Archives For Printers

Tutto nasce da una richiesta (un commento) nell’articolo originale dedicato alla stampa automatica che tiene d’occhio una cartella di Dropbox. Non so se te lo ricordi, ma eventualmente ti rinfresco la memoria:

Stampare in automatico da Dropbox

Quello di cui ti parlo oggi è un metodo alternativo, che sfrutta un programma di terza parte che può, tra le altre cose, tenere d’occhio una specifica cartella del disco e lanciare alcune azioni, tra le quali la stampa di un documento, anche in più copie (semplicemente facendo un lancio dietro l’altro, di una singola stampa, coadiuvato da un piccolo script in PowerShell che va a fare pulizia in seguito). L’applicazione è gratuita, si chiama Folder Agent e la scarichi da qui: folderagent.com

Stampare automaticamente da una cartella di Windows (con Folder Agent)

Per fartela breve, una volta installata e avviata, potrai immediatamente dargli una cartella da tenere d’occhio, quindi creare una “todo list” di azioni che verranno eseguite in successione quando un file comparirà all’interno di quella cartella, un po’ come se venisse lavorato e poi smaltito, così da tenere la cartella sempre pulita, pronta per un successivo “inizio-processo-fine“.

Questo è il mio esempio, dedicato a coloro che hanno necessità di stampare un documento PDF in più copie (nell’esempio: 2), con successiva chiusura del programma (Adobe Acrobat Reader, nda) per evitare che rimanga aperta la finestra sul PC:

Stampare automaticamente da una cartella di Windows

Lo sleep di 10 secondi serve al sistema per permettere di lavorare senza che le operazioni in rapida successione impediscano il corretto susseguirsi delle azioni richieste (con c’è pausa prevista tra le azioni, devi quindi prevederla tu quando necessario). Lo script di PowerShell che richiamo all’ultimo step, invece, serve esclusivamente a chiudere i processi aperti di Adobe Acrobat Reader, così da lasciare inutilmente aperto un programma (consuma RAM, in ogni caso). Occhio però: se in quel momento stai utilizzando il software per altri motivi (e per altri documenti) subirà la stessa sorte di quello utilizzato per lanciare il doppio processo di stampa, dovrai quindi riaprirlo:

Stampare automaticamente da una cartella di Windows 1

Non c’è altro da sapere. Il programma è molto semplice da utilizzare e permette di lanciare un set di operazioni che possono facilmente essere provate in ambiente di test, senza danneggiare quello di lavoro (quindi di produzione). Una volta padroneggiata l’interfaccia di Folder Agent, la strada è tutta in discesa :-)

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Le stampanti; periferiche inventate dall’uomo che sono diventate famose nel tempo poiché vincolo di continui problemi e costante (nonché esagerato) spreco di carta, croce per i tecnici del reparto IT che ogni giorno ne hanno almeno una (dipende dalla quantità dell stampanti che si hanno in giro per l’azienda, ovviamente) pronta a far passare loro un brutto quarto d’ora per chissà quale problema. Altrettanto croce per il reparto dei servizi generali che si ritrova a togliere dall’incastro un pezzo di carta bloccato chissà dove, magari lasciandoci lembi di pelle qua e la.

Rimozione delle stampanti di rete o locali da Registro di Windows

Ci sono problemi però anche sulla parte software, nella gestione che Windows riserva alle nemiche per eccellenza della pazienza umana. Spesso si incorre in problemi di accesso, code di stampa bloccate, mappature impossibili da rimuovere. Avete mai pensato di aggirare l’ostacolo utilizzando il Registro di Sistema? È facile, i passaggi sono pochi.

Rimuovere una stampante di rete

Rimozione delle stampanti di rete o locali da Registro di Windows 2

Le mappature delle stampanti direttamente da server risparmiano tempo e possono essere facilmente ritoccate (sul server, appunto) così da espandere nell’immediato la modifica anche su tutti i client che ne fanno uso. Il problema nasce quando anche solo una mappatura non può essere eliminata dall’utilizzatore corrente della postazione e l’amministratore della macchina non fa uso della stessa mappatura. Per aggirare l’ostacolo basterà aprire il registro di sistema (Start / Esegui / regedit) e navigare in:

HKEY_CURRENT_USER\Printers\Connections

Dove Current_User dovrà essere l’utilizzatore. Se non potete lanciare il Regedit con l’utente corrente, fatelo con l’amministratore e navigate in HKEY_USERS individuando lì l’utente a cui dovete andare a rimuovere la mappatura. A questo punto noterete delle chiavi fatte tutte alla stessa maniera (grosso modo), del tipo “HKEY_CURRENT_USER\Printers\Connections\,,NOMESERVER,NOMESTAMPANTE”.

Vi basterà eliminare la chiave e riavviare il servizio di Spooler. Il problema dovrebbe essere ora risolto.

Rimuovere una stampante locale

Rimozione delle stampanti di rete o locali da Registro di Windows 1

Stesso procedimento di quelle di rete, ad eccezione del fatto che stavolta bisognerà navigare in:

HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Print\Environments\Windows NT x86\Drivers\Version-3

Qui potrete notare il modello della stampante installata che non riuscite proprio a rimuovere. Vi basterà eliminare la chiave e riavviare il servizio di Spooler. Il problema dovrebbe essere ora risolto.

Se questo non dovesse bastare, vi rimando ad un vecchio articolo che per l’occasione ho trovato su TechRepublic, che continua ad essere assolutamente attuale nonostante sia stato pubblicato ormai più di 4 anni fa: techrepublic.com/blog/diy-it-guy/diy-how-to-delete-pesky-printers.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

L’estensione lato client non è in grado di rimuovi utente le impostazioni del criterio per …

Tutto comincia da li, secondo documentazione ufficiale Microsoft potrebbe tirarvi fuori un “Messaggio di errore su un controller di dominio che esegue Windows Server 2008: l’estensione lato client potrebbe non rimuovere le impostazioni dei criteri utente per ‘Nome di dominio {GUID}’ perché non è riuscito con errore del codice”0x8007000d dati non validi.

Mi è capitato in fase di deploy delle stampanti tramite GPO su domain controller Windows 2008 (verso client Windows 7) di ottenere alcuni errori che impedivano la corretta installazione (o modifica delle impostazioni successiva alla prima installazione, ndr). L’errore è quello che vedete nell’immagine qui di seguito (si, è di qualche tempo fa):

Errore GPO - Stampanti

 

Secondo il documento ufficiale di Microsoft all’indirizzo support.microsoft.com/kb/977564 basta una semplice cancellazione della cartella che contiene il file XML con le impostazioni. Tutto vero. Navigate in “C:\ProgramData\Microsoft\Group Policy\History” ed identificate la cartella giusta tramite l’errore, oppure navigatele tutte fino a trovare il file “printers.xml“. Cancellate l’intera cartella e forzate ora un nuovo aggiornamento di policy (gpupdate /force) o attendete che il DC faccia il suo lavoro.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: