Letture per il weekend: Disney+ arriva prima in Italia, Amazon introduce le rate a tasso zero e Apple non è più così legata alla privacy (forse)

| |

Non è la solita ora, ne sono consapevole, volevo terminare di leggere alcune cose prima di chiudere questa rassegna mandandola in pubblicazione per tutti. Qui il tempo non è dei migliori ma c’è speranza che la pioggia arrivi a pulire un po’ l’aria che si respira, ci si gode la tranquillità di casa e si approfitta di questo tempo per portare avanti qualche articolo e stare in famiglia. Ti auguro un buon proseguimento di fine settimana!

Weekend
Photo by freestocks.org

Ultime novità

  • Smart home, le novità in arrivo dal CES 2020: (ITA) tutto quello che c’è da sapere sui prodotti che rendono più intelligente la casa, un’analisi di quanto visto durante il CES 2020 di Las Vegas.
  • Visa e Samsung trasformano gli smartphone in POS con Tap to Phone: (ITA) immagina di poter pagare davvero ovunque con la tua carta di credito, anche quando ci si scambia (o quasi) del denaro tra singole persone. Non è realmente così, ma il programma Tap to Phone ci si avvicina parecchio, la sperimentazione VISA e Samsung è partita e tra qualche mese potrebbe toccare anche all’Italia.
  • Disney+ anticipa di una settimana, arriva il prossimo 24 marzo: (ITA) Disney+ è pronto per approdare anche in Italia, anticipa (di poco) la data di lancio al 24 marzo e mantiene tutto ciò che già si conosceva (prezzo, numero connessioni contemporanee, ecc.).
  • Amazon, sbarca in Italia il pagamento a rate senza spese extra!: (ITA) una lieta novità per molti evidentemente, Amazon introduce il pagamento dilazionato in più rate con tasso zero, uno dei capi saldi della grande distribuzione organizzata che talvolta poteva permettersi di farlo per i suoi clienti. Ora cosa manca? Consegna e montaggio a casa con ritiro del vecchio?

Storie non così belle (che includo in un punto a parte di questa lista) sono quelle che hanno per protagoniste attività che non navigano in buone acque, che per qualche motivo sono destinate a chiudere o ridimensionare pesantemente i propri orizzonti e il business), non c’è tifoseria alcuna da parte mia, è solo che dispiace leggere questo tipo di “novità“:

Privacy e Sicurezza

  • Phishing, come lo si interpreta, come ci si protegge: (ITA) prima o poi scriverò un articolo ad-hoc, il phishing è una certezza della quotidianità di qualsiasi nostra casella di posta elettronica, bisogna tenere gli occhi aperti perché gli attacchi sono in costante crescita e non sempre la tecnologia antispam fa il suo dovere, qualcosa può sfuggire e mettere in pericolo i tuoi dati.
  • Google sopprimerà i cookie di terze parti in Chrome: (ITA) un progetto a lungo termine (neanche tanto) che entro due anni vorrebbe mettere la parola fine ai cookie di terze parti almeno per chi utilizza Google Chrome come browser predefinito. È questo l’obiettivo di big G., una vera e propria rivoluzione se si pensa all’uso che viene fatto oggi dei cookie terze parti. Sono certo che ci riuscirà, maggiore privacy per gli utenti è la conclusione teorica, la pratica potrebbe però essere ben diversa.
  • Exclusive: Apple dropped plan for encrypting backups after FBI complained – sources: (ENG) una notizia affatto buona giunge da quell’azienda che spende un mucchio di soldi in pubblicità dove sottolinea la sua enorme capacità di mantenere la totale privacy sui dati dell’utente finale. Quell’azienda si chiama Apple, il prodotto è chiaramente iPhone e il backup dei tuoi dati iCloud è ora al centro della bufera da quando Apple ha dichiarato che il piano di permettere una totale criptazione di quei dati è sfumato.

Dai un’occhiata anche a …

  • Il problema della leadership: (ITA) analisi sfortunatamente realistica (si basa sull’esperienza quotidiana, è evidente) che dipinge un quadro poco invidiabile della classe dirigenziale italiana. Che si tratti di ufficio o fabbrica poco importa, troppo spesso il problema principale di una piccola, media o grande azienda risiede nei posti di potere.
  • La scelta di arredare con la tecnologia, il caso Ikea: (ITA) Ikea affonda il piede sull’acceleratore e continua a investire nella ricerca e sviluppo dei suoi prodotti dedicati alla casa domotica. Tutto è cominciato con delle lampadine e strisce a led intelligenti controllate dal proprio gateway, oggi si parla di tende, casse acustiche intelligenti e altro ancora.
  • Windows 7, il supporto è terminato: cosa fare: (ITA) non l’ho incluso nelle precedenti “puntate” di questa rubrica, eppure mi sembra una notizia alla quale dare particolare risalto vista l’importanza storica di Windows 7.
  • Private Browsing Won’t Protect You From Everything: (ENG) è un articolo vecchio ma in un certo senso sempre attuale. La modalità Incognito o Privata dei browser più conosciuti e utilizzata non protegge da malware né tanto meno ti fa da scudo nei confronti di provider e siti web visitati.
  • DuckDuckGo Traffic: (ENG) statistiche. Che DuckDuckGo possa costituire una più che valida alternativa al gigante Google lo sanno tanti, il suo voler offrire massima privacy su ricerche e dati è certamente un grande punto a favore. Dai un’occhiata a queste statistiche, la dicono lunga senza aggiungere null’altro. La gente rivuole indietro il suo diritto a farsi i cazzi propri senza essere costantemente sorvegliata.

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: