Archives For Tuning

Credo di non aver decantato mai così tanto le lodi di un gioco come fatto con Forza Horizon 2, eppure è proprio a lui che voglio dedicare questo articolo dal sapore estivo (nonostante le piogge di queste ultime ore), quello che profuma da fine della scuola, quei ricordi della serata al cinema con gli amici per godersi il fresco ed una buona pellicola, il raduno automobilistico, tutta la notte in piedi e la mattina successiva “ancora freschi“. Tornano in mente anni passati, piccole e grandi soddisfazioni, voglia di libertà.

Ho acceso la mia One, ho lanciato l’espansione Forza Horizon 2 Presents Fast & Furious e ho pensato solo a guidare, a divertirmi come un ragazzino alle prese con quei primi passi a metà tra la cazzata detta ai genitori e la ragazza ad aspettarlo dietro l’angolo, quando in realtà bisognava andare a studiare per arrivare pronti al recupero del debito formativo che ti eri guadagnato dicendo al professore che non riusciva davvero a fare il suo mestiere (unica bocca ad aprirsi nonostante le menti fossero tutte d’accordo in quella classe, maledetta lingua sempre troppo rapida).

Forza Horizon 2 Presents Fast & Furious: non di solo NOS è fatta la nostalgia 5

Ho guidato, mi è piaciuto, l’ho rifatto, ed è andata avanti così ancora per un po’, fino a concludere quell’espansione dal sapore nostalgico verso quei tempi, perché la mente è matta e si ispira con quello che le capita a tiro. E allora grazie a Universal che ha voluto sponsorizzare il suo ultimo titolo e grazie anche ai ragazzi di Turn 10 / Playground Games e Microsoft per aver permesso questa realizzazione e integrazione con il titolo principale. Non c’è lode, c’è una sufficienza alta, un DLC che è rimasto a disposizione dei giocatori gratuitamente per un discreto periodo di tempo e passato poi a quella decina di euro che potrebbe corrispondere alla “giusta spesa” per chi è appassionato del genere e ama questa saga che ha fatto la storia e che tanto ha cambiato anche in Italia, un settore che fino al 2001 era sconosciuto ai più.

E allora è così che deve terminare questa saga, Forza Motorsport 6 è alle porte considerando il “buio” voluto dal periodo più caldo durante il quale scarseggiano le belle uscite e i più importanti DLC, anche se -in tutta onestà- spero di sbagliarmi alla grande.

Start Your Engine.

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
L’articolo è disponibile anche su Wired all’indirizzo gadget.wired.it/foto/2011/04/26/my-special-car.html, fateci un salto! :-)

Ormai è un appuntamento fisso, ogni anno tra la fine di marzo e i primi giorni di aprile prende vita il più conosciuto ritrovo dedicato a tutti gli appassionati di tuning in Italia: il My Special Car di Rimini. Grazie all’ampio spazio messo a disposizione dalla fiera di Rimini, i padiglioni sono in grado di tenere sotto lo stesso tetto migliaia di macchine personalizzate (chi più, chi meno) o più semplicemente “nate diverse da tutte le altre“, rarità che pochi possono permettersi o vetture importate direttamente dall’America, magari mai approdate nel vecchio continente. A questo vanno aggiunti gli spettacoli nell’arena esterna, l’intrattenimento del solito Pepe Nero di Riccione e la musica di m2o, anche quest’ultimo diventato ormai partner fisso dell’evento.

Quale migliore occasione per fare “qualche” scatto fotografico? :-)

MSC11: My Special Car 2011

MSC11: My Special Car 2011 MSC11: My Special Car 2011

Appassionati, aziende, semplici curiosi e ragazzini con alle spalle una marea di ore passate a vedere e rivedere gli episodi di Fast & Furious (che ha dato il via nel 2001 alla moda dell’elaborazione automobilistica accessibile per chiunque), al My Special Car prende parte chiunque, ogni anno con numeri rispettabili, nonostante le voci di qualche tempo fa che lo davano ormai in declino.

MSC11: My Special Car 2011

MSC11: My Special Car 2011 MSC11: My Special Car 2011

Certo bisogna ammettere che rispetto all’edizione del 2004 (la prima alla quale ho partecipato, la ricordo come se fosse ieri) tante cose sono cambiate, c’era meno spazio dedicato all’audio (ora abbondante e abusato, il mal di testa è assicurato se rimanete più di 10 minuti nello stesso padiglione) e agli spettacoli che pubblicizzano un night club fin troppo conosciuto. C’erano più espositori, più aziende, più voglia di avvicinarsi al cliente finale e proporgli valide idee per personalizzare il proprio mezzo, un po’ più simile a quello che è il Motor Show degli ultimi anni (escludendo quello del 2009, facente parte dell’albo nero dell’esposizione bolognese).

MSC11: My Special Car 2011

MSC11: My Special Car 2011 MSC11: My Special Car 2011

Nonostante questo la voglia di farsi vedere e riconoscere c’è ancora, in barba alle leggi mancanti richieste a gran voce ad un governo che continua a tentennare molto sulla questione.

Per dare una occhiata alla galleria completa, fate un salto su Flickr!

flickr.com/gioxxswall/sets/72157626297205215

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Premessa prima di cominciare:

state leggendo un post sponsorizzato. Vi ricordo che le mie recensioni sono oggettive, in nessun modo contenenti baggianate gratuite solo perché qualcuno mi offre il gadget di ultima generazione o investe denaro in questo piccolo blog. Leggete come sempre con fiducia, non mi risparmio per nessuno! ;)

Cosa ci fanno Napolux, sottoscritto, Alessandro e altri giocatori nello stesso posto a Milano? Semplice: provano la versione finale di Blur, ultima realizzazione Activision / Bizarre Creations che uscirà su tutti gli scaffali il prossimo 28 maggio :-)

Blur - Screen dal gioco

Blur - Schermata di gioco - Clicca sulla foto per vedere l'intero set

Chi di questi giochi se ne serve quotidianamente, ricorderà bene i “PRO” di quasi tutti i titoli fino ad ora pubblicati (per console o per PC, è indifferente). Cosa ho individuato in Blur? Un matrimonio di quei PRO affinché l’esperienza finale di gioco sia esclusiva, come un voler forzatamente imporre il dominio sulle console di casa nostra sostituendo precedenti titoli altrui con un solo disco. A vedere (e provare) il gioco completo (finalmente il Single Player!) sembra che il traguardo non sia poi così lontano e inarrivabile …

Questi i titoli che ho potuto “scoprire” giocando a Blur:

  • Need for Speed – saga Underground e successivi per stile di gioco, scelta delle automobili, modalità di carriera, boss da sfidare;
  • OutRun 2 SP – nella modalità Heart Attack Mode quando vi toccherà stupire i vostri fan;
  • Mario Kart Wii – per attacchi e difese durante il tracciato, utilizzabili contro le altre macchine (o per difendersi dalle stesse);
  • Forza Motorsport 3 – per lo stile di guida e la fisica ben studiata, anche se talvolta troppo permissiva nei confronti del giocatore che può –come al solito– andare a sfasciare la macchina contro un muro nel caso in cui non riesca a frenare per tempo, senza conseguenze eccessive;

Una nutrita lista di vantaggi per il giocatore che riuscirà a trovare adrenalina, competizione e longevità in un titolo che sicuramente può guadagnarsi il proprio spazio nella teca sotto alla console di casa :-)

Ciò che ha colpito chi è riuscito a fare un salto in Ambito5 è stata la particolare cura per gli scenari, gli effetti grafici (come gli schizzi d’acqua sul monitor, il senso di velocità della macchina o le ombreggiature degli oggetti e delle automobili in corsa), nessun rallentamento, anche in prossimità di oggetti che si integrano perfettamente con la fisica della macchina (si veda quei barili in mezzo alla strada che durante una sfida boss ho fatto volare in orbita :mrgreen:).

Ho approfittato dell’occasione per porre una semplice domanda a chi è intervenuto alla serata per conto di Activision: perché “copiare” da giochi che hanno già fatto successo mettendo un po’ di tutto in Blur? La risposta è stata secca e abbastanza convincente, posso riassumerla in una semplice frase:

l’idea del tutto nuova di Activision è stata quella di prendere il meglio di giochi già apprezzati e mischiare tra di loro le caratteristiche più valide, questo è ciò a cui nessuno ancora aveva pensato, il tutto senza rovinare il titolo finale permettendone quindi una diffusione –si spera– capillare tra i videogiocatori che adorano il genere.

Nessun’altra anticipazione, bisognerà attendere venerdì prossimo per saperne di più, per la lista dei modelli auto completa, per le piste messe a disposizione del pilota, per nuovi scontri all’ultimo Power-Up :-)

Ci si becca in multiplayer? Correte ad iscrivervi su X360 Gamers, di tanto in tanto organizziamo sfide in Live Party!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non sono sparito, gli ultimi giorni sono stati parecchio caotici, suddivisi poco equamente tra il lavoro che i clienti qui a Milano procurano e quello privato che attende solo di essere portato a termine in tempi ragionevoli (visto che è li a prender polvere ormai da tanto!). E’ con grande orgoglio che vi annuncio quindi la pubblicazione della pagina web ufficiale dedicata ad un evento da non perdere il prossimo 10 maggio se vi trovate “dalle mia parti” (Ravenna e dintorni), specialmente se apprezzate particolarmente il mondo dell’elaborazione automobilistica (e non solo) …

TuningManiaQuattro è un raduno statico dove appassionati e possessori di mezzi elaborati (in estetica, in audio, ecc.ecc.) possono ritrovarsi, divertirsi e sfamare la loro voglia di competizione. Arrivato ormai alla quarta edizione (dopo 3 di tutto successo) per la prima volta verrà organizzato e “mandato avanti” dai ragazzi del mio gruppo: l’East Coast Tuning Club di Lugo.

Più di 100 coppe, una lotteria che regalerà tantissimi premi, intrattenimento, giochi, l’intero Team Aprilia campione dell’ultimo Rally dei Faraoni classe 450 e tanto altro ancora! L’intero staff è pronto ad accogliervi nel parcheggio del centro commerciale Il Globo di Lugo, valuteremo le vostre automobili, daremo la possibilità ad alcuni carrozzieri in fase di specializzazione “in materia” di fare altrettanto, per tirare poi le  somme a fine giornata giusto in tempo per le premiazioni.

Trovate tutti i dettagli all’indirizzo

eastcoast-tuning.com/tmania4

nell’attesa che io riesca a completare le ultimissime voci e caricare i documenti necessari “prima di aprire le danze” ;) Prima di concludere un ultimo link al nuovo blog che informerà gli interessati sulle iniziative del gruppo, i raduni seguiti e le gallerie fotografiche caricate sul web, con costanza e passione, entrambi caratteristiche di noi della “costa est” :)

Vi aspettiamo numerosi!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ancora una volta grazie a quei sant’uomini di Donato & Alessandro (entrambi uomini Digital PR per chi ancora non lo sapesse) sono riuscito ad imbucarmi (mi sembra il termine più adatto :P) ad un evento che non potevo assolutamente perdere: anteprima nazionale di Fast & Furious: solo parti originali, nuovo titolo della Universal Pictures che verrà proiettato nelle sale italiane a partire dal prossimo 17 aprile.

Universal Pictures Italia, uffici di Milano, ore 21.00 del 6 aprile da poco passato. Pochissimi presenti, una sala cinematografica a nostra disposizione, poltrone comode sulle quali godersi 107 minuti di adrenalina pura come la serie dei Fast & Furious ci ha ormai abituato ad esigere e godere.

Si comincia bene (e in modo assolutamente improbabile, ma tant’è, le risate sono assicurate vista l’assurdità dei primi 5 minuti di pellicola), si finisce ancora meglio. Una veloce panoramica su quelli che sono stati gli aspetti forse negativi del film per poi passare all’analisi della storia ed ai pregi di questo nuovo episodio della serie.

# cosa non va giù

Fast & Furious: solo parti originali (da ora FF4, altrimenti si fa notte) riporta sul grande schermo le storie di quei protagonisti che avevamo abbandonato nell’ormai lontano 2001, anno dell’uscita del primo episodio, quando Paul Walker e Vin Dieselerano solo dei giovinastri” alla guida di bolidi fuori dalla portata di chiunque abbia una vita “normale” e circondati da ragazze talmente belle da suscitare reazioni “naturali ed incontrollabili” al cinema :P

Bello, lodevole, assolutamente fantastico rivedere i protagonisti che ti hanno fatto innamorare del titolo. Un solo grande difetto IMHO: troppi riferimenti a quel primo film, FF4 comincia usando un “argomento chiave” di FF1, il furto della merce su strada. Sembra talvolta che FF2 non esista (figuriamoci FF3) e che Dom Toretto non abbia realmente pensato di “stare un pò calmo” dopo la fuga a fine prima pellicola. Gli stessi motti chiave del “mi devi una macchina da 10 secondi” o la competizione sempre accesa tra Brian e Dom restano, non danno sicuramente fastidio ma per qualche secondo mi hanno fatto pensare “non era meglio rinnovare anche questo?” …

e … altra cosa prima di cambiare paragrafo … perché diamine poco dopo la metà del film tutto comincia a diventare chiaro e prevedibile? Siamo noi spettatori troppo attenti o chi scrive il film pecca di ingenuità e mancanza di fantasia nel creare reali colpi di scena che facciano capire a quello spettatore attento che “si sbaglia“? Ai posteri l’ardua sentenza.

# cosa è cambiato

Attori molto maturi, ancora in grado di divertirsi e far divertire lo spettatore. Macchine assolutamente fantastiche, certamente meno corse rispetto al precedente episodio (tanto quanto al secondo forse) ma più spettacolari, più elaborate, più ragionate. La storia sembra scivolarti addosso rapida, forse troppo, ma questa è la sensazione che si prova sempre quando si guarda (o si vive) qualcosa che piace davvero.

Il tocco di classe e di rinnovamento di questa pellicola sta nella scelta di quelle auto che fanno sbavare l’appassionato del settore? Oltre alle importate e modificate “alla morte“, fanno il loro ingresso in campo le “tutte muscoli e cavalli americani“, vecchie, da collezione magari, tirate a lucido e fatte urlare in strada come solo lo staff di una serie dedicata a tuning e corse clandestine sa fare.

Tante ragazze, ancora una volta, tante scene lesbo (passatemi il termine non propriamente fine) dovute forse a gusti particolari del regista o dello sceneggiatore (:P), trasporto di merce “particolarmente delicata e preziosa” ancora una volta (vi ricorda forse il secondo episodio?). Il tutto con l’unica sostanziale differenza del doverlo fare per scoprire chi ha ucciso una persona particolarmente cara ad entrambi i protagonisti, una “della vecchia guardia” …

# cosa mi è piaciuto

Tutto, grosso modo. Il film è sicuramente ben realizzato. Gli stuntman e la computer grafica sono arrivati a livelli che solo 8 anni fa ci si sognava. Belle le macchine, bella la preferenza di Brian che ricade ancora una volta sulla fedele compagna di corse del secondo film (Nissan SkyLine), sempre più bella Jordana Brewster AKA Mia Toretto.

Bella anche la colonna sonora che propone persino un pezzo italiano. Bello il poco tempo durante il quale ha fatto la sua comparsa “Han” (all’anagrafe Sung Kang), protagonista di quel Fast & Furious Tokyo Drift tanto “anomalo” nella serie, giusto per far capire come mai era tanto amico di Dom Toretto.

Credetemi: 107 minuti bastano a farvi rilassare, a farvi sognare, meglio ancora se il tuning lo avete in qualche modo vissuto sulla pelle. Ho visto questo quarto episodio in inglese, tornerò sicuramente a vederlo in italiano il prossimo 17 aprile, in compagnia della dolce metà che lo aspetta con ansia. Ne vale la pena e non ha quel retrogusto di “seguito forzato” che tanti film hanno, per fortuna!

Consigliato? Sicuramente, a meno che non facciate parte di quella schiera che pensa che avere la macchina elaborata sia da tamarri / terroni / sfigati e cose così. Diciamo che in casi come quest’ultimo citato conviene andarsi a bere una buona birra in un pub anziché riscaldare una poltrona al cinema pagando 7 euro.

Grazie Ale, grazie Donato, ottima esperienza, in attesa ora che esca la pellicola italiana! :)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: