Archives For Windows Update

Scopro (semplicemente tenendo aperte orecchie e occhi) che ancora in molti non conoscono un vecchio trucco ancora funzionante per riavviare o arrestare il Sistema Operativo (in questo caso Windows 10) senza passare per l’installazione degli aggiornamenti anche se questi sono stati scaricati (e il SO è pronto per concludere l’operazione). Forse inutile che te lo dica ma lo faccio ugualmente: gli aggiornamenti (soprattutto quando si parla di quelli di sicurezza) sono fondamentali per il tuo PC, lo tengono generalmente al sicuro da possibili attacchi e in linea con i migliori standard decisi dal produttore. Occorre farli.

Scorciatoie di Windows: tasto CTRL e tasto Windows 3

Riavviare Windows 10 senza aggiornare

Chiarito il punto di vista (e non c’è niente di forzato, fidati, lo penso sul serio sia per Windows che macOS) ti devo però il trucco. 4 i possibili metodi, tutti semplici da utilizzare, te li riepilogo di seguito.

Tasto Shift

È quello che utilizzi (tenendolo premuto) per scrivere una lettera in maiuscolo, questo per capirci (evidenziato in blu):

Riavviare o arrestare Windows 10 senza installare gli aggiornamenti

Vai su Start → Arresta, tieni premuto il tasto Shift di sinistra e fai clic su Aggiorna e arresta (se vuoi spegnerlo) o Aggiorna e riavvia (se vuoi semplicemente riavviarlo). Non smettere di tenere premuto lo Shift fino a quando il PC non eseguirà quello che hai chiesto.

Fine della sessione di lavoro

Che tu lo ricordi o meno la combinazione ALT + F4 esiste dagli albori del Sistema Operativo di Microsoft. Funziona anche su Windows 10 e nel particolare caso degli aggiornamenti di sistema può tornarti utile. Chiudi tutti i programmi, fai un singolo clic sul Desktop (su una parte libera) e premi sulla tastiera la combinazione ALT + F4 per far comparire la schermata “Fine della sessione di lavoro“.

Riavviare o arrestare Windows 10 senza installare gli aggiornamenti 1

Qui puoi scegliere di riavviare o arrestare Windows 10 saltando a piè pari il completamento dell’installazione degli aggiornamenti (neanche compariranno le voci “Aggiorna e …“.

Schermata di blocco

È quella dove generalmente inserisci la password del tuo account per accedere al sistema. Ci arrivi in qualsiasi momento tramite combinazione tasti Windows (Aprire programmi senza chiudere il menu di Start) + L o se preferisci con CTRL + ALT + CANC seguito da Blocca. Qui troverai in basso a destra l’icona di spegnimento che puoi selezionare per accedere alle funzioni di riavvio o arresto del sistema.

Riavviare o arrestare Windows 10 senza installare gli aggiornamenti 2

Prompt dei comandi

Un classico, quello che preferisco per questioni di affetto e rapidità del mio battere a tastiera. Avvia un prompt dei comandi (tasto Windows Aprire programmi senza chiudere il menu di Start + R e digita cmd seguito da invio) e scrivi al suo interno shutdown -r -t 0 per riavviare il sistema o shutdown -s -t 0 per arrestarlo. Non c’è nulla di più immediato di questo. Entrambe le stringhe possono essere utilizzate anche per creare rapidi collegamenti sul Desktop che con un doppio clic scatenano l’evento desiderato, scavalcando l’ostacolo posto dagli aggiornamenti eseguiti che devono però terminare la loro opera.

In conclusione

Ti ho parlato dei quattro possibili modi che hai per riuscire a riavviare o spegnere la tua macchina senza “passare dal Via” (come a Monopoli) ma questo non vuol dire – ci tengo a ribadirlo – che tu possa evitare di aggiornare il tuo Sistema Operativo. È un rischio stupido e inutile direttamente proporzionale all’importanza dei dati custoditi da quella macchina e la sua presenza all’interno di una rete (sia essa aziendale o privata, poco importa). Aggiorna sempre, affronta eventuali problemi dovuti a patch non del tutto perfette, non pensare anche solo per un minuto di essere al riparo da possibili minacce provenienti ormai da web, programmi e file “prestati dagli amici con una chiavetta USB o Dropbox“.

