Archives For Banco Prova

Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)

Riferendomi al titolo dell’articolo, se me lo avessi chiesto nella prima settimana di vita di questo mio acquisto, la risposta sarebbe stata secca e seccata: no. Ho lasciato passare del tempo però, l’ho fatto apposta, ho voluto dare fiducia al cambiamento e oggi posso affermare che tutto sommato ho fatto un errore “contenuto“, tra alti, bassi e qualcosa che mi piacerebbe ci fosse ma che no, non c’è, tipo una batteria e un’ottimizzazione del sistema e dei consumi più affidabile, che permetta di arrivare a fine giornata in scioltezza. Ti presento i risultati dell’acquistare oggi un Samsung Galaxy S6, provati sulla mia pelle.

Samsung Galaxy S6, è un acquisto papabile oggi? 1

Ho approfittato di una discreta offerta al Media World (affatto lontana da quella di Amazon, ma volevo “tutto e subito”) e mi sono fatto un regalo prima delle ferie, in concomitanza con l’apparente dipartita del mio ZTE e degli spiacevoli eventi accaduti con gli Stockisti. Ho scelto una serie sorpassata per più motivi: risparmio economico (nessuno lo dice, tutti lo pensano, io te lo confermo così ci togliamo il pensiero), hardware ancora molto valido, un bel design e nessuna brutta sorpresa perché tutto ormai è stato provato, scritto, superato o fintamente ignorato. Lo smartphone viene tenuto aggiornato (con i rilasci patch mensili) e ha ovviamente a bordo MarshMallow, con la speranza di vedere quanto prima Nougat, teoricamente previsto.

Samsung Galaxy S6

Galaxy S6 è un bel telefono. Ho preferito prendere quello standard, l’edge non mi ha mai convinto del tutto e non ho cambiato idea al momento dell’acquisto, nonostante la differenza accettabile di prezzo. È elegante, ha un bel profilo, è essenziale e con il suo colore blu marino è davvero bello da vedere. La fotocamera sporge ma chissenefrega, con la custodia protettiva neanche si nota ed è tutto a pari livello (ho scelto questa della Spigen), non riuscirei a portarlo in tasca così come esce dalla scatola, rischierei di rovinarlo troppo facilmente, basterebbe il classico movimento sbagliato.

Samsung Galaxy S6, è un giusto acquisto oggi? 8

A proposito di scatola: il contenuto è quello che si deve pretendere da ciascuno smartphone, ricalca quindi lo standard composto da auricolari, caricabatteria da muro, cavo microUSB. Apprezzo che Samsung mantenga questo standard e non abbia scelto di passare a USB-C come molti ormai (costringendo all’acquisto di mille cavi in più per poter essere sempre “coperti“). Scelta confermata anche con Galaxy S7, tra l’altro.

Al solito, non faccio mancare la rapida panoramica sulle caratteristiche hardware rilevate da CPU-Z.

Aperta la scatola, ho avviato il sistema e cominciato a la configurazione, per recuperare l’ultimo backup disponibile prima che lo ZTE mi abbandonasse, così da poter avere ogni mia applicazione e preferenza (fatta eccezione per quelle applicazioni che ancora non riescono a fare salvataggio dei propri dati sotto l’account Google). Ho evitato di metterlo in carica, ho cercato di sfruttare ciò che avevo a disposizione di fabbrica, peccato però che ho dovuto necessariamente arrendermi dopo poco, troppa poca energia (sono arrivato a malapena ad accedere al Desktop del telefono e ho dovuto metterlo in carica durante il download delle mie applicazioni).

Carica!

Samsung Galaxy S6, è un acquisto papabile oggi? 12 - Batteria

Ho poi continuato a metterci mano una volta a casa, per evitare di perdere ulteriore tempo in ufficio (ok la prima fase, poi basta). A tarda serata, ho dato un’occhiata alle statistiche di consumo energia perché ormai quasi morto (io, non il telefono). Perdona il colore, ho scattato gli screenshot con il filtro luce notturno attivo (si era fatta una certa):

Da lì a poco la batteria sarebbe morta, nonostante il buon livello di carica negli screenshot. Ho ripetuto in seguito i test e ho continuato a salvare screenshot, la situazione è rimasta la stessa nei giorni seguenti, non ho mai potuto fare reale affidamento al mio nuovo smartphone, troppo facile scaricarlo con un utilizzo –secondo me– non realmente intensivo, che anche lasciato al suo destino senza toccarlo, non pareggiava i conti con il mio secondo smartphone in borsa (un iPhone 6 aziendale). Ero in ferie, sempre in giro, con la necessità di poterlo utilizzare per scattare fotografie, magari portarmi a destinazione con Google Maps o Waze, rispondere e fare telefonate.

Il colpevole è sempre lui, almeno nei primi tempi di assestamento. A nulla servono kilometriche discussioni su più forum, tentativi di cancellazioni cache, dati in memoria e qualsiasi altra precauzione. I “Servizi Google” (Google Play Services, nda) continuano a consumare molta batteria almeno per un primo periodo. Solo a distanza di una o due settimane (forse anche tre) ho potuto apprezzare un miglioramento dovuto all’inferiore consumo prodotto.

Oggi Samsung Galaxy S6 arriva al termine della giornata se la batteria è carica al 100% quando esco di casa, ammesso che non dia troppo da fare al reparto fotografico. A tal proposito: si dice il peccato ma non il peccatore. Ho cercato consigli sull’uso di Galaxy S6 per evitare di vederlo morire facilmente nel corso delle ore, una fonte web “autorevole” italiana consiglia di non fare troppe fotografie perché l’alta qualità della fotocamera richiede molta energia. Te la butto lì un po’ così, magari ridi anche tu di gusto come ho riso io, un po’ come acquistare la Ferrari ma farsi problemi nel fermarsi a fare carburante dal benzinaio.

Comparto fotografico

Rido perché quel reparto lì è ciò che sicuramente può vantare Samsung tra i vari suoi competitor. È un reparto molto curato, che senza scendere nei tecnicismi ti fa ammettere che le fotografie scattate con un Galaxy S6 sono davvero molto belle, anche in condizioni non proprio buone, anche con luce scarsa (qui chiaramente la qualità degrada abbastanza, lo fanno tutti, fatta eccezione per coloro che si focalizzano per tirare fuori un prodotto appositamente studiato per evitare queste situazioni).

Ti propongo qualche scatto catturato durante le ferie, talvolta ho utilizzato filtri che lo stesso Galaxy S6 propone di default, con possibilità di aggiungerne di nuovi scaricandoli dallo store Samsung.

Le fotografie parlano da sole. Sullo smartphone sono semplicemente spettacolari. Viste sul monitor del mio MacBook sono altrettanto belle, il resto sta alla mano dell’utilizzatore, non sono un fotografo professionista e mi diletto a catturare momenti della giornata quando mi va, senza troppo impegno, è un hobby estremamente amatoriale e tale deve rimanere. Anche i video (nonostante non ne abbia caricati qui) sono molto belli, fluidi, ben stabilizzati.

Quotidianità

Provo a farti la conta di ciò che più mi manca rispetto al passato e ciò che c’è su Galaxy S6, che quindi posso sfruttare quando voglio. Nessuna polemica, semplicemente quelle differenze nella customizzazione che, chi mi conosce sa bene ormai, non apprezzo mai, prediligendo una esperienza pura di Android, come pensato, voluto e sviluppato da Google.

Not ready to Cast

Quando ho portato Google Chromecast in casa, sostituendo la AppleTV 3, ho notato l’immediatezza della condivisione del monitor del mio smartphone verso il televisore della sala, una cosa che ho assolutamente apprezzato e amato, così come l’amavo da iPhone ad AppleTV. Ecco, Samsung non offre la stessa possibilità, manca infatti il pulsante di cast (Trasmetti), qui sostituito con un pulsante “Smart View” che però non equivale affatto, e cerca dispositivi della stessa casa costruttrice, il prodotto Google non è contemplato.

Per poter aggirare l’ostacolo, sarà necessario utilizzare direttamente l’applicazione di Google, che rimane comunque più scomoda rispetto a qualsiasi altro competitor:

Google Home
Google Home
Developer: Google Inc.
Price: Free

È una cosa assai stupida, perché le singole applicazioni come Netflix, Plex o lo stesso Chrome (browser) possono effettuare cast con un singolo clic, con estrema facilità e fluidità massima (parametri che possono cambiare in base alla tua rete di casa, sia LAN che internet). Pensare che questa funzione appartenga a cellulari di fascia ben più bassa, mi delude un po’.

Accessibilità

Ho notato sporadicamente problemi con il sensore luce, che regola automaticamente la luminosità del monitor di Galaxy S6, non sempre reattivo (o addirittura troppo reattivo in altri casi), producendo uno sfarfallio che si nota immediatamente, che sarà possibile bloccare solo se hai la prontezza di andare a togliere la luminosità automatica dalla dashboard superiore di Android.

Samsung Galaxy S6, è un acquisto papabile oggi?

Lo stesso vale per il lettore di impronte, non sempre impeccabile, più spesso impreciso e lento nel riconoscimento rispetto a iPhone ma anche all’ultimo smartphone di Vodafone che ho provato pochissimo tempo fa. Io capisco che si tratta di una generazione antecedente all’attuale, ma giuro che non comprendo come sia possibile fare peggio di iPhone 6 che è nato in contemporanea (anche quest’ultimo ogni tanto è lento, ma mai impreciso). Ho già provato a far rileggere l’impronta del mio pollice destro, ho mosso anche il dito per dargli maggiori informazioni, a nulla è attualmente valso lo sforzo, devo cercare di tenere sempre la stessa identica posizione di sblocco per non avere rogne, altrimenti conviene passare ancora dalla sequenza a monitor.

Ricollegandomi allo sblocco del telefono (o alla semplice lettura delle notifiche) sento anche la mancanza del doppio tocco su monitor, qui inesistente, tornava comodo quando avevo bisogno di leggere l’orario senza necessità di andare a cercare il pulsante laterale di stand-by/accensione. Si vive anche senza, non c’è dubbio.

Sono piccoli problemi di percorso

Li ho avuti anche (i problemi di percorso, nda) con la funzione del DND (Do Not Disturb) che andava in costante crash quando provavo ad accedere alle sue opzioni dalle Impostazioni del prodotto. Ho trovato alcuni riferimenti sul web e nei forum degli utilizzatori, persone che hanno risolto l’anomalia con vere e proprie tecniche Vodoo, magari imitando posizioni del Kamasutra, senza mai però una procedura facilmente riproducibile, che risolvesse una volta per tutte il problema. A nulla sono valsi i miei tentativi di arresto forzato dell’applicazione Impostazioni del telefono o pulizia di cache e dati.

Cosa ho fatto per risolvere l’errore? Bella domanda. Non te lo saprei spiegare. Avevo il DND impostato sul mio precedente telefono, anche Samsung Galaxy S6 ha fatto partire la modalità al vecchio orario prestabilito, da quel momento ho potuto accedere finalmente alle impostazioni della funzione e ritoccare la whitelist dei contatti che possono cercarmi fuori dagli orari concessi a tutti. Assurdo ma vero, contento che ora tutto funzioni correttamente.

In conclusione

Decidile tu. Io ho tratto le mie e sono a metà strada. Non sono positive ma non possono essere per questo motivo negative, c’è una via di mezzo che può essere giusta in base alle aspettative dell’utente finale e alle sue reali esigenze nel quotidiano. Per quello che mi riguarda, probabilmente non avrei concluso l’acquisto (con il senno di poi) ma ero curioso di capire dove fosse arrivata Samsung, soprattutto con S6 e S7 perché ultime punte di diamante di una storia costellata di problemi e lamentele, ma anche di fanboy che difendono il marchio coreano.

Ho voluto dargli fiducia perché gliel’avevo completamente tolta in seguito all’estrema personalizzazione dell’Android a bordo dei dispositivi da loro realizzati, che avevo avuto modo di provare (per lavoro o per pura casualità) in passato. Tanto è rimasta di quella personalizzazione, ma moltissimo è stato standardizzato ed è ora più simile all’esperienza Android pura (ma volendo si possono fare ulteriori passi da gigante). Sarei davvero curioso di capire e toccare con mano ciò che è cambiato con Galaxy S7 ma dubito che il grande marchio ci tenga a darmi ascolto e farmi ricredere, magari attenderò di avere un prossimo colpo di testa, a prezzi più contenuti (perché se c’è un difetto davvero grande di Apple e Samsung, è vendere i loro dispositivi a prezzi molto poco competitivi rispetto al resto del mercato, dimenticando che non si vende il brand, ma il dispositivo che arriva tra le mani del cliente) :-)

Cheers.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato presso Media World (approfittando di una loro offerta), serve scansione dello scontrino? ;-)
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Dopo aver pubblicato l’articolo che spiegava come utilizzare Irfanview per ridurre le dimensioni di un set di immagini, sono stato contattato da Mike, fondatore di Bits&Coffee e sviluppatore di BatchPhoto. Dovresti aver già capito di cosa si tratta, il nome è abbastanza “parlante“, si tratta di un programma completamente dedicato alla lavorazione delle immagini, con particolare attenzione a una serie di possibili manipolazioni tutte richiamabili in un’unica sessione di lavoro. Puoi poi salvare il profilo delle tue modifiche per evitare di dover re-impostare tutto una seconda volta, quando andrai a riutilizzare il software per lavorare ulteriori batch.

Un coltellino svizzero per le grandi quantità di immagini

È un articolo di poche righe, anche perché non ne servono poi molte per descrivere BatchPhoto, è tutto racchiuso in poche schermate molto semplici da scorrere, localizzate tutto sommato bene anche in lingua nostrana. Raccontano come caricare le immagini da lavorare, scegliere i filtri da applicare (attenzione, tra i filtri applicabili troverai anche il ridimensionamento delle immagini), in che cartella salvare l’output generato (specificando anche, se lo volete, la possibilità di sovrascrivere le immagini originali), arrivando poi a un quarto e ultimo passaggio per chiudere la fase di configurazione e lanciare l’operazione finale di lavorazione vera e propria.

Facile individuare pro e contro dopo qualche utilizzo del software. Si parla di un programma a pagamento (si può provare gratuitamente, esistono poi codici di attivazione Home ed Enteprise che si differenziano per possibilità offerte, chiaramente), che permette di lavorare batch di immagini, che in una logica di funzionamento standard si è portati a pensare come pesanti, grandi, di difficile digestione già su disco fisso, figurarsi sul web, altrimenti non ci sarebbe quasi la necessità di ritoccare alcunché, se non fosse per qualcosa di piccolo, un miglioramento, un logo da applicare.

Due le funzioni su cui molti utilizzatori puntano (a dire del suo stesso sviluppatore): quella del ridimensionamento di gruppo (che poi è quella che ho messo alla prova in special modo, perché ne faccio spesso uso) e quella che permette di applicare data e ora in base alle informazioni della fotografia, dedicata a chi vuole conservare ricordi che possano riportare maggiori informazioni con una linea temporale ben definita, per scatenare quegli attacchi di nostalgia che in alcuni momenti tornano buoni per rifugiarsi al loro interno :-)

Pensa al tuo quotidiano: sei abituato a dover affrontare ogni tipo di sorgente, dallo storico e ormai abbandonato BMP al più comune PNG, passando anche dal TIFF e dal più classico JPG, se necessario. È forse questo il tallone d’Achille di BatchPhoto, causato soprattutto dal fatto che il programma tenta di caricare le anteprime delle immagini originali, rendendo molto difficile la sua sopravvivenza, come catturato in quest’immagine di seguito:

BatchPhoto: una possibile alternativa a IrfanView? 6

20 cartelle, 275 file, 830 MB su disco, alcuni di quei 275 file erano particolarmente grandi, lo ammetto, ho volutamente utilizzato un batch di immagini associate a un comunicato stampa, uno di quelli che arrivano alla casella di redazione di Fuorigio.co. Ho riprodotto più volte il problema, anche su una diversa postazione (si parla di i5 di ultima generazione con 8 GB di RAM e disco SSD, non esattamente macchine da buttare via, ecco) usando le stesse sorgenti. Un problema simile può sempre accadere, è perdonabile, ma l’ho risolto proprio con Irfanview che delle anteprime un po’ se ne frega, e carica la lista delle immagini da lavorare in un elenco testuale che non ti permetterebbe di capire a cosa stai mettendo mano neanche pregando. Poco male, l’importante è il risultato.

In conclusione

Perché allora scegliere BatchPhoto? Perché con una licenza del software si può chiedere aiuto, segnalare problemi al supporto, e nel frattempo approfittare della moltitudine di configurazioni possibili del programma, che nasce apposta per fare questo nella sua vita. IrfanView è un visualizzatore di immagini che nel tempo libero permette anche di ritoccarle, magari senza tutta la vastità di filtri o di configurazioni avanzate, ma portando a termine il lavoro in maniera spartana, efficacemente, per chi può accontentarsi.

Good job Mike, credo però che resterò a bordo del programma gratuito, solo perché al momento faccio parte della schiera di quelli che si accontentano, tengo comunque cara la licenza che mi hai voluto regalare, il tuo programma potrebbe tornarmi utile in futuro :-)

Update

Ho aggiunto un paio di riferimenti in più, riguardanti due delle funzioni più utilizzate del programma. Una piccola curiosità che a qualcuno potrebbe tornare comodo conoscere :-)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: come detto nell'articolo, il codice per sbloccare la versione "Enterprise" mi è stato fornito dallo sviluppatore del software.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Lo so, non ho le fette di prosciutto davanti agli occhi, non così spesse almeno! Le vacanze sono terminate per la maggior parte di noi. Sono tornato in ufficio lo scorso 22 agosto, ormai quella manciata di giorni liberi è solo un puro ricordo quasi del tutto scomparso, eppure qualcosa mi è rimasto. Il regalo che SONY mi ha riservato subito prima di partire, un accessorio per chi è amante della musica “CCiovane“, magari proprio quella estiva, da ascoltare a volume alto, mente libera, anima leggera. Oggi ti parlo delle compagne di viaggio di quei giorni liberi, le MDR-XB650BT, serie Extra Bass, senza fili.

SONY MDR-XB650BT: l'audio in vacanza, senza fili in mezzo

Qualche rapido aggettivo per meglio descrivere il prodotto: leggere, pratiche, comode (ma non sempre), potenti (quanto basta), durevoli (per quel che riguarda i materiali utilizzati, ma anche per il più banale comparto batteria).

Proviamo ad andare più nello specifico, a scendere anche da quel piedistallo che si era involontariamente creato grazie alle Sony h.ear on (MDR-100AAP), un altro livello per estetica, particolari e qualità del suono.

SONY MDR-XB650BT: l'audio in vacanza, senza fili in mezzo 2

Le MDR-XB650BT

Oh, sia chiaro, non sto dicendo che questo prodotto sia scadente, affatto, è semplicemente parte di una famiglia differente, qui il basso è pieno, da subito, non c’è bisogno di aspettare, non c’è bisogno di alzare poi così tanto il volume, una qualunque traccia diventa immediatamente l’ultimo ritrovato del sapiente miscelare tipico da ultima notte di festa a Ibiza, in console potrebbe persino esserci Raoul Casadei, poco importerebbe, ciò che spinge le MDR-XB650BT è la tecnologia EXTRA BASS proprietaria di SONY, che va a isolare e rendere decisamente più netti e “secchi” i colpi di basso della traccia in esecuzione. Piccola sbavatura notata durante i test è però il tremolio del driver di destra a volume davvero elevato (si, ho voluto provare per curiosità), come se andasse a toccare la parte di protezione in plastica dello stesso, generando quindi il rumore di fondo non appartenente alla traccia e per certi versi davvero fastidioso.

Inutile dire che se si cambia la traccia e ne si sceglie già una ricca di bassi (tipico scenario commerciale, EDM, house, trance e simili) tutto diventa quasi incontrollabile, mai caotico però, un piacere che si prova solo in quelle occasioni in cui tu, nato negli anni ’80 o giù di lì, vieni trascinato in quel locale che per una sera ripropone canzoni dei tuoi anni più belli e spensierati, quando a farla da padrone c’era solo Gigi D’Agostino. Ho reso l’idea?

Abbastanza limpido e trasparente è ciò che si può confermare (o correggere, almeno in parte) rispetto a quanto pubblicato nella scheda ufficiale del prodotto sul sito web di SONY (disponibile all’indirizzo sony.it/electronics/cuffie-archetto/mdr-xb650bt).

Un esempio pratico? Durata della batteria ottima. Riproduzione per ore senza minimamente accorgermi di cali prestazionali, di fatica, di possibili cedimenti. Sono arrivato a toccare (senza ricarica alcuna) le 30 ore circa (considerando tre ore al giorno tra spiaggia o equivalente, spostamenti, lettura prima di dormire, per i 10 giorni di stop dall’ufficio). A quel punto si va incontro allo spegnimento senza riserva alcuna (annunciato dalla voce sintetizzata che ti guida lungo il percorso di gestione dell’accessorio, dal pairing alla verifica del livello di batteria). Occhio però, vale uno standard comune a tutti questi prodotti: volume molto alto, distanza medio-alta dal dispositivo che riproduce le tracce (un PC, o magari lo smartphone), stand-by non sfruttato a dovere o qualsiasi altra condizione “peggiorativa“, non faranno altro che portare verso il basso quel monte ore a tua disposizione prima della necessità di attaccare a una presa di corrente le MDR-XB650BT, un po’ come quando in autostrada decidi che è arrivato il momento di pigiare sull’acceleratore ma poi ti rendi conto che devi per forza fermarti dal benzinaio.

Battery level: high!

Già, a tal proposito, nel caso in cui tu possieda o voglia acquistare questo prodotto, ricorda che sarà solo iOS a mostrare l’icona relativa allo stato di carica quando connesso in bluetooth al tuo smartphone. Se pensi che per i possessori Android non ci sia alternativa, ti sbagli. Premi una sola volta (normalmente, senza “sostarci sopra”) il tasto di accensione delle cuffie, la voce della gentile signorina intrappolata nel prodotto SONY ti dirà il livello di carica della batteria (in inglese), così potrai regolarti prima di lasciare casa e dimenticare lì il tuo cavo microUSB ;-)

Come si comportano i controlli?

Dritti al punto, senza mai un’esitazione. Ho utilizzato le MDR-XB650BT prevalentemente con il mio smartphone Android e Spotify. Ho potuto cambiare facilmente traccia (ma non farla scorrere rapidamente avanti o indietro, nda), metterla in pausa per rispondere a una telefonata (utilizzando poi il microfono omnidirezionale integrato nelle cuffie) o semplicemente per parlare con coloro che mi circondavano. Ho alzato e abbassato il volume, ho avviato l’ascolto anche con Spotify completamente chiuso e subito dopo aver fatto l’accensione del prodotto precedentemente autorizzato a effettuare pairing bluetooth.

SONY MDR-XB650BT: l'audio in vacanza, senza fili in mezzo 5

E allora cosa c’è che non va?

Ne ho appena parlato in pratica. Dal banale pairing del secondo dispositivo (utilizzabile non in contemporanea a un qualsiasi altro) affrontato più con la logica del neurone in uso anziché con il libretto di istruzioni, più ostico rispetto al primo che parte praticamente da sé, alla comodità che viene quasi subito a mancare per chi -come me- utilizza occhiali da vista, passando per l’imbarazzo del non conoscere la posizione dei molti tasti posti sul padiglione destro, che tutto controlla e tutto può. Per concludere? La possibilità di girare i padiglioni per metterli in pari con il resto dell’archetto, senza però rendere meno ingombrante la cuffia nella sua completezza, il trasporto del prodotto non è quindi del tutto agevole (ho avuto per un attimo la classica paura di rompere le cuffie).

Per effettuare un pairing con il secondo dispositivo (o il terzo, ricorda che tanto ne puoi utilizzare uno alla volta) dovrai semplicemente spegnere le cuffie (se le hai già accese) e poi tenere premuto il pulsante di accensione per 7 secondi circa, superando la fase di accensione e continuando a tenerlo premuto, fino a sentire la voce annunciare il pairing in corso, il led alternerà luce rossa e blu di continuo a conferma dell’operazione in corso, a questo punto le cuffie saranno ricercabili da qualsiasi dispositivo bluetooth nelle vicinanze.

SONY MDR-XB650BT: l'audio in vacanza, senza fili in mezzo 3 SONY MDR-XB650BT: l'audio in vacanza, senza fili in mezzo 4

Il led e il pulsante di accensione non sono le uniche due cose che troverai sul padiglione di destra. Mi ricollego al terzo “difetto” che ho avuto modo di notare, perché sul padiglione destro del prodotto c’è proprio tutto. Dall’accensione al volume, passando per il microfono, il play / pausa, l’avanti / indietro, l’attacco microUSB e anche la risposta alla telefonata in arrivo. Prima di imparare l’esatta posizione di tutto impiegherai qualche minuto, usando le cuffie tutti i giorni (o quasi) sarà tutto ancora più rapido (piccolo hint: sul tasto per aumentare il volume c’è un piccolo punto in rilievo :-) ). Ovviamente inserire il circuito stampato con tutto a bordo su un solo padiglione costa certamente meno (in termini di produzione) rispetto alla separazione di comandi e attacchi su ambo i padiglioni.

Per il secondo difetto invece non c’è molto da fare. L’archetto regolabile è rigido ed è stato appositamente studiato e realizzato da SONY per ridurre al minimo le vibrazioni generate dai bassi più profondi, erogati dal driver da 30 mm nascosto dai padiglioni imbottiti, che per una riproduzione prolungata non evita però di generare dolore proprio dove terminano generalmente le stecche della montatura degli occhiali. È un problema che conosco fin troppo bene e che riscontro in diversi modelli di cuffie, in casa mi limito ad alzare la montatura (togliendola da dietro le orecchie) e appoggiandola quasi ai padiglioni, mi sento molto “nonno in fase di lettura“, ma almeno non sento male alcuno, anche durante la stesura di questo articolo.

Prezzo e saluti

Per portarti a casa le MDR-XB650BT dovrai sborsare circa 130€ di listino. Fortunatamente su Amazon le puoi trovare a poco meno di 85€, uno sconto che solo fino a pochi giorni fa non esisteva (al 30 di agosto, appena controllato, il prezzo era ancora fermo a 129,99€), decidi tu (in base anche a ciò che ti ho raccontato) se può valere la pena fare questo investimento, fermo restando che la qualità di SONY difficilmente può mettersi in discussione data la loro pluriennale esperienza nel settore.

Inutile dire che per qualsiasi dubbio o richiesta, l’area commenti è a tua totale disposizione. Ancora una volta grazie a SONY per la loro massima collaborazione :-)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: è il regalo da parte di SONY per portare con me la musica in vacanza. Ho deciso spontaneamente di recensirlo.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Vodafone Smart Platinum 7 è parte importante dei nati in casa Vodafone, lo definirei un concreto salto di qualità, messo in commercio da pochissimo tempo (giugno scorso), va a occupare un posto di tutto rispetto nelle fasce solitamente dedicate ai top di gamma, a prezzi ben differenti dai grandi giocatori, più in linea invece con quelli fissati dal colosso inglese fino a oggi (anche se comunque superiori a ciò che abbiamo visto fino a ora).

Ho potuto provarlo per un paio di settimane circa, ti racconto com’è andata evidenziandone pregi e difetti ai quali ho fatto caso.

Vodafone Smart Platinum 7 (VF900)

Nato con Android 6.0.1 Marshmallow, in questi giorni in cui Google ha cominciato a distribuire lentamente la nuova versione 7 Nougat, ha un hardware che può sicuramente sopportare la novità. La speranza è sempre quella che sia il produttore a continuare a dare seguito ai rilasci software (sia di sicurezza, sia di innovazione) che spesso invece vengono trascurati, cosa che è capitata –per esempio– con lo Smart Ultra 6, mai approdato alla versione 6 del SO di Google (non riceverà ulteriori aggiornamenti in futuro, nda), vuoi per cause dovute all’hardware non certo troppo performante, vuoi perché semplicemente non ne valesse la pena per la quantità di venduto sul territorio (da quando l’ho ricevuto, ricordo a memoria circa 3 o 4 update che lo hanno portato a 5.0.2 con alcune patch di sicurezza importanti).

La scheda dettagli di Vodafone Smart Platinum 7 (disponibile sul sito UK all’indirizzo vodafone.com/content/index/what/devices/smartplatinum7.html e italiano con scelta del piano tariffario da associare su vodafone.it/portal/Privati/Tariffe-e-Prodotti/Prodotti/Smartphone/Scheda-Vodafone-Smart-platinum-) riporta caratteristiche da primo della classe, soprattutto considerando ciò che ho avuto tra le mani fino a ora (smartphone appartenenti alla stessa carrier telefonico, intendo) e relative evoluzioni disegnate da Vodafone e realizzate da player terze parti.

Giusto per farla breve, Vodafone Smart Platinum 7 monta un processore Qualcomm MSM8976 Octa-core a 64 bit, 4x A72 1.8GHz + 4x A53 1.4GHz, corredato da 3GB di RAM (ormai irrinunciabili per una costante fluidità nella fruizione di contenuti e utilizzo delle applicazioni installate), e una batteria che fortunatamente arriva agli ormai necessari 3000mAh, per permettere di utilizzare lo smartphone per un giorno e poco più, ammesso che non ci si giochi tutto il tempo, in quel caso tutto decade, come se non bastasse già quello che fanno i Play Services di Google che su Android 6.0 tendono sempre a percentuali poco simpatiche nella scheda Batteria. Ho catturato qualche screenshot da CPU-Z che riepiloga tutta la serie di caratteristiche tecniche del prodotto:

Ora che l’abbondante cappello è stato affrontato,  imposto il pezzo così come già fatto in passato, che a cambiare squadra che vince non è mai buona cosa! :-)

Cosa convince

L’estetica e la sua fisicità, Vodafone Smart Platinum 7 ha dimensioni contenute, si impugna bene (anche provando a lavorare con una sola mano, non del tutto semplice ma affrontabile con un pelo di attenzione) ed è estremamente elegante. 154 x 75.65 x 6.99 mm, per un totale di 155 grammi e con un buon display da 5,5″ al quale tornerei a occhi chiusi, noto tanto la differenza a oggi con il mio Samsung Galaxy S6 (di cui presto ti parlerò), davvero. Per poter evitare di rovinare il dispositivo, consiglio una custodia (anche trasparente e sottile) da comprare prima di subito, nonostante il Gorilla Glass che l’azienda ha utilizzato (e che di certo non metterò alla prova, sembra quasi che io possa danneggiarlo con il solo sguardo! ;-)).

Vodafone Smart Platinum 7 (VF900) 8

Il lettore di impronte. Preciso, rapido, maledettamente comodo in quella posizione. Lo so, non è certo Vodafone ad averlo inventato e non sarà l’ultima azienda a scegliere di inserirlo in quella posizione. Dico solo che funziona, funziona molto bene, più preciso e veloce di quello che ho sul mio S6, al pari della validità di quello che ho su iPhone 6. Posso sbloccare il telefono senza neanche svegliarlo dallo standby, posso effettuare pagamenti (quando previsto dall’applicazione in uso), posso velocizzare autenticazioni in 2-Step per le quali la mia impronta digitale può sostituire un codice o una password da me stabilita. È una comodità introdotta e digerita “a fatica” qualche anno fa, oggi viene data per scontato, lieto che Vodafone lo sappia e abbia considerato il suo inserimento in questo terminale.

Lo spazio disco. Facciamo insieme “la conta“: uno smartphone dei giorni nostri deve permettermi di avere a disposizione le applicazioni che utilizzo quotidianamente, accesso ai dati e alla musica perché utilizzo rispettivamente Dropbox e Spotify, deve poter contenere temporaneamente le mie fotografie, fino a quando non saranno salvate in cloud su Google Photos per poi essere cancellate fisicamente dal dispositivo, non è più necessario (e non acquisterei più) un taglio di memoria troppo abbondante. Ricordo ancora bene le facce dei commessi ai negozi TIM e H3G quando chiesi l’iPhone 3GS da 32 GB (andava per la maggiore il 16) e iPhone 4S da 64 GB (il 32 veniva dato per “eccessivo“, sarebbe stato rimosso in seguito). Vodafone Smart Platinum 7 nasce con 32 GB di memoria interna di cui solo 23,57 disponibili per i dati utente. Ammesso che non bastino, c’è la possibilità di espanderla fino a 256 GB tramite microSD (non ho trovato informazioni in merito sul sito di Vodafone, ma c’è qualcosa su GSM Arena).

Vodafone Smart Platinum 7 (VF900) 9

Fuori dai 3 punti principali, posso ancora una volta ringraziare Vodafone per aver scelto un sistema pulito (una pressoché pura Android Experience) con due o tre applicazioni a bordo (alle quali si può rinunciare prima di subito) e i 3 tasti virtuali ora illuminati di bianco (molto meglio rispetto a quel blu scelto per il vecchio Ultra 6), posizionati nel giusto ordine (cosa che non accade con Samsung) e un led di notifica molto discreto.

Comparto fotografico

Piccolo paragrafo all’interno di quello principale perché convince ma senza lode e senza infamia. La fotocamera posteriore da 16 Megapixel e doppio led per il flash fa coppia con quella anteriore a 5, “perfetta per i selfie” a dire dell’azienda (dato che ormai abbiamo gente che cerca solo questo, ahinoi). Fotocamera ricca di opzioni valide anche per la parte video, può essere controllata in Manuale, per i puristi, sufficientemente brillante e definita anche quando si aumenta lo zoom (senza esagerare), per assurdo, si fatica talvolta più sulle distanze ravvicinate che non per quelle più in là. Pochi scatti, giusto per permetterti di farti un’idea:

A cosa bisognerà fare l’abitudine

Al quel maledetto doppio tocco su monitor. Perché Vodafone Smart Platinum 7 propone, in configurazione di default, un doppio tocco che porta rapidamente all’ora attuale e alle ultime notifiche di sistema, in scala di grigi, per evitare di consumare batteria e avere una sorta di riepilogo su ciò che sta succedendo sullo smartphone. Il telefono lo si sblocca quindi tramite pulsante di accensione laterale (sulla destra) oppure direttamente tramite impronta digitale sul sensore posteriore (cosa che però piace assai al sottoscritto, come specificato nel paragrafo dedicato al lettore, alcune righe più su).

A una batteria che soffre troppo le ire dei Play Services. Puoi sostituire i Play Services con qualsiasi altra applicazione sotto uso intensivo o magari con un sensore di luminosità che tende a tenere il monitor forse troppo vivo anche quando non necessario. La luminosità adattiva fa parte delle caratteristiche di ogni terminale, questo non fa certo eccezione, eppure ho notato qualche piccola incertezza nel suo utilizzo. Tutto ciò si ripercuote sulla batteria che, nonostante la sua capienza, a fatica supera la giornata di lavoro con un utilizzo normale delle risorse dello smartphone. Peccato, servirebbe maggiore ottimizzazione e sono certo che si potrebbe così arrivare a superare la 24 ore di “Le utent” (non è francese, è stupido maccheronico). Per la cronaca: la seconda applicazione che non si lascia ottimizzare da Android 6, oltre ai Play Services, è proprio di Vodafone:

Vodafone Smart Platinum 7 (VF900) 15

In conclusione

Innegabile: si tratta certamente di un buon terminale che non fa mancare nulla o quasi all’utilizzatore, almeno secondo i canoni odierni.

Ha le sue pecche, un po’ come tutti (credo, e forse lo credi anche tu, che il terminale perfetto non esista ancora), che possono certamente essere corrette con qualche buon intervento software (forse non per tutto, ma per una parte ne sono convinto). Il prezzo non è accessibile come per le fasce entry-level e mid dello stesso gruppo, Vodafone Smart Platinum 7 costa infatti 430€ (429,99) se svincolato da un piano tariffario associato al marchio rosso che ne permetterebbe una rateizzazione mensile ammortizzata dal pacchetto voce-sms-dati. Secondo te questo può essere un buon prezzo, basato su ciò che offre il terminale?

Io faccio ormai parte della schiera di persone che difficilmente vuole superare i 400€ per un rinnovamento del proprio parco smartphone Android, ma è chiaro che un pacchetto completo fatto di hardware, software e ingegnerizzazione può arrivare a costare di più. Le alternative esistono, ce ne sono certamente di molto valide (allo stesso prezzo o poco più) e la scelta dipende esclusivamente da ciò che si vuole avere al proprio fianco (un po’ come succede per tutti i prodotti che si acquistano). Questo è il pensiero personale, lascio spazio alle tue considerazioni o domande (l’area commenti è a totale disposizione) nel limite di ciò che posso conoscere, il telefono tornerà entro breve all’ovile, sarà quindi difficile fornire supporto ;-)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Vodafone, tornato all'ovile.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ultimate Ears (UE) non è solo un capriccio di shopping della Logitech (che l’ha acquisita nel 2008, nda) ma una vera e propria sfida nel mercato degli speaker portatili (molto gettonati e nati come funghi in tutte le salse negli ultimi anni) dove già competitor anche molto più grandi la fanno da padrone. Ho avuto modo di mettere le mani sull’ultima loro creazione, UE Roll 2, un prodotto capace di unire una buona resa audio a un’estetica fuori dal comune, con qualche caratteristica sicuramente degna di nota.

UE Roll 2: l'audio esteticamente fuori dal comune

Partiamo subito senza troppi giri di parole.

Mi è piaciuto perché è esteticamente diverso dagli altri, perché è impermeabile, perché se la sa cavare nel reparto audio che tutto sommato ho trovato accettabile ma inferiore rispetto ad altri speaker della stessa fascia di mercato (occhio: fascia, non con le stesse identiche caratteristiche, nda).

Mi è piaciuta la scelta di mettere i controlli del volume talmente grandi da essere quasi ignorati a una prima occhiata, perfettamente integrati in quella trama così particolare da sembrare anche fuori luogo, poi in realtà ci si convince che può rispecchiare il carattere della persona che lo acquista. Funziona alla stessa maniera con il cavo microUSB che puoi utilizzare per collegare lo speaker al PC o al caricabatterie da muro, rigorosamente caratterizzato da un colore sgargiante (la mia fotografia è qui sopra, lo vedi quel giallo che dice “levati“?) ;-)

UE è talmente fuori dai gangheri che include una piccola ciambella all’interno del pacchetto di Roll 2, così da poterla far accomodare in piscina come vorresti fare tu con il cocktail nel materassino di chissà quale fantasia da trasposizione cinematografica, ce l’hai un amico con una piscina in casa? Potresti approfittarne, potresti dare un senso alla “Ciambella Roll“. Se non hai nessun amico di questo tipo, accontentati della doccia o della vasca da bagno, quella dovremmo avercela tutti.

Ha un attacco AUX, ma questo è comune a tutti questi prodotti. La batteria viene garantita per 9h di riproduzione (più o meno), siamo sulle stesse riportate dagli altri competitor, ci arriva quasi, a volume moderatamente alto ho potuto godere di circa 8h di riproduzione prima di essere stato costretto alla ricarica, la quale è durata quasi 6 ore (ho usato volutamente la notte). La sua tecnologia Bluetooth consente di spostarsi agilmente dallo speaker di qualche metro, ma anche di collegare più dispositivi contemporaneamente (fino a due) e diversi da conservare nella “cronologia” (fino a 8 associazioni che possono partire rapidamente richiamate quando ne hai bisogno).

UE Roll 2: l'audio esteticamente fuori dal comune 1

Mi è persino piaciuto il modo che UE ha trovato per integrare un semplice gancio che può essere utilizzato per appendere lo speaker, oppure per portarlo manualmente in maniera più semplice di quanto si possa tenere nel palmo della mano. Pulsante di accensione (con led) e pairing Bluetooth si trovano sul retro del prodotto.

Ciò che meno mi ha convinto è stata la profondità dei bassi, per certi punti di vista quasi mancante, troppo poco incisiva. Mi ha convinto poco il design, strano, difficilmente può trovare un giusto spazio all’interno del proprio salotto (tanto per fare un esempio stupido), sicuramente è dovuto al fatto che il prodotto sia stato pensato per essere portato in giro, utilizzato tra amici, nelle scampagnate e anche in quei casi in cui non ci si aspetterebbe di avere a disposizione uno speaker per la propria musica, lecito, probabilmente preferirei le varianti meno sgargianti ed esteticamente più “banali” dello stesso identico prodotto. Mi ha stupito persino la mancanza di poterlo sfruttare come vivavoce per il proprio smartphone, niente microfono, niente party.

Il prezzo è l’ultimo dettaglio che non ho potuto ignorare. Il listino riporta 134,99€, UE Roll 2 si trova però anche su Amazon fortunatamente, a poco meno di 100€. In questo caso sono disposto a dare un diverso peso al tutto.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Logitech, sto ancora cercando di capire se deve o meno rientrare all'ovile!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: