Archives For Facebook Messenger

Impossibile non notarlo, è l’inevitabilità di quel web fatto di continui collegamenti, richiami, login facili. Amazon ti propone sempre il prodotto più giusto per quello specifico periodo in cui ti serve qualcosa “della quale non potrai più fare a meno“, te lo ricorda anche Facebook, così come molti altri siti web che utilizzano in qualche maniera banner o API di questi due grandi player, e la storia non finisce certo con loro, è un po’ come il vaso di Pandora. Sei un numero, tracciarti è relativamente semplice, può essere utile qualcosa che contrasti tutto questo senza però intralciare la tua navigazione e le tue comodità, Facebook Container fa un po’ questo mestiere.

Wordpress: niente immagine di anteprima su Facebook? Risolvere il problema

Facebook Container

Un accenno di storia

Facciamo insieme un passo indietro e parliamo genericamente di Containers. Un tempo Panorama e integrata nel browser stabile, poi abbandonata definitivamente per scarso utilizzo circa 2 anni fa (io l’adoravo), forse alcuni potrebbero ricordarla come Tab Groups. Non so tu, ma questo desiderio di avere una sola finestra del browser aperta e più “ambienti di lavoro” da richiamare all’occorrenza a me è sempre piaciuta, un po’ per separare la vita privata da quella lavorativa, un po’ per lavorare su ordini di idee e necessità senza star lì a impazzire per trovare una determinata scheda aperta qualche tempo prima.

Quella funzione oggi si chiama Containers, è un’estensione, un componente aggiuntivo figlio della nuova epoca Quantum, che ti permette grosso modo di fare la stessa cosa che facevi due anni fa sul Firefox di vecchia generazione, e puoi installarla in qualsiasi momento da AMO.

Vite separate, un solo browser, nessun impedimento tecnico nell’apertura di più finestre dello stesso servizio con diverse coppie di credenziali (GMail, tanto per fare un esempio facile da capire), visitate come tu stessi arrivando da differenti sessioni (o profili aperti) ma che in realtà così non è, grazie all’isolamento dello spazio riservato da Firefox (website storage, nda), dei cookie e di tutto ciò che serve a quel sito web per fare il suo lavoro lato tuo PC, puoi provare a vederla come una rivisitazione avanzata della modalità di navigazione in incognito, senza però la limitazione dovuta alla singola finestra anonima per profilo di Firefox aperto.

Under the hood, it separates website storage into tab-specific Containers. Cookies downloaded by one Container are not available to other Containers ()

Il tutto è stato sperimentato, monitorato e costantemente migliorato nel corso di questi ultimi due anni, da chi -come me- ha scelto di affidarsi alle versioni Nightly di Firefox (quelle più instabili, nda), che integravano già nel 2016 questo esperimento poi approdato anche in Test Pilot (se ne parlava qui), con possibilità di gestione dei contenitori tramite pannello delle Preferenze del browser (about:preferences#containers).

Perché allora Facebook Container?

Perché Containers presa così di petto può confondere e in alcuni casi spaventare i meno esperti, che potrebbero non capire più come gestire i loro ambienti di lavoro.

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web

Facebook Container non necessita di configurazione, è già pronta per funzionare come nel più classico degli scenari Plug&Play, annunciata in un momento storico che migliore non si sarebbe potuto aspettare per fare da cassa di risonanza, Cambridge Analytica può solo insegnare (ammesso che là fuori altri come me e te abbiano capito più o meno bene cosa sia realmente successo e che conseguenze ci sono state nel momento zero, così come oggi e ancora in futuro). Facebook Container è stata presentata al grande pubblico del web lo scorso 27 marzo, descritta all’interno di un articolo comparso nel blog ufficiale di Mozilla (blog.mozilla.org/firefox/facebook-container-extension), il quale non manca di dettagliare di cosa si tratta pur non dovendo approfondire più di tanto (vista la facilità di fruizione di questa misura di sicurezza sviluppata da Mozilla).

Facebook Container
Facebook Container
Developer: Mozilla
Price: Free

Scopo del gioco messo in chiaro da subito: fermare il tracciamento che Facebook opera in giro per il web, lasciando che il Social Network possa funzionare esclusivamente nel suo orticello, che non vada a fare danni altrove e che ci lasci in pace quando non utilizzato. Per fare ciò è stata usata la base e il concetto fatto proprio da Containers, riadattato per l’occasione all’auto-riconoscimento del sito web creatura di Mark Zuckerberg, caricato in un’apposita sandbox oltre la quale non può ficcare il naso. In un solo colpo vivrai (e navigherai) qualsiasi altro sito web come se tu non fossi collegato a Facebook, come riportato da Mozilla stessa, la quale specifica quindi possibili malfunzionamenti legati all’isolamento:

If you use your Facebook credentials to create an account or log in using your Facebook credentials, it may not work properly and you may not be able to login. Also, because you’re logged into Facebook in the container tab, embedded Facebook comments and Like buttons in tabs outside the Facebook container tab will not work. This prevents Facebook from associating information about your activity on websites outside of Facebook to your Facebook identity. So it may look different than what you are used to seeing.

Una seccatura apparentemente molto pesante da sopportare, ma che protegge la tua privacy più di quanto tu possa pensare. Considera che, nel caso tu faccia clic su pulsanti di Like o Share via Facebook, questi funzioneranno aprendo nuovamente il container (quindi nessun problema di funzionamento, ma solo una scheda in più aperta quando necessario, immediatamente richiudibile al termine dell’operazione).

Sotto al cofano

When you install this extension it will delete your Facebook cookies and log you out of Facebook. The next time you visit Facebook it will open in a new blue-colored browser tab (aka “container tab”). In that tab you can login to Facebook and use it like you normally would. If you click on a non-Facebook link or navigate to a non-Facebook website in the URL bar, these pages will load outside of the container.

Una volta installata, Facebook Container cancellerà ogni cookie legato al Social Network, costringendoti a effettuare un nuovo login. Noterai che –visitando Facebook– ti si caricherà una scheda diversa rispetto alle altre, sottolineata di blu e con il logo da “Container” nella barra dell’URL (te li ho messi in rilievo nell’immagine di seguito):

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web 1

Ogni volta che farai clic su un collegamento che ti porterà fuori da Facebook, la scheda tornerà a comportarsi normalmente, vedrai sparire sottolineatura e richiamo nella barra dell’URL. Lo stesso succederà anche se riutilizzerai la scheda per navigare su un diverso sito, specificandolo manualmente nella barra dell’URL.

E dallo scorso 5 aprile …

… sono state annunciate alcune novità riguardanti il componente aggiuntivo, che ora mantiene attivo il container di isolamento anche nel caso in cui tu vada a visitare Instagram o Facebook Messenger, legati allo stesso cordone ombelicale del Social Network statunitense.

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web 2

Se come me stai ora pensando a WhatsApp, probabilmente la risposta è che questo non sembra raccogliere (allo stato attuale) informazioni che vengono poi utilizzate dal sito web principale di Facebook, ma potrebbe certamente entrare a far parte degli URL intercettati automaticamente di un futuro aggiornamento di Facebook Container: blog.mozilla.org/firefox/facebook-container-extension-now-includes-instagram-and-facebook-messenger.

In conclusione

Un compromesso che, una volta installato, dovrai in qualche maniera digerire. Questo potrebbe essere il giudizio finale per un componente aggiuntivo che per me finisce di diritto nei Must Have, perché non sempre ci si può nascondere dietro la frase fatta che “non si ha niente da nascondere“, la privacy è un diritto che devi poter esercitare e un dovere per chi ha quel grande potere e privilegio di poter maneggiare i nostri gusti, orientamenti, dati che possono essere facilmente rivenduti e sui quali costruire il proprio business, che non sempre combacia con i reali desideri dell’utente finale.

Io l’ho installato su ogni mia postazione e quasi ogni profilo (ne tengo alcuni esclusivamente per sperimentare, dove neanche mi collego a Facebook), i login sono stati separati dall’account Facebook già tempo fa (dovresti farlo anche tu, prima o poi ci scrivo un pezzo in merito), e dove i commenti sono veicolati in maniera forzata verso il Social Network, evito di dire la mia, che male non può certo fare :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Colpa di Carlo e di un suo messaggio su Facebook di qualche tempo fa. Mi ha presentato Franz.

Non so ancora se mi piace, di certo c’è che lo sto provando da un paio di settimane e ho eliminato un po’ di carico di lavoro su Firefox (vuoi sapere di cosa sto parlando? Leggi in coda a questo articolo!) disattivando le estensioni dedicate ai pannelli di Whatsapp e Facebook Messenger. Franz è un client che porta sotto lo stesso tetto molti dei servizi di messaggistica istantanea che vengono quotidianamente utilizzati da miliardi di persone, disponibile gratuitamente sul sito web ufficiale meetfranz.com, compatibile con i 3 sistemi operativi più comuni (Windows, OS X, Linux).

Franz: un'app per Facebook, Whatsapp, Telegram, ecc. 3

Provato su ambo i sistemi che utilizzo quotidianamente, Franz utilizza il motore di Google Chrome e le versioni mobile dei siti web dei servizi di messaggistica istantanea. Per questo motivo, contrariamente a Whatsapp e Facebook Messenger (parlo dei servizi che ho relamente messo alla prova e per i quali posso quindi esprimere un parere decente), la parte relativa a Telegram resta anni luce indietro rispetto al client Desktop rilasciato tramite sito web ufficiale (desktop.telegram.org). Ho preferito quindi affiancarlo al client Telegram (sia su Windows che OS X) e tenerlo attivo per evitare di dover mettere mano al cellulare (Whatsapp) o aprire quel mastodonte fatto pagina web (Facebook, che poi in realtà preferisco passare da messenger.com, decisamente più leggero e fluido).

L’interfaccia principale di Franz permette di controllare, aggiungere o rimuovere i servizi di cui avete necessità. Ciascuna tab caricata sotto Franz, avrà poi necessità di login specifico per il servizio, con eventuale autenticazione a due fattori (come succede per Facebook Messenger, ammesso che l’abbiate attivata). Circa 150 i MB occupati in memoria (OS X, dove i compressi raggiungono i 50 circa). Su Windows, essendo in fase beta, tutto è sempre molto variabile, si attende una release più stabile per poterne parlare con cognizione di causa.

Mi piace l’utilizzo di Chrome? Lo sopporto. Mi piace come gestisce i servizi e le notifiche? Decisamente migliorabile, credetemi. Il progetto è giovane ed è giusto che faccia esperienza sul campo, parte con un bagaglio molto interessante sul fronte della compatibilità con i servizi di terze parti. Il bouquet iniziale propone Slack, WhatsApp, WeChat, HipChat, Facebook Messenger, Telegram, Google Hangouts, GroupMe, Skype (molto interessante questo, dato che l’interfaccia web inizia a sostituire egregiamente il pesante client Desktop originale) e Grape. Su Windows non esiste la possibilità di ridurre il programma a icona nella tray di sistema, dovrete quindi tenerlo semplicemente ridotto nella barra di Start. Impossibile avviarlo nascosto. Su OS X è sempre possibile chiudere la finestra principale (⌘ W) ma anche in questo caso si può fare molto di più per le notifiche (passano inosservate facilmente, IMHO) e per tenere il programma ridotto a icona nella barra superiore.

Insomma, lo avrete capito. La buona volontà c’è, la strada tracciata idem, bisogna solo perseverare nello sviluppare un’applicazione che ha certamente del potenziale, che può fare bene con i giusti suggerimenti da parte degli utilizzatori e che si spera possa raggiungere molti utenti lì fuori, alle prese ormai con mille servizi di messaggistica che devono essere tenuti a bada, in qualche maniera!

Good Job Franz, continua così! :-)

A proposito di Firefox, Whatsapp e Messenger

Vi avevo parlato di alcune estensioni che permettono di gestire servizi di messaggistica istantanea, come Whatsapp e Facebook Messenger, direttamente tramite il browser Mozilla. Vi ripropongo gli articoli precedentemente pubblicati su questo blog:

Firefox per “il Social”: WhatsApp Panel

Firefox per “il Social”: Facebook Messenger

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ci siamo, è sabato, buon riposo a tutti (quelli che hanno la fortuna di non lavorare durante questo giorno), per tutti gli altri ho qui pronto il secondo articolo promesso riguardo il #FirefoxSaturday dopo quello della scorsa settimana dedicato a WhatsApp Panel. Oggi è il turno del Social Network di Mark Zuckerberg, quello che miete vittime dell’ortografia e della grammatica, quello dove chiunque può dire la propria (anche se non sempre la passa liscia), quello che se non fosse mai esistito, probabilmente molti utenti non si sarebbero mai affacciati su quello che è il web che conosciamo oggi (e mi chiedo ancora se non sarebbe stato un bene, ma questo è un altro discorso).

Si chiama Facebook Messenger e non fa altro che portare quella piccola porzione che è il Messenger di Facebook all’interno di Firefox senza (anche in questo caso, così come la volta scorsa) la necessità di tenere aperta costantemente la scheda di Facebook che, come tutti sanno, consuma risorse del sistema più di una moglie con la carta di credito del marito durante un sabato pomeriggio di shopping:

Firefox per "il Social": Facebook Messenger

Sostanzialmente basato su messenger.com, propone una versione un pelo più ristretta senza i rilanci al profilo dell’interlocutore dall’altro lato del monitor (e relativo ultimo orario di connessione con possibilità di disattivare le notifiche, ecc.), informazioni e impostazioni comunque disponibili facendo clic sull’icona “Informazioni” (i) subito dopo i comandi per lanciare una chiamata VoIP o la videochiamata.

Per chi non è riuscito a tenere “tutti sotto un tetto” (un solo Messenger, pura utopia visti i molteplici gusti e sfaccettature dell’utenza media lì fuori), questo componente aggiuntivo è oro colato, sarà sempre possibile tenere d’occhio le proprie discussioni e portarle avanti agilmente, con un clic sull’apposito pulsante che sarà disponibile nella barra dell’URL. Non lo avete ancora installato? Evidentemente non avete contatti che preferiscono Facebook a qualsiasi altro tipo di mezzo di comunicazione, buon per voi! ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Si perché se siete abituati ad utilizzare Facebook su iOS o Android e magari il client Messenger sviluppato per Windows, potreste sentire la mancanza di un client per il SO di Apple che non vi costringa a tenere aperta una tab all’interno del browser, ecco perché oggi voglio spiegarvi come utilizzare “Messaggi” (il vecchio iChat) all’interno del vostro OS X per poter chattare con gli amici su Facebook e sfruttare le notifiche di sistema, un Facebook Messenger personalizzato per OSX.

La configurazione è estremamente semplice e va d’accordo con l’autenticazione 2-step nel caso in cui anche voi l’aveste abilitata, Facebook utilizzerà infatti un SMS per mandarvi un codice di accesso una volta negato sulla vostra password principale (vi spiego meglio dopo).

Messaggi

Aprite l’applicazione che avete probabilmente usato fino ad oggi solo per gestire iMessage e parlare con i vostri amici possessori di dispositivi Apple, quindi andate in Preferenze, quindi Account e configuratene uno nuovo. Sarà necessario scegliere “Altro account messaggi“, queste le specifiche:

  • Tipo account: Jabber
  • Nome utente: USERNAME@chat.facebook.com dove USERNAME dovrà essere sostituito con il nome che avete scelto per il vostro profilo personale sul social network, come in immagine:

  • Password: come anticipato dovrete inserire quella che state utilizzando per entrare quotidianamente via web e nel caso in cui abbiate abilitato l’autenticazione 2-step sarà Facebook a rifiutare la prima connessione e mandarvi tramite SMS un codice da utilizzare per entrare, risolvendo il problema alla base ;-)
  • Server: chat.facebook.com
  • Porta: 5222, senza opzioni SSL o autenticazione Kerberos

Non appena avrete completato la configurazione, connesso il vostro account e modificato lo stato in Disponibile potrete lanciare un CMD+1 per vedere la lista utenti che ora comprenderà anche quelli di Facebook:

Basterà un doppio clic sulla vostra vittima sacrificale per aprire una nuova discussione, stavolta tramite Jabber su chat.facebook.com, e completare così il test di funzionamento (grazie Pasquale!) ;-)

Buona chiacchierata!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: