Archives For In Evidenza

Milano Real Life (MRL) è il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!

Dicono che non di solo smartphone si possa vivere. Hanno certamente ragione, ma è altrettanto assodato che avere a portata di mano un piccolo personal computer possa giovare alla quotidianità molto più di quanto non si potesse già fare prima, “manualmente” e con qualche minuto in più di lavoro. Stavolta si parla di parcheggi e della mancanza di colonnine di pagamento dentro una delle città più critiche d’Italia: Milano. Si, perché facciamo parte di quel gruppo di persone che, nel caso si debba sostare nella via “sbagliata“, ha l’obbligo di fare una tappa alla tabaccheria più vicina per acquistare i Gratta e Sosta (per gli amici: i grattini), questa roba qui:

Telepass Pyng

Prendi la moneta, gratta il giorno e l’anno, gratta poi l’ora di inizio della sosta, ripeti l’operazione per il numero di ore che comporranno la sosta complessiva (ammesso che abbiate preventivato correttamente le ore in fase di acquisto), torna in tabaccheria e ricomincia da zero se i primi Gratta e Sosta non dovessero bastare. Anni passati a preferire di gran lunga i parcheggi privati (quando possibile) piuttosto che questa commedia all’italiana che è ancora lenta a morire nonostante la buona volontà e le risorse messe a disposizione da ATM.

La soluzione oggi esiste e, almeno su Milano, è già completamente operativa, anche se non per tutti. Si chiama Telepass Pyng ed è dedicata a tutti i clienti Telepass (con un piccolo escamotage per chi non lo è ma ha almeno un contratto in famiglia).

Telepass Pyng: addio Gratta e Sosta!

Pyng
Developer: Telepass
Price: Free
Pyng
Pyng
Developer: Telepass SpA
Price: Free

Ferrara, Milano, Roma e Salerno sono le città nelle quali il servizio è già disponibile, con la speranza che i gestori delle strisce blu possano crescere sempre più e associarsi ad un servizio che non deve far perdere tempo prezioso a chi ha bisogno di utilizzare i parcheggi (sempre pochi) disponibili in città lungo le strade.

I vantaggi sono assolutamente tangibili:

  • Si genera la sosta direttamente dall’App o dal sito web Mobile (m.pyng.telepass.it) con la propria utenza Telepass o con una appositamente generata all’attivazione del servizio sul proprio contratto (così che possiate facilmente “distribuirla”), sia per la propria targa che per qualsiasi altra targa della famiglia o del giro amici, a prescindere che questa sia registrata nelle targhe abilitate all’utilizzo dell’apparato Telepass.
  • Nessun mezzo di pagamento ulteriore richiesto. Tutte le soste di ogni nuova targa autorizzata andranno direttamente in fattura Telepass;
  • La sosta è prolungabile in qualsiasi momento, lo stesso vale per la sua interruzione. Si paga solo il tempo di sosta reale. Non ci sarà più bisogno di correre a effettuare un nuovo ticket in colonnina o acquistare altri Gratta e Sosta in tabaccheria;
  • Basterà esporre sul cruscotto il tagliando che riporta il logo di Telepass Pyng, così da evitare la multa e permettere all’operatore di turno di verificare lo stato del pagamento della sosta tramite il suo terminale.

L’attivazione è assolutamente semplice e immediata e la si fa dalla propria area cliente Telepass. Stampate il tagliando, ritagliatelo (io l’ho anche plastificato) e ricordatevi di esporlo sul cruscotto dell’auto anche se ancora non avete avuto modo di utilizzare il servizio, prima che ve ne dimentichiate nel momento peggiore ;-)

A quel punto fermate l’auto in uno dei parcheggi a strisce blu della città, aprite l’app, fatevi rilevare dal GPS e inserite i dettagli della sosta (minuti, targa). Da ora è tutto in discesa e vi basterà davvero poco per cominciare la vostra sosta regolarmente pagata.

In qualsiasi momento potrete riaprire l’applicazione, verificare il tempo di fermo in sosta, aumentarlo, interromperlo e visualizzare immediatamente quanto verrà poi inserito in fattura Telepass successiva.

Comodo, era ora.

Il Gestore Download integrato in Firefox svolge il suo lavoro senza darvi particolari grattacapi quotidianamente. Riprende download parziali ed interrotti, può rilanciare quelli falliti completamente ma soprattutto vi protegge da possibili malware. Qualsiasi cosa voi vogliate scaricare viene data precedentemente in pasto al filtro di Safe Browsing affinché si possa evitare (quanto più possibile) di farvi salvare file potenzialmente dannosi per la salute del vostro sistema operativo.

Disabilitare il controllo anti-malware nel gestore download di Firefox

Questa, così come la funzione di protezione contro i Componenti Aggiuntivi non firmati, è una di quelle feature alle quali non bisognerebbe mai rinunciare senza un ottimo motivo. Se però avete la necessità di scaricare un’applicazione non firmata che il browser riconosce come pericolosa (anche se non lo è) e ottenete il messaggio di errore di Firefox (come in immagine di seguito) sappiate che -al solito- c’è modo di aggirare l’ostacolo.

Disabilitare il controllo malware nel gestore download di Firefox 1

Come sempre ciò che vi serve è nell’about:config e, ancora una volta, sono qui a pregarvi di non toccare alcuna voce qui contenuta se non sapete quello che state facendo. Dopo aver “promesso di fare attenzione” vi ritroverete davanti al solito box di ricerca, all’interno del quale dovrete riportare:

browser.safebrowsing.malware.enabled

Se avete Firefox Sync attivato, le voci trovate saranno due. Fate doppio clic sulla prima (quindi non quella che inizia con services.sync) per portare il valore da true a false, come in immagine:

Disabilitare il controllo malware nel gestore download di Firefox 2

Da questo momento l’opzione sarà attiva e sarà possibile scaricare qualsiasi cosa senza che questa passi il controllo integrato in Firefox. Disattivare l’anti-malware però non è certamente una buona idea, se proprio dovete farlo, ricordatevi di riattivarlo subito dopo aver scaricato il pacchetto a cui siete interessati.

Aggiornamento 14/9/15
Si stanno sviluppando diverse nuove discussioni sull’argomento che diventa così sempre più “caldo”. Tra conferme e passi indietro pare che in Firefox l’opzione di cui vi ho parlato all’interno dell’articolo verrà potenzialmente ignorata, “sovrascrivendo” ciò che l’utente richiede al proprio browser di fare. Vi invito a leggere la discussione nel forum di Mozilla Italia all’indirizzo forum.mozillaitalia.org/index.php?topic=64911.0 e ad intervenire se lo ritenete opportuno. Seguiranno certamente ulteriori sviluppi sulla questione (e quindi anche dell’articolo qui di seguito pubblicato).
Aggiornamento 11/9/15
Come segnalato da Simone nei commenti, pare che questa novità andrà ad impattare Firefox 43 e non più la versione 41. Vi rimando direttamente al commento contenente anche i riferimenti di Bugzilla: gioxx.org/2015/09/07/firefox-estensioni-signed/#comment-2248130207

Qualcuno lo avrà già notato perché la novità riguarda Firefox 40 (già disponibile da qualche giorno ormai) ma soprattutto il 41 (attualmente in Beta) ed il 42 (Developer Edition) che arriveranno sui PC di tutti gli utilizzatori nelle prossime settimane. Firefox non permette più (dalla versione 41) l’installazione di estensioni non firmate.

Firefox: disabilitare il controllo firme degli addon (se necessario) 3

Perché? Perché di mezzo c’è la sicurezza, la vostra, quella degli utilizzatori che troppo spesso vengono ingannati da software di terze parti che non si fanno poi molti problemi ad installare estensioni che caricano pubblicità durante la navigazione (le segnalazioni al mio indirizzo di posta e tramite il sistema di supporto di X Files sono aumentate in maniera vertiginosa). Sia chiaro: non è la necessità di fermare la fantasia e la capacità di una comunità che di estensioni ne scrive decine al giorno, piuttosto la volontà di convincere questi fantastici sviluppatori a pubblicarla su AMO affinché la loro creazione venga controllata e approvata da persone che possono dar loro consigli o chiedere di ritoccare ciò che può mettere in difficoltà il browser (o lasciare qualche porta aperta a ospiti dall’esterno, mai simpatici).

In realtà qualcuno se n’è accorto già diverso tempo fa, proprio perché gli sviluppatori dei componenti aggiuntivi hanno iniziato a correre per arrivare preparati al giro di quella boa sempre più vicina, ed è per questo che probabilmente le vostre estensioni si sono improvvisamente aggiornate in massa. Tutto questo costituisce un ulteriore layer di sicurezza che è importante rispettare affinché si possano dormire sonni più tranquilli e avere così una navigazione maggiormente pulita, d’altronde di pubblicità (lecita) il web ne è già saturo, un po’ come la sopportazione del suo pubblico.

Trovate maggiori informazioni su quanto messo in atto nell’articolo datato 10 febbraio 2015, sul blog di Mozilla Add-ons: blog.mozilla.org/addons/2015/02/10/extension-signing-safer-experience (se volete saperne di più e in italiano potete sempre dare un’occhiata all’apposito articolo localizzato da Mozilla Italia e disponibile su support.mozilla.org/it/kb/add-on-signing-in-firefox).

Disattivare il controllo

Sono certo che se state leggendo questo articolo siete altrettanto consapevoli del fatto che disattivare questo controllo comporta una possibile falla in un sistema pensato per essere più sicuro, avrete i vostri buoni motivi. Io ad esempio ne ho proprio per X Files. Sviluppando la lista sulla versione Developer di Firefox più aggiornata, mi tocca stare al passo con le versioni “Nightly” dell’estensione Adblock Plus, non presenti su AMO e disponibili tramite il sito web dello sviluppatore. Se il controllo è attivo, Firefox rifiuta di terminare l’installazione del file XPI perché non firmato. Come se non bastasse, qualsiasi estensione già installata nel sistema che non possiede una firma validata, verrà disabilitata al successivo avvio del browser:

Firefox: disabilitare il controllo firme degli addon (se necessario) 2

Come fargli abbassare la guardia per poter procedere? Al solito da about:config. L’opzione da andare a modificare è prevedibilmente di tipo booleana e risponde alla ricerca di:

xpinstall.signatures.required

che dovrà passare necessariamente da true a false, per tutto il tempo necessario ai vostri test. Vi ricordo infatti che riportando la voce a true, Firefox andrà a disabilitare automaticamente le estensioni non firmate già dal successivo riavvio del browser, non necessario invece dopo aver ritoccato la voce in about:config perché immediatamente applicato.

Firefox: disabilitare il controllo firme degli addon (se necessario) 1

Occhi sempre ben aperti e fate attenzione a ciò che installate. Da questo punto in poi la colpa non potrà essere certo affibbiata ancora una volta a Mozilla ;-)

In attesa della breve pillola sull’account da nominare vostro erede in caso di morte (ricordate che se ne parlava qualche tempo fa nell’articolo Cosa succede ai vostri account dopo la morte?), oggi si parla di notifiche e della modifica del loro comportamento. Si perché, contrariamente alla timeline ordinaria, le notifiche generano un “disturbo” (notifica audio-vibrazione e video) per il vostro smartphone o tablet e richiedono la vostra attenzione per poter essere segnate come lette. Saperle limitare è necessario, affinché solo ciò che realmente vi interessa vi venga notificato.

Facebook: modificare le notifiche da ricevere

 

Quello che tanti ignorano è che proprio dal menu di Notifica è possibile andare rapidamente alle impostazioni delle stesse, oppure c’è sempre l’URL diretto facebook.com/settings?tab=notifications&section=on_facebook.

È tutto organizzato per dispositivo, potete scegliere un comportamento diverso per ciascuno di essi, così da regolare l’accesso al Social Network di Mark Zuckerberg. Le uniche non modificabili o disattivabili sono le “Attività che ti riguardano“, tutte le altre potranno essere plasmate secondo esigenza e desiderio. Facciamo insieme una rapida panoramica per ciascuna delle voci disponibili.

  • Compleanni: si spiega da solo. Sta a voi decidere se essere notificati della data di nascita di ciascun amico o limitarvi a visualizzarla all’interno degli eventi della giornata (box di destra nella timeline oppure scheda Eventi dedicata).
  • Avvenimenti importanti dei tuoi amici: matrimonio o nuovo nascituro in vista?
  • Accadde oggi: il back in time firmato Facebook. Provate ad immaginarlo, ormai nessuno vi conosce meglio del vostro stesso diario che, anno dopo anno, raccoglie fotografie, pensieri, ricorrenze, quasi come una seconda mamma (si lo so, fa impressione e mette quasi a disagio). Se abilitato, Facebook vi ricorderà gli avvenimenti dei precedenti anni, comodamente raccolti in una tab sempre rinnovata.
  • Attività degli amici più stretti: portatevi sul pulsante “Amici” di qualsiasi vostro contatto (sulla sua pagina Facebook, ovviamente) e selezionate la voce “Amici più stretti“. Così facendo Facebook vi segnalerà tramite notifica qualsiasi mossa della persona seguita, un’evoluzione social-naturale dello stalking ai nostri tempi.
  • Tag: croce e delizia delle catene di S.Antonio, vengono utilizzati all’interno delle fotografie, ma anche negli articoli, nei pensieri e in qualsiasi altro luogo e lago del Social Network. Scegliete chi può taggarvi e in che occasione, Facebook ve lo notificherà solo quando richiesto e impostato in questa voce.
  • Pagine che gestisci: una di quelle voci che non vale certo per tutti. Se non fate parte di coloro che curano pagine su Facebook saltate in tronco questa voce, in caso contrario sappiate che un clic su Modifica vi permetterà di aprire un ulteriore specchietto tramite il quale regolare le notifiche di ogni singola pagina gestita, fino a permettervi di zittirla completamente o farvi mandare un riepilogo “giusto di tanto in tanto”, a mezzo mail. Estremamente comodo soprattutto quando non si tratta di pagine alle quali tenete particolarmente (o che avete gestito in passato e messo da parte poi in seguito).
  • Attività nei gruppi: c’erano una volta i forum. Decisamente meglio organizzati e più caldi, sono stati sostituiti (in molti casi) da gruppi di Facebook dove orde di utenti di qualsiasi età discutono tra di loro, litigano, mangiano e sporcano (forse queste ultime due voci non corrispondono proprio alla realtà, ma ci vanno proprio vicine). Dando un’occhiata allo specchietto che viene aperto, sarà possibile limitare o far cessare completamente le notifiche relative a ciò che accade nei gruppi, per permettervi quindi di seguire solo quelli che ritenete vitali e lasciare ad una visita “pastorale” (di tanto in tanto, senza esagerare) il compito di recuperare ciò che viene invece scritto in quelli che ritenete di seconda importanza.
  • Richieste e attività delle applicazioni: ciascuna gioco o applicazione utilizzata e approvata su Facebook (quelle in grado di rilevare i vostri dati e permettervi così un login più rapido, tanto per capirci) si trovano all’interno di questa voce che chiaramente potrà regolare la loro capacità di disturbarvi e inviarvi notifiche tramite il Social Network blu. È proprio qui che dovrete decidere cosa e quando potrà “farsi sentire” (farsi vedere, in realtà) ogni volta che ne avrà bisogno. Un consiglio spassionato? A meno che non passiate le vostre giornate a giocare, qui si possono zittire quei passatempo che siete voi a scegliere di utilizzare sporadicamente.

Siete arrivati al termine del calderone più importante, quello che regola ciò che può o non può disturbarvi ogni volta che accedete al Social Network da PC. A ruota seguono però altre voci altrettanto importanti, quelle che regolano lo stesso tipo di disturbo a mezzo mail, mobile (applicazione) e SMS. Se l’ultima è sempre stata “a richiesta” e non del tutto disponibile in Italia, le altre due sono altrettanto invadenti se non tenute a bada:

Come potete voi stessi vedere dalle immagini ho personalmente scelto la via del silenzio e mi ritengo assolutamente soddisfatto, sono io a scegliere quando e da quale dispositivo utilizzare Facebook, non il contrario, altrimenti la quantità di tempo perso arriverebbe realmente a livelli inimmaginabili. Si tratta di strumenti formidabili e che sanno catturare l’attenzione ma continuo a credere che debbano essere utilizzati nella giusta maniera (e quantità) per poter continuare a goderseli senza abusarne.

Spero di esservi stato d’aiuto :-) (l’area commenti per ulteriori delucidazioni o dubbi è sempre a vostra disposizione sul blog)

Lo scorso 27 luglio Mozilla ha pubblicato una notizia sul blog “IT & Operations” riguardo il trasferimento di tutti i dati pubblici da FTP (ftp.mozilla.org) al cloud AWS di Amazon:

As promised, the FTP Migration team is following up from the 7/20 Monday Project Meeting where Sean Rich talked about a project that is underway to make our Product Delivery System better.

As a part of this project, we are migrating content out of our data centers to AWS. In addition to storage locations changing, namespaces will change and the FTP protocol for this system will be deprecated.

blog.mozilla.org/it/2015/07/27/product-delivery-migration-what-is-changing-when-its-changing-and-the-impacts (il post è stato poi aggiornato nel tempo).

MozillaBanner

Per questo motivo tutti i vecchi segnalibri o altri riferimenti che puntavano al protocollo FTP (ftp://ftp.mozilla.org) hanno smesso di funzionare, così come il software scritto ormai anni fa da me e Sandro che permette a chiunque di pacchettizzare la versione desiderata di Firefox, Thunderbird e Seamonkey, Release2Zip. Ho provveduto così a correggere alcuni errori nei batch (e nei file di configurazione dei singoli prodotti) e modificare i puntamenti per permettere a tutti di continuare a utilizzare il software passando dall’URL che continua (e continuerà in futuro) invece a funzionare benissimo (http://ftp.mozilla.org).

Il resto è rimasto identico ed invariato. Ci sono ancora problemi nel riconoscimento di alcuni canali e vi toccherà specificare la versione del prodotto Mozilla da scaricare (via riga di comando) ma i batch fanno il loro mestiere consegnandovi il file ZIP pronto per essere spostato e utilizzato su qualsiasi chiave USB (o SD o altro tipo di memoria, dove potrete ovviamente salvare anche il profilo), togliendo di mezzo ciò che non è necessario per il funzionamento di Firefox, Thunderbird o Seamonkey. Anche l’URL per il download non è cambiato, trovate Release2Zip-20150817 su noads.it/r2z/latest.

Chiaramente tutti i file coinvolti sono stati aggiornati anche su GitHub, così da permettervi di visualizzarli se siete curiosi: github.com/gioxx/r2z.

Buon lavoro!