Conoscere questi metodi può tornare utile se stai facendo manutenzione sulla tua macchina e non vuoi perdere troppo tempo durante un necessario riavvio (con aggiornamenti pronti in canna), nulla più.

Dubbi? Domande in merito? L’area commenti è sempre a tua disposizione.

× Le pillole del Dr.Mario

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ci ho messo del tempo per partorire il titolo dell’articolo, fai il bravo. Cos’è 0patch? (così ci leviamo subito di torno l’incombenza di descriverlo accuratamente) È un agente che si installa sul tuo PC e ti permette di scaricare e mettere immediatamente in produzione delle correzioni a bug conosciuti di programmi terze parti e – soprattutto – del Sistema Operativo. Devi pensare al concetto di WSUS (ammesso tu lo conosca, altrimenti guarda qui) in maniera decisamente più distribuita, a livello mondiale, un po’ quello che accade con i server di Microsoft che Windows Update sfrutta quando il tuo PC necessita di correzioni.

0patch: micropatching in un macro-mondo di insicurezze

0patch in realtà è più di tutto questo. È chiaramente un progetto e quindi un’azienda alle spalle, con i suoi sviluppatori e tutto il suo business model che deve in qualche maniera poter fruttare qualcosa nelle tasche di chi ci ha prima di tutto investito e che lo ha perciò tirato in piedi. Il concetto è di per sé vincente: gli sviluppatori sono troppo spesso lenti nel rendere pubbliche le correzioni delle falle dei propri programmi, spesso addirittura non verranno mai neanche pubblicate per mancanza di tempo, fondi o chissà cos’altro. 0patch vuole in qualche maniera “metterci la pezza” e intervenire andando a correggere quelle falle e impedendo quindi a exploit e in generale malware di sfruttarle per arrivare a danneggiare il tuo sistema.

In maniera del tutto logica e conseguenziale questo si traduce nella possibilità di continuare a utilizzare determinate applicazioni e Sistemi Operativi evidentemente abbandonati ma in qualche maniera (tu sai quale, voglio sperare) assolutamente irrinunciabili. È in questo frangente che vorrei farti capire che Windows XP non lo si può più ritenere tale (e tra un po’ anche Windows 7, nda), ma capisco che alcune situazioni molto delicate e particolari possano andare contro questa mia affermazione. Ecco: 0patch può aiutarti a far sì che quel sistema sia meno vulnerabile agli attacchi provenienti non solo dal web, ma anche da locale. L’agente è pari a un qualsiasi suo simile (mi viene in mente l’agente Kace che utilizziamo in azienda, tanto per dire), scaricherà e installerà il necessario senza costringerti al riavvio della macchina, dettaglio che ritengo non tanto trascurabile (un punto a favore di questa soluzione).

Nella sua versione Free 0patch permette ben pochi movimenti, in tutta onestà è anche giusto così e non lo dico perché “prendi quello che è gratuito e ringrazia“, bensì perché sono grosso modo convinto che non ci sia molto spazio libero da lasciare all’utente quando si tratta di proteggere un sistema da possibili attacchi di terze parti offensive. Puoi dare un’occhiata alle patch installate (che saranno scaricate e applicate in base ai software che hai a bordo della tua macchina, per evitare sprechi di spazio e banda in download per ciò che non ti interessa), puoi chiedere di essere informato riguardo i download dei codici più importanti, puoi conoscere l’attuale situazione di patching del sistema dalla dashboard, fine dei giochi. 0patch è uno di quei software che una volta installato imparerai a ignorare, funziona, ne prendi semplicemente atto (il mio funziona è stato riportato dopo aver provato ad attaccare il sistema tramite un bug conosciuto di un’applicazione, fallito e notificato proprio da 0patch).

Ammetto di aver scoperto 0patch tardi rispetto al dovuto, sono stato forse tra gli ultimi a provare la sua versione Free (per qualche mese) prima dell’arrivo della versione professionale a pagamento. La mail è datata 3 aprile e annuncia proprio la variante dedicata agli amministratori di sistema che possono scegliere di proteggere singole macchine corrispondendo un gettone annuale alla Acros Security:

Dear 0patch friends,

After several years of being a “beta” product (and probably competing for the longest beta period in the history of software development with Google’s Gmail) we’ve finally reached the point where we can start offering our commercial version of 0patch for business use.  Now we have a FREE and PRO version available and if you already have our 0patch Agent installed, you are automatically using our FREE plan that includes free patches.

What are the differences between FREE and PRO plans?

We are offering the FREE plan for personal and non-profit educational use, implementing the same technology as 0patch PRO, but with a limited set of micropatches and limited support.

In the future, when we issue a micropatch, we will decide whether it will only be offered to users with 0patch PRO license or also to users without one (i.e., 0patch FREE users), using these rough guidelines:

  • Patches for vulnerabilities affecting predominantly home users and users in educational institutions (e.g., WinRAR or Equation Editor patches) shall be FREE patches.
  • Patches for 0days that affect many home/educational users shall be FREE patches until official vendor fixes for such 0days are issued, at which time they will turn into PRO patches.
  • Patches for issues affecting predominantly organizations (e.g., Windows Server issues) shall be PRO patches.
  • Patches for end-of-life products (e.g., old Java runtime versions, Windows Server 2003, or Windows 7 after January 14, 2020) shall be PRO patches.
  • PRO users will be entitled for an email support with guaranteed response in 24 hours.

[…]

What will change for you if you stay on the FREE plan?

Right now, if you are using 0patch for personal or non-profit educational use, nothing is changing for you. All patches that we’ve published until today are and will always stay free and will continue to protect you. You will also be able to use all FREE patches published in the future.

What else is changing?

Most importantly, with the revenue generated from PRO licenses we’ll be able to produce more micropatches – and we certainly need more of them to keep up with the growing number of vulnerabilities. We’ll also be able to continue improving our technology and further minimize the impact on your computers while pushing the limits of what we can patch.

We are kindly advising you to make an upgrade of your existing 0patch Agents to the latest version if you haven’t already, as older agents will soon become unsupported.

Please note that since today our former “Beta Test Agreement” is not valid anymore and is replaced with the “0patch End-User License Agreement”. It’s a long boring document but please read it as it defines our new relationship.

Provo a riassumere quindi ciò che oggi avresti a disposizione con la versione gratuita di 0patch e cosa cambia rispetto alla neonata professionale:

  • Tutte le patch installate in fase di rilascio beta resteranno tue, non le perderai in alcun modo (per questo, se non hai conosciuto e usato prima 0patch, è ormai troppo tardi).
  • Tutte le patch che correggono problemi relativi al Sistema Operativo e applicazioni di terze parti tipicamente per uso privato verranno rilasciate gratuitamente, diventeranno patch di tipo professionale se e quando gli autori rilasceranno le correzioni in maniera ufficiale.
  • Tutte le patch riguardanti sistemi tipicamente aziendali (pensa a Windows Server) verranno esclusivamente rilasciate per il canale professionale.
  • Tutte le patch riguardanti prodotti abbandonati (Sistema Operativo in primis, ma anche applicazioni di terze parti) saranno rilasciate per il canale professionale, questo riguarda anche Windows 7 a partire dal 14 gennaio 2020 (un grande punto a sfavore se si considera la quantità di installazioni casalinghe che non verranno mai aggiornate a Windows 10 per i più svariati motivi).
  • Com’è giusto che sia, tutte le installazioni professionali di 0patch avranno accesso a un canale di supporto dedicato a mezzo posta elettronica, con risposta garantita entro 24 ore dalla segnalazione.

Per approfondire l’argomento ti rimando a qualche articolo pubblicato sul centro di supporto di 0patch:

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Windows 10 scarica i driver aggiornati delle tue periferiche oltre che le patch del sistema, questo è un dato di fatto per il quale è possibile trovare conferma anche nella documentazione ufficiale. Se però questo comportamento del Sistema Operativo ti disturba e preferisci eseguire questa operazione di manutenzione manualmente, i metodi per farlo sono due (in realtà uno, si tratta sempre di mettere mano al registro ma nel primo caso lo si fa tramite GPO) e sono entrambi molto semplici da implementare.

Bloccare l'installazione driver su Windows 10

GPO

L’opzione è quella identificata dall’azione “Do not include drivers with Windows Updates” e la puoi trovare navigando in Computer ConfigurationPoliciesAdministrative TemplatesWindows ComponentsWindows UpdateDo not include drivers with Windows Updates, da modificare portandola (ovviamente) a Enabled, come in figura:

Bloccare l'installazione driver su Windows 10 1

Registro di Sistema

La GPO altro non è che un’interfaccia grafica in grado di comandare poi la modifica al registro di sistema (regedit), utile soprattutto in ambiente aziendale dove ci sono molti client da gestire e controllare con uno sforzo quanto più basso possibile. Se hai necessità di modificare il comportamento del tuo singolo client (o di un ristretto gruppo di PC non controllato da dominio) puoi pensare di modificare manualmente il Regedit, naviga fino a HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\WindowsUpdate, quindi inserisci (se non già esistente) una nuova chiave DWORD chiamata ExcludeWUDriversInQualityUpdate e assegna valore 1.

Per eseguire rapidamente l’operazione puoi usare un Prompt dei Comandi aperto come amministratore del sistema, la stringa da lanciare sarà:

REG ADD HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\WindowsUpdate /v ExcludeWUDriversInQualityUpdate /t REG_DWORD /d 1 /f

A questo punto la ricerca di aggiornamenti tramite Windows Update ignorerà la presenza di nuovi driver per le tue periferiche, demandando a te il compito di manutenzione che potrai eseguire quando vorrai. Tieni sempre bene a mente che tale operazione andrebbe svolta almeno una volta all’anno (se non rilevi problema alcuno durante l’utilizzo del tuo PC).


immagine di copertina: (Better) Windows 10 Wallpaper by kirill2485

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Recita il sito web ufficiale: “Dism++ can be considered as a GUI frontend of DISM, but it is based on low-level Component Based Servicing (CBS) interface instead of DISM API or DISM Core API.” e, in effetti, si tratta di un’interfaccia grafica che va a operare con strumenti che hai già a disposizione nel tuo sistema operativo (DISM / CBS), ma che probabilmente non sai utilizzare al massimo delle loro potenzialità e muovendoti con quel pelo di sicurezza in più che vorresti avere. Dism++ ti permette di operare le tue modifiche e i tuoi interventi in maniera più controllata e meglio spiegata.

Dism++: pulizia e gestione profonda del disco e del tuo Windows 1

Dism++

Scaricabile gratuitamente e compatibile con sistemi Vista (!!), 7, 8.1 e 10 (qui il download diretto per 32 e 64 bit, da quel momento in poi il programma potrà aggiornarsi autonomamente su tua conferma senza necessità di andare a scaricare manualmente i nuovi pacchetti), Dism++ nasce come utility portable, senza necessità quindi di essere installata sul sistema che la ospita (comoda da avere a portata di mano su chiave USB o cartella Dropbox / di rete).

Una volta avviato, Dism++ ti permetterà di muoverti subito tra le voci di menu disponibili nella colonna di sinistra. Tra le più importanti sicuramente c’è quella relativa alla Pulizia disco per la rimozione di file di cui “puoi fare a meno“, l’Avvio Automatico e i Servizi, la gestione delle User Appx / Provisioned Appx, le applicazioni installate da Store o passate in provisioning da Windows 10 alla creazione di un nuovo utente locale (cosa solitamente gestibile via PowerShell, non per tutti), e molto (ma molto) altro ancora, anche strumenti che non ti aspetteresti di trovare in un tool di questo tipo (come l’estrazione / creazione dei file ISO partendo dal contenitore ESD).

Nell’Ottimizzazione Sistema potrai invece trovare diverse opzioni per la modifica del comportamento del SO, anche voci particolarmente delicate diversamente intoccabili per un Sistema pensato come “AAS” (As A Service) da Microsoft. Puoi intervenire sul comportamento di Windows Update, ma anche sul riavvio automatico in caso di problemi (BSOD) o l’avvio rapido. Voci attentamente raccolte e organizzate per categoria, alle quali dovrai prestare particolare attenzione (e ti consiglio di evitare modifiche a meno che tu non sappia molto bene cosa stai andando a fare). Da qui in poi la scalata verso Driver (e possibile rimozione completa), gestione delle applicazioni o delle funzionalità installate (molto simile a quella visibile via Pannello di Controllo) e gestione degli aggiornamenti installati è cosa del tutto prevedibile e naturale (ma pericolosa in ogni caso, sempre occhi ben aperti e mouse non troppo a portata di clic).

Prima di concludere, un doveroso passaggio per le funzionalità di riparazione dirette di DISM (già previste da riga di comando e parzialmente anche da GUI di Windows 10), quelle che potrai trovare facendo clic sulla voce Recupero. È da qui che potrai facilmente lanciare la ricerca di errori operata da DISM ed eventualmente la riparazione completa dell’immagine di sistema, così come potrai effettuare un backup o un restore dello stato attuale della tua macchina, utile –magari– prima di operare modifiche che potrebbero mettere a rischio la tua postazione, il tutto sfruttando comandi sempre disponibili da riga di comando, di cui spesso si ignora l’esistenza, o con i quali non ci si vuole mettere alla prova.

Dism++: pulizia e gestione profonda del disco e del tuo Windows 8

Lo avrai capito: Dism++ è un coltellino svizzero dall’indubbia utilità, che può davvero renderti la vita più facile e salvarti in situazioni critiche, ma che –come ogni lama– porta sempre con sé quel rischio intrinseco di un taglio non previsto, nonostante tutta l’attenzione dedicata alle operazioni lanciate. Tienilo a portata di mano e leggi attentamente le informazioni che ti presenterà davanti agli occhi e, nel caso non dovesse farlo, cerca in rete consigli e documentazioni che possano meglio esplicarti pro e contro di ogni operazione che vuoi portare a termine.

Buon lavoro.


In caso di problemi con il download del pacchetto ufficiale, puoi salvarne una copia prendendola dal mio account Box, che ospita la versione 10.1.1000.70 (CbsHost 10.1.1000.62, NCleaner 10.1.1000.62, WimGAPI 10.0.17134.1, disponibile all’URL app.box.com/s/0661r8e09hmmbtzxkm2iwf0sc63hi6am.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Filtrando il tag dedicato al Sysprep ti troverai davanti a diversi articoli che parlano di questa pratica e dei vari problemi riscontrati nel corso delle versioni di Windows. Sysprep è un tool tanto bello quanto potenzialmente stronzo (sì, tanto per chiarire subito le cose), molto suscettibile e per certi versi delicato. L’ho imparato ancora una volta con Windows 10 1709, versione attualmente stabile del sistema operativo di Microsoft che verrà presto sostituita dalla Spring Update 2018 (1803).

Quello di oggi vuole essere il solito articolo “blocco appunti“, da rispolverare in caso di necessità (che magari torna utile anche a te che sei finito su questi lidi, non si sa mai).

Reinstallare Windows OEM quando il supporto di Recovery non c'è 7

Sysprep con Windows 1709

Da cosa partivo

Ti faccio il punto della situazione: con diversi modelli di PC Desktop e Laptop distribuiti all’interno del gruppo, siamo soliti tenere delle immagini master che possiamo facilmente clonare quando occorre preparare nuove postazioni, così da risparmiare tempo ed evitare facili errori dovuti alla distrazione. In questo modo ogni macchina è uguale all’altra (di base, con personalizzazioni software solo se giustificate e realmente necessarie).

La base di partenza era l’immagine di una nostra macchina con Windows 10 1703 (la Creators Update), pulita quanto basta, senza la robusta quantità di applicazioni installate da Store e con un parco software di terza parte “stretto indispensabile“. Chiaramente ho le immagini pre-sysprep da lavorare / modificare e chiudere all’occorrenza per la clonazione.

Cosa volevo ottenere

Un’immagine con upgrade in-place a 1709, perché quella 1703 era nata da zero, potevo quindi permettermi il lusso di lavorare su un aggiornamento anziché rifare tutto nuovamente da zero.

Cosa ho scoperto

Che –come già successo in passato– ci sono alcune accortezze da non lasciarsi sfuggire, perché comprometterebbero la corretta chiusura dell’immagine di sistema, particolare affatto simpatico dopo ore di lavoro. Sì perché c’è di mezzo ancora una volta l’installazione automatica di applicazioni UWP da parte dello Store (non richieste), suggerimenti (anch’essi non richiesti) e tutto ciò che in generale è legato alla chiave AutoDownload in HKLM\NewOS\Microsoft\Windows\CurrentVersion\WindowsStore\WindowsUpdate e alla DisableWindowsConsumerFeatures in HKLM\Software\Policies\Microsoft\Windows\CloudContent.

Puoi trovare diverse informazioni in merito a questi argomenti su alcuni siti web di terza parte e su GitHub (dove ho trovato diversi spunti validi dedicati agli upgrade via SCCM, adattabili anche a utilizzi “one-shot” da chiave USB o rete:

A voler bloccare le installazioni non richieste su una macchina collegata in rete, che stai lavorando per aggiornare l’immagine “master” (pratica comunemente sconsigliata, proprio perché porta con sé rischi legati ad aggiornamenti che si scaricano e installano senza dirti nulla), potresti pensare di agire direttamente via batch sul registro:

:BloccoUpdate
:: Disable Windows Store Updates
:: 2 = always off
:: 4 = always on
REG ADD HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\WindowsStore\WindowsUpdate /v AutoDownload /t REG_DWORD /d 2 /f
:: Disable Consumer Experience
:: 1 = Off (disabled)
:: 0 = On (enabled)
REG ADD HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Policies\Microsoft\Windows\CloudContent /v DisableWindowsConsumerFeatures /t REG_DWORD /d 1 /f

Fai ora tutto quello di cui hai bisogno: aggiorna le applicazioni, aggiorna Windows, ritocca ciò che più ritieni opportuno, quindi grazie all’aiuto dell’Assistente aggiornamento Windows fai upgrade a 1709 e completa le prime operazioni necessarie. Quando sarai pronto, fai partire il Clean Manager per pulire i file non necessari sul disco del sistema, poi utilizza il mio script di PowerShell per togliere tutto l’inutile da Windows 10 (vedi qui) e rimetti a posto le chiavi di registro che hai precedentemente ritoccato:

:SbloccoUpdate
:: Disable Windows Store Updates
:: 2 = always off
:: 4 = always on
::REG ADD HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\WindowsStore\WindowsUpdate /v AutoDownload /t REG_DWORD /d 4 /f
:: Disable Consumer Experience
:: 1 = Off (disabled)
:: 0 = On (enabled)
REG ADD HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Policies\Microsoft\Windows\CloudContent /v DisableWindowsConsumerFeatures /t REG_DWORD /d 0 /f

A questo punto, salvo ulteriori problemi, sei pronto a chiudere l’immagine master e lanciare il Sysprep. È qui che potresti avere a che fare con un errore dovuto a MiracastView, sto finendo un articolo ad-hoc che verrà pubblicato nei primi giorni della prossima settimana (presumibilmente martedì), per dare continuità a quanto raccontato con questo pezzo.

Upgrade in-place verso Windows 1709

Ho perso il conto di quante macchine (sia aziendali che private) ho aggiornato senza il benché minimo problema a Windows 1703 (e prima ancora a 1607, nda). Con Windows 1709, almeno negli ultimi tempi, le cose non sono andate proprio nella stessa maniera. Su più configurazioni (macchine di diversi vendor) ho sempre sbattuto il muso contro un vicolo cieco oltre il quale non sono mai riuscito ad andare: quello del controllo pre-verifica spazio disco.

Appunti sparsi su Windows 10 1709, Sysprep e Upgrade in-place 3

Non sono stato il solo a scontrarmi con la dura realtà, sono in ottima compagnia: google.com/search?q=making+sure+you%27re+ready+to+install (e qui un thread a caso sul forum di Microsoft: answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-windows_install/upgrading-to-windows-10-stuck-at-making-sure-youre/0386fe6e-1570-45e3-b560-03512026e196).

Per fartela breve, perché immagino tu non voglia perdere lo stesso tempo che ho perso io, il metodo certamente funzionante è quello del doppio salto. Utilizzare quindi una chiave USB con a bordo Windows 1703, la quale riuscirà a effettuare l’upgrade dell’OS portandolo a Windows 10, per poi saltare internamente (tramite Assistente aggiornamento Windows) a Windows 1709.

Creare un supporto d’installazione Windows 1703

L’immagine di Windows 1703 è ritenuta vecchia e superata, e per questo motivo è un pelo più difficile trovarla (neanche tanto eh, ma di certo non è più così in bella vista). Per scaricarla, puoi appoggiarti a windowsiso.net, sito web che raccoglie lo storico delle installazioni Windows (da 7 in poi). Per andare al dunque, puoi puntare il browser all’indirizzo windowsiso.net/windows-10-iso/windows-10-creators-update-1703-download-build-15063/windows-10-creators-update-1703-iso-download-standard e scegliere lingua e architettura (x86 italiana, x64 italiana), se ci fai caso, i collegamenti sono diretti a server Microsoft, si tratta di immagini pulite e senza rischi (dovrai giusto sopportare la pubblicità all’interno del sito web e al clic del tasto Download, se non usi Adblock).

Diversamente, potresti seguire quanto spiegato sul forum Microsoft, senza passare da siti web di terze parti (procedura da me provata e perfettamente funzionante): answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-windows_install-winpc/how-to-download-official-windows-10-iso-files/35cde7ec-5b6f-481c-a02d-dadf465df326.

Una volta scaricata l’immagine, potrai appoggiarti a uno dei tanti tool esistenti per la creazione di chiavi USB installabili. Io, dato che lo avevo già tra le mani, ho usato il vecchio “Strumento di download in USB/DVD per Windows 7“, che al contrario del nome non è assolutamente limitato alla creazione di supporti per l’installazione del vecchio OS Microsoft, digerisce qualsiasi ISO. Si trova facilmente sui server di Microsoft (microsoft.com/it-it/download/windows-usb-dvd-download-tool e microsoft.com/en-us/download/details.aspx?id=56485),ma ne ho caricato anche una copia completa (fatta di URL ed eseguibili nelle varie lingue) nel mio spazio Box: app.box.com/s/r3j2rmcxl7nysazehfn8mvq2egqnltty.

Hai ora il file ISO e il tool per poter proseguire, cerca una memoria USB sufficientemente capiente (maggiore di 4 GB, nda).

Apri l’utility di Microsoft e seleziona il file ISO precedentemente scaricato, quindi procedi per poterlo andare a copiare su chiave USB e ottenere il tuo supporto per l’installazione su qualsiasi macchina (impiegherà un po’ di tempo al termine del passaggio 4, porta pazienza).

A lavoro terminato, espelli la chiave USB e utilizzala sul sistema che intendi migrare a Windows 10.

In conclusione

Spero di non aver dimenticato nulla per strada, mal che vada modificherò prossimamente l’articolo per integrare ciò che può mancare all’appello. Se hai dubbi in merito a quanto spiegato, lascia pure un messaggio in area commenti, cercherò di darti una mano se ne sarò in grado. Considera che -spero ormai a stretto giro- sarà disponibile per tutti Windows 1803, che potrebbe correggere gli ultimi problemi mostrati dall’upgrade in-place del 1709 facendoci risparmiare così tempo e imprecazioni (lo spero).

Per quanto riguarda l’argomento Sysprep, se hai ulteriori suggerimenti da integrare sei sempre il benvenuto, più informazioni ci si scambia, meglio è :-)

Buon lavoro!


ulteriori riferimenti: Andre Da Costa mantiene costantemente aggiornata una discussione / guida nel forum di Microsoft, sui vari passaggi necessari per aggiornare Windows 10 (nelle più disparate modalità), la trovi all’indirizzo answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-windows_install-winpc/how-to-upgrade-to-windows-10-version-1709-fall/617a37da-8fc0-4f33-a3eb-59fe9082f925

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: