Archives For Software

Mi sono ritrovato ad affrontare un “non problema“, costituito dalla migrazione di posta elettronica accumulata per anni, da portare su un account Office 365. Il tutto però non potendo passare da un Outlook sulla macchina interessata, rendendo di fatto più interessante la richiesta. Migrare la tua posta elettronica senza perdere niente di quanto ricevuto e spedito in tanti anni di attività, credo sia un passaggio importante e delicato, che però è possibile affrontare in maniera semplice con lo strumento giusto, io ho dato un’occhiata a MailStore Home.

Migrare la posta dal tuo client Home a Office 365 (Exchange Online) 6

Nella sua versione casalinga e gratuita, MailStore offre un programma completo, che aiuta chiunque a spostare materiale così tanto delicato e al quale possiamo difficilmente rinunciare. Io ho avuto a che fare con un ambiente basato su Thunderbird e un account che per anni ha scaricato posta in POP3, non lasciando quindi alcunché sul server a distanza di qualche giorno (il solito intervallo del “cancella tutto dopo 15 giorni di permanenza sul server di posta“), men che meno la posta spedita (conservata direttamente in locale). Dall’altro lato, un account WebMail di Office 365, senza quindi la possibilità di installare in locale un Microsoft Outlook con il quale catturare rapidamente tutta la corrispondenza salvata.

MailStore Home è stata la mia ancora di salvezza che, configurata opportunamente, mi ha permesso di caricare tutto il materiale online, portando pazienza, mettendo poi mano all’account di Office 365 giusto per riorganizzare le mail (perché l’esportazione viene eseguita in una cartella con un nome dato dal programma). Lo avevo già utilizzato in passato (per tenere sotto backup il mio account di GMail, preferendogli poi però Gmvault), stavolta è servito eccome :-)

Configurazione da “pronti, via

Scarica MailStore Home dalla pagina ufficiale e, una volta avviato, scegli se installarlo sulla tua macchina o avviarlo in modalità portable (creerà una cartella ad-hoc), io ho preferito quest’ultima. A questo punto l’interfaccia del programma è sufficientemente parlante e logica. Ho caricato una piccola galleria immagini per spiegarti

Ti riporto qui di seguito le istruzioni, nel caso in cui tu abbia problemi nel leggerle direttamente dalla galleria:

  • Spostati in Archivia e-mail, fai clic sul programma di posta che intendi portare su Exchange Online (nel mio caso Thunderbird) e permetti al programma di conservare copia del suo intero archivio di posta (impiegherà diverso tempo, sulla base di quanta posta hai accumulato, porta pazienza).
  • Fai clic su Esporta e-mail. Crea un nuovo profilo in base alla tua “destinazione” (nel mio caso, Cassetta postale di Exchange, valida per Office 365). Inserisci i dettagli richiesti a video, quindi tenta una connessione per verificare che tutto vada bene.
  • Tutto corretto? Bene, salva il profilo, sei pronto a procedere.
  • Fai doppio clic sul profilo appena creato.
  • Ti si presenterà la schermata che ti chiederà che tipo di mail migrare. A te basterà dargli in pasto quelle precedentemente salvate da Thunderbird, ora memorizzate all’interno di MailStore Home. Seleziona tutto ciò che ti interessa portare sul server Exchange.
  • Il processo di migrazione è cominciato. Vai a fare merenda, impiegherà diverso tempo. Puoi comunque continuare a lavorare, a patto di non aprire Thunderbird nel frattempo, così che non ci sia posta elettronica che sfugga alla migrazione. Utilizza poi solo la WebMail (o client alternativo) che punti al tuo nuovo account Office 365.

Salvo errori o problemi nel processo, tutta la tua posta elettronica è ora sul tuo nuovo account, al sicuro. Potrai finalmente pensionare il vecchio metodo di salvataggio della tua corrispondenza.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Argomento delicato. La telemetria viene vista spesso con occhio sospetto, scambiata facilmente come invasione della privacy. Senza di lei però i programmi continuerebbero a rimanere potenzialmente instabili e pachidermici, appesantiti da codice che in alcuni casi non viene più utilizzato, o che è possibile ottimizzare in base ad architetture in continua evoluzione, che possono quindi premiare tutti gli utilizzatori nel corso del tempo, occupando loro meno risorse. La telemetria viene utilizzata da Mozilla (tanto per citare una società che ci tiene parecchio alla privacy altrui) ma è anche alla base dei prodotti principali di Microsoft, Windows e Office in primis.

Microsoft Windows and Office Banner

A calcare la mano però ci pensa proprio Microsoft, con consumi che di tanto in tanto (fortunatamente) sforano alla grande rispetto a quello che dovrebbe ricadere in qualcosa di simile alla “cortesia” (mi fai sapere come vanno i miei programmi? Ma certo, eccoti i dettagli della telemetria), andando così a impattare sul lavoro che è necessario portare a termine nei tempi richiesti. Agevolo screenshot:

Windows & Office un taglio alla Telemetria 1

Ora, appurato che anche Symantec ci mette del suo nel momento più sbagliato, non può comunque passare inosservato quel doppio processo che va a consumare poco più del 50% di CPU. Nello specifico dello screenshot si è trattato di telemetria di Office, ma anche quella di Windows non scherza. La prima citata gira tramite un paio di processi schedulati (entrambi fanno riferimento allo stesso eseguibile e una serie di parametri da riga di comando), la seconda tramite un servizio sempre attivo sulla macchina.

Il servizio si può fermare e disabilitare (così che non parta all’avvio del sistema), i due processi schedulati possono essere disabilitati (e basterà un semplice riavvio per mettere subito in atto la modifica). Se l’operazione manuale non ti alletta, ho messo mano al solito file di testo che è presto diventato un batch e poi un eseguibile (per entrambe le cose, separatamente, così rimane a te la scelta di cosa fermare e cosa no).

Trovi gli eseguibili agli indirizzi:

Entrambi i programmi devono essere eseguiti come amministratore. Ti permetteranno di modificare lo stato del tuo sistema o di tornare indietro in qualsiasi momento (ho inserito ambo le possibilità, così da ripristinare uno stato originale in qualsiasi momento). Per entrambi i batch ho cercato di rimanere quanto più generico possibile, così da provare a mantenere una piena compatibilità con i sistemi operativi più recenti, strizzando l’occhio anche al vecchio ma sempreverde Windows 7.

I test sono stati eseguiti su Windows 10 1703 (la Creators Update), ho fatto girare il tutto anche su un Windows 7 Pro Sp1, funzionante anche in questo caso. Se noti problemi nell’utilizzo, ti prego di farmelo sapere, l’area commenti è a tua totale disposizione! :-)

grazie ai contributi di:
computerstepbystep.com/base_filtering_engine_service.html
stackoverflow.com/questions/17412150/batch-regex-the-output-of-reg-query-command-to-a-variable
windowsitpro.com/windows-10/how-turn-telemetry-windows-7-8-and-windows-10
itechtics.com/disable-telemetry-data-collection-windows-10
technet.microsoft.com/en-us/library/cc766529(v=ws.11).aspx

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Se mi leggi da qualche tempo, avrai capito ormai bene quanto io sia “affezionato” (se così si può dire) ai software di Acronis, in particolare al True Image, che utilizziamo molto in ufficio per clonare facilmente i PC, realizzando immagini master che possono essere gestite, aggiornate e riversate in pochi minuti. Poco tempo fa però mi è stata suggerita un’alternativa che, soprattutto con Windows 10, sta comportandosi meglio di quanto mi aspettassi. Si tratta di Macrium Reflect.

Macrium Reflect: l'alternativa ad Acronis

Si tratta di un software che svolge principalmente lo stesso mestiere di True Image, e che una volta installato sul PC ti permette di gestire facilmente le immagini, montandole (se serve) come disco fisso virtuale e permettendoti di esplorarle o lavorarci dentro (in sola lettura nella sua versione free, distruggendo quindi le modifiche in fase di smontaggio del drive). Il pacchetto è più snello e meno ricco di opzioni rispetto a True Image, e per una soluzione casalinga può essere quindi più comodo rispetto al prodotto di Acronis, e forse anche a livello aziendale (dove le alternative Business a pagamento permettono molto più movimento).

In attesa della versione “Free” 7 (per scopi non commerciali, espressamente proibiti dalla licenza), puoi scaricare l’ultima disponibile del ramo 6 all’indirizzo macrium.com/reflectfree. La clonazione e il ripristino sono operazioni assai semplici, ma se hai qualche dubbio puoi dare un’occhiata alla documentazione ufficiale che trovi nel sito web (qui un esempio).

Dallo stesso programma potrai, con qualche clic, creare supporti di boot che ti permetteranno di utilizzare le sue funzioni facendole girare in un ambiente Windows (WinPE) aggiornato, così che nessun file di sistema possa lamentarsi di essere in uso o problemi simili. Sempre grazie a Reflect, potrai convertire immagini (da lui catturate) in file VHD che potranno essere visti / fatti girare come ambiente virtuale Microsoft.

C’è una pecca in questo sistema? Sì. Ho notato un po’ di astio con ciò che riguarda il ripartizionamento dinamico dei dischi. Nel caso in cui tu debba far stare dei dati in una partizione più piccola rispetto a quella di partenza, Macrium inizierà a fare i capricci, senza adattarsi all’esigenza. Ho dovuto quindi lavorare con un diverso tool per mettere tutti d’accordo e passare (durante il mio test) da un disco con capienza 500GB, a uno con la metà di quello spazio. Ho scaricato la versione Portable di Partition Magic, fortunatamente funziona a meraviglia come ricordavo (ne ho fatto uso in passato, prima dell’era Acronis). In alternativa puoi usare una versione live (o installata) di EaseUS Partition Master.

Io, al momento, mi sono preparato una chiave USB basata su Windows 10 x64 (retro-compatibile con gli altri sistemi Microsoft), e sto mettendolo alla prova con alcune delle immagini master che sono abituato a lavorare, ottenendo buoni risultati che potrebbero spingermi verso l’adozione della sua versione business, così da sostituire Acronis in ufficio.

Tu lo hai mai provato? Se si, come ti sei trovato? Hai avuto modo di testarlo seriamente in ambiente lavorativo? Fatti avanti, un buon consiglio è sempre il benvenuto! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Mi è stato dato in pasto un vecchio HP 620. Dati su disco (quindi da formattare), nessun supporto di Recovery per riportare il sistema alle impostazioni di fabbrica (e no, neanche una Recovery Partition nascosta). Unico dettaglio è l’etichetta di Windows 7 Pro OEM posta sotto la sua scocca. Volendo evitare costi e tempi di attesa per un supporto HP (chiave USB o disco ottico), ho preferito cercare qualcosa in giro sul web, per capire se era possibile partire con un Windows 7 pulito sul quale reinstallare in seguito le applicazioni di base e gli aggiornamenti di sistema. Si può (con qualche accortezza).

Reinstallare Windows OEM quando il supporto di Recovery non c'è 7

Ottenere un file ISO di Windows

Parto dal principio e comincio dando per scontato che qualsiasi dato sensibile sia stato messo al sicuro dal tuo utente, che il tuo lavoro quindi si limiti a dover preparare da zero la macchina, radendo al suolo qualsiasi cosa viva attualmente sul disco fisso. Né HP, né Microsoft permettono in maniera pulita di ottenere un’immagine pulita del sistema. HP ti permette di ordinare i supporti originali del tuo prodotto, Microsoft invece mette a disposizione l’interfaccia di accesso facilitato a Digital River ma, nel caso in cui si tratti di un prodotto OEM e non Retail (cioè una licenza acquistata a parte, da qualsiasi rivenditore autorizzato), ti tira fuori un poco simpatico dito medio:

Per questo motivo ho cercato un’alternativa, la quale si è materializzata con il nome di Microsoft Windows and Office ISO Download Tool.

Si tratta di uno strumento abbastanza banale ma assolutamente adatto all’occasione (attuale, ma anche futura, non si sa mai), perché scavalca la limitazione imposta da Microsoft e permette la navigazione all’interno del loro sito web, consentendoti di selezionare l’intero percorso a te utile, per sistema operativo, versione, lingua e architettura. Una volta scaricata e avviata (non serve installazione) ti basterà selezionare il tipo di software da scaricare nel box in alto a destra (c’è anche Office, nda) e seguire la procedura guidata. Ho fatto qualche screenshot per farti vedere meglio di cosa si tratta:

A selezione completata, partirà il download del file ISO che hai scelto, porta pazienza (tutto dipende dalla tua connessione). Al termine, chiudi il tool, non ti dovrebbe più servire (tienilo da parte, magari in futuro potrebbe tornarti utile).

Creare il supporto di installazione

Di questo io e te ne abbiamo già parlato in realtà, ma probabilmente non lo ricordi. Ho tirato fuori Rufus dalla polvere, e con l’occasione l’ho aggiornato alla versione 2.14 (build 1086), mantenendo ovviamente la sua release Portable, così da non dover installare alcunché sulla macchina.

Trova una memoria USB che abbia almeno 3 GB di spazio disponibile da dedicare alla ISO di Windows scompattata (una stick da 4 GB andrà benissimo, tanto per capirci), mantieni le impostazioni suggerite dal programma e dagli in pasto il file precedentemente scaricato:

Reinstallare Windows OEM quando il supporto di Recovery non c'è 5

Rufus è pronto a creare il supporto USB avviabile per l’installazione di Windows 7 Pro Sp1 OEM in italiano, a 32 bit!

Ci siamo, lancia la preparazione del supporto facendo clic su Avvia e conferma l’operazione di formattazione della memoria USB, attendi quindi che il procedimento arrivi a completamento (impiegherà circa 15, 20 minuti al massimo). Espelli la chiave, infilala in una porta USB del PC che devi preparare da zero e falla partire, il resto è storia.

Riattivazione di Windows

Al completamento dell’installazione del sistema operativo, questo ti chiederà di essere attivato. Inserisci la Product Key che trovi sull’etichetta generalmente posta sulla scocca del portatile, tenta l’attivazione immediata perché –anche se dovesse fallire– la procedura proseguirà fino a portarti al Desktop del tuo PC appena formattato.

Controlla in autonomia se l’attivazione è andata a buon fine. Fai clic con il tasto destro su Computer, seleziona Proprietà e guarda in fondo alla schermata se il sistema è attivato o meno. Nel caso in cui non lo fosse, procedi con il riconoscimento telefonico. Ho provato un brivido lungo la schiena che mi ha riportato subito a una decina di anni fa, ma tutto funziona ancora, ti tocca solo di sopportare quella decina di minuti (circa) che serviranno ad ascoltare la voce guida, inserire i blocchi di numeri generati (ID di attivazione, nda) e ottenere quindi quelli in risposta, da inserire a video. Una volta fatto tutto, otterrai il tuo Windows 7 OEM completamente attivato e pronto per essere preparato.

Installazione del software

I driver vengono (teoricamente) scaricati da Microsoft Update se hai connesso la macchina a internet, puoi quindi non preoccupartene (in alternativa puoi navigare il sito web del costruttore della tua macchina, cercare la pagina del prodotto ed esplorare i driver messi a disposizione). Ciò che devi installare è il solito Firefox (o Chrome, in base alla tua preferenza), Java, Skype, ma anche Java, Dropbox e altro ancora.

Avevo pubblicato qualche tempo fa un documento per riepilogare un’installazione tipo (uno dei possibili esempi), la trovi ancora oggi all’indirizzo public.gfsolone.com/wiki/doku.php?id=documenti:setuppc, ma l’alternativa “all’olio di gomito“, download multiplo e “Next, Next, Done” si chiama Ninite. Si tratta di un sito web che ti permette di selezionare i software che ti interessano da una lista abbastanza nutrita e, una volta terminato, scaricare un piccolo pacchetto eseguibile da lanciare sul PC interessato.

Reinstallare Windows OEM quando il supporto di Recovery non c'è 6

Penserà lui a scaricare le ultime versioni dei software che hai scelto, installandole subito dopo, senza chiederti nulla a video (evitando così possibili errori e flag inopportuni che talvolta installano software ulteriore non richiesto, tipicamente pubblicitario). Si tratta di uno di quei tool che può essere utilizzato anche per aggiornare il software in seguito, replicando il solo clic necessario (si collegherà ai siti web delle applicazioni richieste, verificherà le ultime versioni disponibili e le confronterà con quelle a bordo del tuo PC), da tenere quindi da parte in caso di necessità.

Probabilmente superfluo dirlo, ma ricorda di far girare un Windows Update che possa rimettere completamente in bolla il sistema neonato. Le immagini ISO di Windows su Digital River sono aggiornate, ma non quelle relative a Windows 7 (e forse neanche quelle 8), immagino che Microsoft abbia maggiore interesse a tenere in linea quelle relative al suo ultimo prodotto sul mercato (giustamente, aggiungerei). In alternativa (se preferisci qualcosa di meno tradizionale ma efficace), ricorda che c’è sempre WSUS Offline.

In conclusione

Mi sembra di aver detto tutto, non dovrei aver saltato nulla, ma l’area commenti è ovviamente a tua totale disposizione nel caso in cui ti siano venuti dei dubbi o mi voglia richiedere qualcosa inerente l’argomento affrontato. Magari hai anche un consiglio alternativo a quello fornito, nel caso in cui mi capiti in futuro di avere ancora a che fare con PC che non hanno a portata di mano il loro disco di Recovery! ;-)

Update

Gironzolando sul web, ho notato di essere in buona compagnia per il più generico discorso relativo alla “Reinstallazione di Windows“. Ti consiglio quindi un ulteriore articolo (molto completo) che riprende buona parte di quanto sopra riportato, suggerendo inoltre delle possibili soluzioni a problemi che potresti riscontrare, soprattutto se hai a che fare con BIOS differenti. Ecco il collegamento: dellwindowsreinstallationguide.com/windows-7-sp1-iso-download

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Quando hai bisogno dell’Utilità di pianificazione di Windows e questa decide che non è d’accordo con il farsi utilizzare, hai un problema. Sì perché quell’utilità gestisce ogni attività che viene fatta partire in maniera autonoma dal sistema (processi impostati direttamente da Windows o da un prodotto di terza parte), e che non serve a nulla se non funziona. Mi sono accorto che il mio Task Scheduler aveva qualche problemino solo quando l’ho aperto per verificare perché un processo non fosse partito nell’ultima settimana:

Windows 10 e Task Scheduler danneggiato: come risolvere 1

Provando ad approfondire e leggendo quindi i dettagli dell’errore, la situazione non migliora affatto, tutt’altro:

Windows 10 e Task Scheduler danneggiato: come risolvere

È per questo motivo che ho deciso di informarmi sul web per capire se altri come me avessero avuto prima questo tipo di problemi. Ho trovato diverse lamentele e qualche possibile soluzione, ma solo una ha realmente risolto l’arcano e mi ha permesso di tornare in possesso della console delle operazioni programmate. La colpa era di un paio di voci che non sono riuscito a ricollegare ai relativi job (poco importa, se me ne accorgerò in futuro sarà mia cura rimetterli in piedi), e di una “CreateChoiceProcessTask” che mi ha portato sulla giusta via della risoluzione.

Il problema viene generalmente rilevato su Windows 8 e superiori, Windows 10 compreso. Mi è bastato gironzolare ancora un po’ per arrivare a un progetto di CodePlex chiamato Repair Tasks: repairtasks.codeplex.com. Piccola utility gratuita e immediatamente utilizzabile senza installazione, è stato un giusto toccasana che ho voluto salvare anche nel mio spazio su box.com in vista della chiusura di CodePlex, puoi trovarla quindi anche all’indirizzo app.box.com/s/yi1g04ccquyytov7fm0g3j27r8myr7tz.

Una volta lanciata, falle fare uno Scan dei tuoi processi e dei possibili problemi, probabilmente vedrai comparirne qualcuno come nel mio caso:

Windows 10 e Task Scheduler danneggiato: come risolvere 2

Nonostante esista la possibilità di selezionare e riparare gli errori, probabilmente questo non ti porterà all’uscita del tunnel e quindi alla risoluzione del problema. Non ti abbattere. Seleziona uno a uno i processi problematici e fai clic su “Unplug Task“. Questo permetterà a te di sganciarli dall’Utilità di pianificazione, e a Windows di darti nuovamente accesso completo alla console. Da qui potrai finalmente modificare i job schedulati e lanciarne di manuali per riprendere le attività precedentemente non andate a buon fine (perché mai partite!).

Cos’altro c’è da sapere

Che in caso di emergenza, il Registro di Windows può darti accesso alle tue schedulazioni navigando la chiave di registro:

HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Schedule\TaskCache\Tree\

e che se anche tu utilizzi SyncBack, dovrai dare un’occhiata a questo loro documento di Knowledge Base per riprendere completo possesso della situazione e delle tue pianificazioni (apparentemente non più gestibili o cancellabili).

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: