Tag Archive - Android

Parrot Flower Power

Flower_Power_Blue_5197BAvete presente quando sulle etichette degli abiti vengono riportate temperature e dettagli per il lavaggio seguite dalla dicitura “oppure dallo alla mamma, lei saprà cosa fare“? (per capirci: questo), è solo uno dei tanti esempi di una generazione forse non del tutto abituata a sapersi arrangiare, a sapersi prendere cura di ciò che la circonda. Ciò che viene troppo spesso dimenticato è quella piccola compagna verde che ci è stata -magari- regalata, messa sul balcone o sulla finestra di casa e lasciata lì a morire, una pianta. Non starò a farvi la prosopopea del quanto sono utili e belle le piante da appartamento, per quello esistono decine di siti web più o meno specializzati, a me tocca la tecnologia ed è quello di cui parliamo oggi grazie a Parrot.

Parrot Flower Power

È il nome del prodotto che qualche tempo fa ormai mi è stato inviato per un test insieme ad una pianta che potesse rendere più colorato l’ambiente e più sana l’aria di casa. Si tratta di un sensore in grado di monitorare la vita della pianta e le sue esigenze, una sorta di smartband per l’umano, in grado quindi di verificare la necessità di acqua, fertilizzante ed esposizione alla luce per permettere al verde amico di crescere sano e bello. Una sciocchezza? Tutt’altro. Considerato un prodotto di cui vantarsi da Apple (che lo ha inserito in una delle sue ultime pubblicità dedicate all’iPhone, ndr) il Parrot Flower Power è un accessorio dalle dimensioni contenute che va ad inserirsi all’interno del terriccio che ospita e nutre la pianta (fino alla fine del sensore a forchetta subito prima che cominci la plastica di copertura dell’elettronica) e che grazie alla batteria (una singola AAA, inclusa nel pacchetto, che tipicamente si usa anche per i telecomandi dei televisori o simili) permetterà di sfruttare un’autonomia dichiarata di 8 mesi circa durante i quali potrete scaricare i dati della pianta sul vostro smartphone e sincronizzarli con i server del servizio, davvero niente male :-)

Il funzionamento una volta messo in moto è davvero banale, vi basterà scaricare l’applicazione sul vostro dispositivo Apple (già ben rodata) o sul vostro Android (ancora in beta) e collegare il sensore che si renderà visibile tramite connessione bluetooth (state quindi nel raggio della pianta). Identificate la pianta grazie al corposissimo database messo a disposizione da Parrot e impostatela, verranno così caricate le caratteristiche e le sue necessità così che il sensore possa aiutarvi a rispettare scadenze ed esigenze. Molto probabilmente al primo accesso vi verrà richiesto di aggiornare il firmware del sensore, un’operazione che viene gestita direttamente dallo smartphone, basta lasciarlo operare e portare pazienza perché il tutto potrebbe richiedere qualche minuto:

Parrot Flower Power 470

A questo punto siamo pronti, vi presento “Sun” (banale, ma quel bel colore dei fieri mi ricordava il sole) in tutto il suo splendore:

L’applicazione sarà in grado di mostrarvi tutte le necessità della pianta grazie ai sensori contenuti all’interno del Flower Power. Questo sarà in grado di misurare l’esposizione solare, la temperatura dell’aria, il livello di fertilizzante e l’umidità del suolo, quindi in base al posizionamento della pianta (in casa o fuori dalla finestra / balcone, ndr) suggerire ogni mossa e ricordarvi ogni passo da fare per permettere alla pianta di crescere nella miglior “forma possibile” ;-) Troppo caldo? Le notifiche sul telefono vi suggeriranno di spostare la pianta altrove. Poca acqua nel terreno? È il momento di darle da bere e confermare -sempre tramite applicazione- di aver provveduto a dissetarla e così via. Grazie ad un monitoraggio Live potrete immediatamente rendervi conto dello stato di salute della pianta oppure potrete dare un’occhiata di tanto in tanto grazie alla possibilità di scaricare i dati sullo smartphone (il quale poi li sincronizzerà con i server di Parrot) e ottenere quindi l’agenda sul da farsi nei successivi giorni. Alcuni grafici molto intuitivi e completi vi aiuteranno a visualizzare l’andamento delle vostre cure.

Inutile dire che il sensore Parrot Flower Power è adatto a ogni situazione e totalmente resistente all’acqua se deciderete di utilizzarlo nel giardino di casa o magari nell’orto (nel database sono presenti una gran quantità di piante da frutto e non solo). Se dovessi trovare delle pecche nel prodotto probabilmente mi lamenterei del fatto che i dati non possono attualmente essere trasmessi direttamente ai server di Parrot (magari via WiFi, basterebbe un’antenna e la possibilità di scrivere una configurazione nel dispositivo) così da poter essere scaricati o semplicemente consultati ovunque ci si trovi e del prezzo dell’accessorio che in alcuni casi, se si vuole provare a tenere monitorate più piante, potrebbe diventare alquanto importante nella valutazione finale di acquisto (si parla di poco meno di 50€ per ciascun sensore, provate a moltiplicare per il numero di sensori desiderato!). Oltre ciò, nulla da dichiarare: il prodotto funziona, i dati sono facili da leggere così come le richieste via applicazione, una soluzione che potrebbe “insegnarvi” a prendervi cura correttamente delle vostre piante, se poi avesse quel database così ricco di informazioni localizzato anche in italiano guadagnerebbe quell’ulteriore punto che attualmente manca all’appello.

Promosso con riserva, un gadget molto carino e che attualmente non ha competitor dello stesso livello e con lo stesso prezzo.

Metti un sabato sera a base di Car Sharing

Milano ha tutto, questo chi ci vive tutti i giorni lo sa, lo sanno anche i “forestieri” come me. I servizi di Car Sharing negli ultimi tempi sono nati come funghi durante la notte e si sono espansi sempre più con flotte di macchine sparse per i bastioni della città, sempre pronte ad essere noleggiate in tempi rapidissimi tramite un’applicazione su telefono o una card apposita alla fermata della metro, del tram, sotto casa. Avrei voluto scriverne già tempo fa ma in fondo non ho mai avuto occasione di approfondire e provare i servizi sul serio come successo un paio di sabati fa.

car2go_milano

Complice l’idea malsana di alcuni amici si è deciso di lasciare a casa le vetture personali e affidarsi ai tre servizi principali che Milano mette a disposizione: Car2Go (Mercedes Smart Fortwo), Enjoy (FIAT 500 e 500L) ed il neonato Twist (Volkswagen Up). Ben più di 1000 automobili in totale sul territorio, chi più chi meno ma tutte abbastanza piccole e agili nel traffico cittadino. Ma quali sono i pro ed i contro di questi servizi? Cosa li accomuna? Cosa li mette in difficoltà (più che loro il cliente finale, direi)? Io sono iscritto a tutti e tre ma sono attualmente abilitato solo ai primi due citati (in attesa di poter andare a ritirare la tessera per sfruttare il terzo).

Accessibilità

Ancora prima di parlare di prezzi credo sia doveroso parlare di semplicità nello sfruttare questo tipo di servizi. Ciò comprende la registrazione, l’uso della flotta automobilistica, la possibilità di avere supporto tramite telefono o social network e cose così. Sia chiaro: le nuove generazioni (i ragazzi dai 35 anni circa in giù) sono decisamente avvantaggiate, tutti i servizi hanno un loro sito web attraverso il quale iscriversi, si parte dalle proprie generalità per arrivare a specificare i dati della carta di credito dalla quale pretendere i pagamenti al termine di ciascun noleggio. A condire il tutto il vostro numero di telefono cellulare e la casella di posta elettronica, tutto fa brodo, tutto è utile per contattarvi, mandarvi una fattura, una notifica, fino ad oggi non ho ricevuto comunicazioni puramente pubblicitarie al di fuori della loro area di competenza. Nel caso di Car2Go come Twist ci si può invece rivolgere ad uffici fisicamente presenti sul territorio dove staff preparato può creare la vostra tessera e la vostra utenza anche se non andate molto d’accordo con la registrazione via web.

enjoy_milano

L’immagine del sito di Enjoy immediatamente qui sopra non è stata messa a caso. Per me è il migliore tra i tre servizi provati per ciò che riguarda l’accessibilità. Perché? Nel mondo della cucina (ma non solo) si dice che non conta come si parte, ma come si finisce. Il loro sito web è partito male (in realtà non era partito affatto nel giorno della conferenza stampa sul lancio, ndr) ma oggi, una volta inseriti tutti i dati richiesti, ci si può semplicemente collegare tramite la loro applicazioni (iOS e Android allo stato attuale, assenza ingiustificata per Windows Phone nonostante la sua diffusione), cercare una macchina e prenotarla, aprirla una volta arrivati nelle dirette vicinanze, nessuna ulteriore tessera ad occupare spazio nel portafogli, una cosa che personalmente adoro. Anche Car2Go non ha una propria applicazione per Windows Phone, Twist segue a ruota. Capisco i tempi tecnici per la realizzazione di queste applicazioni ma ormai lo sanno anche i sassi: di Windows Lumia ne sono stati venduti tanti, bisognerebbe partire già “armati e carichi“: sito web, applicazioni su ogni sistema (mancherebbe anche BlackBerry, a dirla tutta) e servizio clienti raggiungibile con metodi tradizionali e non (telefono e social network, per l’appunto) sono requisiti minimi.

Un altro consiglio? Eliminate la tessera. Capisco possa essere comoda ma se c’è riuscita ENI credo che anche le altre possano organizzarsi e permettere l’apertura delle vetture direttamente dall’applicazione. Il telefono è sempre con me, occupa lo stesso spazio fisico a prescindere dalla quantità di applicazioni installate, una tessera richiede un suo piccolo spazio all’interno del portafogli (come già detto). Tra bancomat, carta di credito, patente e carta di identità, tesserà della raccolta punti Esselunga e mille altre tessere fedeltà ormai i contanti hanno chiesto asilo politico al portamonete di mia nonna, non parliamo di eventuali scontrini o appunti o biglietti da visita.

Le seccature

Un modo diverso per chiamare i “contro” chiaramente immancabili in qualsivoglia servizio o soluzione. Se la tessera la fa da padrone e ha quindi guadagnato molte delle righe del paragrafo precedente, occorre sfortunatamente includere altre “piccole voci” all’elenco che passano in secondo piano (non sempre). La prima credo sia il controllo dell’utente e il conseguente sblocco delle serrature della vettura. Due servizi su tre richiedono almeno 30 secondi prima di aprire le portiere dell’auto: Car2Go e Enjoy. Il primo partirà subito dopo aver avvicinato la tessera personale al lettore che si trova sul parabrezza, il secondo dopo aver richiesto lo sblocco portiere dall’applicazione. E’ come se quell’interrogazione al database utenti necessitasse di un criceto che deve correre da un punto A ad un punto B neanche troppo vicini tra di loro. Chi ne esce meglio nella lotta all’apertura delle portiere dell’auto è Twist: avvicinando la tessera al lettore l’apertura è immediata.

car2go-touch-pass

Direte voi: e che problema c’è? Non puoi aspettare 30 secondi? Qui l’apertura delle portiere di Enjoy aiuta. Potete lanciarla poco prima di arrivare alla vettura dall’applicazione, il GPS del vostro telefono confermerà ai server che vi trovate nelle immediate vicinanze del veicolo, partirà così la verifica e dopo qualche passo vi troverete davvero davanti all’automobile e potrete entrare entro breve, problema risolto. Provate ad immaginare invece di farlo con Car2Go e la necessità di passare la tessera sul lettore e attendere la verifica mentre fuori sta diluviando a dirotto, fa freddo, non avete un ombrello e avete urgenza di recuperare una macchina per raggiungere un amico, un collega di lavoro o magari un futuro capo che vi aspetta per il colloquio. Salve buongiorno mi presento, sono il pulcino Pio, tutto bagnato fradicio perché ho atteso che i server Car2Go mi aprissero la portiera dell’auto. Vale anche con Enjoy nel caso in cui non sfruttiate il trucco dell’apertura un attimo prima di arrivare all’auto. Ho reso l’idea? Oh sia chiaro, il problema sussiste anche con la ragazza rimasta sola alle due di notte in un quartiere che non conosce e dal quale vorrebbe allontanarsi rapidamente, ma ve l’ho fatta meno noir.

Nulla da dire riguardo la questione rifornimento, pulizia dell’auto (interna ed esterna), danni durante precedenti noleggi, durata della prenotazione. Per ognuna di queste voci tutte le società sono ben organizzate e nel caso in cui qualcosa tocchi all’utilizzatore finale (vedi rifornimento di carburante in caso di serbatoio quasi vuoto e mancato intervento da parte dello staff del servizio) ci sono minuti gratuiti per sfruttare le loro auto, scarichi di responsabilità, ecc. La prenotazione della vettura più vicina dura 30 minuti per tutti, di tempo per raggiungere il vostro mezzo di trasporto a noleggio ce n’è abbastanza e durante il conto alla rovescia potete annullare la prenotazione a costo zero.

Ma quanto mi costi?

Ho voluto fare una (si suol dire) “botta di conti” sull’arco dell’intera serata. Il totale è di 19,18 €. Quel totale è dato da un viaggio di andata a bordo di car2go all’ora dell’aperitivo, uno spostamento in Enjoy per andare a cena, ancora una volta Enjoy per spostarsi in zona Navigli per un ultimo cocktail e qualche chiacchiera ed infine ancora lei (Enjoy) per rientrare a casa.

Il viaggio più costoso è stato quello del dopocena, nonostante le dimensioni estremamente contenute della 500 e la praticità della stessa vi sfido a trovare un parcheggio in quella zona di Milano dopo le 23:30, improbabile al primo colpo almeno quanto trovare Belen per strada e prendersi da lei un bacio in bocca alla francese (reso l’idea? No, non mi chiamo Stefano per la cronaca): 7 euro. Il tutto si basa su circa 28 minuti di utilizzo per 6 Km percorsi ai soliti 25 centesimi di euro al minuto. In questo caso posso affermare che avere a disposizione una Smart e non una 500 aiuta parecchio, grazie alle dimensioni della piccola di casa Mercedes ci si riesce ad infilare davvero ovunque, o per lo meno in qualsiasi posto non sfruttabile da una qualsiasi altra macchina più grande anche di pochi centimetri. Di poco più grande (e qui i centimetri contano, oh se contano!) è la Up di Volkswagen che però avendo 5 porte permette un più rapid0 e comodo accesso ai sedili posteriori, una buona seconda classificata in questo senso.

1400593227_twist

A seguire nella scaletta della spesa ancora Enjoy con 4,50 € per 5 Km percorsi in circa 18 minuti di guida, quindi car2go con 4,04 € per 5 Km percorsi in 17 minuti circa (con una tariffa al minuto di 27 centesimi di euro) ed infine 2,75 € per 4 Km percorsi in 11 minuti circa.

Potreste pensare che spendere poco meno di 20 € nell’arco di una serata per i soli spostamenti siano pura follia. Posso provare quasi a scommettere che vi troviate a vivere fuori Milano o che non abbiate mai avuto a che fare con la vostra automobile nel traffico di questa grande metropoli del fine settimana. Sia chiaro: ciò che ho fatto e di cui vi sto parlando è un esperimento, un approfondimento su uno dei servizi (il Car Sharing in generale, ndr) più in voga negli ultimi tempi (e più comodo, aggiungerei), dovete tenere fuori i mezzi pubblici o lo scooter o magari la bicicletta. All’interno del cerchio non ho inserito ATM perché non ho mai provato i loro mezzi a noleggio (probabilmente lo farò in futuro per pura curiosità ma l’impossibilità di poter lasciare quei mezzi ovunque io voglia è una pecca grandissima e un disagio soprattutto quando si ha fretta).

Spendere poco meno di 20 euro per l’intera serata (considerando anche il tardo pomeriggio) non è molto. Non serve pagare il parcheggio, ammesso di riuscire a trovarlo per strada (gratuito oltre un certo orario) ma soprattutto ammesso che si riesca a trovarlo. Se ho in quel momento la mia vettura e lo spazio a disposizione è quello su un marciapiede o in una curva pericolosa preferisco andarla a parcheggiare in una rimessa a pagamento. Occorrerà moltiplicare questa scelta per il numero di spostamenti effettuati ed il tempo di permanenza. In una sola sera fuori in zona Parco Sempione sono arrivato a spendere 24 € di parcheggio per una singola (prolungata) sosta e solo perché ho raggiunto il tetto massimo oltre il quale la rimessa non aggiungeva ulteriori euro al conto finale. Certo ci sono zone e rimesse meno costose ma non potete saperlo fino a quando non vi trovate “a ballare” in zona e se non volete proprio scegliere quella più costosa vi toccherà gironzolare alla ricerca di quella più economica, spesso ben distante da dove poi volete andare a trascorrere il vostro tempo.

La possibilità di poter parcheggiare una car2go, una Enjoy o una Twist all’interno delle righe blu o di quelle gialle (dedicate ai residenti) aiuta parecchio in questo caso e rendere la vita decisamente più facile. Se a questo aggiungete la possibilità di poter entrare in Area C senza pagare ulteriori balzelli (durante la settimana lavorativa ovviamente, non vale durante il fine settimana durante il quale Area C non è in funzione) beh, il vantaggio aumenta. Un’arma a doppio taglio se si vanno a vestire i panni del lavoratore che arrivando a casa trova più macchine a noleggio che personali nei già pochissimi parcheggi disponibili, spesso capita anche nella mia zona, si passa quindi a posteggi “creativi” che mettono frequentemente in difficoltà i pedoni (togli da una parte, metti dall’altra, è una coperta sempre troppo corta).

Quanto ci teniamo?

Tanto se si rompe non è mia. Assicurazione, scarichi di responsabilità, fuochi d’artificio e bombe a mano. È un po’ come la storia che si ripete. Sia chiaro: fino ad ora non ho trovato vetture con grandi danni ed in ogni caso il servizio di assistenza alla base di ciascuna di queste aziende interviene nel caso in cui un’automobile non sia al massimo della sua “forma fisica” permettendo così agli utilizzatori di avere a disposizione quattroruote che non li abbandonino per strada. Certo la classica botta di sfiga può capitare ma si tratta di episodi isolati e che possono essere risolti con l’assistenza al telefono, nel peggiore dei casi sarà necessario andare a recuperare la macchina più vicina a quella danneggiata ed inutilizzabile (tipo nel caso in cui una gomma si fori, ndr).

Il servizio di assistenza funziona, esiste, lotta con noi e nonostante io non ne abbia avuto alcuna necessità durante la mia prova ho cercato in rete informazioni in merito che tra alti e bassi hanno comunque dato un risultato tutto sommato positivo in merito. In ogni caso, escludendo danni casuali alla macchina o incidenti particolarmente complessi, bisogna ricordare che prendere in prestito cose altrui vuol dire (nella normalità forse non più esistente ai giorni nostri e con i giovanissimi che avanzano più tamarri e maleducati che mai) trattarle meglio di come tratteremmo le nostre, almeno questa dovrebbe essere l’educazione ricevuta dai genitori. Poi si sa, tra il dire e il fare c’è di mezzo il ma morto della speranza, ma questo è un altro argomento che richiederebbe kilometri di righe scritte.

In conclusione

Ho brillantemente evitato l’argomento Uber e ne vado tutto sommato fiero, quella è roba che scotta e i miei pensieri sono stati già più volte espressi tramite i miei canali sociali, con tweet nati da zero o rilanci di cinguettii altrui che dovrebbero avervi permesso di capire che io non sto dalla parte dei tassisti. Porto massimo rispetto per la categoria e per le loro motivazioni ma non per il modo di fare (come ciò che è accaduto in occasione del Wired Next Fest 2014 o delle decine di altre storie ricercabili su Wired). Il car sharing sembra godere -almeno per il momento- della benedizione di professionisti e cittadini, forestieri, utilizzatori occasionali, turisti (soprattutto ora che car2go ha aperto la possibilità di guidare con la stessa Member Card anche nelle altre nazioni dove è presente il servizio) e la cosa ovviamente non può che fare bene a tutti, è il progresso, è in costante movimento, non va fermato ma regolamentato e sfruttato al meglio per portare giovamento a chiunque. Tutto questo apre le porte a ulteriori discussioni, sgravi fiscali per il libero professionista con partita iva, possibilità di valutare l’abbandono del proprio mezzo (magari anziano e inquinante) per passare ad un utilizzo più intensivo del car sharing (ammesso di abitare e lavorare in città, ovviamente) e chissà quanti altri dettagli ancora.

Il mio approfondimento termina qui, con un ringraziamento a coloro che hanno permesso tutto questo ma con l’invito di migliorare sempre più ciò che ci è stato già messo a disposizione, di aggiungere nuove città anche se apparentemente meno interessanti e appetibili, di cercare di fornire condizioni più vantaggiose e meno postille in Verdana 2 a fondo contratto. Ah si un’ultima cosa: Massarotto (Hagakure) ha calcato la mano sul fatto che attraverso l’applicazione di Enjoy (per la quale la sua agenzia ha seguito il lancio) è possibile prenotare e prendere la vettura senza ulteriori pezzi di plastica, l’ho già detto almeno cento volte nell’articolo che la tessera è solo un ulteriore rallentamento inutile per il cliente finale e peso sprecato all’interno del portafogli? ;-)

Ho dimenticato qualcosa? Siete arrivati fin qui? Bravi! Chiedete e vi sarà dato risposto (nei limiti della mia conoscenza, ovviamente) :-)

Sicurezza: la 2-step verification di Yahoo!

Ve ne ho parlato talmente tanto che spiegarvi ulteriormente cos’è una verifica in due passaggi è uno spreco di spazio nel database del blog, per chi si fosse perso qualche passaggio può tornare utile leggere uno qualsiasi tra i vecchi articoli e approfondire la questione. La verifica in due passaggi costituisce una ulteriore barriera contro possibili attacchi ai vostri account in rete, soprattutto di questi tempi che bug come Heartbleed hanno minato fiducia e procurato seri danni ad aziende e persone.

Attivare la verifica in due passaggi su Yahoo! è molto semplice e veloce e vi costringerà solo a ricordare le risposte alle domande di sicurezza che avete impostato in fase di registrazione o tenere a portata di mano il cellulare che potrà ricevere il codice via SMS, allo stato attuale non c’è compatibilità con le applicazioni di autenticazione come il Google Authenticator.

Avete inserito tutti i dettagli?

Per attivare la verifica in due passaggi basterà visitare la pagina edit.yahoo.com/commchannel/sec_chal_manage e seguire le istruzioni a video. Ammesso che voi abbiate precedentemente inserito delle domande di sicurezza con risposte sensate (che potete e dovete ricordare facilmente ma che non dovranno essere altrettanto facilmente vulnerabili a conoscenza e intelligenza di persone dall’esterno, familiari compresi) e il vostro numero di cellulare, Yahoo! vi permetterà di richiedere un codice via SMS che vi consentirà il collegamento alle risorse collegate al vostro account da una postazione sconosciuta, non precedentemente abilitata quindi al login ai suoi servizi (Flickr compreso, ndr).

Questo è il metodo sicuramente più rapido e sicuro per accedere. Inutile dire -come sempre- che diventa di fondamentale importanza avere a portata di mano il proprio cellulare ma soprattutto prendersi cura del dispositivo tanto quanto della SIM alla quale è collegata il numero di telefono. Perdere quel numero potrebbe voler dire dare accesso alle vostre risorse a chiunque riesca ad utilizzarla. Devo quindi ribadire il concetto di quanto sia fondamentale tenere attivo un codice di blocco sul telefono (iPhone, Android o qualsiasi altro) e un codice PIN sulla scheda?

Confermando il numero di telefono si riceverà un primo codice che sarà necessario inserire a video come conferma dell’attivazione della verifica in due passaggi:

Così come per i servizi di Google anche Yahoo! fa presente che per accedere alla posta elettronica tramite client di posta (iOS, Windows, ecc.) sarà necessario creare una password specifica per l’applicazione, un’operazione semplice che ovviamente genererà una password complessa che non dovrete memorizzare, ma semplicemente riportare nell’applicazione desiderata, salvarla e dimenticarla, un domani basterà generarne una nuova nel caso in cui ne avete la necessità.

Tenere la verifica attiva sia con domande di sicurezza che telefono vi permetterà di accedere all’account anche nel caso in cui non abbiate a portata di mano il dispositivo o in caso di problemi del vostro carrier telefonico. Questo perché, al contrario di altri servizi, Yahoo! non genera uno o più codici di backup da conservare in luogo sicuro nel caso in cui non sia più disponibile la via primaria di accesso all’account (una pecca a dirla tutta, ndr).

Un’ultima mail dal provider vi confermerà l’avvenuta attivazione del servizio e la possibilità di dormire sonni un po’ più tranquilli (senza mai abbassare del tutto la guardia, mi raccomando!):

Attivatela, non fa male e vi porterà via solo qualche minuto ;-)

Trakt: tieni traccia di ciò che hai visto e di cosa manca ancora all’appello

Sono stato un fiero utilizzatore di Gomiso per tanti anni, o almeno lo sono stato per l’intero periodo di funzionamento della loro applicazione su iOS. Ne ho sempre fatto un utilizzo forse sbagliato, l’ho sempre tenuto come un tabellone personale per segnare episodi visti e da vedere, ben poco a che fare con la forte impronta sociale che i creatori avevano realmente dato allo strumento (sono onesto), eppure ha sempre svolto egregiamente il suo mestiere. Con l’arrivo di iOS 7 l’applicazione ha cominciato ad andare sempre più spesso in crash e non ha più ricevuto aggiornamenti.

Trakt è esattamente ciò che ho sempre desiderato e permette di tenere traccia di ogni episodio e ogni serie televisiva vista senza la necessità di condividere alcunché con il grande pubblico, il tutto senza farmi sentire in colpa! :-)

Lo utilizzo da qualche mese ormai e ne sono parecchio soddisfatto, mi accontento di poter tracciare il tutto tramite una delle applicazioni messe a disposizione per iOS ma il servizio è raggiungibile tramite molte altre applicazioni su tutti i sistemi operativi mobili più utilizzati (iOS, Android e Windows Phone, ndr) e software di terze parti come Xbox Media Center o Plex. Inutile dire che il primo citato apre le porte a più piattaforme hardware opportunamente preparate o già compatibili, Apple TV compresa (fino alla sua seconda versione, sulla quale è possibile effettuare il jailbreak).

Come già detto io mi limito ad una semplice applicazione universale per iPhone e iPad che è stata anche portata su sistemi Android. Si chiama Traktato, è gratuita e fa solo ed esclusivamente ciò che ci si aspetta: data una serie televisiva posso specificare se ho visto un episodio, la stessa applicazione mi dirà il titolo del successivo e le stagioni che ho già visto o che dovrò ancora vedere (con tutti i titoli e i numeri di episodio, ndr). Chiaramente visitando il sito web ufficiale del servizio si potrà accedere a molte più informazioni e curiosità, tutte cose assolutamente non necessarie ai fini di ciò che vi può interessare fare ovviamente, ma è pur sempre qualcosa in più.

Traktato è solo una delle applicazioni che potete sfruttare, Trakt.tv mette a disposizione degli sviluppatori le proprie API, nessuno vi vieta di creare il vostro sito web, servizio o applicazione per appoggiarvi e sfruttare il gigantesco database televisivo, o magari decidere di cambiare applicazione da un giorno all’altro pur mantenendo tutto il vostro storico, molto comodo anche se rende “single point of failure” proprio il sito web di trakt.tv (speriamo bene, almeno stavolta!).

E voi, che servizio o applicazione avete scelto per tenere traccia delle vostre serie televisive preferite? :-)

Lotus Notes Traveler: rimozione dell’account da Android

Sembra una banalità ma ci ho perso qualche minuto “di troppo” rispetto al previsto, per questo vi lascio ad imperitura memoria un veloce passo-passo per la rimozione di ogni applicazione legata a Lotus Notes Traveler su sistema Android. Si perché provando a disinstallare l’applicazione con il metodo sempre utilizzato per qualsiasi altro software sul dispositivo mobile si arriva ad un vicolo apparentemente cieco:

E non vale pensare di essere più intelligenti del telefono e andare nei processi in esecuzione a terminare ciò che è legato al Traveler, troppo semplice, non funziona.

A quanto pare in IBM hanno ben pensato di far registrare l’applicazione di Lotus Notes Traveler tra gli account amministratori del dispositivo, rendendo di fatto necessario un ulteriore passaggio prima della rimozione. Andare quindi in Impostazioni / Sicurezza (immagine 1) e scorrere la schermata fino a “Amministratori dispositivo” (immagine 2) e togliere il segno di spunta a Sicurezza IBM Notes (immagine 3):

 

Dopo aver confermato la scelta (immagine 4) l’applicazione perderà il suo “scudo” e si potrà facilmente procedere con la disinstallazione (immagine 5 e 6) :-)

Tutto qui.

Page 1 of 712345»...Last »