Ferma il servizio di ServiceDesk prima di continuare ed effettua un backup dei tuoi attuali dati (consigliato uno Snaphost della macchina, se virtuale).

Ti ripropongo ora il passaggio relativo al Wrapper del precedente articolo:

Il file di configurazione del Wrapper Java è quello che trovi in C:\ManageEngine\ServiceDesk\server\default\conf\wrapper.conf, da ritoccare sui due valori suggeriti:

# Initial Java Heap Size (in MB)
wrapper.java.initmemory=128

# Maximum Java Heap Size (in MB)
wrapper.java.maxmemory=256

a (nel caso della mia macchina con più di 4GB di RAM, occhio quindi alla tua):

# Initial Java Heap Size (in MB)
wrapper.java.initmemory=256

# Maximum Java Heap Size (in MB)
wrapper.java.maxmemory=1024

[…]

Ciò che stavolta cambia è il file di configurazione relativo al database. Sto parlando del postgres_ext.conf che dovresti poter trovare già nella cartella ManageEngine\ServiceDesk\pgsql\data. Probabilmente al suo interno potresti già trovare qualche specifica, per esempio:

wal_level = archive
archive_command = 'IF EXIST archive.bat (archive.bat "%p" "%f")'
archive_mode = on

Ciò che tu devi fare, è semplicemente dare un colpo di invio e aggiungerne qualcuna in più, per includere nuovi parametri entro i quali Postgres può continuare a riservare memoria per sé. Sto parlando di questi:

shared_buffers = 512MB
maintenance_work_mem = 100MB
effective_cache_size = 512MB
work_mem = 12MB

che, rispettivamente:

  • shared_buffers: corrisponde generalmente al 25% della memoria di sistema. Su Windows, 512 MB può essere il valore massimo.
  • maintenance_work_mem: corrisponde circa il 5% della memoria di sistema, ma senza superare mai i 512 MB.
  • effective cache size: si aggira approssimativamente sul 50% della memoria fisica disponibile, ho personalmente continuato a indicare 512 MB anche se avrei potuto tenerlo più alto.
  • work_mem: riporta un valore ragionevole che si attesta tipicamente tra i 4 e i 64 MB.

Il riferimento sulla community di ManageEngine, seppur riferito a SupportCenter, è questo: pitstop.manageengine.com/portal/community/topic/supportcenterplus-optimize-postgresql

Puoi riavviare ora il servizio di ServiceDesk per verificare se la modifica alla configurazione appena operata ha portato i benefici sperati (risposta positiva nel mio caso).


Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Lo scorso maggio ho pubblicato una nuova versione di Sticky Notes Backup & Restore dedicata alla “decima versione” del sistema operativo di casa Microsoft, per la quale è servito mettere mano al codice sorgente poiché bisognava puntare a cartelle diverse (Sticky Notes viene distribuita direttamente da Store Microsoft, nda) e agire su un differente eseguibile. Trovi tutti i dettagli in questo articolo:

Sticky Notes Backup & Restore, ora per Windows 10

Cosa cambia oggi?

Cambia nuovamente qualcosa di relativo all’applicazione che, pur continuando a essere distribuita da Microsoft Store, cambia nome (almeno su Windows 10 1709, ultimo aggiornamento stabile disponibile per il grande pubblico), diventando Microsoft Notes. Anche se questa variazione non sembra influire su quello che tu leggerai tenendo fermo il mouse sull’icona dell’applicazione nella Task Bar, nell’elenco dei processi attivi (quelli che vedi dal Task Manager, nda) lo troverai così dichiarato.

Sticky Notes Backup & Restore 0.2: fix problemi e sovrascrittura file

Ho quindi approfittato del cambiamento per rimettere mano al codice sorgente del batch (pacchettizzato come eseguibile per tua comodità), che ora può chiudere il processo delle Note (ancora una volta, speriamo per un po’ più di tempo!) e –già che c’è– sovrascrivere il precedente salvataggio se decidi di effettuare il tuo backup sempre nella stessa posizione.

Ne ho inoltre approfittato per correggere un piccolo problema relativo alla creazione del file d’archivio in cartelle con nomi particolari, che andava in errore nella precedente versione di Sticky Notes Backup & Restore (quella che probabilmente stai utilizzando adesso), mea culpa per non essermene accorto prima. La nuova versione è già disponibile al solito indirizzo, quindi qui: app.box.com/s/jp06u9k3grk32wbfc6i7a65kobjdcxau. Al solito, tutto gratuito, ma le donazioni sono sempre ben accette.

Next Step

Sto pensando, per una versione futura, di integrare anche la possibilità di pilotarlo da riga di comando permettendoti così di inserirlo tra le schedulazioni di Windows e farlo girare senza che sia più necessario il tuo intervento. Se hai altre idee, utilizza pure l’area commenti per raccontarmele.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Un passo indietro: nei primi giorni di novembre ho pubblicato un articolo dedicato a un nuovo VBScript sviluppato per tenere d’occhio le installazioni degli agenti Kace nella rete aziendale, così da ricevere delle notifiche (mail) in caso di mancate installazioni o inventari non aggiornati. Trovi tutto qui:

Kace: un alert in caso di client mancante o inventario troppo vecchio

Cosa è cambiato rispetto al mese scorso? Quest (società separatasi da Dell nel 2016) ha rilasciato l’aggiornamento di Kace 8.0.318, il quale porta con sé anche il bundle di agenti 8.0.152. Questi ultimi, contrariamente al passato, si installeranno nella cartella %ProgramFiles%\Quest (%ProgramFiles(x86)%\Quest sui sistemi a 64 bit) anziché %ProgramFiles%\Dell. Il mio script, se distribuito sul tuo dominio, inizierà a inviarti delle notifiche per mancata installazione client, poiché anche il percorso nella %ProgramData% è variato (da %ProgramData%\Dell\KACE a %ProgramData%\Quest\KACE).

NotifyKace.vbs: nuova versione per gli agenti 8

Nello script pubblicato tra i miei Gist, avevo già previsto una banale variabile contenente la directory da monitorare, basterà variare quella per tornare a far funzionare il meccanismo, senza ulteriori falsi positivi (ne avrai ancora, di falsi positivi, se il client non avrà ancora ricevuto l’aggiornamento dell’agent alla versione 8.0.152, mettiti il cuore in pace). Ho lasciato stare il vecchio script (che si ferma così alla versione 0.2rev1) e ne ho salvato un altro (la 0.3), che trovi qui:

Per tutto il resto c’è MasterCard puoi consultare il vecchio articolo, tenendo presente che tutto resta identico ad eccezione delle cartelle del software (modifica Dell con Quest e il gioco è sempre fatto).

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ho avuto la necessità di spostare numerosi file (10 GB / circa 100.000 file) da una cartella di Dropbox a una di Box.com. Un tempo avrei utilizzato Mover (te ne avevo già parlato), ma il servizio è diventato a pagamento, e non si trattava di materiale che meritava un investimento in denaro, nonostante non avrei voluto comunque perderlo. Poi ho scoperto rclone, e ho fatto centro con qualche riga lanciata in un prompt dei comandi di Windows, sulla macchina che mi fa da Media Center a casa (con una connessione in fibra di Fastweb che non mi ha fatto neanche accorgere del passaggio).

Copia dati in bulk tra servizi Cloud

Te la faccio semplice (anche perché in realtà questo tool permette un’infinità di operazioni, tutte minuziosamente documentate) e ti spiego cosa ho fatto io, così che tu possa replicarlo, ma niente e nessuno ti limita rispetto a ciò che potresti fare utilizzando rclone e i tuoi account di Cloud Storage (anche schedulando le operazioni e automatizzandole completamente).

Scarica rclone da rclone.org/downloads (x86 o x64 in base al tuo sistema operativo), scompatta il file ZIP, non necessita di installazione alcuna, è subito utilizzabile.

Collegamento ai servizi

Apri un prompt dei comandi e spostati nella cartella di rclone, quindi lancia un rclone config per entrare in modalità di configurazione. Quando richiesto, aggiungi un nuovo servizio di Cloud Storage (n):

Scegli un nome “parlante” (che ti permetta immediatamente di capire di che account si tratta) ma che non contenga spazi al suo interno (fidati, è per tua comodità, ma se proprio devi utilizza un “_“), per esempio “googledrive“. Ti verrà ora presentata la lista degli storage compatibili, inserisci manualmente il nome di quello che ti interessa (per esempio, per Google Drive dovrai scrivere “drive“):

Copia dati in bulk tra servizi Cloud con rclone

Ti verranno richiesti dei dati che quasi certamente non possiedi già (client_id e client_secret per poter accedere al tuo account di Google Drive), premi invio in corrispondenza di entrambi e arriva alla fatidica domanda che ti chiederà di utilizzare la configurazione automatica, quindi procedi in questa modalità (rispondi “y” quando richiesto), così verrà aperta una scheda del browser in cui potrai autenticarti e confermare l’accesso alle tue risorse, chiudi pure la scheda:

Storage> drive
Google Application Client Id - leave blank normally.
client_id>
Google Application Client Secret - leave blank normally.
client_secret>
Remote config
Use auto config?
 * Say Y if not sure
 * Say N if you are working on a remote or headless machine or Y didn't work
y) Yes
n) No
y/n>y

Il codice verrà catturato in autonomia da rclone, tu dovrai solo rispondere alle ulteriori domande a video (se si tratta di un account di Team, nel caso di Google Drive), poi ti verrà mostrato il token di accesso recuperato, è ciò che serve per “parlare” con quel Cloud Storage, dai un’ultima conferma con “y” quando richiesto.

Hai terminato la configurazione. Puoi / devi replicarla per gli altri servizi di Cloud Storage, o almeno con un altro se la tua intenzione è quella di copiare dati tra due di quelli su cui sei registrato.

Move dei dati

Fai riferimento a questo documento: rclone.org/commands/rclone_move. Io ti riepilogo ancora una volta i passaggi.

Dato per scontato che tu abbia aggiunto almeno un altro account di Cloud Storage, puoi fare un “dir” delle cartelle che hai su un account Cloud lanciando un rclone lsd dbox: (dove dbox è il nome che io ho dato al mio account Dropbox configurato, dovrai sostituirlo con quello scelto da te!), mantieni i due punti finali (:), altrimenti otterrai errore.

Io, che la cartella da spostare l’ho salvata in una sotto-cartella di un’altra sotto-cartella, arrivo a ottenere una cosa simile:

C:\temp\rclone-v1.38-windows-amd64>rclone lsd "dbox:laboratorio\temp\Test rclone"
 -1 2017-12-02 17:05:33 -1 spostami

Se devi esplorare cartelle che nel nome contengono degli spazi, ti basterà racchiudere il tutto tra apici. Per ottenere una lista completa dei file oltre che delle cartelle, sostituisci lsd con ls, per capirci:

C:\temp\rclone-v1.38-windows-amd64>rclone ls "dbox:laboratorio\temp\Test rclone"
 0 spostami/Nuovo Documento di Microsoft Word.docx
 6559 spostami/Nuovo Foglio di lavoro di Microsoft Excel.xlsx
 59904 spostami/Nuovo Microsoft Publisher Document.pub
 0 spostami/Nuovo Presentazione di Microsoft PowerPoint.pptx
 0 spostami/Nuovo documento di testo.txt

Veloce giro anche su Google Drive per capire dove spostare la cartella:

C:\temp\rclone-v1.38-windows-amd64>rclone lsd googledrive:
 -1 2013-08-27 14:31:01 -1 ABPXFiles
 -1 2015-10-06 19:23:15 -1 Apps
 -1 2012-11-13 14:47:41 -1 Archivio
 -1 2013-11-12 14:56:02 -1 Mozilla Italia
 -1 2012-11-13 14:48:37 -1 Personali
 -1 2017-12-02 15:59:13 -1 Test rclone

È fatta. La cartella “spostami” che si trova nella sorgente (Test rclone su Dropbox) dovrà finire nella medesima sulla destinazione (Test rclone su Google Drive). Il comando Move di rclone viene quindi in soccorso:

rclone move "dbox:laboratorio\temp\Test rclone" "googledrive:Test rclone"

Salvo errori, il risultato è quello aspettato:

C:\temp\rclone-v1.38-windows-amd64>rclone ls "googledrive:Test rclone"
 0 spostami/Nuovo Documento di Microsoft Word.docx
 6559 spostami/Nuovo Foglio di lavoro di Microsoft Excel.xlsx
 59904 spostami/Nuovo Microsoft Publisher Document.pub
 0 spostami/Nuovo Presentazione di Microsoft PowerPoint.pptx
 0 spostami/Nuovo documento di testo.txt

rclone ricreerà –se necessario– anche l’albero cartelle che nella sorgente c’è ma che non trova corrispondenza nella destinazione, così da mantenere lo stesso identico ordine per tutti i file che andrai a copiare / muovere / sincronizzare i tuoi dati.

Cosa conviene ricordarsi

Nel caso in cui ti dovesse servire ficcare il naso nel file di configurazione (lo sconsiglio, ma può tornare utile, io l’ho fatto per operare una modifica manualmente e per replicare la medesima configurazione su una diversa postazione), ricordati che potrai trovarlo nella tua cartella utente (%UserProfile%), quindi in .config\rclone.

Qui –salvo modifiche future del programma– troverai un file chiamato rclone.conf. è lui a contenere i nomi delle tue connessioni e relativi token di accesso.

Potrai sempre (da prompt dei comandi) leggerlo anche dalla riga di comando di rclone, semplicemente lanciando il comando rclone config show.

That’s all folks!

Probabilmente hai trovato il metodo giusto per spostare i tuoi file, o magari per tenerli sincronizzati costantemente tra più servizi Cloud :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Disponibile per macOS e Windows, Acethinker Video Master è la versione offline e più completa di quel Video Converter disponibile gratuitamente online, all’indirizzo acethinker.com/online-converter, la quale permette di ritoccare i video, scaricarne da piattaforme online (come YouTube) e molto altro. Io ho avuto l’occasione di provarlo su PC Windows, ti racconto brevemente com’è andata.

Acethinker Video Master 6

Sufficientemente intuitivo e accessibile anche a chi non ha esperienza alcuna con questo tipo di lavori, permette di lavorare (su più passaggi) un video da modificare, da modellare secondo proprie esigenze, da convertire in diverso formato o più semplicemente da integrare con diversi altri spezzoni scaricati o ottenuti separatamente. Io ho approfittato di questo test per mettere le mani su una registrazione di SuperQuark che ha fatto uno splendido approfondimento sui Mosaici di Ravenna.

Ho potuto quindi passare da una puntata intera (ottenuta dal sito della RAI) a un semplice spezzone tagliato e modellato a regola d’arte, senza perdere un secondo del servizio desiderato. La codifica del video finale è molto rapida (anche se questa dipende in realtà molto dalla tua dotazione hardware e dalla quantità di processi già attivi sul PC) e il risultato è ottimale.

Oltre alla modifica dei file video, Acethinker Video Master permette di scaricare video di YouTube (e altri siti web noti che svolgono lo stesso mestiere) così da poterli tenere conservati sul disco fisso del proprio PC (o su un qualsiasi altro dispositivo di memorizzazione), anche se ovviamente non tutti i siti web che probabilmente utilizzi saranno compatibili con il suo downloader (io l’ho messo alla prova proprio con il sito di RAI).

O, se non è il download a interessarti, potrai pensare di convertire una discreta quantità di formati video (MP4, MKV, AVI, WMV, HEVC, H.264, MKV, 3GP, FLV, SWF, HTML5, M4V, MOV, ASF, DV, VOB, OGV, YouTube, ASF, RM, MTS/M2TS/TS/TP/TRP, MOD, TOD, secondo il sito web ufficiale) in quello che più ti si confà (o di cui hai necessità), potendo inoltre sfruttare alcuni preset di impostazioni dedicate all’ottimizzazione dei video per le marche di smartphone e più in generale di dispositivi / supporti smart più conosciute (Apple, Samsung, HTC, Blackberry, Sony, Nokia, Motorola, Game, LG, TVS, DVD, Android, Archos).

Infine, per chi è alla ricerca di qualcosa di completo che possa anche registrare video da zero, Acethinker Video Master propone una funzione dedicata alla cattura del video (anche in HD) dalla propria WebCam o altra sorgente di input, così da permetterti poi di sfruttare le altre funzioni integrate nel programma per poter completare la tua opera. Questo può tornare molto comodo anche nel caso in cui tu voglia creare dei tutorial video riprendendo il tuo Desktop, con possibilità di caricare poi il risultato direttamente su YouTube (ma non solo).

Il software ha un costo di circa 30$, ma puoi provarlo gratuitamente scaricandolo direttamente dal sito web ufficiale.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi le mie opinioni. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: licenza fornita da Acethinker, che ringrazio. Ho potuto tenerla al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: