Archives For Roku

Quando ho deciso di spendere quei 40€ per l’acquisto di una Amazon Fire TV Stick, l’intenzione era quella di provarla e capire se potesse fare al caso dell’ambiente cucina e living poco smart dei miei genitori, con televisori collegati –fino a oggi– ai piccoli Roku targati e personalizzati NOW TV, abbastanza limitati nei movimenti, ormai non al passo con i tempi. Ti racconto com’è andata e perché potresti farci anche tu un pensierino, se l’intenzione è quella di poter personalizzare (di molto, rispetto al semplice Cast) il tuo rapporto con il televisore e i contenuti video.

Amazon Fire TV Stick | Basic Edition: ha senso l'acquisto? 1

Amazon Fire TV Stick

Parto con il dirti che sono stato utilizzatore di Google Chromecast per anni, e ancora prima di Apple TV (subito prima che il TvOS lasciasse il giusto spazio allo Store e alle applicazioni di terze parti, quando statisticamente in casa Android ha preso il sopravvento), questo mi è sempre bastato, streaming diretto dai miei dispositivi e decoder satellitare per tutto il resto. Amazon Fire TV Stick non era prevista, così come un qualsiasi altro box TV Android più carrozzato e specifico. Amazon Fire TV Stick può collocarsi in una fascia di mercato medio-bassa, dedicata a chi vuole rendere smart il proprio televisore, completandolo con applicazioni che sei abituato a usare quotidianamente su smartphone o tablet (entro i limiti hardware imposti dal prodotto).

Nella sua versione Basic Edition, Amazon Fire TV Stick propone la chiave da collegare alla porta HDMI del televisore (con relativa prolunga, per farla un pelo più assomigliare a Chromecast e per aiutare chi ha posizionato il televisore a corta distanza dal muro), un cavo microUSB e un comune adattatore da inserire in una presa per l’alimentazione, inclusi anche telecomando Fire TV e 2 batterie AAA (il telecomando può essere “sostituito” dall’applicazione Fire TV per Android e iOS).

Amazon Fire TV
Amazon Fire TV
Price: Free
‎Amazon Fire TV
‎Amazon Fire TV
Developer: AMZN Mobile LLC
Price: Free

Ho iniziato a configurarlo, installare nuove applicazioni approfittando delle proposte Amazon in primo piano, per poi perdermi in un mondo di personalizzazioni fatto perlopiù di alternative realizzate da terzi, ben distanti dalla raccolta organizzata in malo modo dal big del commercio (sì, non sopporto davvero l’organizzazione delle categorie e suddivisione delle applicazioni proposte da Amazon, oltre il “Primo piano” si entra in un pozzo di confusione più unico che raro).

Acquistare una Amazon Fire TV Stick oggi vuol dire riuscire a portare sullo schermo di casa Amazon Prime Video, servizio altrimenti non “castabile” (fa schifo, lo so, è per fartela rapida) a causa della solita annosa questione legata all’antipatia tra Google e Amazon (la stessa che ha causato la magica sparizione dell’applicazione YouTube proprio da Fire TV Stick, ora accessibile solo tramite browser, nda). Fino a oggi, l’unico modo che avevo per guardare Prime Video oltre l’utilizzo dell’iPad Mini (limitato quindi dalla sua massima diagonale di monitor) era accendere la Xbox One X e utilizzare l’applicazione installata dallo Store di Microsoft:

Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Developer: ‪Amazon Development Centre (London) Ltd‬
Price: Gratis+

L’interfaccia, fatta eccezione per l’organizzazione delle applicazioni installabili in un secondo momento (come già detto qualche riga più su), è sufficientemente valida e semplice da utilizzare, si può intuire quanto basta come e dove muoversi, ma si potrebbe fare di gran lunga meglio (qui Netflix può solo fare scuola, così come in generale un qualsivoglia buon launcher per Android).

Posso dirti che rispetto a Chromecast, Amazon Fire TV Stick è certamente più comoda per una questione di libertà rispetto ai dispositivi posseduti, ma scomoda per quello che riguarda il controllo dello streaming (un Plex che trasmette a Chromecast può essere facilmente controllato dall’area notifiche dello smartphone, per mettere in pausa o muoversi in avanti / indietro rispetto al momento che si sta visualizzando con un solo clic), con però il minimo comune denominatore dovuto alla compatibilità con un numero limitato di applicazioni, cosa che con Amazon Fire TV Stick si nota molto meno, grazie alla possibilità di personalizzazione (più ampia rispetto al concetto espresso da Amazon stessa).

Personalizzazione

È forse questo il paragrafo più interessante per il cliente finale, soprattutto con quello che adora mettere le mani sotto al cofano senza accontentarsi di ciò che che viene proposto dal libretto di istruzioni. Ciò che ti serve avere a disposizione per poter procedere con questa parte di articolo è uno smartphone o tablet Android (ultima spiaggia è un emulatore installato sul tuo PC, come BlueStacks), che ti renda la vita maggiormente comoda grazie all’applicazione Apps2Fire:

Apps2Fire
Apps2Fire
Developer: Koni
Price: Free

Prima di partire: modalità sviluppatore

Per poter operare su Fire TV Stick in totale (o quasi) libertà, ti servirà attivare la modalità sviluppatore e la comunicazione ADB (quest’ultima fondamentale per lo scambio dati via IP con Apps2Fire). Per effettuare la modifica dovrai andare nel menu Impostazioni, spostarti in Dispositivo, quindi Opzioni sviluppatore, e infine attivare Debug ADB e Applicazioni da fonti sconosciute.

Configurazione di Apps2Fire

Ora che la Fire TV Stick è pronta, apri Apps2Fire così da poterla configurare. Spostati nella schermata di Setup (l’ultima) e inserisci l’indirizzo IP della tua Fire TV Stick. Se non conosci quest’ultimo, vai nelle Impostazioni di Fire TV Stick, spostati sotto DispositivoInformazioni → Rete, leggi sulla destra i dettagli e riporta l’indirizzo IP nell’applicazione:

Fai clic su Save, verrà tentata la connessione alla tua Fire TV Stick. Fatto ciò, si può procedere con qualche piccolo esperimento.

Mediaset Infinity

Altro servizio che ho sempre mandato in streaming via Chromecast e che, con l’aiuto di Apps2Fire, è possibile installare su Fire TV Stick anche se non dichiarato compatibile (e quindi non disponibile nelle applicazioni proposte nell’elenco ufficiale di Amazon). Tutto nasce da un thread all’interno del forum di XDA, dicembre dello scorso anno: forum.xda-developers.com/fire-tv/themes-apps/app-mediaset-infinity-apk-android-tv-t3715377.

Sky Online o Mediaset Infinity? La verità sta sempre nel mezzo 5

La procedura di installazione è semplice e te la riporto qui di seguito (già verificata con successo).

Via Smartphone (e Apps2Fire)

  • Scarica tramite smartphone (tablet o Android su PC) il file APK di Infinity per TV che trovi su XDA. Per tua comodità, ne ho salvato una copia all’indirizzo gioxx.org/fire/apk/Infinity_1.0.5.apk.
  • Apri Apps2Fire, spostati sotto Fire TV Apps e fai clic sull’icona Upload (quella con la freccia rivolta verso l’alto) per iniziare la procedura di caricamento APK. Salvo errori, il pacchetto di Infinity si troverà all’interno della cartella Download del tuo smartphone, fai clic su di esso e lascia che Apps2Fire faccia il resto, caricando sulla Stick Infinity e installandola.

Avvia l’applicazione ed effettua il login, goditi ora il catalogo Mediaset al quale hai accesso.

Via Fire TV Stick

  • Installa Downloader (programma suggerito già alla prima installazione di Amazon Fire TV Stick), aprilo e puntalo all’indirizzo go.gioxx.org/infinityapk, questo ti permetterà di scaricare l’APK di Infinity nella memoria di Fire TV Stick, dovrai solo installare manualmente l’applicazione.

C’è solo Infinity?

Amazon Fire TV Stick (Basic Edition): è un acquisto sensato? 3

Affatto. C’è TIMVision, ma anche SkyGo o RaiPlay, APK che trovi facilmente tramite GitHub, puntando il browser all’indirizzo github.com/TheMiguelBi/APP_for_Amazon-Fire-Tv-Stick_BasicEdition e che puoi installare con gli stessi metodi che ti ho riportato sopra per Infinity.

La RAI, per esempio, preferisco richiamarla tramite Kodi (e insieme a lei anche La7, Mediaset On Demand e altro ancora).

Kodi per Fire TV Stick

Il mondo che include altri mondi, Kodi è il Media Player che da anni monopolizza i Media Center di molti salotti o semplici postazioni da lavoro portatili. Puoi installarlo anche su Fire TV Stick, è semplice e puoi farlo rapidamente tramite Downloader. Ti ho creato un collegamento rapido che punta alla giusta versione per l’architettura utilizzata dalla Stick di Amazon: go.gioxx.org/firekodi.

Amazon Fire TV Stick (Basic Edition): è un acquisto sensato? 4

Una volta installato, puoi espandere i confini del semplice Media Player locale arricchendolo di plugin che puoi facilmente reperire online, chiaramente aggiungendo sorgenti sorgenti esterne.

Prima di continuare

Ti tocca abilitare l’installazione di plugin di terze parti da fonti sconosciute, un po’ come fatto prima per l’installazione degli APK in Fire TV Stick. Vai nelle Impostazioni e spostati in Add-ons, quindi abilita l’opzione Fonti sconosciute (nella parte di destra, come in immagine di seguito seppur in lingua inglese):

Amazon Fire TV Stick (Basic Edition): è un acquisto sensato? 6

Ora puoi procedere

Per farlo vai nelle ImpostazioniFileAggiungi Sorgente, quindi fai clic su <Nessuno> e imposta l’URL verso il repository dei plugin (e non solo) da installare, per esempio https://gioxx.org/fire, spazio personale che ho creato per raccogliere alcuni plugin sicuramente funzionanti e testati, messi anche a tua disposizione. Una volta dato un nome e aggiunta la sorgente esterna, potrai richiamarla per l’installazione di file ZIP.

Spostati nella schermata degli Add-on e scegli di installarne da Repository (Installa da repository), quindi fai clic su “..” (è la prima voce in alto in ordine alfabetico, servirà per salire di un livello) → Installa da un file zip.

Amazon Fire TV Stick (Basic Edition): è un acquisto sensato? 5

Scegli ora il repository esterno che hai precedentemente inserito in Kodi e seleziona il file ZIP da installare. Nella sorgente esterna che ti ho messo a disposizione troverai alcuni plugin potenzialmente interessanti anche per te, come quello dedicato alla Rai, Mediaset On-Demand, La7 e altri ancora, devi solo prenderti un po’ di tempo per effettuare i tuoi test.

In conclusione

Da qui in poi, ti basterà qualche ricerca Google e del tempo libero perché di grandi limiti associati a Kodi io non ne ho trovati. C’è tanto da scoprire, e Amazon Fire TV Stick ti offre la possibilità di farlo a un giusto prezzo, per lo meno fino a quando non deciderai di crescere (alzare l’asticella dai, mica mi riferisco alla tua età anagrafica!) e guardare con interesse al mercato dei box Android che offrono maggiori prestazioni (processori, RAM e memoria disponibile dai tagli decisamente più alti rispetto alla configurazione comunque valida di Fire TV Stick).

Acquistare Amazon Fire TV Stick per un cliente Prime vuol dire spendere circa 40€ (39,99€), che diventano 60 (59,99€) per chi cliente Prime non lo è. Il mio consiglio è quello di acquistare il prodotto se sei cliente Prime, o farlo fare al collega di lavoro (o amico) che lo è e che potrà acquistarne fino a due con il proprio account, perché per 60€ probabilmente punterei su altro (o conserverei quel budget per aggiungerci qualcosina e acquistare un box più performante).

Di certo c’è che l’esperienza rispetto a Google Chromecast cambia parecchio, e devo rimangiarmi la parola (basata un po’ sulla fiducia) verso coloro ai quali avevo detto che acquistare Amazon Fire TV Stick era inutile se si possedeva già Chromecast. Si possono fare maggiori esperimenti e far funzionare applicazioni non compatibili con Chromecast, senza metterci di mezzo una terza parte costituita dagli smartphone o tablet che mandavano il loro Cast verso il televisore, talvolta rimettendoci in qualità e stabilità di segnale (con Plex queste cose si notavano parecchio, soprattutto su flussi streaming esosi).

Per qualsiasi dubbio o ulteriore informazione inerente l’articolo, ti ricordo che l’area commenti è a tua totale disposizione :-)

× Android's Corner Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)
× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato di tasca mia per capire se potesse fare al caso dei miei genitori, ho finito per tenerlo, personalizzandolo per le esigenze di casa mia e di Ilaria!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Volendolo definire con parole estremamente semplici, Sky Online TV Box è il bouquet dei canali Sky più main-stream che potete facilmente installare ovunque sia disponibile una connessione a internet. È Sky anche dove Sky non c’è, non con la sua offerta di punta con parabola, possibilità di registrazione dei programmi e servizi annessi ma pur sempre una buona parte dei programmi migliori sempre disponibili on-demand e l’aggiunta di canali live per seguire in diretta gli show più discussi e i film da poco usciti nelle grandi sale.

Potrete godere della comodità di Sky Online (che nel frattempo ha compiuto il suo primo anno di vita e del quale vi ho parlato in una mia comparativa per la migliore offerta in streaming) senza necessità di passare da console o smart-TV. Insieme all’applicazione presente su smartphone e tablet questa costituisce la terza soluzione “portabile” legata al proprio account.

SkyOnline-TVBox

Perché la necessità di un ulteriore device da collegare al proprio televisore? Perché così facendo chiunque può realmente sfruttare le potenzialità di Sky Online anche nel caso in cui non abbia a disposizione alcun apparato compatibile proiettabile sul televisore, io fino ad oggi ho sfruttato appieno il mio abbonamento passando per Xbox One e l’applicazione appositamente sviluppata, fermo restando che quest’ultima ha ancora qualche pecca e quell’instabilità che di tanto in tanto la rende “peggiore” di quella offerta sull’hardware Roku sul quale gira la sua versione ad-hoc sviluppata per il colosso di Rupert Murdoch.

A proposito di hardware: nessuno ha inventato nulla. Roku da tempo produce i suoi media player che sono parecchio conosciuti nel mondo, avevo avuto l’occasione di provarne uno qualche tempo fa. La possibilità di installare applicazioni (canali, ndr) come fosse uno smartphone (anche se in maniera più limitata, ovviamente) è sicuramente una gran comodità, quella sfruttata da Sky è quindi un’ottima opportunità di espansione che si spera non diventi soluzione blackbox nonostante tutti i dubbi leciti.

SkyOnline-OffertaSKYTVBOX_pc_banner_edit

Installazione tramite il contenuto della scatola acquistabile comodamente su Amazon (contenente già un mese di servizio gratuito con ticket intrattenimento e cinema ed un secondo mese a solo 1€, ndr), la creazione di un account sul sito del servizio (skyonline.it) e l’inserimento delle credenziali a video (sia per collegarsi alla WiFi di casa, sia per entrare nell’account di Sky Online). Nel frattempo il dispositivo rileverà un aggiornamento che dovrà chiaramente eseguire (sarà proprio quest’ultimo a personalizzarlo e permettergli di installare il canale di Sky Online).

Onestamente per l’ultima fase di autenticazione avrei preferito un codice di associazione. Riportare username e password tramite il telecomando è scomodo e lento oltre che ricco di possibilità di errore (con conseguente nervosismo dell’utente finale), sarebbe bastato generare un codice in grado di –una volta riportato nella propria pagina utente sul sito di Sky Online– associare il dispositivo all’account, dettaglio comunque trascurabile (è una procedura che non vi toccherà rifare) che non abbassa di molto la valutazione di Sky Online TV Box.

A questo punto il device è pronto per dar spettacolo. L’applicazione è ben realizzata, sufficientemente intuitiva nel controllo e nell’esplorazione di titoli e canali disponibili anche se in tutta onestà preferisco quella sviluppata per le console (forza dell’abitudine, evidentemente). Di pecche non ce ne sono, non di nuove almeno: il flusso video era ed è rimasto in definizione Standard, nulla a che vedere con la qualità dell’HD offerta nell’abbonamento con parabola. D’accordo l’upscale sul proprio televisore, ma è ormai stupido pensare che le nuove offerte in fibra non possano sopportare la quantità di dati da scaricare (ne è la dimostrazione la nuova offerta digitale siglata da TIM e Sky). Possibilità di rivedere ciò che si è perso o rivedere ciò che è particolarmente piaciuto è un pacchetto facente parte di quell’offerta “On Demand” ampiamente rodata, solida e più che soddisfacente, tutto il resto “è noia, chiacchiere e distintivo“.

Il prodotto viene venduto ad un prezzo più che prevedibile considerando che si ha da sempre l’abitudine di sostituire il simbolo dell’euro a quello del dollaro e che un media player di nuova generazione Roku costa proprio 49,99$ oltreoceano. In più si vanno a risparmiare quei (circa) 20€ tra ticket cinema e intrattenimento (se in passato avete già sfruttato dei periodi di prova a 0,99€). A questo punto le domande d’obbligo diventano sicuramente un paio (soprattutto perché noi arriviamo a questo tipo di soluzione dopo che la stessa è già approdata da tempo nel Regno Unito): a quando uno streaming in alta definizione liberamente selezionabile al posto dello standard utilizzato di default e -ancora più importante- la sicurezza che la soluzione non venga abbandonata (con un fermo firmware allo stato attuale) senza possibilità di accedere agli altri canali già selezionabili su Roku considerando inoltre che Netflix presto sbarcherà in Italia con un’offerta sicuramente competitiva (con l’unica paura relativa al catalogo titoli disponibili) e possibili altri device e applicazioni dedicate?

Il detto lo conoscono tutti: chi vivrà vedrà, nel frattempo ci godiamo ciò che il mercato ha da offrire, passando sempre per il competitor più preparato e avanzato tecnologicamente, lo stesso che però non riesce proprio a portare Sky Go sulle stesse periferiche dove Sky Online “pascola” tranquillamente senza alcun nemico facente parte della stessa casata, che il Multivision viene fatto pagare come opzione e “sia mai” che io quando sono fuori per lavoro riesca a godermi il mio abbonamento sul televisore dell’appartamento che mi ospita.

In ogni caso sono contento che si sia avverato quanto sperato e discusso così tanto anni e anni fa con amici, colleghi e parenti. Lo streaming è ormai una realtà consolidata che permette di godersi i propri programmi e film in piena libertà e senza più la necessità di fare della pirateria il proprio grido di battaglia contro gli orari e le condizioni imposte dai big della comunicazione del piccolo schermo.

Good job, guys.

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: il box è stato fornito da Sky, ho potuto tenerlo al termine del test. Abbonamento di Sky Online di tasca mia.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: