Archives For Java

Java UpdateSe c’è una cosa che non sopporto di Java in ambiente aziendale è la sua insistente verifica di aggiornamenti con tanto di notifica all’utente che ovviamente non potrà eseguirlo in quanto non amministratore della macchina locale. A questo aggiungete gli errori nati in concomitanza con la release 7.x e otterrete un quadretto tipico da chiamate infinite all’helpdesk chiedendo l’aggiornamento del suddetto software.

Se anche voi possedete una piattaforma di aggiornamento centralizzato per i client dell’azienda o -più semplicemente- volete sopprimere quella notifica di aggiornamento tramite GPO (su più PC in dominio) o script (uno o più PC non in dominio) questo è il “come procedere“.

Giusto per precisare: in entrambi i casi si tratta di mettere mano ad una chiave di registro perché è grazie a quella che Java fa partire la verifica e la notifica di aggiornamento, i due differenti metodi arrivano allo stesso obiettivo.

GPO

Come già detto, occorrerà modificare una chiave di registro di Windows per poter terminare ogni controllo e ogni notifica di aggiornamento del prodotto. Accedete al vostro GPO Manager e navigate fino a:

  • Computer Configuration
    • Preferences
      • Windows Settings
        • Registry

Ora occorrerà fare clic con il tasto destro nella parte di destra (in un qualsiasi punto vuoto) e selezionare New / Registry Item. A questo punto vi verranno chiesti i dettagli, questi per la precisione:

  • Action:  Update
  • Hive:  HKEY_LOCAL_MACHINE
  • Key Path:  SOFTWARE\JavaSoft\Java Update\Policy
  • Value name:  EnableJavaUpdate
  • Value type:  REG_DWORD
  • Value data:  00000000

Quella trafila dopo “Value data” corrisponde a 8 zeri e questo è il risultato in immagine:

Facendo clic su OK si tornerà alla finestra principale del registro e noterete la vostra nuova chiave nell’elenco:

Assegnate la policy appena creata alle OU che desiderate (o all’intero dominio / Authenticated Users) e attendete che i vari PC si adeguino, la vostra salute mentale e sopportazione verso gli utilizzatori ne troverà giovamento e vi ringrazierà.

Se volete verificare il corretto funzionamento della GPO vi basterà andare in Pannello di Controllo, fare doppio clic sull’icona di Java e verificare che sia sparita la tab relativa all’aggiornamento del software.

Attenzione: la soluzione proposta è valida per Java 32 bit installato su un Windows a 32 bit oppure Java 64 bit installato su un Windows a 64 bit. Se volete adattarla ad un Java 32 bit installato su un sistema a 64 potete dare un’occhiata a questo ottimo articolo: gpyall.com/archives/how-do-i-disable-32-bit-java-updates-on-64-bit-windows.

VBS (locale o in rete)

Volete evitare di mettere mano al registro ma vorreste replicare quanto spiegato qui sopra? La macchina non appartiene ad un dominio o ne avete più di una all’interno dell’ufficio e con un amministratore identico su tutte volete operare la modifica comodamente dalla vostra postazione? Qualche riga di codice VBScript può aiutarvi a portare a termine la semplice missione.

Per la singola macchina (o magari per più macchine se volete portarvi in giro una chiave USB con lo script a bordo) vi propongo qualche riga di codice che una volta eseguita opera la modifica di registro portando a termine rapidamente il tutto:

Ho volutamente commentato le righe appartenenti al “paragrafo” DEBUG perché servono a mostrare a video il valore della chiave di registro dopo aver lanciato lo script. Togliete l’apostrofo di commento alle ultime due righe (e solo a quelle) nel caso in cui vogliate una conferma dell’operazione.

Trovate questo script e qualsiasi eventuale nuova modifica su Gist: gist.github.com/gioxx/166afd4e286b30482bf8

Qualche differenza rispetto allo script appena spiegato la trovate invece in quello per operare da remoto. Questo codice, una volta eseguito, vi chiederà il nome della macchina sulla quale collegarsi e –ammesso che le credenziali in uso siano amministrative anche sulla macchina da raggiungere– si collegherà al registro e modificherà il valore della chiave (se presente, in caso contrario l’andrà a creare):

Trovate questo script e qualsiasi eventuale nuova modifica su Gist: gist.github.com/gioxx/963c6cb54fe7a6ada6ec

Insomma, in qualsiasi verso vogliate girare la questione questi sono i metodi sviluppati, provati e verificati per arrivare all’obiettivo. Per qualsiasi commento o ulteriore suggerimento l’area commenti è a vostra totale disposizione :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Gianluca mi segnala un bando di concorso universitario con protagonista il mondo Java, in occasione della giornata dedicata proprio al noto linguaggio di programmazione, volentieri ripubblico:

Il Javaday Roma, in collaborazione con la Consulta di Ingegneria Informatica dell’Università Roma Tre, ha organizzato un concorso rivolto a laureati in Ingegneria Informatica (o classe equivalente) di tutte le Università italiane.

Il concorso si concretizza in due Bandi distinti:

  • Bando per tesi Triennali in Ingegneria Informatica o classe 9 – Bando in pdf
  • Bando per tesi Magistrali in Ingegneria Informatica o classe LM- 32 – Bando in pdf

Il Bando per tesi Magistrali è organizzato in collaborazione con IBM Italia.

Ogni Bando è costituito da tre premi di 1.000 euro lordi ciascuno, per un totale di 6.000 euro lordi.

Possono partecipare ai Bandi solo le tesi conseguite a decorrere dal 1° settembre 2008.

Il concorso si chiude il 20 gennaio 2010.

Per partecipare al concorso occorre compilare, in ogni sua parte, il modulo che verrà reso disponibile a questo indirizzo a partire dal 12 gennaio. Il modulo comprende l’invio in formato pdf della propria tesi. Al completamento del modulo verrà inviata una email di conferma alla casella email indicata. In caso di premiazione questa email deve essere firmata e avrà valore legale di autocertificazione dei dati presentati.

  • Sito ufficiale della manifestazione “Javaday IV”
  • Cheers :-)

    Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

    Non è la prima volta che litigo con Lotus Notes ma bisogna oggettivamente ammettere che nella versione 8 del client IBM ha superato se stessa e tutte le aspettative riguardo “il complicarsi la vita gratuitamente“.

    Lotus Notes 8, sviluppato su piattaforma Eclipse teoricamente più performante di Java (della quale comunque sembra includere ancora parecchia roba), è stato completamente rivoluzionato anche nell’interfaccia grafica. I vari comandi che si potevano facilmente trovare nei preistorici ma sempre validi menu di Lotus Notes 6.x e 7.x necessitano di attivazione da parte dell’utente nella release 8.

    Secondo un mio collega esperto di piattaforma Domino, IBM sta facendo di tutto per assomigliare a Microsoft ed alla sua finta semplificazione delle interfacce GUI per agevolare il lavoro dell’utente, sarà per questo che Notes 8 assomiglia un pò a Office 2007?

    Oggi ho affrontato il problema “Repliche in locale” che contrariamente a Lotus Notes 7.0.3, installato e perfettamente funzionante sulla macchina aziendale del sottoscritto, richiede “un intuito degno di una donna che cerca l’offerta al supermercato“.

    Make Available Offline

    Abituati alla replica sempre disponibile da File / Replicate / New Replica (almeno nel Notes in inglese)? Arrangiatevi se non volete attivare i menu “avanzati“, qui si parla di “Rendere Disponibile Offline” o “Make Available Offline“:

    clicca per ingrandire

    Tale modalità può certamente essere comoda per replicare il database di posta elettronica. Diventa molto meno “gradita” nel momento in cui si vuole avere una replica della rubrica globale (aziendale) presente sul server di posta. Si perché andare a replicare il names.nsf dal server sostituendolo magari al names.nsf locale, vuol dire perdere tutto ciò che l’utente salva nella rubrica personale e tutte le location.

    Rollback, I prefer

    Fortunatamente è stato previsto un “rollback” per poter mostrare le vecchie opzioni nel menu tasto destro sul WorkSpace o da File. Andando in “View” e selezionando “Advanced Menus” sarà possibile riavere indietro ciò che è stato tolto all’interfaccia di default, compreso il tanto amato tasto destro con Replication / New Replica:

    Tutto questo popò di roba è spiegato nella documentazione IBM dedicata all’ultima versione del client:

    lnweb90.worldbank.org/help/help8_client.nsf/…def5945fcb8d9c0a852572fe00687940?OpenDocument

    a voi non resta che spulciarla nel caso in cui qualcosa non si trovi al punto giusto e scoprire come “riportarla allo stato brado” ;)

    Buon lavoro.

    Condividi l'articolo con i tuoi contatti: