Archives For Fix

Articolo nato da appunti sparsi e tanti link consultati.

Chi lavora nell’ambito IT (o è comunque appassionato, cugino di (TM) o “tu che sai tutto di PC” (cit.)) sa bene che –nella storia– la grande azienda di Redmond è incappata in qualche piccolo scivolone nei rilasci di fix e patch più complesse che, pur andando a correggere alcuni importanti errori, andavano contemporaneamente a crearne di nuovi, costringendo gli sviluppatori a tirare fuori correzioni delle correzioni. Era da diverso tempo che non accadeva in maniera così plateale, fa tutto parte del periodo giugno-luglio che volge ormai al termine, e ha interessato sia Office che Windows.

Microsoft, quanta confusione (storie di KB che correggono KB)

Tutto è più o meno cominciato con quel KB4022725 per Windows, seguito a ruota dall’aggiornamento 1706 di Office 365 ProPlus, entrambi articoli usciti solo una manciata di giorni fa. Se a questi si aggiunge il gran rumore di fondo prodotto nei forum di Social Technet Microsoft e le ripetute lamentele degli utenti, si arriva a un risultato non esattamente soddisfacente. Gli errori fatti nel rilascio patch di giugno si sono trascinati fino a un caldo luglio che ha portato con sé ulteriori anomalie, in buona parte risolte solo ora che anche lui volge al termine.

Tutto torna

Ho dato una rapida occhiata ai ticket che sono stati aperti in helpdesk aziendale (di primo e secondo livello) durante questo “periodo caldo” (e non per colpa delle temperature esterne), e la maggior parte dei casi più eclatanti (e che hanno richiesto maggiore tempo di lavorazione) sono stati proprio quelli che hanno visto come protagonista degli errori generati dai fix di Redmond, tutti arrivati poi a medesima conclusione (un rollback dove assolutamente necessario, l’attesa della correzione dove si poteva stringere i denti e rispettare il ciclo di rilascio di Microsoft).

  • Il KB4022716 del 27 giugno correggeva alcuni problemi relativi a Internet Explorer e Microsoft Edge che però hanno portato a un nuovo bug decisamente più fastidioso e impattante, crash randomici di entrambi i browser durante la navigazione, visitando siti web sempre diversi, assolutamente non collegati tra di loro.
  • Il KB4025342 del 11 luglio corregge questo errore (qui in dettaglio), ma porta con sé un loop di installazione per chi in azienda possiede un WSUS. Il pacchetto terminava la sua installazione senza però “notificare” la riuscita, facendo credere all’OS (e al WSUS) di avere ancora necessità di quel KB. Se ne è parlato in un thread su Social Technet. Microsoft ha corretto in corsa il problema, rilasciando il medesimo KB senza però il bug incluso nel prezzo (cito un intervento di un utente dal forum: Our WSUS just pulled in new updates at 3:30 eastern time and IE KB4025252 appeared again.  This updated KB seems to have fixed the issue. Several workstations no longer show that it’s needed.).

Nel frattempo, anche Office presenta qualche “piccolo mal di pancia” dovuto ai rilasci nel ramo Current, motivo per il quale abbiamo scelto di togliere gli utenti di test da quel gruppo e portarli insieme agli altri in First Release for Deferred Channel. Dei rami di aggiornamenti ne avevo già parlato tempo fa (questo l’articolo: gioxx.org/2016/03/22/office-2016-gestione-tramite-gpo-admx), seppur in maniera poco approfondita.

Cosa fare quindi per modificare il comportamenti degli Office installati nella rete?

Puoi ricorrere all’uso delle GPO, che reputo la via più comoda e immediata per migrare più PC in un colpo solo. Il comportamento di una installazione di Office fatta tramite Click2Run lo trovi sul sito di Support di Office (qui, per la precisione: support.office.com/en-us/article/Configuration-options-for-the-Office-2016-Deployment-Tool-d3879f0d-766c-469c-9440-0a9a2a905ca8?ui=en-US&rs=en-US&ad=US&fromAR=1), mentre trovi su support.office.com/authredir?url=https%3a%2f%2fsupport.office.com%3a443%2fen-us%2farticle%2fVersion-and-build-numbers-of-update-channel-releases-ae942449-1fca-4484-898b-a933ea23def7%3fui%3den-US%26rs%3den-US%26ad%3dUS%26fromAR%3d1&hurl=m4liUtElQo4FOghQgIRY6JbgTI8LrOMAfWv8uiBuEG0%3d.POsLak2i%2fGs6Exmzf062pgyAG0jqZ4zDu4vtjXF3Q2g%3d&ipt=0&si=1&wctx=70b585db-aec0-4c05-8dd0-e69a5774f03c&wa=wsignin1.0 la mappa di rilascio (con relative versioni) di Office 2016 (a oggi) per ciascun ramo.

Quindi, tanto per capirci, questa è la situazione con una GPO programmata per comandare gli Office ad aggiornarsi direttamente dai server Microsoft, seguendo il ramo di rilascio First Release for Deferred Channel:

Microsoft, quanta confusione (storie di KB che correggono KB) 1

È finita qui? Forse, o almeno per il momento, fino al prossimo giro di roulette ed ennesima scoperta di “cosa si è rotto stavolta“, un gioco che Microsoft conduce in maniera fantastica e appassionante (si nota l’ironia sottile?), dal 1995, anno più, anno meno. Sia chiaro: nessuno è esente da errori, soprattutto i più grandi. L’importante è correggerli, possibilmente senza lasciar passare troppo tempo (e non sempre questo accade) perché forse non ci si rende bene conto di quanto impatto possa dare una “piccola modifica“.

Ora posso smettere di delirare, torno a cuccia.

Adios.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Lenovo T440s aziendale. Installazione delle patch mensili che arrivano da Microsoft, a loro volta recapitate dal nostro WSUS. In seguito all’aggiornamento e riavvio del sistema, noto che il PC mi presenta davanti una schermata completamente nera (il “black screen” del titolo di questo articolo) nel caso in cui io mi allontani dalla postazione bloccando la sessione (tasto WIN + L) e risvegliando il monitor (che Windows 10 spegne praticamente subito). Cursore che lampeggia, il nulla completo oltre quello.

Tolgo e rimetto il laptop nella docking station, la schermata torna disponibile, posso finalmente reimmettere le mie credenziali e ricominciare a lavorare.

KB4022725, black screen e patch da nascondere (per ora) 2

Qualche rapida imprecazione, un ragionamento su cosa possa avere causato il problema, ricondurre il tutto all’aggiornamento dell’OS, perché quel driver aggiornato subito prima non aveva nulla a che fare con la scheda video. Una rapida ricerca sul web (il WSUS distribuisce gli aggiornamenti con qualche giorno di ritardo rispetto al patch-Tuesday). Ho trovato questo:

KB4022725 causes black screen on laptop. from windows

Patch disinstallata, PC riavviato, problema che non si verifica più (prima riuscivo a riprodurlo a colpo sicuro). A questo punto non rimane che prendere la via più diretta e passare dalla nota di supporto 3073930 che propone il tool ufficiale per nascondere gli update su Windows 10, trovi qui la pagina ufficiale: support.microsoft.com/en-us/help/3073930/how-to-temporarily-prevent-a-driver-update-from-reinstalling-in-window

Il tool, una volta scaricato e avviato, ti permetterà di ricercare e nascondere un aggiornamento di sistema che non vuoi installare (teoricamente non puoi rifiutarti di aggiornare Windows 10, non secondo l’idea di Microsoft!). L’uso è talmente banale che ti dovrebbero bastare queste due immagini per capire cosa fare:

Aggiornamenti dal fronte (KB4022716, 15063.447)

Sono quelli relativi al rilascio di un nuovo fix di Microsoft che dovrebbe andare a correggere gli errori creati dal KB4022725. Trovi sul sito di Microsoft una scheda relativa a tutto ciò che porta con sé: support.microsoft.com/en-us/help/4022716/windows-10-update-kb4022716.

KB4022725, black screen e patch da nascondere (per ora) 3

Per il momento installata, nei prossimi giorni mi basterà riprodurre il problema e capire se è stato realmente risolto, nonostante sembra che da report degli utenti risultino ancora delle rogne poco simpatiche: windowsreport.com/kb4022716-issues:

Black screen issues

Users report that KB4022716 also causes black screen issues. The only solution to fix this problem is to uninstall the update.

e ancora:

Display doesn’t come back from sleep

Users report that their computers won’t come back from sleep after installing KB4022716. In the best case scenario, all users get is a black screen with a white mouse cursor. It appears that this problem is prevalent for Surface devices.

After installation of KB4022716 this morning, my previously stable Surface Book […] consistently fails to wake properly from sleep. If I get anything at all, it’s a blinking cursor on a black screen. Pressing and holding the power button eventually brings up a “slide to shut down” screen, and cancelling this gets me back to the Windows desktop.

It seems that this update introduced a huge bug in the lock screen. For the time being, the only solution is to simply uninstall it.

Mi siedo, provo a lavorare normalmente, aggiorno l’articolo se necessario. Tu hai rilevato gli stessi problemi sul tuo Windows Creators Update (1703)?

Update

aggiornamento del 3/7/17

Ci ho provato, è innegabile, ma evidentemente in Microsoft non hanno ben chiaro cosa voglia dire risolvere i problemi del “Black Screen and Mouse Cursor Keep Blinking” da molti lamentato (me compreso). Continuano a susseguirsi feedback sulla community e nell’hub di Microsoft (quello navigabile e utilizzabile da ogni Windows 10), così come tweet (ricchi di insulti, tra l’altro) e stati di Facebook. Andiamo al punto, questa discussione si è sviluppata e contiene molte lamentele (alcune molto simili alla mia configurazione): answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-update/update-kb4022716-causing-black-screen-after-screen/95dc60cc-07d3-4b77-9a94-0c2366b8af53. Qui trovi invece il feedback su Hub, dai il tuo voto per contribuire a una più rapida risoluzione da parte di Microsoft: aka.ms/Nxw1a7.

KB4022725, black screen e patch da nascondere (per ora) 4

Un consiglio: non ascoltare il suggerimento relativo alla disinstallazione di prodotti antivirus di terze parti, non serve a nulla e non ha alcun senso. Se dopo un’installazione di una patch Microsoft, il sistema ha un problema, non può essere dovuto a decine di prodotti antivirus differenti. C’è gente che ha risolto disinstallando Comodo, altra Symantec, altra ancora Kaspersky. Ti sembra possibile che contemporaneamente tutti questi prodotti di terze parti abbiano una rogna in comune?

Il metodo rimane quindi quello suggerito nell’articolo principale: utilizzare lo strumento di supporto 3073930 per nascondere temporaneamente il fix di Microsoft:

KB4022725, black screen e patch da nascondere (per ora) 5

Ora non resta che aspettare che Microsoft rilasci il fix del fix del fix.

 

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Tutto parte dal mio PC, stavolta. Il solito popup di Windows Update mi notifica che ci sono alcuni aggiornamenti in coda e che possono essere già installati. Curioso di vedere cosa Microsoft aveva in serbo tra le novità del mese, ho fatto clic sul messaggio e quindi accesso alla finestra degli aggiornamenti. Ho aperto il dettaglio e questo è stato il risultato davanti ai miei occhi:

Windows Update: aggiornamenti "che mandano in bianco"

10 le patch segnate come Importanti (quindi da installare il prima possibile) ma zero contenuti nella finestra di Windows Update. Questo problema è quasi più vecchio del sistema stesso ed è stato già segnalato in passato sul forum di Social Technet di Microsoft, ho trovato un riferimento del 2009 qui: social.technet.microsoft.com/Forums/windows/en-US/b5f8e85b-0a6e-47be-b669-2c7fe68f9990/windows-update-select-updates-to-install-screen-is-blank?forum=itprovistadesktopui

Vi risparmio la fatica di arrivare al risultato: un piccolo Fixit realizzato da Microsoft rimetterà a posto la situazione in una manciata di secondi (è necessario un riavvio, nda), lo si scarica immediatamente da go.microsoft.com/?linkid=9665683.

Una volta riavviata la macchina, Windows Update rileverà nuovamente gli aggiornamenti ma stavolta la finestra mostrerà tutte le informazioni necessarie:

Windows Update: aggiornamenti "che mandano in bianco" 1

Un lavoro rapido e pulito, una volta tanto.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Le stampanti; periferiche inventate dall’uomo che sono diventate famose nel tempo poiché vincolo di continui problemi e costante (nonché esagerato) spreco di carta, croce per i tecnici del reparto IT che ogni giorno ne hanno almeno una (dipende dalla quantità dell stampanti che si hanno in giro per l’azienda, ovviamente) pronta a far passare loro un brutto quarto d’ora per chissà quale problema. Altrettanto croce per il reparto dei servizi generali che si ritrova a togliere dall’incastro un pezzo di carta bloccato chissà dove, magari lasciandoci lembi di pelle qua e la.

Rimozione delle stampanti di rete o locali da Registro di Windows

Ci sono problemi però anche sulla parte software, nella gestione che Windows riserva alle nemiche per eccellenza della pazienza umana. Spesso si incorre in problemi di accesso, code di stampa bloccate, mappature impossibili da rimuovere. Avete mai pensato di aggirare l’ostacolo utilizzando il Registro di Sistema? È facile, i passaggi sono pochi.

Rimuovere una stampante di rete

Rimozione delle stampanti di rete o locali da Registro di Windows 2

Le mappature delle stampanti direttamente da server risparmiano tempo e possono essere facilmente ritoccate (sul server, appunto) così da espandere nell’immediato la modifica anche su tutti i client che ne fanno uso. Il problema nasce quando anche solo una mappatura non può essere eliminata dall’utilizzatore corrente della postazione e l’amministratore della macchina non fa uso della stessa mappatura. Per aggirare l’ostacolo basterà aprire il registro di sistema (Start / Esegui / regedit) e navigare in:

HKEY_CURRENT_USER\Printers\Connections

Dove Current_User dovrà essere l’utilizzatore. Se non potete lanciare il Regedit con l’utente corrente, fatelo con l’amministratore e navigate in HKEY_USERS individuando lì l’utente a cui dovete andare a rimuovere la mappatura. A questo punto noterete delle chiavi fatte tutte alla stessa maniera (grosso modo), del tipo “HKEY_CURRENT_USER\Printers\Connections\,,NOMESERVER,NOMESTAMPANTE”.

Vi basterà eliminare la chiave e riavviare il servizio di Spooler. Il problema dovrebbe essere ora risolto.

Rimuovere una stampante locale

Rimozione delle stampanti di rete o locali da Registro di Windows 1

Stesso procedimento di quelle di rete, ad eccezione del fatto che stavolta bisognerà navigare in:

HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Print\Environments\Windows NT x86\Drivers\Version-3

Qui potrete notare il modello della stampante installata che non riuscite proprio a rimuovere. Vi basterà eliminare la chiave e riavviare il servizio di Spooler. Il problema dovrebbe essere ora risolto.

Se questo non dovesse bastare, vi rimando ad un vecchio articolo che per l’occasione ho trovato su TechRepublic, che continua ad essere assolutamente attuale nonostante sia stato pubblicato ormai più di 4 anni fa: techrepublic.com/blog/diy-it-guy/diy-how-to-delete-pesky-printers.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Si chiama Intel(R) Ethernet Connection I218-LM ed è la vostra scheda di rete ethernet che sembra darvi una quantità di problemi stupidi e fastidiosi, come il totale blocco della comunicazione con la rete cablata dopo aver riacceso il PC dopo una sospensione o magari la perdita di connessione sporadica, rapidissima, ma inesorabile quando si tratta di tenere in “Keep Alive” un terminale verso SAP o AS400 (o chissà cos’altro). Per diverso tempo ho avuto anche io qualche piccolo problema, mi sono sempre limitato ad aggirarlo senza difficoltà, poi mi sono rotto le scatole e l’ho risolto grazie a un driver più aggiornato di Intel che però non viene proposto né in Windows Update, né dall’utility ufficiale di Lenovo che tiene sempre aggiornati i driver della macchina (simpatica, come sempre).

Intel Logo

Un riferimento, vecchio più di un anno, è ancora raggiungibile sul forum di Intel all’indirizzo communities.intel.com/message/244206. Io ho scaricato la versione 20.3 per Windows 7 x64 disponibile facendo clic qui. Voi potete scaricare il pacchetto a 32 o 64 bit per il vostro sistema operativo semplicemente puntando il browser all’indirizzo downloadcenter.intel.com/search?keyword=I218-LM (filtrando poi la categoria “Driver” e il vostro sistema operativo):

Intel(R) Ethernet Connection I218-LM: problemi di Wake Up

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: