Archives For iCloud Drive

Non è un errore, è voluto. Io alla storia di TrueCrypt che tutto a un tratto è diventato insicuro non ci ho mai veramente creduto, non fino in fondo almeno, ed è un po’ il motivo per il quale qualche tempo dopo è nato il progetto VeraCrypt (perché evidentemente non ero il solo a pensarla in quella maniera), per il quale ho nutrito immediato affetto e sul quale mi sono poggiato per poter continuare ad aprire “in sicurezza” i volumi precedentemente creati da TrueCrypt. All’epoca non esistevano alternative più dinamiche od orientate verso il Cloud, si parla degli anni di Windows Xp, giusto per capirci. Poi però qualcosa è cambiato, e tra le varie novità è saltato fuori anche Cryptomator.

Cryptomator come possibile erede di TrueCrypt

Ciò che è sempre mancato a questo tipo di software è il saper creare un oggetto “thin“, in grado quindi di crescere con l’aumento costante dei file contenuti nei box protetti (generalmente grandi quanto specificato in fase di creazione, quindi di tipo thick), cosa che viene a meno quando si discute dell’intero volume / disco (in quel caso lo spazio è tutto quello che hai tu a disposizione). Per questo motivo in passato creavo più container protetti, cercando nel frattempo una possibile soluzione che colmasse quella lacuna. È per questo motivo che qualche tempo fa ho scaricato a sto provando a usare Cryptomator, software open source disponibile per ogni piattaforma (anche in versione Jar, tanto per dire!).

Cryptomator

Progetto tedesco (la società alle spalle è la startup Skymatic), nasce e vince il CeBIT Innovation Award 2016 grazie al suo essere multipiattaforma e all’aver pensato al futuro della protezione dati su Cloud. Cryptomator infatti permette di creare container di file inaccessibili senza la giusta chiave, scelta dall’utente e impostata esclusivamente Client Side, senza quindi che avvenga comunicazione alcuna con server della società o terze entità ulteriori. Cryptomator si installa e si utilizza da subito, con possibilità di arrivare a proteggere anche dati che si trovano sui propri smartphone e tablet (iOS / Android), sempre più centro nevralgico dell’attività online del singolo individuo.

Cryptomator
Cryptomator
Developer:
Price: 4,99 €
Cryptomator
Cryptomator
Price: 4,99 €

Plug and Play

È ciò che mi viene in mente pensando a Cryptomator e a ciò che ho fatto io dopo aver scaricato il DMG sul mio MacBook. Allo stato attuale delle cose, il software è disponibile in versione 1.3.2 stabile (da sito web ufficiale), la quale poggia ancora su WebDAV per montare il disco contenente i file protetti. Questa cosa, contrariamente a Windows, funziona male sul sistema operativo di Cupertino e –da quanto ho capito– anche su Linux. File di grosse dimensioni o spostamenti importanti (quelli che ho evidentemente dovuto fare per migrare i dati da TrueCrypt / VeraCrypt a Cryptomator) mettono in difficoltà seria il software, il quale smonta in maniera forzata il volume criptato e non ne permette un nuovo mount. Per aggirare l’ostacolo, ho dovuto più volte bloccare il volume e riaccederlo tramite la schermata principale di Cryptomator, un’azione che -se ripetuta per più di due volte- fa immediatamente decadere ogni interesse provato per il programma in test.

Per questo motivo ho fatto qualche ricerca e sono approdato su svariate issue aperte su GitHub (qui ne trovi una, tanto per fare un esempio), le quali hanno generato grandi discussioni e un’accelerata inaspettata per l’integrazione di FUSE, alternativa ideale per aggirare questo grande ostacolo. Per questo motivo il team ha pubblicato lo scorso 6 aprile una versione beta (occhio quindi a ciò che fai, perché si tratta pur sempre di software potenzialmente instabile!) disponibile all’indirizzo github.com/cryptomator/cryptomator/releases/tag/1.4.0-beta1 che -come VeraCrypt- si appoggia a FUSE per macOS (il quale dovrà essere quindi installato sulla tua macchina).

Spartano quanto basta

Non c’è evidentemente bisogno di molti abbellimenti estetici quando si tratta di proteggere i propri dati. Cryptomator propone infatti una finestra principale del programma con molte poche informazioni e impostazioni, dalla quale potrai montare / smontare volumi di dati protetti e dare un’occhiata al grafico aggiornato in tempo reale che ti mostra quanto di quel traffico dati è criptato e quanto decriptato (rispettivamente scrittura e lettura, nda).

Cryptomator come possibile erede di TrueCrypt 1

L’interfaccia non servirà ad altro, perché in realtà ciò che a te interessa di più è certamente il contenuto di quel disco (o ciò che andrai ad aggiungere in futuro), e lo gestirai dal Finder (se si parla di macOS) o dall’Esplora Risorse su Windows, come se avessi attaccato al PC una qualsiasi chiavetta USB o un disco fisso esterno, o ancora un’unità di rete montata da NAS, nulla –insomma– di così tanto diverso rispetto a ciò che sei abituato a vedere quotidianamente e, se vogliamo tornare a parlare di TrueCrypt / VeraCrypt, per certi versi più immediato e semplice, senza quella preoccupazione di stare sotto il tetto massimo di disponibilità spazio disco che ti sei imposto all’atto della creazione (qui lo spazio su disco viene occupato man mano che i dati aumentano all’interno del container protetto con Cryptomator).

La lettura e la scrittura di dati sfrutta la velocità (quasi) massima che hai a disposizione. Ciò vuol dire che un volume di dati protetto e salvato sul disco locale del tuo PC (magari con SSD) sarà nettamente più veloce rispetto a quello lavorato da NAS (via LAN), e la stessa cosa vale per i Cloud Storage (i quali salvano copia locale dei dati che conservi sui loro server). Cryptomator ha dalla sua la piena compatibilità (ulteriore punto a vantaggio, nda) per le tecnologie On Demand dei provider di storage in Cloud. Per capirci: Dropbox Smart Sync oppure OneDrive Files On-Demand, andando ovviamente a scrivere o leggere solo ciò che è necessario, senza portare su disco locale l’intero volume criptato (e facendo la medesima cosa verso i server di Dropbox o Microsoft in fase di scrittura, volendo fare riferimento agli esempi riportati poco fa).

Trattandosi di procedure assolutamente trasparenti per te che sei l’utente finale, potrai continuare a lavorare sui tuoi file come nulla fosse, sarà compito di Cryptomator fornirti ciò che desideri senza lasciare che tu ti accorga di qualche rallentamento o simili.

Uno sguardo all’azienda

Cryptomator nasce per l’utente finale casalingo, ma basta una rapida visita alla sezione Enterprise del sito web ufficiale per scoprire che le tecnologie utilizzate per dare vita a questa utility, permettono di proteggere potenzialmente anche un team di lavoro o un’azienda ben più strutturata, offrendo un layer contro malware e sicurezza nella sincronizzazione tra NAS e client, ma anche verso una terza parte in Cloud. Sorvolerò su questo aspetto perché richiederebbe di mettere in gioco un diverso strumento (Defendor), da provare e valutare in un ambiente reale, mi sembrava però giusto dargli visibilità.

In conclusione

Un software non senza difetti e con qualche rallentamento in alcune occasioni, ma che dalla sua ha quel grande vantaggio dato dalla possibilità di far crescere progressivamente l’archivio dei file che conservi sotto la sua campana di vetro, proteggendola il più possibile da occhi indiscreti e tentativi di accesso non autorizzati.

L’accoppiata con FUSE su macOS è praticamente fondamentale, e per questo spero che esca quanto prima dalla fase Beta (così da poterlo dichiarare un pelo più affidabile, almeno in via ufficiale). La stessa Beta, nonostante mi sembri che fili abbastanza liscia, ha ancora qualcosa che non gira proprio nel verso giusto, ma gli sviluppatori ci stanno ancora lavorando e voglio essere fiducioso a riguardo (incontro puntualmente un errore molto stupido che non riesco a risolvere perché non accedo ai log del programma, tanto per dire, anche se ho trovato come aggirarlo facilmente).

Cryptomator merita certamente una prova, magari con dati non esattamente critici per evitare brutti scherzi, ma in prospettiva può sicuramente sostituire l’affidabile VeraCrypt.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Mi scrive Marika, di CopyTrans (ho parlato del loro software qualche tempo fa), introducendomi un nuovo prodotto, qualcosa di relativo alla sicurezza e che continua a rimanere nel perimetro Apple. Si chiama CopyTrans Cloudly:

A while ago you wrote about CopyTrans, so we thought you might be interested in our latest app, CopyTrans Cloudly. It can delete and download photos from iCloud to PC all at once. This is as opposed to icloud.com, which requires you to go one-by-one.

We also have a unique feature developed by our programmers that allows us to recover permanently deleted photos. It actually helped us discover some serious Apple privacy breach. You can read about it here: copytrans.net/blog/like-the-titanic-icloud-photos-are-easy-to-sync-but-might-stay-there-forever

CopyTrans Cloudly: cancellare definitivamente le foto di iCloud

Riepilogando: le fotografie, seppur cancellate dai propri dispositivi, vengono spostate nel cestino di iOS, una sorta di soft-delete dei file, che possono così essere facilmente recuperati già dal proprio smartphone, tablet o PC. Questo però lo si sapeva già da tempo.

Il problema nasce nel momento in cui la fotografia viene cancellata definitivamente, anche dal cestino, ordinando così ad Apple di distruggerla dai loro server, cosa che secondo CopyTrans non accade per almeno un anno (circa). Per questo motivo, un’applicazione rilasciata gratuitamente (CopyTrans Cloudly, chiaramente), permette di metterci una pezza e fare quello che andava fatto sin da subito, cancellando definitivamente i file precedentemente eliminati, o permettendone il recupero nel caso in cui torni utile questa “svista” (?) di Apple.

Ho provato a utilizzare l’applicazione ma, nel mio caso, ha ben poca utilità. Io ho disabilitato (su ambo gli account che utilizzo) l’upload delle fotografie nel Cloud. Non l’ho fatto per paranoia o perché non sia comodo. Sono un utente Google e spesso cerco di utilizzare suite di prodotti di uno stesso sviluppatore, e nello specifico credo che Google Photo sia un ottimo prodotto che si sta evolvendo parecchio nel corso dei mesi, e che ha superato già da tempo la iCloud Photo Library. Le fotografie scattate da iOS o Android finiscono nel mio account Google, fine dei giochi.

CopyTrans Cloudly: cancellare definitivamente le foto di iCloud 1

Ho quindi riabilitato il servizio sul mio iPad e fatto qualche prova, e in effetti va esattamente come dice CopyTrans. Ho catturato qualche screenshot di test, dagli un’occhiata (fai clic sulla prima fotografia per aprire la galleria e leggere la descrizione completa dei passaggi):

L’applicazione funziona su sistemi Windows, si scarica gratuitamente da copytrans.net/copytranscloudly e non necessita di installazione, funziona da subito ed è perfettamente compatibile con l’autenticazione a due fattori. Le credenziali non vengono (credo volutamente) memorizzate: se chiudi l’applicazione e la riapri, sei costretto ad autenticarti ancora. È un tool che puoi tenere sicuramente a portata di mano, utile a chi necessita di disintossicarsi da iCloud e non vuole aspettare i tempi di pulizia di Apple.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Questo articolo non sarà cosa semplice e lo dico adesso che ho iniziato a buttare giù una serie di “appunti” che nel corso dei prossimi giorni svilupperò cercando di raccontare la mia personale esperienza con il Sony Xperia Z2, il meglio che la casa giapponese mamma anche di PlayStation ha attualmente da offrire non considerando l’arrivo dello Z3 (e delle sue varianti) nel corso dell’IFA di quest’anno e che presto riusciremo a vedere anche in Italia.

Qualche tempo fa ho chiesto a Sony la possibilità di avere a disposizione il terminale ed il suo Smartband perché davvero curioso di capire quanto Android fosse evoluto nel frattempo e con quanta facilità io -amante di iOS e dispositivi Apple- sarei riuscito a portare il mio set di applicazioni, configurazioni e abitudini su un diverso sistema operativo.

xperia-z2-the-right-accessories-765ead40cc14d305fb6b10a982610987-940

In questo articolo voglio parlare del sistema operativo e dello specifico terminale, avrò modo di pubblicare qualche considerazione riguardo Smartband (SWR10) in un prossimo post. Qui di seguito vi “racconto” ciò che di getto ho scritto e in seguito approfondito con piccoli paragrafi dedicati.

Android: questo evoluto

baby-androidUna parentesi doverosa: avevo visto Android ai suoi albori, ci avevo giocato, lo avevo messo sotto torchio e l’ho emulato nel corso del tempo per confrontare applicazioni e modi di interagire con l’utente finale. Nel 2007 avevo già messo mano su iPhone (americano, l’unico disponibile) e di strada da fare -per la creatura di Google- ce n’era molta (nonostante quella favolosa pecca duratura del mancato copia & incolla in iOS, tanto per citarne una).

Nel corso di questi anni la storia è cambiata, sono cambiati i protagonisti e tra un “break & l’altro” Google ha pubblicato una versione 4.4 degna della massima attenzione. Una maturità sudata, ricercata, che lascia ampio spazio alla più classica delle domande dell’utilizzatore finale: perché pagare di più per avere un ecosistema che un competitor è in grado di sostituire egregiamente? Google può vantare un servizio di posta elettronica fantastico e più diffuso dell’ossigeno che respiriamo (GMail), un’agenda alla quale -almeno personalmente- non potrei chiedere altro (Calendar), una rubrica in grado di conservare ogni dettaglio di persone che fanno parte della mia vita (Contacts). Si può anche parlare di Drive che fino all’arrivo di iOS 8 non aveva certo portato iCloud a competere (e che ora ha visto nascere iCloud Drive appositamente) ma personalmente continuo a preferire un terzo player (Dropbox) che svolga solo ed esclusivamente quel “mestiere“. Ai tre colossi fondamentali si aggiungono poi una serie di servizi di secondaria importanza che offrono una valida alternativa (Keep al posto di Note, tanto per citarne uno, ma vale anche Tasks che è integrato in GMail al posto di Promemoria).

Per le applicazioni quasi non serve parlare. Il divario è stato ampiamente colmato e nonostante quella grossa differenza di numeri che ancora tra i due esiste e li mette su piani differenti, sul Play Store le applicazioni principali, le più importanti o per lo meno le più utili a fini lavorativi esistono già da tempo. Chi oggi pretende di sviluppare scegliendo solo una delle due piattaforme è destinato a morire. Non si può imboccare un bivio in maniera così netta , soprattutto quando si parla di nazioni dove il tabulato degli acquisti di terminali riporta Apple in un terzo posto chiaramente immeritato e che in altre parti del mondo ribalta completamente le sue sorti, dove bisogna già considerare che il budget dedicato allo sviluppo deve certamente prevedere fondi per quel terzo “ormai non più così piccolo” Windows Phone.

Android è diventato maggiorenne e come ogni maggiorenne che si rispetti può ogni tanto fare le sue cazzate ma ha già imboccato la giusta via per diventare un adulto robusto, in salute e pronto e sopportare ogni tipo di lavoro gli si chieda di portare a termine, ora si comincia sul serio a ragionare.

Il telefono

Questo articolo è dedicato a Sony Xperia Z2 e vuole riservargli uno spazio che possa far conoscere questo terminale anche a coloro che non hanno avuto l’occasione di provarlo e che magari potrebbero decidere di investire qualche soldino in un hardware di non ultimissima generazione che però si comporta più che bene ancora oggi, e che può soddisfare molte delle esigenze lavorative e di divertimento quotidiano che ciascuno di noi ricerca in uno smartphone. Diversi clienti decidono -me compreso- di far “passare una generazione” quando si sceglie di acquistare un nuovo telefono, serve in un certo senso a creare una knowledge base riguardo quello specifico dispositivo, soluzioni ai problemi più comuni, difetti ormai ben noti e ampiamente discussi nel web. Con Apple ho sempre preferito saltare una generazione soprattutto per questo motivo ma anche perché la società di Cupertino -come succede con Microsoft- è abituata a tirare fuori un terminale nuovo, subire le ire degli utilizzatori a causa di scelte discutibili e quindi tirarne fuori uno nuovo corretto che accontenti tutti (tranne coloro che hanno già speso i soldi poco tempo prima).

Xperia-Z2

Sony è andato così a prendere posto sull’altro piatto della bilancia dopo aver fatto arrivare sugli scaffali uno Xperia Z1 che in molti hanno criticato per tanti aspetti, non entrerò nel merito della cosa ma volendo potete lanciare una ricerca su Google e investire un po’ del vostro tempo per leggere opinioni e recensioni sul primo nato della serie. Sony Xperia Z2 risolve quei problemi, integra novità su tutti i fronti ma soprattutto nasce poco customizzato (il più grande tallone d’Achille di Google è proprio la frammentazione del suo sistema operativo), stabile e duraturo (batteria). Sono 3 aggettivi che vogliono complimentarsi con chi questo telefono lo ha pensato e realizzato, sono rimasto particolarmente soddisfatto del prodotto e questo grosso modo è il senso dell’articolo intero.

L’hardware

Solido, grande (troppo per chi arriva da iPhone 4S), stiloso grazie ad alcuni colori ben azzeccati (tra cui il viola brillante che Sony mi ha fornito) , con una memoria da 16GB subito disponibile (di cui 12 liberi, 4 servono al firmware, occhio) ma assolutamente espandibili grazie allo slot microSD che permette a tutti di portare la memoria interna ai 128GB di limite (e ad un prezzo decisamente accessibile rispetto al divario imposto all’atto dell’acquisto di un iPhone, ndr), un processore Snap Dragon Quad Core da 2.3GHz con 3GB di RAM dedicati, una dotazione non da tutti (soprattutto all’attuale prezzo). Si tratta di una piccola console che è capace di rimanere all’interno della tasca dei vostri jeans con un monitor brillante, una reattività innata e una batteria non dovrebbe lasciarvi a piedi quando siete ormai arrivati al termine del campionato di corse che avete cominciato a giocare nella sala d’aspetto del vostro dottore ;-)

Per non smentirsi (visto il loro principale ambito di business) Sony ha poi inserito a bordo una fotocamera da 20Mpixel (20,7 per la precisione) che è in grado -tra l’altro- di registrare video in 4K (risoluzione a 3840×2160, alla salute del Full HD che si ferma ai classici 1080px), il tutto basato sul proprio sensore immagini e la tecnologia G Lens che permettono scatti di buona qualità anche con luce ambientale scarsa, cosa che si nota immediatamente giocando con l’applicazione fotografica già a bordo del sistema. Lo zoom concesso è di 3x per mantenere l’alta qualità promessa, si arriva però fino al 8x in digitale (ma occhio perché ho notato un prevedibile decadimento di bellezza e dettaglio negli scatti). Vedere poi scatti, video e qualsiasi altra cosa su quel monitor Full HD Triluminos è davvero goduria pura, quella stessa sensazione provata quando finalmente Apple aveva dato alla luce il suo Retina (che comunque dà il meglio di sé sui monitor dei Macbook!). Più leggero di alcuni competitor è comunque più “grassoccio” del mio iPhone 4S, di soli 20 grammi circa è vero, è poca roba se penso a quanto è grande, giustificato per stavolta.

NFC, Bluetooth, LTE, DLNA, tethering e molto altro sono ormai parte di un pacchetto più che standard quando si parla di Android e di produttori di un certo tipo. Sony ci crede parecchio aggiungendo anche altre funzioni che andranno ad integrarsi con prodotti della stessa società e applicazioni sviluppate appositamente per migliorare l’esperienza Xperia. Io ho personalmente scelto di tenerne solo alcune, le altre sono finite nel dimenticatoio, senza aggiornamenti e con le notifiche disattivate perché tutto sommato si vive bene anche senza e -come detto già prima- la frammentazione del sistema Android causata proprio da questa folle customizzazione del sistema di base è un qualcosa che già poco sopporto nell’ambito PC (di qualsiasi tipo) quando i produttori decidono di infarcirli con i loro software mai richiesti dal cliente finale, troppo spesso inutilmente e ingiustificatamente esosi di risorse.

Il software

Ho già riservato una sufficiente parentesi ad Android e non voglio tediarvi ulteriormente. Posso solo aggiungere che tutto è sempre migliorabile e personalizzabile secondo gusti ed esigenze, questo KitKat 4.4 non fa eccezione alcuna e su Xperia potrete modificare il launcher (passato immediatamente a Nova) nonostante la validità e la fluidità di quello proposto dalla casa nipponica tanto quanto la tastiera (bella quella Sony, davvero, però continuo a preferire Swiftkey) e la lista potrebbe continuare da qui alla prossima settimana (soprattutto se si chiede in giro su cosa sia meglio utilizzare.

Android_Logo_2014

Gli aggiornamenti del sistema Android passano ovviamente per Sony, sarà quest’ultima a rilasciarli e permetterne l’installazione tramite un updater interno che da quando mi è stato consegnato il telefono ha già potuto fare un ciclo di upgrade (anche se minore) portando la versione OS di questo Xperia Z2 all’attuale 4.4.2 che -pur non essendo l’ultima realmente rilasciata da Google- è stabile e permette un utilizzo più che soddisfacente del telefono, fermo restando che il web è pieno di guide che spiegano come fare il salto all’ultima release e che ormai farlo sia diventato un gioco alla portata (più o meno) di tutti.

La cosa più importante di tutto? Ho potuto, con un po’ di impegno, portare il mio ambiente iOS su Android e notare quanto questo sia fruibile alla stessa maniera. Certo ho modificato alcune abitudine e cambiato applicazioni che funzionavano solo sul primo OS citato, eppure oggi sono in grado di lasciare il mio iPhone 4S personale a casa e non preoccuparmi assolutamente di cosa possa io aver dimenticato nel passaggio da uno all’altro. Tutte -ma proprio tutte- le applicazioni fondamentali sono a portata di mano in Xperia Z2 e non ho mai sentito l’esigenza di rimettere mano su quello smartphone che sicuramente si sentirà abbandonato e tradito. Resta scoperto un solo tasto per il quale vi chiedo un parere: il backup. Android è in grado di fare un backup di tutte le cose più importanti su scheda microSD o su cloud tramite applicazioni di terze parti. iOS usa iCloud ed è in grado di ripristinare un ambiente assolutamente completo con ogni mia impostazione, applicazione e fotografia se dovessi decidere di cambiare modello di smartphone ma rimanere in famiglia. Può Android permettermi tutto questo? Se si, come? Intendo proprio prendere in blocco tutto il mio mondo, cambiare terminale restando sempre su KitKat 4.4 e ripristinare ciò che oggi vedo su questo Xperia Z2. Spero che qualcuno di voi abbia letto fino a qui (ci vuole della pazienza) e sia in grado di darmi una mano, un parere :-)

In conclusione

Sono molto contento e soddisfatto. Fatta eccezione per qualche punto scoperto (come il backup, per l’appunto) questo terminale soddisfa ogni mia esigenza, mi ha fatto riscoprire il piacere di non essere schiavo di batterie tampone o delle culle di ricarica che ho sulla scrivania dell’ufficio, non mi ha mai lasciato “a piedi” e -a parte qualche piccolo crash qua e là, decisamente più raro in ambito iOS- esegue tutto ciò che gli si chiede e lo fa sempre nel miglior modo possibile. Ehi Sony, hai creato un bel terminale davvero e spero di poter mettere le mani su uno Z3 (magari compact, che le dimensioni contano ma quando si parla di smartphone io preferisco ancora la vecchia scuola compatta!) per valutarne la naturale evoluzione e tutti i suoi miglioramenti tanto sponsorizzati all’IFA e all’incontro di qualche tempo fa a Milano.

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Sony, ho potuto tenerlo al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: