Archives For In Evidenza

Impossibile non notarlo, è l’inevitabilità di quel web fatto di continui collegamenti, richiami, login facili. Amazon ti propone sempre il prodotto più giusto per quello specifico periodo in cui ti serve qualcosa “della quale non potrai più fare a meno“, te lo ricorda anche Facebook, così come molti altri siti web che utilizzano in qualche maniera banner o API di questi due grandi player, e la storia non finisce certo con loro, è un po’ come il vaso di Pandora. Sei un numero, tracciarti è relativamente semplice, può essere utile qualcosa che contrasti tutto questo senza però intralciare la tua navigazione e le tue comodità, Facebook Container fa un po’ questo mestiere.

Wordpress: niente immagine di anteprima su Facebook? Risolvere il problema

Facebook Container

Un accenno di storia

Facciamo insieme un passo indietro e parliamo genericamente di Containers. Un tempo Panorama e integrata nel browser stabile, poi abbandonata definitivamente per scarso utilizzo circa 2 anni fa (io l’adoravo), forse alcuni potrebbero ricordarla come Tab Groups. Non so tu, ma questo desiderio di avere una sola finestra del browser aperta e più “ambienti di lavoro” da richiamare all’occorrenza a me è sempre piaciuta, un po’ per separare la vita privata da quella lavorativa, un po’ per lavorare su ordini di idee e necessità senza star lì a impazzire per trovare una determinata scheda aperta qualche tempo prima.

Quella funzione oggi si chiama Containers, è un’estensione, un componente aggiuntivo figlio della nuova epoca Quantum, che ti permette grosso modo di fare la stessa cosa che facevi due anni fa sul Firefox di vecchia generazione, e puoi installarla in qualsiasi momento da AMO.

Vite separate, un solo browser, nessun impedimento tecnico nell’apertura di più finestre dello stesso servizio con diverse coppie di credenziali (GMail, tanto per fare un esempio facile da capire), visitate come tu stessi arrivando da differenti sessioni (o profili aperti) ma che in realtà così non è, grazie all’isolamento dello spazio riservato da Firefox (website storage, nda), dei cookie e di tutto ciò che serve a quel sito web per fare il suo lavoro lato tuo PC, puoi provare a vederla come una rivisitazione avanzata della modalità di navigazione in incognito, senza però la limitazione dovuta alla singola finestra anonima per profilo di Firefox aperto.

Under the hood, it separates website storage into tab-specific Containers. Cookies downloaded by one Container are not available to other Containers ()

Il tutto è stato sperimentato, monitorato e costantemente migliorato nel corso di questi ultimi due anni, da chi -come me- ha scelto di affidarsi alle versioni Nightly di Firefox (quelle più instabili, nda), che integravano già nel 2016 questo esperimento poi approdato anche in Test Pilot (se ne parlava qui), con possibilità di gestione dei contenitori tramite pannello delle Preferenze del browser (about:preferences#containers).

Perché allora Facebook Container?

Perché Containers presa così di petto può confondere e in alcuni casi spaventare i meno esperti, che potrebbero non capire più come gestire i loro ambienti di lavoro.

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web

Facebook Container non necessita di configurazione, è già pronta per funzionare come nel più classico degli scenari Plug&Play, annunciata in un momento storico che migliore non si sarebbe potuto aspettare per fare da cassa di risonanza, Cambridge Analytica può solo insegnare (ammesso che là fuori altri come me e te abbiano capito più o meno bene cosa sia realmente successo e che conseguenze ci sono state nel momento zero, così come oggi e ancora in futuro). Facebook Container è stata presentata al grande pubblico del web lo scorso 27 marzo, descritta all’interno di un articolo comparso nel blog ufficiale di Mozilla (blog.mozilla.org/firefox/facebook-container-extension), il quale non manca di dettagliare di cosa si tratta pur non dovendo approfondire più di tanto (vista la facilità di fruizione di questa misura di sicurezza sviluppata da Mozilla).

Facebook Container
Facebook Container
Developer: Mozilla
Price: Free

Scopo del gioco messo in chiaro da subito: fermare il tracciamento che Facebook opera in giro per il web, lasciando che il Social Network possa funzionare esclusivamente nel suo orticello, che non vada a fare danni altrove e che ci lasci in pace quando non utilizzato. Per fare ciò è stata usata la base e il concetto fatto proprio da Containers, riadattato per l’occasione all’auto-riconoscimento del sito web creatura di Mark Zuckerberg, caricato in un’apposita sandbox oltre la quale non può ficcare il naso. In un solo colpo vivrai (e navigherai) qualsiasi altro sito web come se tu non fossi collegato a Facebook, come riportato da Mozilla stessa, la quale specifica quindi possibili malfunzionamenti legati all’isolamento:

If you use your Facebook credentials to create an account or log in using your Facebook credentials, it may not work properly and you may not be able to login. Also, because you’re logged into Facebook in the container tab, embedded Facebook comments and Like buttons in tabs outside the Facebook container tab will not work. This prevents Facebook from associating information about your activity on websites outside of Facebook to your Facebook identity. So it may look different than what you are used to seeing.

Una seccatura apparentemente molto pesante da sopportare, ma che protegge la tua privacy più di quanto tu possa pensare. Considera che, nel caso tu faccia clic su pulsanti di Like o Share via Facebook, questi funzioneranno aprendo nuovamente il container (quindi nessun problema di funzionamento, ma solo una scheda in più aperta quando necessario, immediatamente richiudibile al termine dell’operazione).

Sotto al cofano

When you install this extension it will delete your Facebook cookies and log you out of Facebook. The next time you visit Facebook it will open in a new blue-colored browser tab (aka “container tab”). In that tab you can login to Facebook and use it like you normally would. If you click on a non-Facebook link or navigate to a non-Facebook website in the URL bar, these pages will load outside of the container.

Una volta installata, Facebook Container cancellerà ogni cookie legato al Social Network, costringendoti a effettuare un nuovo login. Noterai che –visitando Facebook– ti si caricherà una scheda diversa rispetto alle altre, sottolineata di blu e con il logo da “Container” nella barra dell’URL (te li ho messi in rilievo nell’immagine di seguito):

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web 1

Ogni volta che farai clic su un collegamento che ti porterà fuori da Facebook, la scheda tornerà a comportarsi normalmente, vedrai sparire sottolineatura e richiamo nella barra dell’URL. Lo stesso succederà anche se riutilizzerai la scheda per navigare su un diverso sito, specificandolo manualmente nella barra dell’URL.

E dallo scorso 5 aprile …

… sono state annunciate alcune novità riguardanti il componente aggiuntivo, che ora mantiene attivo il container di isolamento anche nel caso in cui tu vada a visitare Instagram o Facebook Messenger, legati allo stesso cordone ombelicale del Social Network statunitense.

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web 2

Se come me stai ora pensando a WhatsApp, probabilmente la risposta è che questo non sembra raccogliere (allo stato attuale) informazioni che vengono poi utilizzate dal sito web principale di Facebook, ma potrebbe certamente entrare a far parte degli URL intercettati automaticamente di un futuro aggiornamento di Facebook Container: blog.mozilla.org/firefox/facebook-container-extension-now-includes-instagram-and-facebook-messenger.

In conclusione

Un compromesso che, una volta installato, dovrai in qualche maniera digerire. Questo potrebbe essere il giudizio finale per un componente aggiuntivo che per me finisce di diritto nei Must Have, perché non sempre ci si può nascondere dietro la frase fatta che “non si ha niente da nascondere“, la privacy è un diritto che devi poter esercitare e un dovere per chi ha quel grande potere e privilegio di poter maneggiare i nostri gusti, orientamenti, dati che possono essere facilmente rivenduti e sui quali costruire il proprio business, che non sempre combacia con i reali desideri dell’utente finale.

Io l’ho installato su ogni mia postazione e quasi ogni profilo (ne tengo alcuni esclusivamente per sperimentare, dove neanche mi collego a Facebook), i login sono stati separati dall’account Facebook già tempo fa (dovresti farlo anche tu, prima o poi ci scrivo un pezzo in merito), e dove i commenti sono veicolati in maniera forzata verso il Social Network, evito di dire la mia, che male non può certo fare :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Parte tutto da un documento più che approfondito disponibile nel sito di supporto Office (support.office.com): support.office.com/en-us/article/use-network-upload-to-import-your-organization-s-pst-files-to-office-365-103f940c-0468-4e1a-b527-cc8ad13a5ea6, e questo altro non è che un articolo promemoria per ricordare a me (in futuro) e a te (che forse sei capitato da queste parti per caso) la serie di passaggi da portare a termine per eseguire il caricamento di un file PST (che forse hai salvato da qualche parte sul tuo disco locale) su Exchange Online, quindi sul tuo spazio Office 365.

Office 365: importazione PST da disco locale a Exchange Online

I passaggi sono diversi e in alcuni casi macchinosi, ma non sono difficili, ti toccherà semplicemente avere pazienza nei tempi apparentemente morti (diciamo che questa attività -a un certo punto- potrà proseguire in background senza che tu debba necessariamente star fermo lì ad attendere che termini).

Qualsiasi operazione da ora in poi andrà eseguita con un amministratore di Office 365, o per lo meno un livello che abbia tra i suoi ruoli “Mail Recipients” (vedi qui). Io ho usato un amministratore globale.

Carica i dati

Accedi a protection.office.com e spostati in Governance dei dati, quindi in Importa. Ammesso che sia la prima volta che stai per fare questa operazione, dovrai creare una nuova attività di importazione con relativa chiave / URL SAS. Fai clic sul pulsante preposto (Nuovo processo di importazione) e dai un nome al processo (tutto minuscolo, senza spazi), quindi fai presente che caricherai i dati via rete (upload diretto sui server Azure, nda).

Scarica il tool AzCopy in versione più aggiornata, direttamente dai server di Microsoft, e installalo. Ora fai clic su Mostra l’URL della firma di accesso condiviso per il caricamento in rete (nella pagina web dell’importazione) e copia il contenuto mostrato a video, ti servirà entro poco.

Apri un prompt dei comandi e spostati nella cartella di installazione di AzCopy (%ProgramFiles(x86)%\Microsoft SDKs\Azure\AzCopy), quindi avvia AzCopy seguendo poche regole fondamentali:

AzCopy.exe /Source:<CartellaPST> /Dest:<URL SAS> /V:<File di log> /Y
  • <CartellaPST> dovrà corrispondere alla cartella locale all’interno della quale hai posizionato i file PST (anche uno singolo eh, la storia non cambia).
  • <URL SAS> dovrà corrispondere all’URL che hai copiato “poco fa“, generato dalla pagina di importazione dati di Office 365.
  • <File di log> corrisponderà, se lo vuoi, alla posizione personalizzata del file di log sul tuo disco locale.

Volendo fare un esempio, potresti ottenere qualcosa di simile:

AzCopy.exe /Source:"C:\temp\Posta" /Dest:"https://3c3e5952a2764023ad14984.blob.core.windows.net/ingestiondata?sv=2012-02-12&se=9999-12-31T23%3A59%3A59Z&sr=c&si=IngestionSasForAzCopy201601121920498117&sig=Vt5S4hVzlzMcBkuH8bH711atBffdrOS72TlV1mNdORg%3D" /V:"c:\temp\upload.log" /Y

Una volta lanciato il comando, salvo errori, partirà l’upload dei dati verso Azure (ti ricordo che verranno caricati tutti i dati nella cartella sorgente, non fare il mio stesso errore lasciando in quella cartella anche i file di log, finiti anch’essi sullo spazio in cloud, inutilmente!):

Office 365: importazione PST da disco locale a Exchange Online 3

Specifica le corrispondenze

Una volta terminato potrai procedere con lo step successivo, la preparazione del file di corrispondenza tra ciò che tu hai caricato su Azure e la destinazione di ciascun file PST. Per capirci, potresti aver caricato uno, due o forse più file PST dal disco locale, che in realtà appartengono a un solo utente su Office 365. Grazie al file di mappatura (un normale CSV, nda) potrai fare in modo che il contenuto di quei dati finisca tutto nella mailbox di un solo utente.

Nel mio caso la corrispondenza era quella più semplice, 1:1, così come singolo era il file caricato su Azure per fare l’importazione di test (giusto per imparare a usare lo strumento). Tradotto in (pochi) soldoni, questo è il risultato d’esempio:

Workload,FilePath,Name,Mailbox,IsArchive,TargetRootFolder,ContentCodePage,SPFileContainer,SPManifestContainer,SPSiteUrl
Exchange,,CartelleLocali.pst,shared_mailbox@contoso.onmicrosoft.com,FALSE,/,,,,

Tu puoi scaricare il file di esempio e modificarlo partendo da qui. Rapidamente, come fatto per la stringa di upload di AzCopy, ti spiego le corrispondenze dei parametri principali:

  • Workload corrisponde a Exchange se devi importare dei file PST all’interno di caselle di posta ospitate su Office 365.
  • FilePath rimane vuoto se hai caricato i file PST all’interno dello spazio Azure senza specificare una particolare cartella di destinazione, in pratica la cartella radice.
  • Name deve essere sostituito con il vero nome del file PST caricato, occhio al case-sensitive (lettera maiuscola è diversa dalla stessa lettera minuscola). Nel mio esempio qui sopra, il file si chiama CartelleLocali.pst (andrebbe in errore se il file si chiamasse in realtà cartellelocali.pst)
  • Mailbox deve corrispondere alla casella di posta elettronica (personale o condivisa, poco importa) all’interno della quale verranno importati i contenuti del tuo file PST. Sostituisci quindi shared_mailbox@contoso.onmicrosoft.com con il vero indirizzo di posta corrispondente nel tuo Exchange online. Puoi anche importare i contenuti del PST in una Cartella Pubblica, in quel caso ti rimando alla documentazione di Microsoft.
  • IsArchive ti permette di indirizzare il caricamento dei dati verso la casella di posta viva o il suo archivio online (in-place Archive). Nel mio esempio impostata a FALSE, mi permetter di importare i dati del PST nella casella di posta “viva“.
  • TargetRootFolder ti permette di specificare in che cartella importare i contenuti del PST. Lasciando il campo vuoto verrà creata una cartella chiamata “Imported” all’interno della quale finiranno tutti i dati del PST. Diversamente, specificando “/” (sì, senza virgolette!), i contenuti finiranno nella cartella della Posta in arrivo. Puoi altrimenti forzare la cartella di destinazione specificandone il nome, per esempio “Backup” cercherebbe la cartella Backup allo stesso livello della Posta in arrivo, facendoci finire dentro tutti i dati. Se hai possibilità, meglio fare qualche test giusto per capire come funziona.

Scegli se e cosa filtrare, quindi termina

Il processo di importazione dei dati può ormai cominciare. Microsoft analizzerà quanto gli hai chiesto di trasferire e valuterà sulla base dell’età dei contenuti il miglior suggerimento da fornirti, per esempio potrebbe capitarti (come nel mio caso) che quei contenuti siano più vecchi di 12 mesi e che quindi potresti non volerli trasportare tutti online. A te la scelta, chiaramente puoi ignorare il suggerimento e procedere con un’importazione totale.

Non devi fare null’altro. Dovrai esclusivamente attendere il termine del processo, puoi chiudere la finestra e aspettare che venga consegnata una mail di fine lavori alla tua casella di posta elettronica, così da andare poi a verificare che non ci siano stati degli errori di importazione (e se sì, come risolverli). Apri la casella di posta che hai scelto come destinazione di quei contenuti e verifica che ci sia tutto :-)

Cos’altro c’è da sapere?

Una rapida curiosità riguardo i file caricati su Azure, perché volevo sapere come cancellarli, andando invece incontro a una FAQ già eloquente in merito. Copio e incollo:

After I upload my PST files to the Azure storage area, how long are they kept in Azure before they’re deleted?

When you use the network upload method to import PST files, you upload them to an Azure blob container named ingestiondata. If there are no import jobs in progress on the Import page in the Security & Compliance Center), then all PST files in the ingestiondata container in Azure are deleted 30 days after the most recent import job was created in the Security & Compliance Center. That also means you have to create a new import job in the Security & Compliance Center (described in Step 5 in the network upload instructions) within 30 days of uploading PST files to Azure.

This also means that after PST files are deleted from the Azure storage area, they’re no longer displayed in the list of files for a completed import job in the Security & Compliance Center. Although an import job might still be listed on the Import page in the Security & Compliance Center, the list of PST files might be empty when you view the details of older import jobs.

vedi: support.office.com/en-us/article/FAQ-about-importing-PST-files-to-Office-365-2fe71b05-f5a2-4182-ade7-4dc5cabdfd51?ui=en-US&rs=en-US&ad=US

Non dovrei aver dimenticato altro. Nell’eventualità ci fosse qualcosa di poco chiaro inerente lo specifico argomento, lascia pure un commento e cercherò di darti una mano più che volentieri.

Buona importazione!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Senza voler disturbare il padre della lingua italiana, oggi bistrattata più di ieri, abbassiamo immediatamente il livello imposto dal titolo dell’articolo a qualcosa di più caciottaro, terra terra, ma non per questo meno importante e utile. Oggi voglio presentarti un piccolo nuovo progetto collaborativo, che nasce ancora una volta da ciò che probabilmente tu –come me– sei solito fare senza neanche dargli troppo peso, perché è cosa assai normale per chi ci tiene a evitare banali errori ortografici facilmente correggibili grazie alla classica sottolineatura rossa che allerta riguardo qualcosa “che non va“. Si chiama FIREFOX:DICT, e adesso ti spiego bene di cosa si tratta.

L'italiano non è un optional, ti presento FIREFOX:DICT

FIREFOX:DICT

Controllo ortografico

Se usi Firefox (ma non solo) avrai molto probabilmente notato che questo permette la ricerca di errori ortografici nel testo digitato, evidenziati dalla classica sottolineatura rossa per ciò che non viene riconosciuto. Per abilitare questa funzione si fa clic con il tasto destro in una qualsiasi casella di testo (o box, come quelli che forse sei abituato a vedere nei forum e simili) e si seleziona la voce “Controllo ortografico“. Questo funzionerà da subito, a patto di aver installato almeno un dizionario, quello italiano è stato generato da Mozilla Italia (da Francesco) e pubblicato su AMO:

Dizionario italiano
Dizionario italiano
Developer: flod
Price: Free

Questo porting nasce grazie al lavoro svolto dall’Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org (plio.it), alla base dell’estensione che in passato ha permesso di integrare il dizionario italiano nella suite OpenOffice (dico in passato perché oggi è tutto integrato nativamente nella suite).

L’installazione non richiede il riavvio, la selezione del dizionario è possibile sempre tramite il menu del tasto destro del mouse (in area testuale):

L'italiano non è un optional, ti presento FIREFOX:DICT 1

Commetti ora volutamente un errore, dovresti vedere qualcosa di simile:

L'italiano non è un optional, ti presento FIREFOX:DICT 2

No, non stai vedendo doppio, è la frase poco sopra, modificata in maniera errata e catturata in uno screenshot!

Questo è segno che il dizionario sta facendo il suo lavoro. E se la tua memoria è buona (e mi leggi da qualche tempo), probabilmente ricorderai che di questa cosa te ne avevo già parlato, era il 2016:

Correttore ortografico di Firefox: copia del dizionario personale

A cosa serve FIREFOX:DICT

A colmare una lacuna del dizionario italiano portato su Mozilla Firefox e sugli altri prodotti che si basano sull’utilizzo delle estensioni Mozilla (sia le nuove WebExtensions, sia le vecchie XUL/XPCOM). Non c’è a oggi un riferimento aggiornato di quel dizionario integrabile in Firefox, e per questo motivo si può ricorrere al file di dizionario personalizzato che si trova all’interno della cartella profilo di ciascuno di noi, il persdict.dat.

Questo file viene creato da Firefox nel momento in cui si fa clic con il tasto destro su un termine non riconosciuto (quindi sottolineato in rosso) e selezionando la voce “Aggiungi al dizionario“:

L'italiano non è un optional, ti presento FIREFOX:DICT 3

Collaborando insieme a un contenuto più allargato del persdict.dat si permette al proprio Firefox di riconoscere molti più termini, evitando doppioni e arricchendo il controllo ortografico già possibile grazie al dizionario italiano installabile da AMO (addons.mozilla.org, nda). Termini come screenshot, blog, router e molti altri ancora sono entrati nell’uso comune della lingua, e sono ufficialmente riconosciuti da dizionari con grandi storie alle spalle (Treccani, Zingarelli, Hoepli, ecc.), ma non da Firefox.

Per poter rimediare ho scelto di mettere a disposizione il mio file di dizionario personalizzato, sulla falsa riga di X Files, che è nato e cresciuto tantissimo partendo nella stessa identica maniera, si trattava infatti della lista dei miei filtri personali, poi diventati i più utilizzati in Italia (dopo la costrizione imposta da EasyList) grazie alla collaborazione di tutti coloro che l’hanno scelta come sottoscrizione principale. Ho prima di tutto rimediato a una mia necessità sulla quale ho sorvolato per molto tempo (ho più PC, più versioni di Firefox e più profili sparsi, con un persdict.dat sempre differente!), e in secondo luogo pensato di allargare il concetto di dizionario collaborativo tra tutti coloro che vorranno salire a bordo.

Per rispondere a una tua possibile domanda (che è un po’ una ripetizione rispetto a qualche riga fa), voglio evitare di caricare nel file persdict.dat basi di dati già esistenti che raccolgono tutti i possibili termini italiani sulla faccia della Terra per non sovraccaricarlo, e anche perché molti di quei termini esistono già nel vocabolario installabile da AMO, senza considerare inoltre che molti altri sono a oggi molto poco utilizzati (o affatto), quindi probabilmente inutili (passami il termine, anche se non del tutto corretto).

Come funziona

Ho pubblicato una pagina dedicata al progetto che ti spiega un po’ tutto, ospitata da NoAds.it che è diventata la casa di quei progetti personali legati a Mozilla, ma ti riporto tutto qui di seguito :-)

Partendo dal presupposto che tu stia usando Firefox (la procedura non cambia di molto sugli altri software), questo è un esempio pratico attraverso il quale potrai utilizzare il file di dizionario collaborativo:

  • Spostati nella barra URL di Firefox, quindi digita about:profiles e premi invio.
  • Nella schermata che comparirà, individua il profilo in uso (lo noterai facilmente, sotto al nome del profilo troverai la dicitura “Non è possibile eliminare il profilo attualmente in uso.“), quindi fai clic sul pulsante Apri cartella in corrispondenza di “Cartella radice” (su macOS troverai “Mostra nel Finder“, nda).

L'italiano non è un optional, ti presento FIREFOX:DICT 4

Il file di dizionario sarà ora aggiornato, ma verrà caricato da Firefox solo al successivo avvio. Se puoi aspettare, non è necessario che tu vada a chiudere e riaprire ora il tuo browser. In caso contrario, non appena lo riavvierai, questo caricherà tutti i termini vecchi e nuovi che gli hai dato in pasto.

Questo è un metodo per forza funzionante su Windows, macOS e Linux. Per il sistema operativo di casa Microsoft ho però pensato a una facilitazione che ti permette di portare a casa il file di dizionario personalizzato più aggiornato con un doppio clic, grazie all’uso di uno script VBS, te ne parlo nel prossimo paragrafo.

Download via VBS

Sempre su GitHub ho pubblicato il codice sorgente del VBScript che ti permetterà di scaricare la versione più aggiornata del persdict.dat dal repository, sostituendolo contestualmente a quello che stai usando. Lo puoi trovare qui: github.com/gioxx/firefox-dict/blob/master/Downloader/FirefoxDictDownloader.vbs

Apri il file appena scaricato con un editor di testo (va bene Blocco Note, ma sai bene che io adoro e consiglio esclusivamente Notepad++ per Windows) e modifica la riga 13, quella in corrispondenza di HTTPDownload, questa contiene (spiegata in parole povere) la sorgente e destinazione del file di dizionario. La prima parte è chiaramente l’indirizzo del file più aggiornato su GitHub, la seconda è quella relativa alla cartella del tuo profilo. Ricordi quello che ti ho spiegato prima sulla schermata di about:profiles? Bene.

Sostituisci "C:\Users\TUONOME\AppData\Roaming\Mozilla\Firefox\Profiles\TUACARTELLAPROFILO\persdict.dat" (nello script, nda) con la vera posizione del tuo profilo e quindi del file persdict.dat. Copia ciò che trovi in corrispondenza di Cartella radice e ricorda di mantenere il \persdict.dat finale, perché altrimenti lo script andrebbe in errore.

L'italiano non è un optional, ti presento FIREFOX:DICT 5

Se dovessi prendere in esame l’immagine qui sopra, il risultato completo corrisponderebbe a:

HTTPDownload "https://raw.githubusercontent.com/gioxx/firefox-dict/master/persdict.dat", "C:\Users\Giovanni\AppData\Roaming\Mozilla\Firefox\Profiles\vmh5owgp.default\persdict.dat"

Mi raccomando, niente spazi nei percorsi (è facile che sfuggano a una prima occhiata!).

Sulla falsa riga di quanto appena detto, nel caso in cui tu dovessi avere più profili di Firefox sulla stessa macchina Windows, puoi pensare di duplicare (o triplicare, e così via) la riga di HTTPDownload inserendo in ciascuna di queste la cartella del profilo che intendi “raggiungere“. Prova a immaginare, hai tre profili diversi chiamati firefox.default1, firefox.default2 e firefox.default3, il risultato genererebbe qualcosa di simile (sempre basandomi sulla cartella del mio PC Windows come poco sopra):

HTTPDownload "https://raw.githubusercontent.com/gioxx/firefox-dict/master/persdict.dat", "C:\Users\Giovanni\AppData\Roaming\Mozilla\Firefox\Profiles\firefox.default1\persdict.dat"
HTTPDownload "https://raw.githubusercontent.com/gioxx/firefox-dict/master/persdict.dat", "C:\Users\Giovanni\AppData\Roaming\Mozilla\Firefox\Profiles\firefox.default2\persdict.dat"
HTTPDownload "https://raw.githubusercontent.com/gioxx/firefox-dict/master/persdict.dat", "C:\Users\Giovanni\AppData\Roaming\Mozilla\Firefox\Profiles\firefox.default3\persdict.dat"

Come collaborare

Ed eccoci arrivati al fatidico paragrafo, quello senza il quale questo diventa solo un mio repository utile per i profili e le postazioni che possiedo, senza considerare invece l’utilità che potrebbe avere per altri utenti come te. Il progetto vuole essere collaborativo e aperto a ogni possibile contributo.

Sai e vuoi dare una mano? Sei il benvenuto, qui ho inserito alcuni metodi per entrare a far parte del team: dict.noads.it/#contribute. Ti piace ciò che faccio e vuoi sostenerlo senza collaborare alla crescita della raccolta termini? Che ne dici di offrirmi un caffè per portare avanti il tutto? Puoi donare in qualsiasi momento, direttamente tramite PayPal: paypal.me/gioxx/1,50, oppure decidere di diventare un sostenitore tramite Patreon.

Non dovrei aver dimenticato nulla ma, come sempre, c’è l’area commenti di questo articolo a tua completa disposizione per chiedere ulteriori informazioni, segnalarmi qualcosa di sbagliato o ottenere supporto per la prima installazione.


immagine di copertina: unsplash.com / author: Amador Loureiro

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non è la prima volta che mi viene chiesto, scrivo e pubblico un pezzo rapido così che sia più semplice per tutti capire se è arrivato il momento di cambiare la batteria del proprio iPhone, così da uscire (almeno nella teoria) dal tunnel della depotenziazione confermata da Apple qualche tempo fa (lo sanno anche i muri, credo sappia anche tu di cosa sto parlando). Ciò che ti serve è un Mac (iMac o Macbook, non ha importanza) o, nel caso in cui tu non lo abbia, un’applicazione da scaricare e installare su iPhone direttamente da AppStore.

iPhone: come posso capire se devo cambiare la mia batteria?

In generale, uno stato di usura batteria che porta la carica massima sfruttabile al pari (o al di sotto) dell’80% è da considerarsi già papabile per la riparazione (sostituzione della batteria).

Detto ciò, ecco le due alternative che ti suggerisco.

Mac e coconutBattery

coconutBattery è uno di quei tool che esistono da sempre, e che devono essere sempre tenuti a portata di clic, perché tanto piccoli quanto fantastici quando ce n’è bisogno. Si scarica gratuitamente dal sito web ufficiale coconut-flavour.com/coconutbattery, e ne esiste una versione Plus che è nata per sostenere il progetto in futuro, introducendo alcune ulteriori funzionalità davvero niente male.

In origine è stato sviluppato per tenere d’occhio l’usura della batteria del MacBook (e l’ho scaricato qualche anno fa proprio per questo motivo), per poi introdurre in seguito il controllo della batteria di iPhone e iPad (oltre che iPod, se ne possiedi ancora uno). Una volta collegato il tuo iPhone via cavo al Macbook (o iMac), autorizza il PC a connettersi allo smartphone (ti comparirà la solita richiesta di conferma a video su iPhone), quindi apri coconutBattery e spostati nella scheda relativa al tuo iPhone per verificarne la capacità di batteria e l’usura attuale:

iPhone: come posso capire se devo cambiare la mia batteria? 1

iPhone e Battery Life

Altra accoppiata scoperta per caso un paio di anni fa circa, poi suggerita più e più volte, costituisce la concreta e unica alternativa al collegamento tra iPhone (o iPod / iPad) e Mac, senza neanche inserire in equazione la visita presso l’Apple Store più vicino (perché ti ricordo che, prendendo appuntamento, puoi far controllare lo stato di usura della tua batteria anche in Apple Store o centro autorizzato).

Battery Life è un’applicazione gratuita (guadagna sulla pubblicità che ti mostra all’interno di ogni sua schermata, nda) che puoi scaricare direttamente da AppStore, oppure utilizzando il badge qui di seguito:

Battery Life
Battery Life
Developer: RBT Digital LLC
Price: Free+

Estremamente chiara e semplice da utilizzare, una volta installata e avviata ti mostrerà immediatamente le informazioni relative alla batteria e alla sua usura, fornendo inoltre grafici, cronologia e calcoli che ti permetteranno di capire quante ore di vita ha a disposizione lo smartphone se continuerai a utilizzarlo. Ti mostro qualche screenshot catturato dall’applicazione (il telefono è il mio iPhone 6 aziendale):

Condizioni imposte da Apple

Te le riporto qui di seguito, così che possano tornarti immediatamente comode. In linea di massima, se dovesse servirti qualche altra informazione, ti rimando al documento ufficiale di Apple che trovi all’indirizzo support.apple.com/it-it/iphone/repair/battery-power:

Fino al 31 dicembre 2018, il prezzo dell’intervento di assistenza per le batterie fuori garanzia è di € 29 per tutti i modelli idonei iPhone 6 o successivi. L’intervento di assistenza per la batteria al prezzo di € 29 è limitato a una riparazione per iPhone.

I problemi causati da danni accidentali non sono coperti dalla garanzia limitata Apple. I prezzi si applicano solo alle riparazioni della batteria eseguite da Apple. Altri service provider potrebbero stabilire prezzi diversi. Aggiungeremo un costo di spedizione di € 12,20 se la riparazione richiede la spedizione e non è coperta da garanzia o da AppleCare+. Tutti i costi sono espressi in euro e sono comprensivi di IVA.

In conclusione

Ora dovresti avere tutte le informazioni necessarie per poterti muovere e capire se è arrivato il momento di approfittare del cambio batteria a 29€ presso l’Apple Store più vicino a te! In caso di dubbi, come al solito, puoi utilizzare l’area commenti che trovi qui di seguito.

Cheers.


Immagine di copertina di Radovan on Unsplash
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Nel 2016 ti avevo parlato di come potessi rendere molto più semplice e comoda l’autenticazione in due fattori del tuo WordPress appoggiandoti al plugin ufficiale di Authy. Oggi, a distanza di meno di due anni da quel mio articolo, sono costretto a mettere tutto da parte perché Authy ha dichiarato (alcuni giorni fa) di aver abbandonato lo sviluppo del plugin, chiedendo ai suoi utilizzatori di smettere di utilizzarlo e passare a qualcosa di diverso, supportato e aggiornato.

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a 2FAS

Il mea culpa è d’obbligo perché solo qualche fa ho rispolverato (solo proponendo la lettura) quel vecchio articolo, perché non mi ero accorto dell’annuncio ufficiale di Authy comparso su Medium, loro piattaforma di pubblicazione degli articoli che li riguardano.

View story at Medium.com

Mi sono messo quindi alla ricerca di una valida alternativa, ponendo il cuore in pace riguardo l’autenticazione con tocco singolo e l’icona personalizzata nell’applicazione per smartphone / tablet / PC che Authy ha sempre proposto. Per la prima c’è rimedio (anche se si tratta nuovamente di appoggiarsi a qualcosa di custom che un bel giorno potrebbe cessare di funzionare), per la seconda sembra meno, “echissefrega” dirai tu, cosa che vale anche per me, perché l’importante è ripristinare il secondo layer di sicurezza post-inserimento e conferma password dell’account.

Quali alternative esistono?

Una pagina del Codex di WordPress parla proprio di autenticazione a due fattori e, tra le varie, suggerisce anche alcune alternative disponibili tra i plugin che si possono cercare e installare sul proprio blog fuori da WordPress.com: codex.wordpress.org/Two_Step_Authentication#Plugins_for_Two-Step_Authentication. Mi preme segnalarti che anche Jetpack (il famoso plugin di Automattic) propone una sua autenticazione in due fattori, ma ti costringe a passare dal sistema di login di WordPress.com che io ho personalmente evitato (preferisco tenere i mondi separati).

Cosa resta quindi? Beh, di plugin fortunatamente ce ne sono davvero tantissimi, e le regole sono sempre le stesse. Ti posso consigliare in linea di massima tutto ciò che viene ancora mantenuto (quindi aggiornato costantemente), supportato (basta dare un’occhiata alle richieste di assistenza, anche sul repository di WordPress.org) e con molte installazioni all’attivo. Nonostante ci siano plugin assolutamente robusti e non più aggiornati, non posso mettere la mano sul fuoco e dirti che ci sia certezza piena che oggi questi siano ancora in linea con le misure di sicurezza necessarie per la tua tranquillità.

Questo è l’elenco proposto a oggi dal Codex, trovi il mio commento messo subito di fianco:

  • Authy: che ha dichiarato disfatta e termine dello sviluppo lo scorso 12 gennaio.
  • Duo: quello che sto attualmente utilizzando e che meglio ti spiegherò nella seconda parte di questo articolo.
  • Google Authenticator: ciò che ho utilizzato prima di passare al plugin di Authy, che però non riceve aggiornamento alcuno da circa un anno.
  • Rublon: ancora aggiornato, ma con recensioni ben poco lusinghiere in merito a malfunzionamenti e possibili punti di debolezza, considerando inoltre che si tratta di un plugin che permette di impostare il 2FA per un solo utente per installazione (stesso blog ma due autori? Puoi usarlo solo pagando), forse non la migliore opzione per un blog amatoriale senza fini di lucro.
  • WordFence: sicuramente aggiornato e supportato, ma fa ben più di ciò che serve a me e te in questo momento.

A questo elenco potrei aggiungere le due varianti di 2FAS che ho avuto occasione di mettere alla prova, plugin in versione Lite e Pro che offre alcune intelligenti possibilità e che permette l’autenticazione a due fattori basata su codice randomico (si continua quindi a usare Authy, nda). 2FAS permette inoltre di aggiungere una macchina fidata all’elenco di quelle che possono evitare la 2FA al login (Trusted), oppure utilizzare un codice di backup offline precedentemente generato, in caso di emergenza. Buona velocità di login post-riconoscimento e una possibile alternativa che però non ha moltissime installazioni, aggiornate (entrambe) nell’arco degli ultimi 10 mesi.

La mia scelta: DUO

Voce della lista Codex, Duo è un prodotto evidentemente dedicato al business che però strizza l’occhio anche alle installazioni più piccole, casalinghe, un po’ come questa che stai leggendo. Contrariamente ad altri prodotti, “tiene in casa” il mezzo di autenticazione, quindi si va oltre l’applicazione di Authy che hai già su iOS o Android, ma in cambio ti dà il clic singolo per autorizzare un login via notifica push (ciò che sostituisce il OneTouch di Authy, nda) e un più snello sistema di associazione al tuo account poiché con uno solo di questo (connesso alla tua casella di posta elettronica e al tuo device preferito), potrai confermare il collegamento a più prodotti, senza necessità di creare un QR per ciascun nuovo sito web / WordPress.

Setup

Installa il plugin all’interno del tuo WordPress e intanto vai a creare un nuovo account sul sito web ufficiale partendo da questo documento: duosecurity.com/docs/wordpress.

Duo Two-Factor Authentication
Duo Two-Factor Authentication

La creazione di un account nuovo sul sito di Duo richiederà che tu abbia a bordo del tuo smartphone l’applicazione dedicata (puoi anche farne a meno se decidi di utilizzare SMS o chiamata, ma sconsiglio entrambe le alternative, nda), puoi scaricarla partendo da questi badge (o cercarla manualmente nel tuo store di riferimento):

Duo Mobile
Duo Mobile
Price: Free
Duo Mobile
Duo Mobile
Developer: Duo Security
Price: Free

Una volta inserito il tuo numero di telefono e pochi altri dettagli che ti riguardano, avrai accesso alla console di amministrazione del servizio, dalla quale si potrà cominciare a iniziare la fase vera e propria di configurazione dell’autenticazione a due fattori. Naviga in Applications, quindi fai clic su Protect an Application. Inizia a scrivere WordPress, poi fai clic su Protect this Application in sua corrispondenza:

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo

Nella schermata che ti si caricherà, avrai già a disposizione i 3 dati fondamentali per collegare Duo al tuo blog (e relativo plugin): Integration key, Secret key e API hostname. Copia e riporta nella pagina del plugin sul tuo blog i 3 dettagli, imposta i livelli che dovranno sottostare all’autenticazione a due fattori (Enable for roles) e infine scegli se disabilitare il protocollo XML-RPC di WordPress (occhio, serve a Jetpack). Conferma il tutto con Save Changes.

A questo punto partirà la configurazione dell’account utente associato a quel blog (e ai successivi che faranno uso del plugin e saranno associati alla stessa console di amministrazione, nda). Inserisci i dettagli richiesti (non dovresti aver necessità di specificare null’altro rispetto a quanto già inserito precedentemente) e scansiona il nuovo codice QR generato per l’applicazione Duo, quindi conferma l’accesso tramite notifica push.

Salvo errori, sarai ora connesso al tuo blog e ti troverai in Dashboard, con possibilità di gestire nuovamente la tua creatura, nuovamente protetta dall’autenticazione a due fattori.

Cos’altro c’è da dire

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo 5

Duo è uno di quei prodotti parecchio strutturati, ricco di funzioni che probabilmente mai avrai necessità di utilizzare, ma è certamente interessante scoprire la console e ogni sua voce, esplorare, modificare, sperimentare. Io non mi voglio addentrare in alcuna di queste perché la maggior parte sono legate a un abbonamento di tipo Premium dal costo di 6$/mese/utente che ti viene dato in prova per 30 giorni, oltre i quali l’account verrà scalato a gratuito (perdendo quelle caratteristiche extra), utile per gestire l’autenticazione a due fattori di WordPress ma anche di altre applicazioni (ecco, di quelle possiamo anche parlarne in futuro, in un altro articolo magari).

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo 6

Una chicca però che rimarrà c’è ed è subito sfruttabile, è quella relativa all’access log, una panoramica su chi ha fatto accesso, da dove / quando / perché / “un fiorino” (irresistibile, dovevo scriverla). Puoi darci un’occhiata anche tu andando in ReportsAuthentication Log:

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo 7

Ricordati che una rapida panoramica (contenente inoltre una mappa del mondo per mostrare graficamente i punti di accesso) è sempre disponibile nella pagina principale della Dashboard (di Duo, nda).

In conclusione

Credo di aver detto praticamente tutto e averti trattenuto più del dovuto sull’articolo (grazie per essere arrivato a leggere fino a qui), ma ci tenevo a pubblicare ogni dettaglio utile per la tua migrazione a un nuovo alleato per la 2FA su WordPress. Probabilmente in futuro proverò altre soluzioni ma, almeno per il momento, questa è quella che ho reputato essere la migliore nel rapporto tra pro e contro, di certo –per quanto riguarda questi ultimi– mi mancherà il non poter approvare l’accesso direttamente dall’applicazione installata sul mio PC, ma poco male, il telefono è quasi sempre a portata di mano.

Fammi sapere nei commenti se tu hai usato altre alternative, sai bene che mi piace sempre confrontare ogni possibile soluzione.

Cheers.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: