Archives For Apple iPhone 8

E parto mettendo le mani in avanti: la mia è chiaramente un’opinione personale basata sui test eseguiti, sulla facilità di registrazione e fruizione dei contenuti del sito web ufficiale (e della relativa applicazione mobile) e sulla qualità del supporto (completamente bocciata rispetto a Iliad). Ti racconto quindi com’è andata scendendo un pelo di più nel dettaglio, come già fatto con Iliad qualche settimana fa.

ho. mobile è l'alternativa (secondo me migliore) a Iliad 2

ho. mobile

Sorvolando totalmente su quella che è la scelta del nome e dei vari cambi subìti fino al lancio, ho. mobile è il modo in cui si è presentata sul mercato italiano la società VEI S.r.l., MVNO già presente in Europa, operatore low-cost di Vodafone. Offerta pressoché identica a quella proposta da Iliad, permette di effettuare chiamate illimitate e mandare SMS con la stessa formula, per poi concludere il tutto con 30 GB di traffico dati in 4G da consumare come meglio preferisci (all’interno di uno smartphone, di un tablet, di un router portatile per fare semplice hotspot), con un limite imposto a 2 GB per i dati in roaming europeo (e una serie piuttosto importante per ciò che riguarda il tariffario chiamate / SMS quando si va fuori unione europea). Tutto ciò al costo di 6,99€/mese, un euro in più rispetto a quanto richiesto dall’operatore francese, comodamente ricaricabile e interrompibile quando più ritieni opportuno, senza vincolo alcuno. Giusto aggiungere anche che, rispetto a Iliad, ho. mobile non scala credito in caso di superamento dei 30 GB di traffico dati, blocca semplicemente la navigazione e permette così all’utente di accorgersene e di poter ricaricare un nuovo bundle mensile, facendo ricominciare il conto alla rovescia, evitando così brutte sorprese sulla carta di credito.

Costo della SIM e relativa attivazione a 9,99€ (quello che sono solito considerare un furto grosso modo legalizzato, e vale per ogni operatore), spedizione gratuita (io sono andato a recuperarla presso un’edicola dopo averla prenotata da sito web, nda) e prima ricarica di 7€, per un totale di 16,99€ che ti permettono di entrare nel mondo di ho. mobile.

ho. mobile è l'alternativa (secondo me migliore) a Iliad

Panoramica sulla consegna

Niente di più semplice: ho ordinato la mia SIM online ma, data l’altissima richiesta, sono stato costretto ad andarla a ritirare presso un’edicola da me scelta. Poco male nel mio specifico caso, Milano è ben servita e non ho avuto difficoltà alcuna nel recupero (e relativo pagamento in loco), cosa che non si può però dire per tutte le restanti località della nostra nazione, nel gruppo Telegram di amici sparsi un po’ per il nord Italia ho ben letto lamentele (e imprecazioni varie) per i chilometri necessari al recupero della SIM ordinata. Qui trovi i punti di ritiro comodamente organizzati su una mappa esplorabile, così puoi farti un’idea prima di muovere qualsiasi altro passo. Esiste, dopo un primo periodo critico, la possibilità di ordinare e farsi spedire la SIM fino a un massimo di 500 al giorno (e contrariamente al periodo iniziale, oggi questo limite sembra un po’ più di manica larga, seppur non troppo), tetto massimo che riparte da zero alla mezzanotte di ogni giorno.

Giusto per essere puntigliosi e rompiscatole: considera che sto facendo giusto ora un nuovo tentativo di acquisto e mi ritrovo davanti a questa situazione (che definire al limite del ridicolo credo sia poco, ma tant’è):

ho. mobile è l'alternativa (secondo me migliore) a Iliad 3

Io fortunatamente ho ormai superato questa fase e già messo mano da un mese circa sulla mia SIM, che ho torturato quanto basta.

ho. mobile è l'alternativa (secondo me migliore) a Iliad 4

Configurazione, applicazione, rete dati

Nulla che abbia a che fare con il calvario di Iliad. La SIM funziona immediatamente e sbaglia esclusivamente APN dati (verificato su più dispositivi), puntando a quelli di Vodafone quando in realtà dovrebbe bussare alle porte dei propri. Per questo motivo ti basterà sapere che dovrai modificare web.omnitel.it (o mobile.vodafone.it) con web.ho-mobile.it

ho. mobile è l'alternativa (per certi versi migliore) a Iliad

Se dovessi riscontrare dei problemi di navigazione mettendo il dispositivo iOS / Android in Hotspot, prova a cambiare l’APN (solo quello Hotspot Personale) inserendo internet.ho-mobile.it

Così facendo ho potuto immediatamente navigare e mettere alla prova la qualità della rete che poggia totalmente sulla struttura Vodafone, la migliore che io conosca in termini di velocità e stabilità del vero 4G (anche più di TIM, e lo dico con un po’ di rabbia perché sono cliente di ambo gli operatori e mi accorgo nettamente delle differenze).

Ai tradizionali test fatti di SpeedTest e Fast.com ho anche aggiunto in coda un “nuovo segnalato“: si tratta di compari.tech/speed, progetto portato alla mia attenzione per “spingere” il suo uso e devolvere qualche soldino in beneficenza (si tratta di poca roba, ma è pur sempre meglio di nulla):

For each user that runs the broadband speed test, Comparitech donates one cent (US$0.01) to either the Electronic Frontier Foundation (EFF), a non-profit digital rights advocacy group, or Computers 4 Africa, which funds access to computers in developing nations on said continent. The leading online speed test is run 3 billion times per year. If we can get just one percent of those people to use our broadband speed test, we could raise millions for charity.

ho. mobile è l'alternativa (per certi versi migliore) a Iliad 10

Risultati assolutamente giusti considerando che si tratta di un operatore MVNO che ha dichiarato sin da subito di poter mettere a disposizione del cliente finale un download da 60 Mbit/s e upload fino a 52 Mbit/s (come dichiarato nel PDF dedicato alla trasparenza). A questa trasparenza già di per sé giusta, si va ad aggiungere anche quella relativa all’eventuale sovraccarico di rete, che ovviamente permette a ho. mobile di salvaguardare la “propria” struttura limitando così le risorse a disposizione dei clienti:

Quando il carico della rete è particolarmente elevato, ho. può introdurre dei meccanismi temporanei e non discriminatori volti a garantire l’integrità e la sicurezza della rete, come la limitazione della velocità di connessione. Questo meccanismo viene attuato in via prioritaria sulle applicazioni che comportano un maggior consumo di banda (es. peer to peer o file sharing).

Vedi: ho-mobile.it/condizioni-generali.html

Applicazione

Grandissimo vantaggio nativo rispetto a Iliad, ma altrettanto grande tallone d’Achille per la prima registrazione senza attivazione della SIM. Le SIM ordinate via internet e consegnate direttamente a mezzo corriere / posta devono essere attivate tramite videochiamata (come spiegato qui), contrariamente a quelle recuperate in edicola o punto vendita che vengono più comodamente attivate in fase di ritiro e pagamento.

ho.
ho.
Developer: VEI s.r.l.
Price: Free
ho.
ho.
Developer: ho.
Price: Free

Ho saltato a piè pari quella che tanti affermano essere un’attivazione complicata e spesso malfunzionante (dato l’alta richiesta, bene ricordarlo) e ho quindi scaricato l’applicazione su iPad (non nativa, è quella di iPhone allargata a schermo quasi pieno) per poter creare l’utenza con la quale controllare i consumi e ricaricare agilmente il credito, riscontrando serie difficoltà legate alla consegna del messaggio SMS (che non può avvenire su iPad). Sono stato quindi costretto a spostare temporaneamente la SIM in S8, solo per poter recuperare il codice e terminare così la registrazione, che in ogni caso non è andata a buon fine al primo tentativo, costringendomi ad aspettare il giorno successivo per “eccessivo invio di SMS in un arco di tempo ristretto“.

Un po’ di pazienza e una sana dormita hanno risolto il problema, il giorno dopo sono riuscito a registrare il mio account e oggi posso controllare dall’area riservata (sito web o applicazione) i miei consumi, la mia offerta e altro ancora.

Supporto

È in questa occasione che ho provato a sfruttare il supporto dell’operatore, trovandomi in realtà davanti a un vicolo cieco. Sito web di supporto contenente molti documenti relativi a domande per le quali avevo già risposta, nessun numero telefonico da poter contattare (l’ho poi scoperto in seguito: 192121 da SIM ho. mobile, 800 688788 da qualsiasi altro operatore, dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 22:00, sabato e domenica dalle 09:00 alle 20:00), supporto dalla pagina Facebook non pervenuto (e a tutt’oggi non ho ricevuto risposto alla domanda che avevo lasciato lì, posta a quella che dall’altro lato dovrebbe essere la loro interfaccia di supporto Social).

Bocciato su ogni fronte direi, almeno nel suo primo periodo di vita, certamente difficile ma critico anche per quei clienti che scelgono di cambiare operatore o affidare una nuova utenza che poi probabilmente useranno ogni giorno (e dalla quale si aspettano che tutto il meccanismo sia oliato e funzionante). Per questo specifico aspetto devo ammettere che mi ero trovato molto meglio con Iliad.

In conclusione

Un’offerta più costosa ma sicuramente più interessante per certi aspetti (mia soggettiva valutazione), senza considerare che puoi sfruttare la rete voce e dati Vodafone, dettaglio affatto trascurabile quando dall’altro lato (parlo di Iliad) hai ancora oggi a che fare con antenne di proprietà “inesistenti” (poche, non tutte ancora operative, dislocate male se consideriamo la totalità del territorio) e roaming spesso limitato sulla rete più robusta di Wind-Tre. La possibilità di effettuare un “reset” della mensilità quando lo si desidera (pagando un nuovo pacchetto da 6,99€) è certamente un vantaggio per tutti coloro che non riescono a stare dentro il tetto dei 30GB dati/mese (perle mi auguro rare, che magari non hanno a disposizione una connessione cablata in ufficio o a casa).

Questa scarsa disponibilità di SIM tra sito web e punti di ritiro / vendita è certamente però un punto a sfavore del “nuovo” MVNO, soprattutto in questo periodo storico fatto di winback che picchiano forte su tutti coloro che hanno abbandonato il loro precedente operatore (magari fisico) scegliendo la nuova alternativa ancora troppo debole per potersi permettere di fare contro-offerte che “non si possono rifiutare” (senza considerare che questo non è affatto il loro core-business, non per nulla l’offerta di ho. mobile così come Iliad è unica e uguale per tutti).

Approfitto del paragrafo di chiusura per dirti che, se sei in cerca della procedura di migrazione del tuo numero di telefono attuale (portabilità), la puoi affrontare direttamente via applicazione, seguendo quanto riportato da un ottimo articolo di WebNews.

Ora tocca a te. Hai già provato ho. mobile? Sei diventato cliente? La sceglierai in futuro? L’area commenti è a tua totale disposizione per discutere dell’operatore, dei problemi che riscontri, per condividere la tua esperienza.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Tra le varie utility sviluppate e pubblicate da EaseUS ce n’è una in particolare che può tornarti utile nel caso in cui tu debba recuperare dei dati “persi” sui tuoi dispositivi Apple, si tratta di EaseUS MobiSaver. Gratuita (nella sua versione più basilare), disponibile per Windows e macOS, in grado di analizzare e recuperare dati partendo dal tuo dispositivo, da un backup iTunes o direttamente da iCloud.

EaseUS MobiSaver recupera i dati dei tuoi dispositivi iOS

EaseUS MobiSaver

Sai bene che qualsiasi dato tu vada a cancellare non è in realtà eliminato in maniera completa dai tuoi dispositivi. Passa solitamente in un limbo con durata limitata di giorni entro i quali potrai recuperare ciò che probabilmente hai rimosso per sbaglio e, anche quando quell’intervallo di giorni è ormai passato, c’è ancora qualche possibilità di recuperare il file ormai perso.

EaseUS MobiSaver svolge questo mestiere e tenta il recupero di quei dati apparentemente persi per sempre, provandoci con iOS (quindi direttamente con il tuo smartphone o tablet), con un backup di iTunes o collegandosi direttamente al tuo account iCloud. Va un po’ a fare l’esatto contrario di quanto ti ho raccontato qualche tempo fa con tool di tutt’altro tipo (e occhio, quelle non le recuperi più da iCloud, puoi provarci solo da iOS o da file generato tramite iTunes).

Il software è disponibile in versione gratuita e non (dedicata ai professionisti).

Nello specifico

Una volta installato e avviato (io ho eseguito i miei test su macOS High Sierra e iPad personale, nda) probabilmente ti ritroverai davanti al messaggio di non piena compatibilità con il più aggiornato sistema operativo di Apple (quindi bene, ma non benissimo per cominciare):

EaseUS MobiSaver recupera i dati dei tuoi dispositivi iOS 1

Tolto il dente (e anche il primo dolore), si passa all’interfaccia vera e propria del programma, la quale chiederà di collegare il dispositivo e di autorizzare il PC per poterci lavorare sopra (il tutto con una localizzazione che nonostante anni di rapporti anche con l’Italia, fatica a migliorare), ciò a cui sei già abituato nel panorama degli “iDevice“. Dovrai ora lanciare la scansione e dare il tempo all’applicazione di eseguire una verifica completa del dispositivo, alla ricerca di tutto il materiale attualmente disponibile misto quello che probabilmente hai eliminato ma che ancora potresti / vorresti recuperare:

EaseUS MobiSaver cerca di portare fuori tutti i più classici dati solitamente conservati sullo smartphone o sul tablet, si parla quindi di fotografie e messaggi in primis, comprese le chat di WhatsApp che nessuno vuole perdere, resta fuori ovviamente Telegram perché basato totalmente sul Cloud. Dentro invece quei dati che solitamente non consideriamo nell’equazione, come fotografie e video che si trovano all’interno di altre applicazioni che permettono loro di rimanere lì fino a dimenticarcene (penso ai vari lettori video che accettano materiale passato in upload tramite iTunes o non solo). Si possono arrivare a recuperare anche memo (testuali o vocali), appuntamenti di calendario e preferiti di Safari (cosa alquanto intelligente considerando che cancellare un segnalibro mi è già accaduto per sbaglio in passato).

Se non iOS è a poterti dare soddisfazione o risposte alle tue domande, sappi che EaseUS MobiSaver permette anche di analizzare backup completi effettuati tramite iTunes (come già detto sopra) o collegandosi direttamente a iCloud tramite il tuo account (a prescindere che abbia o meno protezione a due fattori, che dovrai chiaramente superare):

Io non sono solito usare iTunes (meno lo uso, meglio sto) e cerco di mandare tutto in backup esclusivamente su iCloud (considerando che la libreria fotografica è disattivata e preferisco passare da Google Photos e dal mio account di Google), dal quale però sono solito cancellare in maniera definitiva i file ancora fermi nel limbo, rendendo di netto più difficile (se non impossibile) il lavoro di questo tipo di programmi (fortunatamente per la privacy dell’utente finale).

Il test è stato quindi eseguito con successo sul mio iPad direttamente, recuperando un evento di calendario precedentemente cancellato per mettere alla prova EaseUS MobiSaver, e quelli non passano per il famoso limbo di cui ti parlavo, generalmente dedicato alle fotografie e ai tuoi video (che effettivamente necessitano di un cestino che possa salvarti da brutti scherzi dovuti alla fretta o alla distrazione).

EaseUS MobiSaver è un’applicazione che puoi tenere a portata di mano qualora dovesse mai servirti, non costa nulla e tentare (il recupero dei dati) non può nuocere più di quanto non lo abbia già fatto la perdita. Resta capo saldo quanto già specificato in apertura articolo: occhio a quello che si sviluppa e poi non si mantiene, l’errore in apertura applicazione e un paio di crash durante i test fanno storcere (e parecchio) il naso, non si vive di solo Windows al mondo (anzi, tutto il contrario considerando che si parla di Apple e ci sono tanti Mac lì fuori) ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non è la prima volta che mi viene chiesto, scrivo e pubblico un pezzo rapido così che sia più semplice per tutti capire se è arrivato il momento di cambiare la batteria del proprio iPhone, così da uscire (almeno nella teoria) dal tunnel della depotenziazione confermata da Apple qualche tempo fa (lo sanno anche i muri, credo sappia anche tu di cosa sto parlando). Ciò che ti serve è un Mac (iMac o Macbook, non ha importanza) o, nel caso in cui tu non lo abbia, un’applicazione da scaricare e installare su iPhone direttamente da AppStore.

iPhone: come posso capire se devo cambiare la mia batteria?

In generale, uno stato di usura batteria che porta la carica massima sfruttabile al pari (o al di sotto) dell’80% è da considerarsi già papabile per la riparazione (sostituzione della batteria).

Detto ciò, ecco le due alternative che ti suggerisco.

Mac e coconutBattery

coconutBattery è uno di quei tool che esistono da sempre, e che devono essere sempre tenuti a portata di clic, perché tanto piccoli quanto fantastici quando ce n’è bisogno. Si scarica gratuitamente dal sito web ufficiale coconut-flavour.com/coconutbattery, e ne esiste una versione Plus che è nata per sostenere il progetto in futuro, introducendo alcune ulteriori funzionalità davvero niente male.

In origine è stato sviluppato per tenere d’occhio l’usura della batteria del MacBook (e l’ho scaricato qualche anno fa proprio per questo motivo), per poi introdurre in seguito il controllo della batteria di iPhone e iPad (oltre che iPod, se ne possiedi ancora uno). Una volta collegato il tuo iPhone via cavo al Macbook (o iMac), autorizza il PC a connettersi allo smartphone (ti comparirà la solita richiesta di conferma a video su iPhone), quindi apri coconutBattery e spostati nella scheda relativa al tuo iPhone per verificarne la capacità di batteria e l’usura attuale:

iPhone: come posso capire se devo cambiare la mia batteria? 1

iPhone e Battery Life

Altra accoppiata scoperta per caso un paio di anni fa circa, poi suggerita più e più volte, costituisce la concreta e unica alternativa al collegamento tra iPhone (o iPod / iPad) e Mac, senza neanche inserire in equazione la visita presso l’Apple Store più vicino (perché ti ricordo che, prendendo appuntamento, puoi far controllare lo stato di usura della tua batteria anche in Apple Store o centro autorizzato).

Battery Life è un’applicazione gratuita (guadagna sulla pubblicità che ti mostra all’interno di ogni sua schermata, nda) che puoi scaricare direttamente da AppStore, oppure utilizzando il badge qui di seguito:

Battery Life
Battery Life
Developer: RBT Digital LLC
Price: Free+

Estremamente chiara e semplice da utilizzare, una volta installata e avviata ti mostrerà immediatamente le informazioni relative alla batteria e alla sua usura, fornendo inoltre grafici, cronologia e calcoli che ti permetteranno di capire quante ore di vita ha a disposizione lo smartphone se continuerai a utilizzarlo. Ti mostro qualche screenshot catturato dall’applicazione (il telefono è il mio iPhone 6 aziendale):

Condizioni imposte da Apple

Te le riporto qui di seguito, così che possano tornarti immediatamente comode. In linea di massima, se dovesse servirti qualche altra informazione, ti rimando al documento ufficiale di Apple che trovi all’indirizzo support.apple.com/it-it/iphone/repair/battery-power:

Fino al 31 dicembre 2018, il prezzo dell’intervento di assistenza per le batterie fuori garanzia è di € 29 per tutti i modelli idonei iPhone 6 o successivi. L’intervento di assistenza per la batteria al prezzo di € 29 è limitato a una riparazione per iPhone.

I problemi causati da danni accidentali non sono coperti dalla garanzia limitata Apple. I prezzi si applicano solo alle riparazioni della batteria eseguite da Apple. Altri service provider potrebbero stabilire prezzi diversi. Aggiungeremo un costo di spedizione di € 12,20 se la riparazione richiede la spedizione e non è coperta da garanzia o da AppleCare+. Tutti i costi sono espressi in euro e sono comprensivi di IVA.

In conclusione

Ora dovresti avere tutte le informazioni necessarie per poterti muovere e capire se è arrivato il momento di approfittare del cambio batteria a 29€ presso l’Apple Store più vicino a te! In caso di dubbi, come al solito, puoi utilizzare l’area commenti che trovi qui di seguito.

Cheers.


Immagine di copertina di Radovan on Unsplash
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

EaseUS ha rilasciato un nuovo programma dedicato a tutti i possessori di sistemi Windows e dispositivi della Mela (iPhone e iPad, per capirci). Si tratta di EaseUS MobiMover, applicazione che promette di eseguire facili salvataggi e ripristini dei tuoi dati nel momento in cui ti toccherà cambiare il tuo smartphone o tablet.

EaseUS MobiMover: backup e ripristino degli "iDevice"

Stranamente disponibile solo per Windows, questa è completamente gratuita ma priva di supporto tecnico (quello è compreso nella sua versione Pro a pagamento, la licenza ha un costo di circa 40$ e promette anche aggiornamenti gratuiti a vita), puoi scaricarla tu stesso all’indirizzo easeus.com/phone-transfer/mobimover-free.html.

EaseUS MobiMover

Nonostante la localizzazione italiana non molto precisa, l’applicazione è immediatamente intuibile e semplice da utilizzare, anche perché le funzioni a disposizione sono 4, due delle quali permettono proprio il backup e il restore dei dati appoggiandosi al PC in uso (quello dove stai eseguendo MobiMover).

EaseUS MobiMover: backup e ripristino degli "iDevice" 1

Se devo pensare a un suo possibile utilizzo oltre quello del singolo utente che deve effettuare backup all’infuori di iCloud o iTunes (e in quest’ultimo caso lo capirei moltissimo, considerando la parchidermicità del prodotto Apple portato sui sistemi Microsoft!), tornerebbe molto comodo anche a chi deve –per lavoro o per mantenere rapporti familiari– effettuare più migrazioni di contenuti senza sporcare il proprio profilo o senza prendersi assegnazioni non corrette di dispositivi altrui (cosa che succede utilizzando iPhone / iPad non tuoi ma collegati al tuo iTunes).

Le operazioni sono tutte molto veloci ma non tutte funzionano come dovrebbero. Spostandoti infatti nell’ultima opzione disponibile nella schermata principale (quella chiamata “Costume“, nda), potrai esplorare e lavorare sulle singole voci che il programma è in grado di gestire, alcune delle quali inaccessibili perché bloccate dal fatto che tu faccia passare quei dati da iCloud (il programma chiede di disattivarlo temporaneamente o permanentemente se lo desideri, io lo sconsiglio caldamente se non sai quello che stai facendo), altre invece apparentemente senza spiegazione, come i messaggi SMS ricevuti / inviati e la cronologia di Safari, dati che non passano da iCloud:

Funzionano invece bene le voci relative a immagini (anch’esse solo se non soggette a Libreria iCloud sotto costante backup) e video, che potrai facilmente esportare sul PC o re-importare più comodamente rispetto alla classica cartella condivisa (ma in sola lettura) tramite iTunes, in questo caso è un nulla da eccepire.

Lanciando il backup dello smartphone (ho provato con il mio iPhone 6 aziendale) è stato ribadito il messaggio riguardante l’impossibilità di accedere ai contatti (e non solo) perché facenti parte del pacchetto in gestione a iCloud, ma è comunque potuto andare avanti (e a buon fine) portando fuori tutti gli altri dati, certo, a eccezione –confermata– di quelli che non mi spiego perché manchino all’appello:

EaseUS MobiMover è una soluzione ancora acerba per molti versi, che si basa su una buona idea seppur non ancora del tutto chiara e –soprattutto– non nuova rispetto al mercato dei numerosi competitor che mettono a disposizione prodotti di pari valore economico (quindi gratuiti, con magari un’offerta a pagamento che offre qualcosa in più) e già disponibili su più sistemi (penso a macOS, nda). La semplicità di EaseUS MobiMover è certamente un punto a suo completo favore, ma si può (e si deve) fare di meglio con la localizzazione (sarebbe carino) ma soprattutto con il corretto funzionamento di ogni singola voce dedicata ai dispositivi della mela morsicata.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ok, tutto è stato svelato. I rumors ancora una volta non erano solo rumors, le innovazioni non erano troppo innovative, il dado non è del tutto tratto, bla, bla, bla. Questo è il mio solito sproloquio che riservo a ogni evento importante di Apple, facendo regolarmente passare quel bagaglio di ore necessario affinché gli animi si calmino e trovino la pace interiore (almeno in parte).

Prima di partire, ti propongo il solito chiarimento: non sono un fanboy e non mi schiero con una o l’altra fazione e, soprattutto, ognuno è libero di fare quel cacchio che vuole con i propri soldi. Tutto chiaro? Bene, cominciamo.

One more thing, storie di iPhone X e faide popolari 1

Non visitare Facebook, limita al massimo l’accesso a Twitter e fai un bel respiro prima di aprire il tuo feed reader, perché per almeno una settimana (ho detto almeno), non si parlerà di altro. Tutto questo trambusto è causato dal più appariscente di casa, vero erede di un iPhone 7 che lascia spazio a una versione 8 passata quasi del tutto inosservata, ignorata, buttata giù come fosse una bambola. Apple presenta la decima, che “salta la prossima generazione” per presentare qualcosa di più innovativo, più bello, più Wow, “il miglior iPhone di sempre” (cit.), e che poi risulta essere proprio così per il cliente medio di Apple.

Metto subito le mani avanti e ti ricordo che, secondo il mio personale punto di vista, Apple continuerà a essere passi avanti al mercato concorrente perché:

  • è “in grado di fare di più, utilizzando meno: la sua accoppiata CPU e RAM sembra impallidire al cospetto dei top di gamma Android disponibili sul mercato, eppure è capace di reggere un gran quantitativo di lavoro. Questo perché hardware e software formano una simbiosi unica. Un iPhone non potrebbe far girare fluidamente Android, potresti accorgerti di malfunzionamenti e instabilità che in iOS non noti (se non in rare occasioni). L’ecosistema vince, e questo –per chi ha provato entrambi i prodotti– è oggettivo.
  • Ha una rete di assistenza che mette il cliente al centro dell’attenzione. Qui potrebbe intervenire il mio amico Alberto dicendo che la pacchia è finita e che non è più lineare come una volta. È vero, gli Apple Store (e anche i centri di assistenza autorizzati) hanno iniziato a non essere più di manica così larga, facendo maggiori controlli e resistenza alla richiesta di una riparazione o di un cambio alla pari, alzando dove possibile le tariffe in caso di rotture e danneggiamenti causati dall’utilizzatore. Resta però, volente o nolente, una rete specializzata che “non ti lascia mai a piedi“, contrariamente a diversi produttori che montano Android e che pretendono che lo smartphone danneggiato venga inviato al centro di assistenza europeo, per essere poi rispedito al cliente dopo 20 giorni di attesa (non sempre, talvolta si va anche molto oltre).
  • Nonostante gli anni sulle spalle, gli iPhone rimangono oggetti con il più alto valore di vendita sul mercato dell’usato. Non è una cosa scritta nella bibbia oppure inventata dal tuo vicino che “capisci a me, ci penso io“, è oggettivamente dimostrabile dando un’occhiata a siti web che vendono ricondizionati, a siti d’annunci dove chiunque può disfarsi di un oggetto non più utilizzato, o magari da esperienze personali che hai avuto in passato. Vendere il tuo vecchio iPhone è facile e quasi sempre remunerativo (non ci guadagnerai, ma riuscirai anche a non perderci molto rispetto al divario che si crea sui top di gamma Android).
  • Il supporto è garantito per molti anni a venire. Allo stato attuale delle cose, è proprio Apple quella che sta garantendo il maggior periodo di supporto per i propri prodotti e sistemi operativi. È dell’anno scorso l’articolo del Wall Street Journal che analizza il cutoff di iOS sul parco macchine della mela, e vale ancora oggi: graphics.wsj.com/the-ios-cutoff/?mod=e2tw. Se vuoi seguire poi le evoluzioni e gli aggiornamenti sulle compatibilità, prova a dare un’occhiata a iossupportmatrix.com (aggiornato a iOS 11).

Ora, tolto questo, ti dico perché non c’è nulla di realmente innovativo oltre la tecnologia FaceID (che, come da tradizione, ha fallito la prima demo pubblica a causa del codice non immesso per il primo sblocco post-accensione) che prende il posto del vecchio (?) TouchID. Non c’è nulla perché di doppie fotocamere ne abbiamo già viste, così come abbiamo già visto i monitor edge-to-edge e la carica a induzione, abbiamo visto le certificazioni IP67 e anche le 68, non ancora disponibili per gli smartphone della mela. Se poi vogliamo buttarla sul goliardico beh, allora potrei dirti che le nuove Animoji sono spettacolari, e non vedo l’ora di mandare a cagare qualcuno facendolo dire alla faccina più adatta a vincere l’oscar come migliore attrice protagonista.

Mano al portafogli

Il nuovo giocattolo ha un costo importante, soprattutto qui da noi. iPhone X parte da 1189€ e arriva fino a 1359€ per il taglio di memoria da 256 GB. Ciò è la dimostrazione di quanto una costante leva economica applicata da Apple, ma anche da Samsung, colpisce nel segno e incontra l’approvazione pubblica che, dopo aver tirato fuori dal cilindro decine di lamentele di rito (cosa che si confà a noi italiani in particolar modo), corre poi a scovare e sfruttare il miglior modo per ottenere il neonato dispositivo cercando di ammortizzarne quanto più possibile i costi, dilazionandoli all’infinito magari. Dal ragionamento restano esclusi chiaramente tutti coloro che sono già pronti a mettersi in fila davanti agli Apple Store di tutto il mondo, la carta di credito trema già.

Se non fosse però stato abbastanza chiaro il mio incipit, te lo ripeto: i soldi sono i tuoi, puoi farci quello che vuoi e nessuno (nessuno, l’ho già detto?) potrà dirti come meglio spenderli.

Sulla qualità del prodotto in sé non dobbiamo neanche discuterne. Che tu sia già un cliente Apple o che tu voglia diventarlo per la prima volta (però, che gran battesimo!), iPhone X rappresenta il meglio che a oggi ha da offrire la società della mela, coadiuvata da una pomposità che appartiene al DNA dell’ufficio Marketing (e relativi rappresentanti) che continueranno a ripeterti quanto tu sia fortunato nel poter possedere un tale gioiello di tecnologia, facendoti credere che tutto sia nuovo, tutto sia fico e che tutto sia stato inventato da Pippo Baudo Apple, anche quando così non è.

Il dado è realmente tratto e i passi in avanti della tecnologia ci hanno ormai abituato a non poter più provare l’effetto Wow, perché non c’è più nulla di realmente importante da scoprire. La vera rivoluzione l’abbiamo già vissuta, e porta la firma di Steve Jobs, apposta circa 10 anni fa. L’evoluzione ci consente di migliorare la nostra vita quotidiana, di renderla sempre più comoda, su questo non può esserci dubbio. A questo punto, l’unica vera differenza sta nella qualità del servizio, nel supporto, nell’assistenza tecnica; e su questi aspetti fondamentali ancora molti (troppi) devono sedersi sui banchi di scuola e dare retta alla maestra.

Calma quindi il sangue freddo, ragiona e scegli il prodotto che fa realmente per te, io posso solo aiutarti a fissare dei punti d’analisi che possono portarti a un buon risultato finale.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: