Archives For Banco Prova

Facciamo che una volta tanto si cambia, mettiamo da parte tutti i tecnicismi, parliamo un po’ come se ci si trovasse ad andare al Media World vicino casa (o equivalente) a dare un’occhiata a una macchina fotografica, magari di quelle con cui partire, che la Reflex al momento è solo un traguardo al quale si vuole approdare appena ci si fa un pelo di esperienza e si cominciano realmente a ricercare maggiore qualità e pretese dalla propria dotazione, dai propri obiettivi. Ho potuto provare una Canon PowerShot SX540 HS, dopo anni di Reflex e dopo essere partito proprio da una PowerShot, diversi anni fa ormai.

Canon PowerShot SX540 HS

Al solito, per partire ti rimando alla scheda tecnica disponibile all’indirizzo canon.it/for_home/product_finder/cameras/digital_camera/powershot/powershot_sx540_hs, così ci siamo già tolti un pensiero. Ecco, ora possiamo partire sul serio e farci due chiacchiere come se in realtà tu fossi nello store e avessi necessità di capire cosa ti può tornare utile. Tornare indietro è strano in effetti, non sono più abituato a non avere un occhiello, a utilizzare un monitor così grande per capire cosa sto inquadrando, non modificare il fuoco dell’obiettivo per stabilire cosa inquadrare e cosa lasciare in secondo piano, molto cambia ma mi rendo conto che questa serie di facilitazioni possono tornarti utili davvero se devi partire, se devi ottenere un bel risultato con molta poca fatica. Il flash poi non parliamone, tirarlo su manualmente fa sorridere, ma tant’è.

Tanto di ciò che ho detto si risolve mettendo in modalità manuale la fotocamera, altro no, ma ricorda che stiamo parlando di una Bridge, non di una Reflex, e neanche di una semplice compatta da supermercato che si colloca in fascia tipicamente più bassa (sia per prezzo, sia per caratteristiche che mette a disposizione). La Canon PowerShot SX540 HS offre molte possibilità, uno zoom da 50x (grandangolare e ottico! Se conosci la differenza con lo zoom digitale allora capisci che è tanta roba) per riuscire a catturare anche gli elementi più lontani, registrazione dei video in Full HD (a 60fps, con microfono integrato e ben bilanciato, sa ascoltare anche audio dal volume limitato), la tecnologia Creative Shot permette di registrare piccoli video-scatti in 720p che mostrano come nasce uno scatto, in pratica questa cosa qui:

Test di scatto con Canon PowerShot SX540 HS

Cos’altro? Connettività, per esempio. La Canon PowerShot SX540 HS può connettersi a internet tramite una rete WiFi (protetta o no), caricando il risultato della tua fatica sul PC, o magari su Flickr, Google Drive, ma anche sui tuoi account sui Social Network. Ogni impostazione salvata nei Web Service di Canon Image Gateway potrà essere sincronizzato con la configurazione della macchina fotografica, così da sbloccare o bloccare le funzionalità di quest’ultima.

Canon PowerShot SX540 HS 1

Questo permette inoltre di appoggiarsi a uno smartphone (magari in tethering) sfruttando così anche la localizzazione GPS o magari mettendo a disposizione il controllo remoto delle funzionalità, così come funziona con i classici telecomandi a distanza delle Reflex, offrendo maggiore comodità e libertà a te che devi farlo, lo scatto. Prima che me lo dimentichi, ti anticipo che nella scatola del prodotto troverai tutto ciò che ti serve per partire ad eccezione della memoria (una normale SD che puoi acquistare su Amazon, tanto per dire): il corpo principale della macchina fotografica, la sua batteria (litio, viene spacciata con una durata pari a circa 205 scatti o 290 nella modalità eco, per la registrazione o riproduzione video si parla di 300 minuti circa) con relativa culla per la ricarica, il tappo per l’obiettivo e il laccetto per poterla portare più facilmente, al collo o semplicemente su una spalla.

Canon PowerShot SX540 HS 2

Ho voluto provare la Canon PowerShot SX540 HS in un paio di occasioni (oltre i primi scatti di test), con e senza luci naturali, in condizioni migliori e oggettivamente peggiori. Convinto da Ilaria, sono andato a dare un’occhiata al Festival dell’Oriente 2016, tappa di Milano, presso il parco espositivo di Novegro. Tralasciando ogni possibile parere sulla manifestazione, ho catturato qualche scatto lasciando la macchina fotografia in gestione automatica, spesso senza flash, sfruttando esclusivamente la luce solare che penetrava nei padiglioni dell’evento, cercando di mettere in primo piano splendidi vestiti caratteristici o scultore, talvolta anche protagonisti in movimento. Trovate tutti gli scatti che ho poi caricato su Flickr qui di seguito:

Festival dell'Oriente Milano 2016

Velocità di inquadratura, fuoco, scatto, stabilità assistita lato software, tutto risponde all’appello. Puoi scegliere se forzare l’utilizzo del flash semplicemente tirandolo su. Il risultato è immediatamente visibile e modificabile secondo strumenti basici che ti permetteranno di ritoccare eventuali errori senza perderci troppo tempo, chiaro che il lavoro sporco lo si può fare sempre tramite il programma che preferisci, sul PC di casa, quando avrai tempo.

Ho poi atteso qualche tempo, sono tornato nella patria Romagna e ho fatto un salto al “Mattoncini a Cervia“, un evento messo in piedi dal RomagnaLUG presso il Museo del Sale di Cervia, uno spettacolo per chi sente battere forte quel cuore da bambino, ormai i LEGO sono quasi più amati dagli adulti che dai bambini. Luci non troppo adatte alla fotografia, lontananza dalle realizzazioni (causa giusto transennamento), un mucchio di persone (molto contento quindi per gli organizzatori) e qualsiasi altra cosa non mi torna in mente in questo momento. Questo il risultato:

Mattoncini a Cervia 2016

Per entrambi i set ci sono filtri che non ho utilizzato, impostazioni manuali che ho voluto tralasciare per capire che effetto faceva una macchina fotografica simile in mano a una persona alle prime armi, appena tirata fuori dalla scatola e messa in funzione. Mi è sembrato di tornare indietro di 10 anni e tutto sommato non mi è dispiaciuto, ma sarebbe un peccato non imparare a fare qualcosa in più dato che è permesso :-)

Tutto questo ha chiaramente un costo perché può diventare potenziale soluzione da accoppiare alla Reflex per chi è già più esperto. Acquistare una Canon PowerShot SX540 HS significa spendere una cifra che può variare tra i 290 e i 320 euro circa, il listino del sito web ufficiale riporta 379,99€, con garanzia minima di due anni (si, puoi estenderla). Se sei un pelo più preparato e preferisci dare un’occhiata in autonomia alle specifiche complete per capire se ne vale la pena, ti rimando alla pagina canon.it/for_home/product_finder/cameras/digital_camera/powershot/powershot_sx540_hs/specification.aspx per poterle consultare. Se poi credi che il tuo futuro sia orientato verso Canon, potresti addirittura pensare di effettuare un altro acquisto e dare una possibilità alla Connect Station, un accessorio che permette di accedere e salvare più rapidamente gli scatti presenti sui tuoi dispositivi, con collegamenti rapidi in NFC, sembra interessante, per questo lo riporto nell’articolo (non ho avuto modo di provarlo però).

Se ti stai chiedendo chi sia la protagonista del video, beh, è quella che io e Ilaria riportiamo nei moduli di iscrizioni alle carte fedeltà del supermercato sotto la voce “Animale domestico“, la “Forti” ;-)

Test di scatto con Canon PowerShot SX540 HS

Buon divertimento!

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Canon, tornato all'ovile.

L’esperienza “#BancoProva” con questi auricolari è nata un po’ per caso. In seguito a un acquisto destinato in realtà a diventare un regalo, non ho avuto modo di provare il prodotto. Amazon, come da comportamento predefinito, mi ha chiesto il solito parere post-acquisto, ho quindi pubblicato la verità facendo presente che il regalo è stato gradito ma che non ho potuto provare in prima persona la qualità degli auricolari. Cos’è successo dopo? Semplice, inaspettato e gradito: l’azienda produttrice me ne ha fornito un ulteriore pezzo per poter dire la mia! :-) (si lo so, è strano sul serio, ed è successo veramente).

Mpow Swift Auricolari Wireless Bluetooth 4.0 1

Le trovate su Amazon, a un costo tutto sommato ridotto e che può valere la candela: shortn.cf/MpowSwiftAuricolariWirelessBluetooth4. Si tratta di auricolari bluetooth sportivi, adatti quindi alla palestra, alla corsa o alla passeggiata, ma anche a chiunque voglia portarsi dietro la propria musica ma non i cavi (grovigli in seguito) in giro per il corpo. Con un archetto gommoso e morbido che può essere lasciato andare dietro al collo, gli auricolari Mpow Swift ti permettono di ascoltare la musica o rispondere a una telefonata in maniera semplice, tenendo la carica grazie alla batteria al litio integrata, facilmente ricaricabile tramite microUSB.

Mpow Swift Auricolari Wireless Bluetooth 4.0

Piccole (11,8 x 7,8 x 4 cm), pratiche e adatte a qualsiasi sorgente (basta un collegamento bluetooth, giusto per ribadirlo), pesano solo 100 grammi e sono corredate di ogni adattatore possibile, difficile quindi che il tuo padiglione auricolare si rifiuti di collaborare. Pensate sicuramente per lo sport, le ho personalmente messe alla prova durante più passeggiate (che le ginocchia qua, nonostante i 30 anni, non aiutano affatto, la corsa le distruggerebbe del tutto!).

Ciò che ho potuto notare, più che la praticità e la leggerezza, è stato il costante fastidio e inceppamento del cavo gommato sul collo, magari a causa del colletto della polo, o magari per colpa della tracolla, sono stato costretto più volte a sbloccare la situazione. Sono abbastanza sicuro che durante una corsa non ci si faccia neanche caso, soprattutto perché si indossano abiti differenti e certamente non si va in giro con una tracolla, in quei casi il dettaglio fondamentale è il blocco degli auricolari nei padiglioni, per evitare di perderli a causa dei ripetuti scatti (quello sì che sarebbe parecchio fastidioso). L’audio in telefonata invece mi ha piacevolmente stupito: ero partito molto sfiduciato a causa della distanza tra bocca e orecchio, mi sono parzialmente ricreduto perché durante i test mi è stato detto che dall’altro lato mi si sentiva sufficientemente bene, nonostante i rumori ambientali.

Mettiamola così: a questo prezzo, senza troppe pretese, credo si tratti di un prodotto nella media, in grado di soddisfare nell’immediato un’esigenza di libertà da cavo, offrendo in cambio una buona qualità (non eccelsa, occhio) e una batteria che di certo non ti abbandona se decidi di percorrere qualche kilometro in compagnia della tua beata solitudine (ogni tanto ci vuole, ammettilo!).

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: un omaggio fornito da MPow, come detto nel primo paragrafo dell'articolo :-)

Tutto parte, ancora una volta, da una necessità: non ho potuto cablare tutta casa durante i lavori (problemi di spazio nei tubi, ahimé). In alcuni casi mi sono dovuto accontentare della (fortunatamente perfetta) ricezione del segnale WiFi in ogni stanza, ho pensato che potesse tornare utile applicare ancora una volta la soluzione Powerline, perché non chiamare in causa AVM e testare un diverso prodotto rispetto all’ultima volta (qui l’articolo sul set FRITZ!Powerline 1240E WLAN)?

Perché diverso? Semplice: se all’impossibilità di cablaggio unisci il fatto che in particolari condizioni si ha a disposizione una sola presa di corrente, capisci bene che quella diventa assolutamente irrinunciabile, non la si può perdere a causa di un adattatore Powerline, ecco perché oggi ti parlo del set FRITZ!Powerline 530E.

AVM FRITZ!Powerline 530E Set

Il set FRITZ!Powerline 530E è costituito (come avrai capito) da due adattatori Powerline con tecnologia FRITZ! di AVM, solita qualità (eccelsa) nella costruzione, nei dettagli, persino nel package, che è molto semplice da aprire ma anche da rimettere tutto a posto nel caso in cui tu voglia vendere in un secondo momento il prodotto, tanto per fare un esempio al quale tanti di noi sono abituati quando si cambiano i progetti nella quotidianità. Lo stesso contiene, oltre gli adattatori, anche due cavi di rete flat, occupano quindi meno spazio rispetto allo standard. La particolarità? Restituiscono “il favore“, occupando la presa di corrente del proprio impianto di casa ma restituendo una presa a loro volta, sfruttabile come passante.

Cosa c’è sapere? Assolutamente nulla. Non esiste configurazione, il che permette a questo set di essere alla portata (reale) di qualsiasi utilizzatore, anche di quello completamente a digiuno di tecnicismi o esperienza pregressa, mai visto un “Plug&Play” così ben funzionante. Ti occorrerà collegare il primo adattatore alla presa di corrente e quindi al router tramite uno dei due cavi di rete che trovi nella scatola (o magari uno già tuo e precedentemente montato), il secondo dovrai montarlo dove ti serve, io l’ho montato nel ripostiglio di casa dove ho riservato un piccolo spazio allo chassis in versione molto ridotta del mio media-server casalingo, fino a oggi connesso alla rete di casa senza fili, ora finalmente anche via cavo per ottenere maggiore stabilità e velocità.

IP, maschera e DNS arrivano direttamente dal router, gli adattatori Powerline spariscono, come non esistessero, come se ci fosse un lungo cavo direttamente collegato tra le parti, niente di più liscio, niente di più “in discesa” (o come direbbe quel poco di Romagnolo che è in me, in scioltezza, con un fil di gas). Giusto il tempo di fissare l’indirizzo IP tra le reservation (non richiesto, sono io che sono abituato a stabilire gli IP di casa) e il gioco è fatto. Ho eseguito tutti i test necessari per la rete locale, qualità streaming ottima verso il televisore e le altre periferiche. Connessione a internet senza un problema, download dalle reti Torrent o ed2k idem. Ho eseguito poi dei test di velocità tramite Fast.com, il tool di Netflix. Il primo risultato riporta la velocità raggiunta dalla scheda WiFi, la seconda dall’adattatore Powerline di destinazione, il risultato parla da solo.

Ovviamente questo non è il prodotto adatto a te se stai cercando qualcosa che possa contemporaneamente collegare a rete cablata un dispositivo e generare un rilancio del segnale WiFi, ma potrei suggerirti di alzare il tiro e dare un’occhiata alla serie 546E.

Il FRITZ!Powerline 530E Set ha un prezzo che si aggira intorno ai 75€, ed è disponibile anche su Amazon. Trattandosi di un prodotto già ben funzionante, allo stato attuale il set FRITZ!Powerline 530E non sfrutta le ultime tecnologie Powerline di AVM, stabilendo la sua velocità massima in LAN sui 500Mbit/s, di tutto rispetto a assolutamente sufficienti per espandere in maniera semplice la propria rete di casa, posso ritenermi assolutamente soddisfatto del risultato, davvero.

Esistono certamente alternative più economiche che possono fare al caso tuo se vuoi scendere a patti con il rapporto qualità/prezzo più basso, come al solito. Prima di concludere, ti invito come sempre a proporre le tue soluzioni alternative o i tuoi consigli nell’area commenti, sei sempre il benvenuto :-)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da AVM. Tornato all'ovile al termine del (prolungato) test.

Ricordo ancora il comunicato stampa di Sitecom di qualche tempo fa, annunciava la loro scesa nel campo della Home Security, presentando due piccoli dispositivi di ripresa (audio e video) per permettere di controllare casa propria anche a distanza, quando non ci troviamo fisicamente al suo interno e ci preoccupiamo che possa accadere qualcosa, o magari accontentare coloro che hanno l’esigenza di tenere sott’occhio il proprio animale domestico, perché no. Si tratta di WiFi Home Cam Mini e WiFi Home Cam Twist. Ho avuto la possibilità di mettere mano sulla prima delle due, la più piccola, vi racconto com’è andata.

Sitecom Wi-Fi Home Cam Mini (WLC-1000) 1

Di cosa si tratta

Di una WiFi Home Cam piccola (decisamente), in grado di registrare video fino a 720p (qualità HD, se la rete ne permette uno streaming fluido, cosa che comunque non riguarda la registrazione video su file, nda), che non mette a disposizione una porta di rete cablata, che ha un microfono ambientale (e uno speaker, per permettere una comunicazione da ambedue i lati, nda) e dei sensori notturni (a infrarossi) che permettono così di registrare gli eventi lungo l’arco delle 24 ore, senza preoccuparsi del buio e della gestione della memoria (microSD, inclusa nella confezione nel taglio da 4GB e supportata fino a un massimo di 32GB, nda) che verrà controllata e fatta girare direttamente dal software Sitecom.

Sitecom Wi-Fi Home Cam Mini (WLC-1000) 2

È un oggetto che, una volta tirato fuori dalla scatola, potrà essere avviato, configurato e messo in produzione entro qualche minuto al massimo, la facilità di configurazione è tutto sommato accettabile, ma di certo i meno esperti non impiegheranno quei pochi minuti riportati dall’azienda sulla confezione del prodotto, ve lo posso assicurare ;-)

In ogni caso, la procedura potrà arrivare a conclusione passando da smartphone e applicazioni per iOS e Android, disponibili gratuitamente:

MyCam
Price: Free
Sitecom MyCam
Price: Free

Com’è andata

Qualche difetto in realtà c’è, e credo sia dovuto più che altro alla gioventù del software e dell’idea alla base, la lamentela vera sulla quale baso questo mio articolo non viene avanzata verso l’hardware, tutto sommato più che accettabile considerando lo spazio che occupa il prodotto.

Ho creato un nuovo account Sitecom autenticandomi tramite quello di Google, così facendo ho notato che non è possibile salvare l’accesso né tanto meno tenerlo attivo per ogni volta che si entra nell’applicazione, costringendomi a fare autenticazione, seguita dal codice 2-step, per arrivare finalmente alla schermata di controllo dei miei dispositivi. Davvero troppo tempo. Tutto molto lento, la comunicazione con i server di Sitecom toglie secondi preziosi che magari vorremmo impiegare per verificare cosa WiFi Home Cam Mini sta vedendo e sentendo, soprattutto in seguito a una eventuale segnalazione (di movimento o audio).

Non ha una interfaccia gestibile via web (collegandosi al suo IP) ma è possibile accedere a un’area riservata sul sito di Sitecom che potrà gestire contemporaneamente più telecamere, permettendoci di fare zapping nel caso lo desiderassimo. Ho aperto quindi il mio browser predefinito su Windows (Firefox a 64 bit, nda) e ottenuto questo messaggio di errore:

Sitecom Wi-Fi Home Cam Mini (WLC-1000)

Un po’ stupito ho cambiato browser, ho fatto regolarmente accesso e ho notato una sommaria lentezza nell’esecuzione dell’applet Java, trasformatasi poi in un grande blocco verde dopo un paio di secondi. Audio perfetto, video in diretta inservibile, ciò che non accade quando si sceglie di visualizzare le proprie sorgenti tramite applicazione su smartphone. Giusto per fugare ogni dubbio: ho cambiato browser, ho cambiato Java Machine in uso, ho fatto diversi test che però hanno aggiunto ulteriore complessità al servizio e non mi hanno permesso di usufruirne in maniera semplice e immediata.

Per la cronaca: dato che si tratta di problemi software, quindi risolvibili, vorrei far notare che Sitecom (al contrario di altri produttori, offre l’accesso all’area personale sul loro sito in via del tutto gratuita. Sarà possibile visualizzare lo streaming in diretta oppure scegliere di accedere all’archivio su microSD e vedere un video precedentemente registrato, non da tutti, apprezzabile.

Abbandonata l’area personale sul sito di Sitecom mi sono quindi dedicato all’applicazione ufficiale. Smartphone personale, quindi Android, ho dato un’occhiata troppo rapida alla versione iOS per poterne parlare in maniera approfondita. Riepilogo rapidamente quella che è stata la mia esperienza dicendovi che l’applicazione funziona abbastanza bene, che sono stato costretto a rinunciare al login tramite account Google e passare a un account Sitecom che mi ha permesso di memorizzare le credenziali e fare un auto-login a ogni apertura (così facendo ho però dovuto dissociare la telecamera dall’account collegato tramite credenziali Google e riassociarla al nuovo creato, con ulteriore perdita di tempo e frustrazione per non averlo saputo prima, nda).

Le notifiche non sono sempre perfette e talvolta vengono segnalate un po’ troppo in ritardo, ma poco importa perché potremo facilmente accedere all’archivio delle registrazioni, l’integrazione con Google Drive proposta dalla fabbrica (esula dall’account Google precedentemente connesso, fortunatamente) funziona molto bene e produce i suoi frutti, senza contare una ulteriore (e favolosa) integrazione a catena con Google Foto che ne permette una gestione assolutamente perfetta. Nel caso in cui non vogliate fare uso del vostro spazio Google, nessun problema, c’è sempre la microSD, esplorabile anch’essa tramite applicazione (la qualità e velocità di streaming verso il vostro smartphone dipendono esclusivamente dalla velocità in upload della vostra connessione casalinga).

Sitecom Wi-Fi Home Cam Mini (WLC-1000) 3

Dalla stessa applicazione potrete modificare il nome della telecamera, la qualità del video, la sensibilità per allertarsi in caso di movimento o suono in ingresso (comprese le opzioni che escludono ambo le funzioni, nda), così come potrete rimuovere la singola WiFi Home Cam Mini dal vostro account, pronta per essere associata a un diverso proprietario. Come già detto: non c’è alcuna interfaccia di gestione web integrata tramite webserver: dimenticatevi quindi possibilità di essere notificati via mail (secondo me fondamentale, soprattutto per ottenere 3 o 4 rapidi scatti prima di accedere al video registrato o in streaming), di riportarla allo stato di fabbrica inteso come memory reset, modificare le impostazioni di rete (che quindi andranno regolate dal router, nda) o altro ancora. WiFi Home Cam Mini ha poche funzioni e molto del lavoro di regia viene gestito dal software Sitecom, se non vi sta bene, questo non è il prodotto che fa per voi.

Ah, prima di chiudere, un ulteriore spunto di discussione: ho notato che su Google Play ci sono alcuni utilizzatori che lamentano casi di mancata connessione allo streaming della telecamera. Vero, è capitato anche a me talvolta, ma ho aggirato l’ostacolo perché nel frattempo la WiFi Home Cam Mini aveva già registrato il video e fatto copia su Google Drive, quindi ho fatto accesso tramite l’applicazione di Google Foto. Ciò non giustifica certamente il problema e la scarsa ricezione del segnale quando tutto non fila esattamente liscio, sia chiaro, ma ancora una volta, in maniera del tutto logica, è possibile capire da soli che si tratta di problemi del software, quindi risolvibili (ammesso che l’azienda lo voglia), anche se allo stato attuale non c’è alcun aggiornamento disponibile per il prodotto, più volte verificato tramite applicazione con risposta sempre negativa.

Sitecom WiFi Home Cam Mini (WLC-1000)

Avanti Sitecom, so bene che si può far di meglio! ;-)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Sitecom, tornato all'ovile.

Si parla ancora una volta di rete casalinga e di AVM, il produttore che ha dato origine alla serie FRITZ!, molto apprezzata tra coloro che ricercano il compagno perfetto per gestire la rete di casa propria e che difficilmente sanno scendere a patti. Vi ho parlato poco tempo fa del FRITZ!Box 7430, router dalle molteplici possibilità di personalizzazione e molto ben carrozzato, per offrire alte prestazioni ai dispositivi che stanno lo stesso tetto. Protagonista di oggi è invece l’estensione della propria rete tramite impianto elettrico, tramite la serie Powerline 1240E presentata lo scorso febbraio.

FRITZ!Powerline 1240E WLAN Set

Prodotto di nuova generazione, molto performante, dalle ottime caratteristiche sia sulla carta, sia nella pratica. Il set è composto da una coppia di adattatori che serviranno (manco a dirlo) a catturare un punto rete dal vostro router, rilanciarlo nell’impianto elettrico di casa (sotto lo stesso contatore, precisazione per chi ancora non conosce questo tipo di prodotti) e farlo arrivare a destinazione, al secondo adattatore che potrà a sua volta fornire un punto rete cablato o un SSID WiFi al quale potersi connettere da molteplici dispositivi.

Il rilancio potrà essere effettuato (come è possibile vedere nella figura di seguito) sia via LAN (dal router al primo adattatore Powerline), sia via WiFi, come se andaste a mettere un ripetitore per cercare di portare la vostra rete il più lontano possibile dal punto rete principale.

Potreste anche pensare di bloccare la rete SSID sull’adattatore di destinazione (il FRITZ!Powerline 1240E, nda) e scegliere di portare una porta LAN laddove non sareste diversamente arrivati tramite traccia nel muro.

FRITZ!Powerline 1240E WLAN Set 2

In uno schema di funzionamento di default, il collegamento del FRITZ!Powerline 1000E (l’adattatore sorgente, nda) al router verrà eseguito tramite cavo di rete e porta LAN (rispettivamente dell’adattatore e del router), per poi arrivare al FRITZ!Powerline 1240E che propagherà un SSID WiFi al quale i dispositivi potranno collegarsi (tramite WPS, se lo preferite, o password precedentemente modificata, evitando di tenere quella proposta dalla fabbrica!). È questo lo schema che ho scelto di mantenere.

Ho effettuato una configurazione un po’ più avanzata e approfondita, che richiede il collegamento nella WiFi propagata dall’adattatore destinazione (basta anche collegargli un cavo di rete nella sua porta LAN, eventualmente) e il puntamento del browser all’indirizzo IP dello stesso (l’interfaccia di amministrazione è quella nell’immagine di seguito), così da poterne esplorare ogni opzione, preferenza, possibilità (e ce ne sono tante, credetemi), Fritz!OS permette una personalizzazione estrema, con opzioni che altri produttori non si sognerebbero mai di mettere a disposizione dell’utente finale, soprattutto quando l’esperienza dall’altro lato è poca e la necessità di “start, plug & play” è tanta.

FRITZ!Powerline 1240E WLAN Set 1

Potrete modificare ogni dettaglio, regolare i consumi quando possibile, permettere agli ospiti di collegarsi a una rete appositamente pensata per loro, disattivare e riattivare la propagazione del SSID WiFi in orari precedentemente stabiliti, attivare le notifiche push per qualsiasi errore o anomalia riscontrata dagli adattatori e una marea di altre opzioni. Gli manca esclusivamente il rilancio della presa di corrente elettrica, pensata su altri adattatori dello stesso produttore, che equivarrebbe alla classica ciliegina sulla torta per un prodotto così ben pensato e realizzato.

Configurazione e primi test sono stati eseguiti utilizzando le prese del mio appartamento. Impianto nuovo, completamente rifatto prima del trasloco, quindi evidentemente in forma rispetto a molti altri casi lì fuori, me ne rendo conto. Ho montato il FRITZ!Powerline 1000E accanto alla presa del router Fastweb e l’ho collegato tramite porta LAN al mio router Cisco (in cascata a quello Fastweb, nda). Ho montato quindi il FRITZ!Powerline 1240E in una diversa stanza della casa, collegato il mio MacBook al nuovo SSID WiFi e lanciato un test su Speedtest, questo il risultato:

Rete già carica di suo (diversi dispositivi collegati alla stessa, e più lavori in corso), tutto sommato accettabile, nulla a che fare con la rete WiFi principale o con il cavo LAN connesso direttamente al router (ovviamente), ma tutto rimandato al successivo giorno e con la vera prova del 9: montaggio del FRITZ!Powerline 1240E in cantina e test attraverso l’unico punto corrente che non è stato cablato nuovo durante i lavori. Mi sono dovuto ricredere e apprezzare davvero il risultato, con tanto di tweet “auto-sbrodolativo” (ora provo a proporre questo nuovo termine all’Accademia della Crusca, magari l’accettano come erede di petaloso):

Si perché il risultato è addirittura meglio di quello ottenuto la sera prima, con rete decisamente più scarica è vero, ma mai mi sarei aspettato di poter raggiungere una così buona velocità nella cantina di casa. Streaming assicurato (e copertura di ogni altra applicazione solitamente fagocitante i dati del mio povero piano dati mobile) mentre ci si lavora dentro, questo è poco ma sicuro.

Le ottime prestazioni verso la rete internet possono ulteriormente migliorare se si resta invece nella propria LAN, magari per visualizzare contenuti in streaming da NAS o altri Media Center facenti parte della stessa rete. Se permesso dal cablaggio e dal router, il set FRITZ!Powerline 1240E WLAN vi permette di sfruttare un collegamento fino a 1.200 Mbit/s, ovviamente ottenibile nelle migliori condizioni (cosa che difficilmente quindi sarà possibile vedere nella pratica, nda). Il punto di accesso WiFi, invece, permette di arrivare a 300Mbit/s a 2,4GHz. Così come riportato nelle specifiche tecniche del prodotto, tutto il set è assolutamente compatibile con adattatori Powerline delle categorie da 1200, 600, 500 e 200 Mbit/s e con lo standard IEEE P1901 e HomePlug AV2, potrete quindi utilizzare insieme più adattatori Powerline, anche se non proprio recenti, nel caso in cui abbiate fatto acquisti precedentemente alla disponibilità del set 1240E WLAN.

Prima di concludere, un piccolo consiglio: va posta particolare attenzione alle dimensioni degli adattatori (entrambi). Si tratta di bei “bestioli“, 59 x 132 x 41 mm, impossibile passare inosservati ed essere connessi alla rete elettrica in punti non ben accessibili, in quelle tipiche prese a muro dove lo spazio manca e riuscite a malapena a metterci una spina piatta recuperata per sbaglio dalla vostra cassetta degli attrezzi e sostituita a quella del televisore che diversamente non avreste potuto collegare lì. Preparate quindi una (sconsigliata, ma tant’è) presa doppia con la quale togliervi le castagne dal fuoco.

Il FRITZ!Powerline 1240E WLAN Set ha un prezzo che si aggira intorno ai 140€, ed è disponibile anche su Amazon. È un costo che posso giustificare per la quantità di opzioni offerte dall’OS a bordo del prodotto e dall’indubbia qualità dell’hardware, ma è ovvio che esistono alternative più economiche che possono fare al caso di coloro che desiderano estendere la propria rete casalinga scendendo a patti con il rapporto qualità/prezzo più basso, inutile negarlo, vi invito anzi a proporre le vostre soluzioni nell’area commenti.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da AVM, ho potuto tenerlo al termine dei test.