Archives For Colleghi

AXIS Datacenter web-cam-picÈ una “pillola” strana, lo so, eppure stava lì nelle bozze del blog senza mai vedere la “luce della pubblicazione“. Questo codice mi è servito diverso tempo fa in ufficio per mostrare le immagini in tempo (quasi) reale catturate da due telecamere di sicurezza poste nel nostro datacenter. Un refresh di un secondo, una pagina web che racchiude svariate informazioni e -appunto- le immagini di due camere di sicurezza Axis che tramite un URL preciso producono un’immagine jpg da poter includere in un HTML tramite codice Javascript, questo:

Dimensioni dell’immagine di output, refresh e URL sono valori modificabili in qualsiasi momento, il nome della funzione ovviamente andrà modificato per ciascuna webcam che intendete includere all’interno della pagina così da poterle gestire con snippet Javascript separati e modificarne i valori. Regolate l’intervallo di aggiornamento in base al consumo di banda e CPU della macchina sulla quale ospiterete la pagina web per evitare strane sorprese (tutto dipende dalla quantità di gente che accede alla pagina stessa, è facile far danni) ed il gioco è fatto! ;-)

Grazie a digitalham.co.uk/web/development/embedding-cctv

× Le pillole del Dr.Mario

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Da quando ho cambiato disco fisso nel mio portatile di lavoro ho anche cambiato “vita“. Tutto più veloce, più immediato, più sopportabile quando si ha a che fare con molti programmi aperte e la continua necessità di accedere a dati nel disco.

Nerdlife

Il processo di spostamento dei dati dal vecchio disco SATA meccanico a quello a stato solido è stato estremamente semplice e sicuro, è un’operazione che spesso spaventa senza un preciso motivo perché si tende a pensare che i propri dati verranno persi. Dato però che avete in mano sia il vecchio che il nuovo disco questo pensiero dovrebbe automaticamente sparire, a meno di non gettare a terra l’attuale disco con tanta violenza e voglia di saltargli addosso per vendicarsi di tutte quelle volte che avete atteso i suoi comodi.

Preparazione al salto

Il vecchio disco ancora montato nel portatile (o nel PC fisso, perché no), una culla esterna collegata alla macchina in USB3 o e-Sata (o anche solo USB2) nella quale inserire il nuovo disco vergine o un box esterno che svolga lo stesso compito, l’importante è avere collegato entrambi i dischi alla stessa macchina contemporaneamente. Infine un Acronis che parta da CD o chiave che possa fare da mediatore dei dati tra le due parti, vi ho già parlato poco tempo fa di questo software.

portatile-culla

Riavviate la macchina facendola partire con Acronis True Image e selezionate la voce relativa alla clonazione dei dati. Potrebbe leggermente cambiare in base alla versione di CD (quindi di Acronis) utilizzata, ma tutto sommato il senso è sempre lo stesso (Clone Disk, ndr). Una volta confermata la sorgente e la destinazione dalla quale (e dove poi) copiare i dati fate partire il processo e portate pazienza, il tempo che impiegherà l’operazione è dettato dalla velocità di trasferimento dal primo al secondo disco, soprattutto per quello che riguarda il tipo di collegamento del secondo (in e-Sata ha impiegato poco meno di 20 minuti!):

acronis-clonazione

A processo terminato potrete smontare il vecchio disco e montare il nuovo come nulla fosse, avviando Windows questo funzionerà perfettamente, forse riconoscendo la presenza di un hardware differente (a me è capitato con l’utility di protezione disco di Intel, ndr) ma è un’operazione banale che verrà gestita automaticamente dal sistema e che potrebbe richiedere –nel peggiore dei casi– un riavvio della macchina.

Il risultato sarà immediatamente chiaro ai vostri occhi, un benchmark delle prestazioni disco vi chiarirà forse più le idee, la mia scelta è ricaduta su un Corsair Force 3 SSD da 240GB, questo è quanto:

Platform = Windows
 Version =
 Sub Version = Service Pack 1
 CPU = Intel(R) Core(TM) i5 CPU       M 520  @ 2.40GHz
 CPUArchitecture = X86
 Memory = 3509 MB
 Vendor = Corsair
 Model = Force 3 SSD
 Revision = 5.02
 Serial Number = 21029740000041596083
 Interface = RAID
 Cylinders = 29185
 Tracks/cylinder = 255
 Sectors/track = 63
 Bytes/sector = 512
 Capacity = 240054796800 (Bytes) = 223 (Gb)
 position   0.0 GB, speed    118.3 MB/s, seek time  0.858
 position   1.7 GB, speed    113.1 MB/s, seek time  1.107
 position   3.5 GB, speed    111.4 MB/s, seek time  1.133
 position   5.2 GB, speed    106.2 MB/s, seek time  1.114
 position   7.0 GB, speed    112.8 MB/s, seek time  1.050
 position   8.7 GB, speed    111.6 MB/s, seek time  1.160
 position  10.5 GB, speed    120.2 MB/s, seek time  1.133
 position  12.2 GB, speed    112.6 MB/s, seek time  1.027
 position  14.0 GB, speed    112.7 MB/s, seek time  1.027
 position  15.7 GB, speed    115.5 MB/s, seek time  1.030
 position  17.5 GB, speed    105.3 MB/s, seek time  1.047
 position  19.2 GB, speed    120.3 MB/s, seek time  1.067
 position  21.0 GB, speed    110.7 MB/s, seek time  0.966
 position  22.7 GB, speed    107.5 MB/s, seek time  0.959
 position  24.5 GB, speed    106.7 MB/s, seek time  1.203
 position  26.2 GB, speed    107.9 MB/s, seek time  1.052
 position  27.9 GB, speed    106.0 MB/s, seek time  0.956
 position  29.7 GB, speed    107.3 MB/s, seek time  0.831
 position  31.4 GB, speed    106.2 MB/s, seek time  0.820
 position  33.2 GB, speed    110.3 MB/s, seek time  1.020
 position  34.9 GB, speed    106.5 MB/s, seek time  1.036
 position  36.7 GB, speed    108.1 MB/s, seek time  1.119
 position  38.4 GB, speed    106.7 MB/s, seek time  1.084
 position  40.2 GB, speed    101.5 MB/s, seek time  1.088
 position  41.9 GB, speed    105.6 MB/s, seek time  1.162
 position  43.7 GB, speed    104.4 MB/s, seek time  1.129
 position  45.4 GB, speed    100.7 MB/s, seek time  1.088
 position  47.2 GB, speed    105.8 MB/s, seek time  1.134
 position  48.9 GB, speed    102.0 MB/s, seek time  1.150
 position  50.6 GB, speed    101.2 MB/s, seek time  1.010
 position  52.4 GB, speed    102.6 MB/s, seek time  1.089
 position  54.1 GB, speed     99.9 MB/s, seek time  1.075
 position  55.9 GB, speed    106.6 MB/s, seek time  0.969
 position  57.6 GB, speed    105.2 MB/s, seek time  1.118
 position  59.4 GB, speed    106.2 MB/s, seek time  1.049
 position  61.1 GB, speed    114.5 MB/s, seek time  0.760
 position  62.9 GB, speed    114.2 MB/s, seek time  1.082
 position  64.6 GB, speed    116.8 MB/s, seek time  1.077
 position  66.4 GB, speed    115.3 MB/s, seek time  1.008
 position  68.1 GB, speed    109.8 MB/s, seek time  1.023
 position  69.9 GB, speed    109.5 MB/s, seek time  0.863
 position  71.6 GB, speed    116.1 MB/s, seek time  0.995
 position  73.4 GB, speed    118.3 MB/s, seek time  1.111
 position  75.1 GB, speed    131.7 MB/s, seek time  0.766
 position  76.8 GB, speed    125.0 MB/s, seek time  0.827
 position  78.6 GB, speed    109.2 MB/s, seek time  1.024
 position  80.3 GB, speed    102.3 MB/s, seek time  1.086
 position  82.1 GB, speed    101.0 MB/s, seek time  1.185
 position  83.8 GB, speed    119.8 MB/s, seek time  1.071
 position  85.6 GB, speed    107.6 MB/s, seek time  0.798
 position  87.3 GB, speed    100.0 MB/s, seek time  1.420
 position  89.1 GB, speed    101.2 MB/s, seek time  1.059
 position  90.8 GB, speed    108.4 MB/s, seek time  1.116
 position  92.6 GB, speed    115.2 MB/s, seek time  1.062
 position  94.3 GB, speed    114.0 MB/s, seek time  1.061
 position  96.1 GB, speed    100.2 MB/s, seek time  1.042
 position  97.8 GB, speed    107.8 MB/s, seek time  1.067
 position  99.6 GB, speed    101.2 MB/s, seek time  1.053
 position 101.3 GB, speed    105.4 MB/s, seek time  0.983
 position 103.0 GB, speed    118.8 MB/s, seek time  0.850
 position 104.8 GB, speed    100.9 MB/s, seek time  1.050
 position 106.5 GB, speed    120.3 MB/s, seek time  1.189
 position 108.3 GB, speed    118.2 MB/s, seek time  1.246
 position 110.0 GB, speed    113.5 MB/s, seek time  1.097
 position 111.8 GB, speed    118.7 MB/s, seek time  0.905
 position 113.5 GB, speed    131.8 MB/s, seek time  0.759
 position 115.3 GB, speed    131.8 MB/s, seek time  0.712
 position 117.0 GB, speed    125.8 MB/s, seek time  0.888
 position 118.8 GB, speed    132.3 MB/s, seek time  0.992
 position 120.5 GB, speed    132.5 MB/s, seek time  1.067
 position 122.3 GB, speed    131.6 MB/s, seek time  0.784
 position 124.0 GB, speed    131.3 MB/s, seek time  0.860
 position 125.7 GB, speed    127.2 MB/s, seek time  0.856
 position 127.5 GB, speed    134.3 MB/s, seek time  0.861
 position 129.2 GB, speed    128.1 MB/s, seek time  0.574
 position 131.0 GB, speed    130.8 MB/s, seek time  0.855
 position 132.7 GB, speed    134.4 MB/s, seek time  0.750
 position 134.5 GB, speed    127.6 MB/s, seek time  0.798
 position 136.2 GB, speed    130.6 MB/s, seek time  0.774
 position 138.0 GB, speed    136.3 MB/s, seek time  0.817
 position 139.7 GB, speed    129.9 MB/s, seek time  0.765
 position 141.5 GB, speed    126.2 MB/s, seek time  0.962
 position 143.2 GB, speed    132.2 MB/s, seek time  1.110
 position 145.0 GB, speed    135.9 MB/s, seek time  0.864
 position 146.7 GB, speed    131.6 MB/s, seek time  0.883
 position 148.5 GB, speed    130.2 MB/s, seek time  0.809
 position 150.2 GB, speed    133.3 MB/s, seek time  0.828
 position 151.9 GB, speed    131.4 MB/s, seek time  0.588
 position 153.7 GB, speed    126.2 MB/s, seek time  0.840
 position 155.4 GB, speed    129.2 MB/s, seek time  1.035
 position 157.2 GB, speed    127.6 MB/s, seek time  0.900
 position 158.9 GB, speed    133.2 MB/s, seek time  0.843
 position 160.7 GB, speed    130.7 MB/s, seek time  0.650
 position 162.4 GB, speed    134.9 MB/s, seek time  0.772
 position 164.2 GB, speed    128.6 MB/s, seek time  0.691
 position 165.9 GB, speed    126.1 MB/s, seek time  0.814
 position 167.7 GB, speed    129.6 MB/s, seek time  0.993
 position 169.4 GB, speed    131.0 MB/s, seek time  0.716
 position 171.2 GB, speed    135.7 MB/s, seek time  0.773
 position 172.9 GB, speed    131.3 MB/s, seek time  0.853
 position 174.7 GB, speed    143.5 MB/s, seek time  0.832
 position 176.4 GB, speed    138.3 MB/s, seek time  0.633
 position 178.1 GB, speed    126.4 MB/s, seek time  0.905
 position 179.9 GB, speed    131.2 MB/s, seek time  0.807
 position 181.6 GB, speed    132.5 MB/s, seek time  0.753
 position 183.4 GB, speed    127.1 MB/s, seek time  1.029
 position 185.1 GB, speed    130.8 MB/s, seek time  0.893
 position 186.9 GB, speed    130.2 MB/s, seek time  0.888
 position 188.6 GB, speed    130.8 MB/s, seek time  0.749
 position 190.4 GB, speed    128.4 MB/s, seek time  0.804
 position 192.1 GB, speed    133.2 MB/s, seek time  0.899
 position 193.9 GB, speed    145.1 MB/s, seek time  0.923
 position 195.6 GB, speed    129.2 MB/s, seek time  0.879
 position 197.4 GB, speed    132.7 MB/s, seek time  0.783
 position 199.1 GB, speed    133.2 MB/s, seek time  0.930
 position 200.8 GB, speed    132.1 MB/s, seek time  0.793
 position 202.6 GB, speed    131.5 MB/s, seek time  0.779
 position 204.3 GB, speed    132.2 MB/s, seek time  0.792
 position 206.1 GB, speed    134.6 MB/s, seek time  0.850
 position 207.8 GB, speed    131.0 MB/s, seek time  0.861
 position 209.6 GB, speed    131.8 MB/s, seek time  0.767
 position 211.3 GB, speed    136.2 MB/s, seek time  0.787
 position 213.1 GB, speed    129.6 MB/s, seek time  0.934
 position 214.8 GB, speed    125.6 MB/s, seek time  0.833
 position 216.6 GB, speed    129.7 MB/s, seek time  0.821
 position 218.3 GB, speed    130.4 MB/s, seek time  0.763
 position 220.1 GB, speed    131.8 MB/s, seek time  0.836
 position 221.8 GB, speed    132.2 MB/s, seek time  0.757
 ReadPerSecondAvg: 119.239 MB/s
RandomSeekTimeAvg:  0.938 ms

Non riuscirei a tornare al vecchio disco per nulla al mondo, farete presto l’abitudine alla novità e non vi accontenterete di meno pretendendo sempre la stabilità e la rapidità che avete appena guadagnato con un investimento più che giustificato.

Effetti collaterali

Come ogni medaglia anche questa ha una seconda faccia e potreste incorrere in alcuni effetti collaterali. Nessun dato perso, solo un paio di seccature che appunto qui:

  • iTunes: ho dovuto autorizzare nuovamente la macchina ad effettuare il download dei dati (musica e applicazioni) con il mio account. Cambiando Hardware-ID è evidente che il software di Apple abbia voluto far pesare la cosa, problema risolto in meno di un minuto;
  • FlashFXP (client FTP): ha perso il codice di registrazione che avevo precedentemente immesso ed attivato. Ho cercato nuovamente la chiave nella mia posta elettronica, copiata e incollata nel box apposito, il programma è tornato a funzionare perfettamente. Problema risolto in meno di due minuti.

Due (e sottolineo due) soli problemi su un intero sistema ricco di personalizzazioni e applicazioni, risolti entrambi in meno di cinque minuti, pensate possa essere sufficientemente sopportabile per voi? :-)

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pensato e sviluppato da due vecchi colleghi di lavoro, Freestyle Soccer è un passatempo disponibile su Android e iOS che permette di realizzare evoluzioni calcistiche palleggiando come non avete mai fatto prima, sfruttando un motore 3D e punti critici del corpo che possono essere utilizzati per non far mai toccare terra alla palla.

Freestyle Soccer

3 giocatori disponibili, 30 livelli sbloccabili, oggetti e scenari da sbloccare anch’essi guadagnando punti con le evoluzioni che potranno anche essere messe insieme per creare combo che miglioreranno il vostro risultato. Una grafica sicuramente non eccezionale così come il gioco in se, Freestyle Soccer è il tipico passatempo da pausa caffè o sala d’attesa, a lungo andare potrebbe stancarvi ed è per questo motivo che va giocato “a piccole dosi.

Disponibile su Google Play a 99 centesimi o AppStore a 89 centesimi, in entrambi i casi meno di un caffè, una spesa che può essere tranquillamente sostenuta.

Gioxx’s Wall mette a disposizione dei suoi lettori un codice redeem per scaricare gratuitamente il gioco su AppStore, “chi primo arriva meglio alloggia“: KNFNN7AETTJK.

L’applicazione in breve

In bocca al lupo a Andrea e Mirco per questa piccola avventura :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Avrei voluto scrivere questo articolo prima ma sfortunatamente non ho trovato il tempo di farlo. Spero di poter aiutare ancora chi oggi si trova in difficoltà con un rilascio di patch di Microsoft (per l’appunto, martedì scorso era il “patch day” del mese, ndr) che ha messo in seria difficoltà chi utilizza certificati di sicurezza la quale chiave è inferiore ai 1024 bit, come spiegato nell’articolo di supporto ufficiale: support.microsoft.com/kb/2661254.

Per ridurre i rischi derivanti dall’esposizione non autorizzata di informazioni sensibili, Microsoft ha rilasciato un aggiornamento non correlato alla sicurezza (KB 2661254) per tutte le versioni supportate di Microsoft Windows. Questo aggiornamento bloccherà le chiavi di crittografia di lunghezza inferiore a 1024 bit. L’aggiornamento non si applica alle versioni Windows 8 Release Preview o Windows Server 2012 Release Candidate perché tali sistemi operativi già includono la funzionalità che blocca l’utilizzo delle chiavi RSA deboli di lunghezza inferiore a 1024 bit.

WiFi autenticate con certificato, VPN, collegamenti ad ambienti virtuali, qualsiasi cosa basata sul certificato aziendale distribuito bloccata, senza possibilità di appello. La stessa Microsoft rilascia però una soluzione che può permettervi di aggirare l’ostacolo (prendendovi una responsabilità per possibile buco di sicurezza), al paragrafo “Consentire le lunghezze di chiave inferiori a 1024 bit di utilizzare le impostazioni del Registro di sistema“.

In parole estremamente povere, una chiave di registro vi metterà al riparo da telefoni roventi in helpdesk o software di gestione ticket che potrebbero non sopportare il carico di lavoro! I sistemi interessati vanno da Windows Xp Sp 3 a Windows 7 Sp 1. In ogni caso dopo aver applicato la correzione al registro non sarà necessario il riavvio della macchina e le attività torneranno al loro normale corso quotidiano.

Potete distribuire il file di registro tramite policy (come nel caso della mia azienda) e intervenire tempestivamente attraverso un piccolo batch per le prime macchine colpite che non possono aspettare la propagazione e applicazione della policy. Due i valori fondamentali (per Windows 7 ne basterebbe uno, per Windows Xp ne servono necessariamente due, minimo sindacale):

Windows Registry Editor Version 5.00

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Cryptography\OID\EncodingType 0\CertDllCreateCertificateChainEngine\Config]
"MinRsaPubKeyBitLength"=dword:00000200
"EnableWeakSignatureFlags"=dword:00000002

Così facendo permetterete a Windows di accettare chiavi di certificato inferiore ai 1024 bit, come suggerito dalla stessa documentazione. Dovendo però applicare il fix come amministratori della macchina (dato che andate a ritoccare valori nella HKLM) un batch potrebbe fare al caso vostro:

@echo off
:RIPRISTINOREGISTRO
echo Aggiorno valori chiavi di registro ...
REG ADD "HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Cryptography\OID\EncodingType 0\CertDllCreateCertificateChainEngine\Config" /v MinRsaPubKeyBitLength /t REG_DWORD /d 512
REG ADD "HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Cryptography\OID\EncodingType 0\CertDllCreateCertificateChainEngine\Config" /v EnableWeakSignatureFlags /t REG_DWORD /d 2

Che come sempre non manco nel fornirvi già pronto come eseguibile sullo spazio pubblico di gfsolone.Com, all’indirizzo:

gfsolone.com/fix/KB2661254-FixKeyLenght.exe

Andrà -come già detto- lanciato come amministratore locale della macchina (o di dominio) e non necessita di riavvio alcuno al termine dell’esecuzione, tutto dovrebbe tornare alla normalità appena applicato.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

DokuWiki è l’ennesimo software in grado di mettere in piedi uno spazio dove poter salvare testo, immagini e allegati da rendere pubblici e magari modificabili da persone interessate a mandare avanti vostri lavori, idee, spunti di riflessione. Viene usato nei modi più disparati (anche come blog, ndr) ma personalmente lo preferisco per ciò che si prefigge di fare dalla nascita:

DokuWiki is a standards compliant, simple to use Wiki, mainly aimed at creating documentation of any kind. It is targeted at developer teams, workgroups and small companies. It has a simple but powerful syntax which makes sure the datafiles remain readable outside the Wiki and eases the creation of structured texts. All data is stored in plain text files – no database is required.

Liberamente scaricabile dal sito web dell’autore (splitbrain.org/projects/dokuwiki), vanta un’installazione sufficientemente semplice (occhio a modificare i permessi delle cartelle e sottocartelle in 0777, qui la lista di ciò che va toccato: public.gfsolone.com/wiki/doku.php?id=wiki:permessi_installazione) e una configurazione che può essere un pelo più complessa se si decide di mettere mano ben oltre quello che il software propone di default. In ogni caso l’abbondante documentazione a vostra disposizione vi aiuterà nello scopo. Potete vedere un’installazione funzionante sullo spazio pubblico di gfsolone.Com all’indirizzo public.gfsolone.com/wiki (che andrà a sostituire l’ormai abbandonata installazione su GxWare).

Ma parliamo dell’argomento principale dell’articolo: l’aggiornamento.

Sempre sulla PubWiki ho creato una sezione “Diff” dedicata a tutti coloro che hanno un’installazione su hosting condiviso e necessitano di fare l’aggiornamento alle nuove versioni. Attraverso un documento del supporto si può imparare ad individuare facilmente ciò che realmente cambia da una release ad un’altra: dokuwiki.org/install:diffupgrade. Per farlo è necessario avere accesso ad un terminale Linux (o equivalente) ed eseguire dei semplici comandi che serviranno a scompattare i file, quindi confrontare il loro contenuto (i file che compongono il software).

Prima di partire

Ricordate sempre di effettuare un backup della vostra configurazione e dei vostri contenuti (date un’occhiata in documentazione o consultate questo mio articolo a riguardo), quindi di aprire in modifica il file di configurazione e impostare il tema di default per evitare sgradite sorprese post-upgrade. Se vi state chiedendo perché sappiate che il sottoscritto ha “bruciato” un’installazione in produzione, rifatta quasi da capo recuperando parzialmente i dati dal backup, per poi capire che il tema custom non permetteva di far funzionare in modo corretto Adora Belle.

Si, potete insultarmi per questo.

Diff & Patch

Dato che odio dover ricaricare tutto ogni volta, preferisco seguire questo metodo, individuare i file modificati da una release all’altra ed eseguire così l’aggiornamento:

DokuWiki: Diff

Per ciascuna nuova release (entro qualche giorno al massimo, portate pazienza) creerò un pacchetto “diff” contenente i file modificati da una release all’altra, avendo cura di rimuovere anche il file install.php che non va più tenuto nella cartella ftp di DokuWiki dopo aver già effettuato la prima installazione.

Per fare ciò che ho fatto io basterà scaricare i due file corrispondenti alla release attuale di DokuWiki e quella subito precedente, quindi estrarli e confrontarli tramite questo comando:

diff -rs dokuwiki-2012-01-25b dokuwiki-2012-09-10 | awk '/identical/{print $4}' | xargs rm -v

Dove “dokuwiki-2012-01-25b” e “dokuwiki-2012-09-10” ovviamente andranno modificati di volta in volta con i nuovi numeri di versione. Lo stesso comando (per il quale ringrazio il buon Paolo) si occuperà di cancellare tutti i file non modificati da una release all’altra, permettendo così di tenere solo lo stretto indispensabile, connettersi in SFTP alla macchina, recuperare la cartella intera e preparare un file compresso con il risultato :-)

Ecco quindi ciò che ho ottenuto dal rilascio “Adora Belle“: public.gfsolone.com/wiki/doku.php?id=wiki:dokuwiki_diff:adorabelle

Il pacchetto compresso un è 7z (7zip.org) ed è disponibile per il download qui: public.gfsolone.com/wiki/lib/exe/fetch.php?media=wiki:dokuwiki_diff:dokuwiki-2012-09-10-diff.7z

Chiunque voglia collaborare o suggerire altri metodi per gestire gli aggiornamenti di DokuWiki su hosting condiviso è il benvenuto, idem chi vorrebbe provare a creare i diff da caricare poi sul Wiki. Ho anche provato ad utilizzare il plugin consigliato in documentazione ufficiale ma sfortunatamente WebPerTe (dove conservo gfsolone.com) impone alcune restrizioni che non permettono la modifica dinamica dei permessi sui file (quindi la sovrascrittura).

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: