Letture per il weekend: Coronavirus miete vittime anche sul Web, Franceschini lo fa invece con le nostre tasche

| |

Buona domenica a te che stai leggendo questo riepilogo, appuntamento mancato all’appello della scorsa settimana ma che recupera terreno. È stata una settimana molto impegnativa sotto molti punti di vista e immagino lo sarà anche la prossima, poco tempo da dedicare alla stesura di nuovi articoli e tanto (ma tanto) da recuperare, sia prove prodotto che altro, devo assolutamente riuscire a mettere un po’ di carne nuova sul fuoco, vedrò di impegnarmi e di cercare qualche slot da dedicare al mio blog.

Virus
Photo by Free To Use Sounds

Ultime novità

  • Russia just blocked its citizens from using ProtonMail: 🇬🇧 la Russia chiede di poter accedere i server di ProtonMail per identificare alcuni utenti nel corso di una indagine non meglio descritta, ProtonMail si rifiuta e la Russia decide di bloccare l’accesso al servizio nei confini della propria nazione. Mi sembra di averla già sentito questa storia (il caso Telegram, NdA), ProtonMail però afferma che non è andata esattamente così.
  • Si diffonde il phishing legato al Coronavirus: i file da evitare: 🇮🇹 inevitabilmente in seguito al diffondersi delle notizie in merito al CoronaVirus (panico e allarmismo gratuito compreso) è arrivato il tempo degli attacchi informatici che fanno leva sulle paure comuni. Occhio quindi a ciò che si scarica e si apre sul proprio PC.
  • Air Italy in liquidazione, piano straordinario per 35 mila passeggeri: 🇮🇹 non è mai buona cosa quando un’azienda deve arrendersi e dichiarare bandiera bianca. 1500 lavoratori di Air Italy rischiano di perdere il loro posto di lavoro (per mancata riassegnazione), molti clienti dovranno essere rimborsati o collocati su voli che vadano a coprire le medesime tratte. Un problema per tutti.
  • Ecco i nuovi compensi per copia privata: Franceschini aumenta gli smartphone. Pagheranno anche gli smartwatch: 🇮🇹 un vicolo cieco dal quale non si riesce a uscire, le spalle al muro e il portafogli aperto, inevitabilmente. Il compenso per la copia privata è stata (ed è tutt’ora) una di quelle gabelle fortemente volute per riconoscere ad autori e tutta la filiera dell’industria culturale una sorta di perdita economica dovuta alla copia che una persona può effettuare di un’opera legalmente posseduta. Chi è che effettua oggi questo tipo di copie? Viviamo nell’epoca dello streaming e dell’on-demand puro, i prezzi per la copia privata si alzano e vanno a impattare anche dispositivi come gli activity tracker che nulla c’entrano con questo tipo di operazioni.
  • Caricabatteria universale, l’Europa ha fretta: 🇮🇹 che poi non è mica una novità, sono anni che su questo campo di battaglia ci sono morti e feriti senza che la guerra sia realmente terminata. Secondo Apple l’universalità non esiste se fatta da altri, nel suo caso utilizza connettori proprietari e di tanto in tanto si appoggia agli standard (vedi USB-C e iPad). Per l’Europa questa storia deve ormai vedere una fine all’orizzonte, chi la spunterà sarà solo il tempo a dircelo.
  • Cookie, nuovo sistema di classificazione su Google Chrome: 🇮🇹 Google cambia le carte in tavola (ancora una volta) e vuole provare a fare piazza pulita di tutti quei cookie derivati da fonti terze rispetto al sito web visitato, si tratta di una mossa abbastanza intelligente e ideata per favorire la privacy dei dati dell’utente, ma come ogni medaglia ci sarà sempre l’altra faccia pronta a fare da escamotage per non perdere preziose informazioni per i grandi del Web. Chi la spunterà?
  • Apple, da marzo acquisto unico delle app per iOS, iPadOS, macOS e tvOS: 🇮🇹 non che si tratti di novità, per carità, eppure da marzo la cosa diventerà ufficiale. Apple permetterà agli sviluppatori di mettere in commercio la loro applicazione che con un unico acquisto potrà essere installata su ogni sistema della Mela. Il fatto che poi lo sviluppatore rinunci a ottenere guadagni multipli in base all’OS utilizzato è altra storia (e sappiamo tutti come finirà quasi certamente).

Privacy e Sicurezza

  • Il mio cloud? E’ a casa mia: 🇮🇹 Emanuele descrive la sua attuale configurazione di rete e storage che gli permette di accedere ai suoi dati in mobilità (oltre che da casa) sfruttando un Cloud personale. La VPN pensa al resto (e un paio di punti di backup aiutano a mettere la ciliegina sulla torta).
  • Backup video su Google Foto accessibili da terzi per errore: 🇮🇹 uno di quegli errori tanto brutti che non dovrebbero mai capitare vista la delicatezza di tali dati. Google ammette che alcuni video sono finiti in backup esportati da utenti che nulla avevano a che fare con quei file. Falla immediatamente corretta che ha però generato diverse (giuste, NdA) polemiche.

Dai un’occhiata anche a …

  • Cubbit NAS is an IoT datacenter-trojan for your home: 🇬🇧 è una riflessione più che lecita e giusta. Ti ho già parlato del progetto Cubbit, io ormai non sono più a bordo da qualche tempo (è stata chiusa la fase Alpha / Beta e non ho ricevuto il prodotto in prova per poter valutare la sua versione commerciale) ma qualche domanda sull’idea alla base dei servizi commerciali e la sopravvivenza della rete privata me l’ero già fatta anche all’epoca, peccato non poter avere risposta chiara in merito.
  • Watch a Mother Reunite With Her Deceased Child in VR: 🇬🇧 esiste un limite etico all’utilizzo della VR? Una mamma ha potuto rivedere la sua bambina (deceduta) in una ricostruzione virtuale creata per documentare uno dei possibili utilizzi della realtà virtuale applicata alla nostra quotidianità. Non c’è giudizio personale, lascio domanda e risposta a te, la valutazione è soltanto tua.
  • The Best Apple AirPods Pro Tips and Tricks: 🇬🇧 un interessante spunto se sei diventato (o pensi di diventarlo in futuro) possessore di AirPods Pro, gli auricolari in-ear di Apple che permettono la totale cancellazione del rumore e non solo. Io mi trovo bene con i miei AirPods della precedente generazione (qui l’articolo che ne parla: Mi hanno convinto ad acquistare le Apple AirPods) e per il momento non prevedo di migrare, in ogni caso l’articolo è carino e può tornare utile.
  • Do You Really Need More RAM?: 🇬🇧 da quando abbiamo a che fare con il mercato delle memorie SSD la storia riguardo la lentezza della propria macchina è certamente cambiata. Nella lista della spesa la memoria SSD è diventata priorità per ringiovanire anche le macchine più vecchie, l’aumento della RAM è sicuramente ancora presente ma non rappresenta più la priorità massima.
  • In what ways does Google track you?: 🇬🇧 ti sei mai chiesto in quanti modi Google è capace di tracciare le tue attività? C’è chi ne ha fatto un sunto, solo uno dei tanti (troppi?) articoli che ne parlano, è sempre comunque bene tenere d’occhio l’evoluzione della cosa. La privacy è assolutamente importante e mai da sottovalutare.
  • Google Maps Hacks: 🇬🇧 la notizia è saltata fuori ormai diversi giorni fa e ha fatto il giro del mondo. Puoi “mettere in ginocchio” il sistema di rilevamento traffico di Google Maps in una sola mossa? Beh, la risposta tutto sommato è sì, c’è riuscito questo ragazzo con 99 smartphone completi di SIM, tutti attivi su Maps, tutti rilevati dalla geolocalizzazione, la stessa che ha illuminato di rosso le strade percorse sulla mappa del traffico in tempo reale.
  • iHateRegex: 🇬🇧 un tool adatto a tutti coloro che non vogliono impazzire quando c’è bisogno di costruire un’espressione regolare o capirne il significato.
Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: